User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22

Discussione: Precari e salari

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Precari e salari

    Siccome credo che precariato e salari siano problemi urgentissimi, ho pensato di postare qui alcune opinioni (non è detto che io le condivida o almeno che le condivida in tutto, anche perchè vorrei postare posizioni diverse fra loro per alimentare il dibattito). Questa è un' intervista alla sociologa Chiara Saraceno.



    Saraceno, il tema delle disuguaglianze sembra imporsi sul confronto elettorale, sino ad essere richiamato nei programmi dei maggiori contendenti: ma con quale efficacia? E, ancor prima, con quale rispondenza alla realtà?
    Sì, il tema viene maneggiato dal Pd e anche dal Pdl: i due partiti omnibus , come li ho definiti - il che non rappresenta un male né un bene, è una descrizione sincera. Il messaggio è trasversale e trasversalmente interclassista. Come si rileva dall’insistenza che mi pare bipartisan , se non universale, su interventi di riduzione dell’Ici. A questo riguardo io, che considero importantissimo il nodo dell’abitare, sono totalmente contraria.

    Diciamo perché?
    Perché la casa di proprietà è un patrimonio. Si può dire, certo, di volere rendere più economica la casa: ma in un Paese dove il 70 per cento ha la casa di proprietà c’è il 30 per cento in affitto, che non è poco e che in gran parte corrisponde ai settori con minore reddito. Il problema è che noi abbiamo un mercato degli affitti “stretto” e dunque sempre più caro, cui va sommata la scarsità endemica di interventi o piani di edilizia popolare. Così, oggi deteniamo insieme a Spagna e Portogallo il più alto tasso di proprietà immobiliare abitativa e al contempo la più bassa qualità delle abitazioni.

    Questo non dice qualcosa anche della conformazione del nostro capitalismo nazionale?
    Assolutamente. C’è al fondo un tratto distintivo del nostro capitalismo, inteso in senso diffuso, che per una fase durevole si è andato alimentando dell’immobiliare così come dei titoli di Stato. E’ stata anche una redistribuzione, certamente: ma una redistribuzione fondata sul forte indebitamento pubblico. Per questo trovo, ad esempio in una parte delle repliche critiche alle “provocazioni” di Pietro Ichio, una certa cecità della sinistra…

    Pardon: in che senso?
    Nel senso che a mio parere il conflitto più consistente e impellente, adesso, è in Italia quello tra chi ha qualche tipo di rendita e chi no. E nel primo tipo si includono anche i “lavoratori centrali”, buona parte del lavoro dipendente stabile. Ovviamente la rendita di Montezemolo non è, mi pare chiaro, la stessa dei suoi operai. Però è attraverso un sistema stratificato che a tutti i livelli si ripete lo schema inclusione/esclusione.

    Bene: ma questo deve per forza significare, come propone Ichino, lo scambio tra qualificazione reddituale dei precari e sacrificio dei diritti acquisiti degli “stabili”?
    Questo vuol dire semplicemente che non si può continuare a scambiare i diritti acquisiti per i diritti tout court . E concretamente che il problema dei precari è anche il problema dell’asimettria di condizioni tra la loro esclusione e quella presenza di rendite di posizione. In questo senso è in generale un’idea di futuro quella di omogeneizzare quanto più possibile le figure contrattuali e intanto rendere molto più costoso il lavoro a termine, ad esempio. Per dire d’un caso d’esperienza concreta e comparata: qui a Berlino il mio assistente di ricerca ha un contratto a tempo determinato, anzi legato proprio al mio, ma è pagato molto di più d’un ricercatore di ruolo e molto di più del livello medio delle retribuzioni della ricerca in Italia.

    Questo è noto, eppure: qual è la catena logica che dovrebbe portare alla “libertà di licenziamento”? Non mi pare che in Germania sia più facile, licenziare…
    In Germania si licenzia anche troppo spesso: ma appunto non è facile ed è costoso. E al contempo esiste un diverso livello di protezioni sociali e c’è un mercato del lavoro che tende a reincludere con rapidità. La questione è proprio questa: non si può affidare la responsabilità del welfare al privato.

    Su questo siamo d’accordo: e non occorrono quindi politiche pubbliche e un cambiamento nella cultura d’impresa?
    Occorre un sistema di protezione sociale che si adegui alla flessibilità e contemporaneamente bisogna regolare la flessibilità, per non scambiarla con la precarietà. Per questo non avrei il tabù della licenziabilità, a condizione di introdurre un costo altissimo. Non mi pare sbagliata una prospettiva nella quale la struttura fondamentale diventi così quella di contratti a tempo indeterminato: naturalmente con una fascia d’accesso giovanile attraverso il lavoro a termine, ma per una volta sola.

    Intanto, però, la tendenza è quella opposta…
    Peggio, la situazione è scandalosa: in Italia per i giovani non solo c’è il salario di base più basso in Europa, ma esso è anche insicuro. Ciò significa una negazione ripetuta d’autonomia. In Germania, pur passando da contratto a tempo determinato all’altro, il salario di volta in volta si riqualifica. Da noi si ricomincia eternamente da capo. E in tal modo si riproduce precarietà e si impedisce anche di costruire carriera: ancora di più nella stessa azienda.

    In questa luce non occorre forse in Italia introdurre prioritariamente una dotazione di reddito e di garanzie di servizi e beni fondamentali, che valga anche come dotazione di potere contrattuale a chi al mercato del lavoro si affaccia?
    Sì, ma occorre vagliare bene le proposte. Ad esempio quando il Pd propone il salario minimo di 1000 euro al mese per i precari, io non capisco nemmeno lo standard di riferimento, in termini di prestazione lavorativa. In Germania non c’è reddito minimo e c’è invece la Sozial Hilfe, che è un reddito di povertà sotto una certa soglia e a condizione della disponibilità al lavoro. Accanto, c’è l’indennità di disoccupazione. Da noi non c’è reddito di povertà e c’è un’indennità di disoccupazione che ancora alla fine degli anni 90 era del 30 per cento, con in più la delimitazione a chi stava già da un certo tempo nel mercato del lavoro. I precari sono pressoché totalmente scoperti. Non mi convincono quindi certe proposte “d’effetto”, di scarsa concretezza.

    E perciò non sono più convincenti proposte che prospettano direttamente un reddito sociale?
    Quel che è certo è che in Italia non c’è nemmeno un effettivo sostegno alla famiglia, anzi per i bambini, come invece in gran parte d’Europa. Quanto ai precari, anche dentro al programma del Pd qualche attenzione c’è, come conseguenza di quel po’ che si era cercato d’avviare col governo Prodi in termini di reti di protezione: ma il terreno è ben più ampio. In generale io credo che occorra agire la leva di interventi erogativi, anziché quella delle detrazioni fiscali preferita da entrambi i due partiti omnibus .

    Questo mi pare un nodo fondamentale: possiamo approfondire?

    Bisogna prima di tutto prendere atto di come fin qui è stata agita la leva fiscale. Nella stessa finanziaria 2008 lo sconto sull’Ici è stato “tombale”, cioè per la vita: mentre si è scelta l’ una tantum per gli affitti, così come per gli incapienti. Ma quanto più si usa, discutibilmente, la leva fiscale per redistribuire tanto più dev’essere riconosciuta la specificità degli incapienti e dunque riconosciuta inaccettabile la limitazione. E’ vero, d’altra parte, che in Italia abbiamo una complicazione particolare: quella che viene dall’altissimo tasso di evasione fiscale e, convergentemente, da quello del lavoro nero. Ma c’è comunque una questione strutturale, il nostro sistema fiscale è - secondo me giustamente - a base individuale: quando per suo mezzo si agiscono interventi nel campo delle politiche famigliari, ad esempio, si generano contraddizioni, disfunzionalità e una scarsa efficacia. Per questo penso si debba preferire l’erogazione diretta, sia universale sia sottoposta a test sui mezzi effettivi: perché è più “pulita” e perché consente anche di scegliere a chi dirigerla.

    E a proposito del tanto agitato “conflitto inter-generazionale”, è davvero questo il tema, sul terreno delle disuguaglianze?
    No. Se ci sono enormi problemi di redistribuzione asimettrica a livello sociale, a livello familiare avviene il contrario: eredità, trasferimenti in vita, cura. E in particolare redistribuisce molto la generazione di mezzo. Il problema è che siamo un Paese molto squilibrato socialmente tra le generazioni e le giovani generazioni sono molto svantaggiate soprattutto quanto a compensazione dei gap sociali di partenza: così la redistribuzione familiare è molto importante ma cristallizza proprio le disuguaglianze sociali, non foss’altro che per le differenze cognitive. Quindi il vero fenomeno generale è una riproduzione inter-generazionale delle disuguaglianze. E non esistono politiche di correzione. Un Paese così non è democratico.

    Parliamo dei sessi: questo è un Paese dove le donne non sono riuscite ad avanzare, come si dice, o dove invece vengono combattute?
    Direi così: mentre non si sono corrette di molto le rigidità tra le classi, pur essendo cambiate le classi stesse, invece alcune disuguaglianze di genere si sono rovesciate, come nell’istruzione e in generale nelle competenze. Ma questo rende ancora più grave la persistenza di disuguaglianze sul mercato del lavoro e in quello della politica. Io vedo una fortissima resistenza maschile, di poteri maschili che difendono manu militari le proprie posizioni. In politica, davvero, io non riesco nemmeno più a sentire parlare di quote femminili: il problema è il monopolio maschile, è questo che intanto deve sgomberare il campo. E nel mercato del lavoro c’è un vero e proprio maschilismo della cultura d’impresa.

    Non corrisponde, questa doppia resistenza maschile nei due campi, ad una quale consonante sudditanza della politica al primato dell’impresa?
    La stessa sinistra esce da una tradizione totalmente autodifensiva e trincerata e adesso, non solo per essere moderna ma per essersi accorta di aver sbagliato, è acritica. Il punto è che non ha un discorso proprio. Questo mi pare abbia qualche riflesso in un certo modo d’essere della proposta del Pd, oggi. Ma la sinistra che ne è autonoma deve tuttora rimettersi alla prova del presente, a sua volta.

    09/03/2008 Liberazione

    www.liberazione.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Qualcuno ha per caso modo di postare l' intervista (recentissima) di Gianni Rinaldini della Fiom al Manifesto su questo tema? Non riesco a trovarla.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bsiviglia Visualizza Messaggio
    Qualcuno ha per caso modo di postare l' intervista (recentissima) di Gianni Rinaldini della Fiom al Manifesto su questo tema? Non riesco a trovarla.
    ti ricordi mica più o meno di che giorno era.......?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MaRcO88 Visualizza Messaggio
    ti ricordi mica più o meno di che giorno era.......?
    Purtroppo no.

  5. #5
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bsiviglia Visualizza Messaggio
    Purtroppo no.
    Intendi questa?

    http://www.fiom.bergamo.it/print.php?id=601

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Poi c'è quest' intervista di Cristina Tajani, ricercatrice precaria di economia, candidata in Puglia.


    Cristina Tajani: «Guardiamo ai precari e alle loro mille strategie di vita»
    Liberazione 2 marzo 2008


    A proposito di sentire: ti senti più donna economista o più donna politica? Dico adesso, soprattutto. Cioè: Cristina Tajani, che vuoi fare tu nella vita?
    (Ride) Mi sento che vorrei fare qualcosa che... che tenga insieme le due cose. Mi pare che Claudio Napoleoni una volta abbia detto che non avrebbe mai provato interesse per un problema teorico che non avesse avuto implicazioni politiche. Cioè sull'assetto della società. Lui vedeva la politica così, come ricerca delle possibilità di liberazione delle donne e degli uomini. Vorrei provarci anch'io, ecco.

    ...

    Tornando alla Cristina economista e studiosa del lavoro, è questo il tuo sguardo privilegiato sulla proposta elettorale della Sinistra, che interpreterai da candidata?
    Credo che il progetto e anche il programma della sinistra dev'essere a tutto campo. Se non altro perché si trova di fronte a progetti a tutto tondo, da parte della destra liberista e populista e anche e soprattutto da parte del Partito democratico. Insomma se vuoi competere devi farlo su tutti i settori: in economia e sul lavoro come sulle liberalizzazioni dei servizi, come sui diritti. A partire, ovviamente, da tutti i soggetti che vuoi rappresentare.

    E come rappresentare le lavoratrici e i lavoratori?
    Affrontando la battaglia della precarietà, anzitutto. E badando ad intendere i lavoratori precari non come caricatura, come invece spesso facciamo. Parlo della riduzione della precarietà alla rappresentazione tipica del precario "sfigato"... No, dobbiamo mettere in campo una diagnostica più seria e più comprensiva delle strategie di vita effettive. Seguirle e proporre così risposte generali.

    Quando parli di generalità, parli di risposte che vadano anche al di là della sola sfera lavorativa?
    Dico che la risposta non è soltanto legislativa. Certo, io ti dirò che sono per l'abolizione della legge 30; ma penso che non basti a risolvere il problema. Che per un verso sta nella produzione stessa: perciò va riqualificata, a livello di sistema-Paese. Ma dall'altra parte il problema sta anche in un ridisegno del welfare, che abbandoni un modello puramente lavorista. Senza, non c'è risposta sufficiente alle precarie e ai precari. Alle orecchie più ostiche al reddito di cittadinanza, vorrei dire: e va bene, ma perché gli assegni familiari vanno soltanto ai lavoratori assunti? Ai subordinati e agli altri no? O la malattia, che pure in Paesi nordeuropei non è affatto riconosciuta ai soli "regolari"?

    Quanto al programma elettorale dell'Arcobaleno, la proposta di reddito sociale che vi compare come ti sembra?
    Penso che è un buon passo avanti. Intanto, c'è un fatto: ed è che la Sinistra Arcobaleno ha assunto il tema del reddito. Poi si può e si dovrà lavorare a definire compiutamente la proposta, a elaborarne i dispositivi tecnici. Ma intanto posso dire che mi ci riconosco, finalmente.

    .....


    www.liberazione.it

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da are(a)zione Visualizza Messaggio

    Purtroppo mi pare non sia quella. E' interessante anche questa, ma mi pare di ricordare che l'altra intervista di Rinaldini fosse più dettagliata. Comunque anche questa è interessante.

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    beh questa tajani mi sembra una buona candidata...almeno, da questa intervista ho questa impressione.

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,552
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bsiviglia Visualizza Messaggio
    Purtroppo no.
    beh credo che non sia dell'ultima settimana, anche xkè ho guardato sul sito del manifesto e non mi pare di averla vista..

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,529
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MaRcO88 Visualizza Messaggio
    beh questa tajani mi sembra una buona candidata...almeno, da questa intervista ho questa impressione.
    A me quello che lei dice sul precariato ha fatto riflettere su una cosa: molti precari non sono precari di fabbrica tradizionale ma del terziario o di altri settori e sono anche atomizzati al massimo, per cui hanno grande difficoltà a far valere le loro ragioni. Per esempio, mia nipote è stata scelta fra 600 candidati in un ospedale di Bologna, dove fa ricerca sulle staminali ossee. Da due anni ha una borsa di 950 euro al mese, senza malattie, ferie, maternità, contributi... niente. E lavora come minimo 10 ore al giorno! La borsa viene rinnovata ogni anno e non c'è nessuna possibilità di essere assunta nel medio periodo (per medio periodo intendo i prossimi 4-5 anni). Eppure lei e un'altra ragazza nelle sue stesse condizioni mandano avanti il laboratorio praticamente da sole. La sua collega è incinta ed ha grossi problemi per quando dovrà andare in maternità. Queste sono cose su cui si dovrebbe riflettere e lavorare. Inoltre, con gli affitti assurdi che ci sono, vivendo fuori della sua città, vive con un'altra ragazza e deve sborsare 350 euro al mese. Senza l'aiuto dei genitori che le pagano l'affitto (due insegnanti di liceo, non due ricconi, che hanno un altro figlio che sta per laurearsi e lo aspetta la stessa trafila) non potrebbe farcela. E non ha prospettive a medio termine..

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 30-07-12, 18:44
  2. Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 12-05-12, 09:58
  3. Ci sono precari e precari. Di questi chi se ne occupa ?
    Di giorgio1000 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-12-07, 19:16
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-07, 11:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226