User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito Il Golpe Militare in Argentina: 24 marzo 1976

    Sono passati ormai più di vent'anni da quando nel 1976 i militari argentini assunsero formalmente il potere. Quella mattina del 24 marzo non furono molti a esserne sorpresi. Non solo per le strade non si videro i classici carri armati. non solo non ci furono scontri o morti, ma non si rese nem*meno necessario sparare un colpo. Non furono sfoderate le armi, non ci fu bisogno di ostentare la forza. Nessuno poteva però immaginare ciò che sarebbe accaduto.
    I militari, prima ancora di occupare il Palazzo, avevano acquisito un monolitico potere di "persuasione". Un potere in cui non occorreva alzare la voce per essere assecondati, anzi non era necessario nemmeno parlare perché si sarebbe stati obbediti prima ancora di comandare, una costrizione nata nel terrore.

    Questo linguaggio, largamente conosciuto in Argentina, frutto dell'ordine militare sperimentato a lungo nei frequenti colpi di stato che hanno interrotto - ma prima limitato, con*dizionato e vincolato - la vita democratica, questo linguag*gio della forza occupò il Palazzo come chi ritorna dopo una vacanza in una casa che è sempre stata la sua.
    In Argentina non ci sono mai stati gli stadi pieni di pri*gionieri politici come nel vicino Cile. La lezione di Pinochet era servita a qualcosa. Non si doveva provocare la condanna internazionale, ma piuttosto dare un'immagine di modera*zione e legalità. Un'immagine difficile da mantenere quando ciò che si vuole coprire è l'annientamento di ogni forma di opposizione. L'impunità di cui hanno goduto i militari ar*gentini risiede nella vastità dei loro progetti: "Prima uccide*remo tutti i sovversivi; poi uccideremose i sequestri si consumavano a po*ca distanza dal commissariato. Ma la stragrande maggioran*za dei sequestri avveniva di notte in casa delle vittime. Il commando occupava lapoi trasci*nata fino alle macchine che aspettavano mentre il resto del gruppo rubava tutto quello che poteva (in alcuni casi arriva*vano perfino con dei camion) o distruggeva quello che non poteva portarsi via picchiando e minacciando il resto della famiglia. Anche nei casi in cui i vicini o i parenti riuscivano a dare l'allarme, la Polizia non arrivava mai. Si incominciò co*si a capire l'inutilità di sporgere denuncia. La maggioranza della popolazione era terrorizzata e non era nemmeno facile trovare testimoni. Nessuno aveva visto nulla.
    In questo modo migliaia e migliaia di persone diedero forma a una fantasmatica categoria, quella dei desapareci*dos. Nessun interrogativo trovò una risposta: la Polizia non aveva visto nulla, il Governo faceva finta di non capire di che cosa si stesse parlando, la Chiesa non si pronunciava, gli elenchi delle carceri non registravano le loro detenzioni, i magistrati non intervenivano. Intorno ai desaparecidos si era alzato un muro di silenzio. Con i diritti avevano perso anche l'esistenza civile. Dal momento in cui avveniva il sequestro la persona restava totalmente isolata dal mondo esterno. Depo*sitata in uno dei numerosi campi di concentramento o in luoghi intermedi di detenzione dove veniva sottoposta a tor*ture infernali, e lasciata all'oscuro della propria sorte. Alcuni venivano perfino abbandonati dalla famiglia, che sotto la pressione di continue minacce, ricatti e richieste di denaro, viveva nel terrore di rappresaglie e qualche volta fiduciosa che il silenzio, richiesto dai militari, fosse il miglior modo per ottenere qualche informazione.
    Nei Centri clandestini di detenzione veniva sistematica*mente applicata la tortura. "Se una volta finita la mia prigio*nia mi avessero domandato: sei stato torturato molto? avrei risposto: sì, tutt'e tré i mesi senza sosta. Se la domanda me la facessero oggi direi che fra poco saranno sette anni di tortu*ra."(nota 1). Nella quasi totalità delle denunce ricevute dalla Com*missione si constatò l'uso di metodi di tortura. Le "sessioni" erano sorvegliate da un medico che controllava i limiti di tol*leranza della vittima e determinava il proseguimento o la momentanea sospensione della tortura se la vittima non era in grado di reggerla.
    La valutazione preventiva per capire se la persona da se*questrare o sequestrata avesse qualcosa da dire d'interessante per i sequestratori era pressoché inesistente. Questo metodo indiscriminato portò al sequestro e alla tortura degli opposi*tori ma anche dei loro famigliari, amici, colleghi di lavoro e di un numero rilevante di persone senza alcun tipo di pratica politica o sindacale. Bastava molto poco per essere conside*rato sospetto. Un equivoco, un'esitazione, come non ricordar*si a memoria il numero del proprio documento d'identità se si veniva fermati per strada, poteva essere fatale. Ciò spiega anche il fatto che molte vittime, che non avevano niente da dichiarare, denunciassero chiunque pur di avere una pausa durante la tortura. Veniva così allargata a dismisura la rete delle persone che "non volevano collaborare" con gli inquisitori, se non altro perché non sapevano chi denunciare.
    Il prigioniero poteva morire sotto tortura, essere fucilato o gettato in mezzo all'oceano. Il suo cadavere sarebbe stato forse sepolto nelle tombe comuni di cimiteri clandestini, cre*mato o buttato in fondo al mare con un blocco di cemento ai piedi (nota 2).
    Anche se la dittatura militare aveva modificato il Codice penale introducendo la pena capitale, ufficialmente non ci fu nessuna condanna a morte. Nonostante le migliala di vitti*me, non fu eseguita in nessun caso una sentenza giudiziaria ne civile ne militare. Non fu quindi rispettata nemmeno que*sta precaria legalità che lo stesso regime aveva stabilito. Passavano così i giorni, i mesi, gli anni, senza avere mai nessuna notizia, trovando sempre risposte negative. Nessuno pareva sapere niente di loro. Erano scomparsi.
    Il ritorno della democrazia
    Quando il governo di Raùl Alfonsìn cominciò a indagare sulla sorte degli scomparsi non si trovò nulla: ne prigionie*ri, ne cadaveri, ne stanze di tortura, ne documentazione (che tuttavia si sapeva esserci per ogni caso). Dal materiale seque*strato insieme alla vittima ai libri considerati pericolosi e, in molti casi, perfino ai figli dei presunti sovversivi, tutto era svanito, disperso, dileguato.
    Il Governo ordinò comunque al Consiglio superiore delle Forze Armate che procedesse al rinvio a giudizio dei mèmbri delle tré Giunte militari per omicidio, privazione illegittima della libertà e applicazione della tortura sui prigionieri. Do*po la sentenza militare ci si poteva appellare in seconda istanza davanti ai tribunali civili. La decisione del Governo lasciò tutti un po' perplessi. In primo luogo non si capiva perché i militari non venissero giudicati direttamente da un tribunale civile come qualsiasi altro cittadino, in secondo luogo, si temette che il processo si chiudesse dietro questi nove imputati. È significativo, per capire le intenzioni di Alfonsin, segnalare che il progetto di leg*ge che l'esecutivo aveva inviato alle Camere per approvazio*ne non prevedeva il passaggio a una seconda istanza civile.
    Dopo mesi di attesa i tribunali militari non si pronuncia*rono. Il Governo si vide infine costretto ad ammettere che il Consiglio superiore delle Forze Armate non era disposto a processare i propri pari. La causa passò ai tribunali civili do*ve finalmente nel dicembre 1985 si arrivò a una condanna mite che lasciò molti insoddisfatti (nota 3). Ma, forse, il punto più importante della sentenza era il punto 30, che consigliava il rinvio a giudizio di altri militari di grado intermedio. Poco tempo dopo si aprirono più di 1500 processi per violazione dei diritti umani.
    Alfonsin volle fermare il processo d'incriminazione delle Forze Armate e sancì nel dicembre 1986 la legge del Punto fi*nale che, per "pacificare" il paese, fissò un termine di 60 gior*ni oltre il quale non sarebbero state più ammesse denunce per violazione dei diritti umani. Venne così limitata la possi*bilità di apertura di nuove cause. Tré mesi dopo la scadenza dei 60 giorni un altro arbitrario giuridico vanificò tutti gli sforzi di chi cercava giustizia. La legge di Obbedienza dovuta assolse da tutti i crimini già documentati e giudicati lascian*do i colpevoli in libertà e sostenendo che, al di fuori dei man*danti, i quadri intermedi - non avendo potere decisionale -avevano agito in stato di costrizione. L'opera fu completata dal presidente Carlos Menem che, nell'ottobre 1989, dopo tré mesi di Governo, sancì l'indulto per 216 militari e civili coinvolti nel genocidio e per 64 perso*ne presumibilmente legate alla sovversione (nota 4). La misura escludeva i mèmbri delle Giunte militari Videla e Massera che godranno di un nuovo indulto il 28 dicembre 1990. Dopo cinque anni di prigionia in una villa di proprietà dell'Eserci*to dove potevano ricevere amici e camerati, praticare sport e usufruire della libera uscita durante i fine settimana, gli er*gastolani tornarono in libertà.
    La distruzione del passato
    I militari abbandonarono il governo nel 1983. Lasciarono il Palazzo non perché costretti dalla mobilitazione delle forze democratiche, ma perché avevano portato a termine il compito: l'annichilimento di un'intera generazione che vole*va modificare le strutture del paese.
    Ma perché una dittatura con una forza militare schiac*ciante ha scelto come strategia quella di far scomparire gli oppositori? Perché dopo la tortura e l'inumana prigionia queste persone non hanno avuto almeno il diritto a una con*danna a morte? Perché non sono stati sepolti, perché la di*struzione dei corpi? Perché desaparecidos?
    Non c'è risposta che possa spiegare questa premeditata violazione di ogni diritto della persona. Di fronte a queste atrocità ogni logica decade, diventa inumana, e quando una logica diventa inumana non è più logica. Non è possibile pensare questi fatti all'interno del proposito del singolo cri*minale che cerca di non lasciare tracce, del delitto perfetto. Obiettivo strategico del progetto militare era la distruzione del passato.
    La Commissione del Governo Alfonsin incaricata d'inda*gare ha avuto enormi difficoltà per ricostruire l'accaduto. In*teri edifici erano stati rasi al suolo per poi edificarvi sopra al*tre strutture. Tutto era stato cancellato.
    La successiva necessità di eliminare in modo sbrigativo il passato recente, di perdonare coloro che non si ritengono nemmeno colpevoli, di mettere una pietra sopra la tragedia dei desaparecidos è complico della stessa strategia dell'an*nientamento.
    Il tentativo di annullare il passato è manifesto. Perché se non esistesse il passato - in quella particolare forma di esi*stenza che è il non esserlo già - non esisterebbe nemmeno il presente e al futuro mancherebbe la possibilità di proiettarsi. Senza l'assunzione/rifiuto del passato storico non vi è spazio per il futuro. Ogni tentativo di annullare il passato, di far scomparire le sue tracce, lascerà dietro di sé una terribile e leggera debolezza, comporterà l'assenza di prospettive, un continuo girare a vuoto intorno a un presente immemore, istantaneo, senza tempo, senza essere, senza la possibilità di capire il proprio divenire.
    I militari argentini lo sapevano e hanno distrutto e fatto sparire tutto ciò che hanno trovato. I governi democratici che si sono susseguiti hanno scelto l'oblio. Non assumendo questa pesante ma inderogabile eredità hanno indirettamen*te completato la distruzione dell'operato dei militari. Ma il passato non scompare mai, resta, non passa mai perche è sia passato. La confessione del capitano Adolfo Franci-sco Scilingo ne è una prova.
    Il volo
    Molti desaparecidos sono stati gettati in mezzo all'oceano. Questa è l'atroce ammissione di Scilingo. Lo si sapeva già, ma fatti come questi non erano mai stati riconosciuti ne rac*contati in prima persona da uno degli autori. Il volo - un ter*mine così lieve - diventa qui grave.
    Una delle conseguenze di questa confessione è l'unifica*zione dei discorsi sulla storia argentina degli ultimi due de*cenni. Finora si è parlato di una storia ufficiale e di un'altra raccontata dai pochi superstiti o dai famigliari delle vittime. Durante i primi anni della dittatura le Madri di Plaza de Mayo erano infatti etichettate come Las locas de Plaza de Mayo (le pazze), quale ratifica della scissione che si era pro*dotta nella società argentina tra discorso ufficiale e discorso minoritario. I pochi che testardamente continuavano a opporsi a quella logica non potevano che essere "impazziti". La prima storia era documentata dagli atti di un governo ditta*toriale, il loro discorso era omogeneo, il loro agire sembrava incontestabile. La seconda storia era costruita da un'immen*sa massa di ombre che non potevano testimoniare, da inter*rogativi sulla loro sorte. I desaparecidos furono con la loro assenza la principale accusa contro il terrore. Dopo la con*fessione di Scilingo la storia si unifica. I voli non erano che la macabra soluzione finale a un'alternativa politica.
    Il linguaggio del libro non è facile. L'oggetto di cui si par*la è l'innominabile, anzi lo si vorrebbe nemmeno mai esisti*to. I desaparecidos non si trovano da nessuna parte, sono fan*tasmi che deambulano e ripercorrono una società che non si decide a cancellarli, ignorarli, annullarli. Così pure nel modo di esprimersi si parla di fatti che non vogliono essere ricono*sciuti come tali. Nessuno dei carnefici ha il coraggio di nomi*nare, di raccontare, di chiamare le cose con il loro vero no*me. Ognuno tenta di aggirare l'ostacolo della barbarie di cui è stato parte. Il linguaggio vuoi essere indiretto, impersonale. Tenta di aggirare il problema, di lasciar capire senza usare i termini appropriati. Sono parole non dette che, come i desa*parecidos, vogliono essere oggetto di rimozione.
    Ciò che viene raccontato da Scilingo nella sua confessio*ne non è nuovo. Chi veramente voleva sapere quei fatti li co*nosceva già da anni. Le stesse autorità militari si erano mos*se per farli sapere, senza però mai ammetterli, per generare panico e diserzione tra le fila dell'opposizione. I fatti sono stati poi confermati dal ritrovamento di cadaveri mutilati con evidenti segni di tortura, riportati a riva dalle onde sul*le sabbie dorate di note località turistiche. Non scorderò mai una donna, il cui figlio era stato gettato vivo in mezzo al ma*re, che nel 1995 mi disse: "Sono stata invitata in vacanza a Villa Gesel, sul mare... ma non ce l'ho fatta, non potrò mai più fare il bagno in quelle acque".
    Tutti i responsabili di questa strage sono in libertà, l'uni*co oggi in carcere è l'ex capitano Scilingo accusato di frode (benché sia stata già dimostrata la sua innocenza) per aver emesso assegni scoperti.
    Claudio Tognonato
    Introduzione a "Il volo - Le rivelazioni di un militare pentito sulla fine dei desaparecidos", Horacio Verbitsky, ed. Feltrinelli.


    nota 1: Testimonianza di Miguel D'Agostino (fascicolo 3901) raccolta dalla Commissione nazionale per la scomparsa delle persone (Conadep). La Commissione, creata nel dicembre 1983 dal presidente Raùl Alfonsin, si occupò di far luce sulla violazione dei diritti umani durante la dittatura mi*litare.

    nota 2: Prendendo in esame le cifre ufficiali delle cremazioni nel principale cimitero di Buenos Aires si verifica nel periodo una crescita

    http://italy.indymedia.org:666/news/2002/08/74626.php

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Gli oscuri legami tra i militari e la «chiesa nera» di Bergoglio
    HORACIO VERBITSKY*
    Il Manifesto, 24 marzo 2006

    La prima edizione di questo libro, alla quale ho lavorato per oltre quindici anni, è andata in stampa a Buenos Aires nel febbraio del 2005, quando a Roma era ricoverato in ospedale papa Giovanni Paolo II, che poi morì il 2 aprile. Secondo i quotidiani italiani, il cardinale argentino Jorge Bergoglio fu l'unico serio avversario del tedesco Joseph Ratzinger, che venne eletto il 19 aprile e assunse il nome di Benedetto XVI. In quegli stessi giorni, il vescovo castrense di Buenos Aires disse che il ministro argentino della salute meritava di essere gettato in mare con una pietra da mulino al collo per aver distribuito preservativi ed essersi espresso a favore della depenalizzazione dell'aborto.(...) Quando il vescovo Baseotto appese la biblica pietra da mulino al collo ministeriale, il presidente Néstor Kirchner invitò il Vaticano a designare un nuovo titolare della diocesi militare. Quando il Nunzio apostolico comunicò che non ve n'era motivo, il governo revocò l'assenso prestato alla nomina di Baseotto e lo privò del suo emolumento da segretario di Stato per aver rivendicato i metodi della dittatura. Il Vaticano disconosce sia «l'interpretazione che si è voluto dare alla citazione evangelica» sia l'autorità presidenziale di revocare la designazione del vescovo castrense.
    Di motivi per dubitare che Baseotto abbia scelto ingenuamente una citazione biblica riguardante persone gettate in mare, ve ne sono in abbondanza. Il suo primo atto da Vicario fu la visita alla Corte suprema di Giustizia nella quale sostenne la necessità di chiudere i processi relativi alla guerra sporca dei militari contro la società argentina. Il suo segretario generale nell'Episcopato castrense (lo stesso incarico che nel 1976 rivestiva Emilio Grasselli) è il sacerdote Alberto Angel Zanchetta, che fu cappellano della Esma negli anni della dittatura e del quale è comprovata la conoscenza dettagliata di quanto vi accadeva. (...) Dopo aver acceso la polemica pubblica con le sue parole, Baseotto si riferì ai voli come a uno dei «fatti avvenuti, a quanto si dice, durante la famosa dittatura militare». Nessun membro dell'Episcopato ebbe da eccepire su quella frase provocatoria, perché tutta la Chiesa argentina continua a trincerarsi nell'isola del suo silenzio.
    Bergoglio rispose al libro attraverso il suo portavoce ufficiale, padre Guillermo Marco. Disse che aveva salvato la vita dei sacerdoti Orlando Yorio e Francisco Jalics e che qualsiasi affermazione in senso contrario costituiva un'infamia. (...) Per screditare la mia inchiesta disse che Yorio non poteva confutare quanto sostenuto nel libro perché era morto, che la mia fonte relativa a Jalics era anonima e che esisteva una foto di un incontro amichevole del sacerdote ungherese con Bergoglio durante una visita di Jalics a Buenos Aires. (...) Né Bergoglio né i suoi intimi hanno detto una parola sulla prova inconfutabile della doppiezza di cui lo accusano Yorio e Jalics. Yorio era ancora vivo quando pubblicai la prima intervista in cui accusa Bergoglio, nel 1999. Lungi dallo smentirmi, mi inviò poche righe intitolate «Grazie» e ci mantenemmo in contatto fino alla sua morte. (...) Figlio di un proprietario terriero e ufficiale dell'esercito ungherese, Jalics sostiene in Ejercicios de Contemplacion che il padre morì avvelenato nella sede della polizia politica comunista, ma che la madre gli insegnò a non odiare, sicché «imparai cosa significa la riconciliazione». Nel raccontare il suo sequestro dice: «Molta gente che aveva convinzioni politiche di estrema destra no vedeva di buon occhio la nostra presenza nelle baraccopoli. Interpretavano il fatto che no vivevamo lì come un appoggio alla guerriglia e si proposero di denunciarci come terroristi. Noi conoscevamo la provenienza e il responsabile di quelle calunnie. Sicché andai a parlare con la persona in questione e gli spiegai che stava giocando con le nostre vite. L'uomo mi promise che avrebbe fatto sapere ai militari che non eravamo terroristi. Da dichiarazioni rese successivamente da un ufficiale e da trenta documenti ai quali riuscii ad accedere in seguito, potremmo appurare senza ombra di dubbio che quell'uomo non aveva mantenuto la sua promessa e che, al contrario, aveva presentato una falsa denuncia ai militari». Durante i cinque mesi del sequestro, la sua ira era diretta più che ai suoi carcerieri «all'uomo che aveva fatto la falsa denuncia contro di noi».
    Quell'uomo è Bergoglio. La sua identità è svelata in una lettera che Yorio scrisse da Roma il 24 novembre 1977 all'assistente generale della Compagnia di Gesù, padre Moura. I fratelli e i nipoti di Yorio me ne diedero copia in segno di gratitudine per la pubblicazione del libro.«Dato il proseguire delle voci su una mia partecipazione alla guerriglia, padre Jalics ha nuovamente affrontato la questione con padre Bergoglio. Padre Bergoglio ha riconosciuto la gravità del fatto e si è impegnato a mettere un freno alle voci nella Compagnia e ad affrettarsi a parlare con persone delle Forze Armate per testimoniare la nostra innocenza», dice. Ma siccome «il Provinciale non faceva nulla per difenderci, abbiamo cominciato a dubitare della sua onestà».(...) Nel nostro scambio epistolare, Yorio mi fornì una descrizione della doppiezza del suo ex Provinciale che coincide con quella che emerge dai documenti che anni più tardi scoprii nell'archivio del ministero degli Esteri argentino. Nel clima di paura e delazione instaurato all'interno della Chiesa e della società, i sacerdoti che lavoravano con i poveri «erano demonizzati, guardati con sospetto all'interno delle nostre stesse istituzioni e accusati di sovvertire l'ordine sociale». In quel contesto, «potevano concederci in segreto l'autorizzazione a celebrar messa in privato, ma non ci liberavano dalla proibizione e dall'infamia pubblica di non poter esercitare il sacerdozio, dando così alle forze della repressione il pretesto per farci sparire». (...)Riacquistata la libertà, Jalics viaggiò negli Stati uniti e poi in Germania. Nonostante la distanza, «menzogne, calunnie e azioni ingiuste non cessavano». (...) Molte persone legate alla Chiesa e alla Compagnia di Gesù mi fecero avere dati aggiuntivi e confermativi. Uno di loro è il sacerdote irlandese Patrick Rice, che nel 1976 era il superiore della comunità dei piccoli frati del Vangelo in Argentina. Sequestrato sul finire di quell'anno a Buenos Aires, lo incappucciarono e lo interrogarono senza tregua, gli bruciarono il viso e le mani con sigarette e gli fecero ingerire acqua e pressione fino al limite della sua resistenza. Altri sacerdoti della sua confraternita sono ancora desaparecidos ma Rice riuscì a scappare con l'aiuto del governo irlandese e viaggiò in tutto il mondo per denunciare la situazione argentina. Nel 1979 venne a sapere che Massera, ormai dimessosi dalla Marina e impegnato nella sua attività politica, avrebbe partecipato a un seminario organizzato presso l'Università di Georgetown, a Washington, da due accademici che in seguito svolsero ruoli di primo piano nel futuro governo statunitense di Ronald Reagan: Jean Kirckpatrick e Eliot Abrahmas. Mentre Massera teneva la sua lectio magistralis, Rice e un sacerdote nordamericano lo interruppero con domande sulla repressione di vescovi, suore, sacerdoti e laici cristiani. Massera non poté continuare e lasciò l'aula furibondo. Anche l'Università di Georgetown appartiene ai gesuiti. Patrick Rice sostiene che «tenuto conto della struttura della Chiesa, è impensabile che quell'invito potesse essere partito senza l'iniziativa o almeno l'assenso del Provincialato argentino della Compagnia di Gesù». Come il giorno dell'omaggio a Massera nell'Università del Salvatore, anche in quel caso, il Provinciale gesuita era l'allora sacerdote Jorge Mario Bergoglio.


    *Questo testo è «l'epilogo» del libro di Horacio Verbitsky, L'isola del silenzio, pubblicato in Italia dalla Fandango libri, in libreria dal prossimo 30 marzo.



    http://www.fisicamente.net/index-1069.htm

    *Questo testo è «l'epilogo» del libro di Horacio Verbitsky, L'isola del silenzio, pubblicato in Italia dalla Fandango libri, in libreria dal prossimo 30 marzo.

 

 

Discussioni Simili

  1. Argentina 1976-1983: La guerra sporca
    Di codino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 05-11-09, 00:38
  2. 1976: Quando gli Inglesi pensavano ad un Golpe in Italia
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-01-08, 01:01
  3. Il Ruolo Del Vaticano Nel Golpe Militare In Argentina
    Di Rodolfo (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-02-07, 13:35
  4. 24 marzo 1976: 30 anni dal golpe di Videla
    Di wreckage nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 27-03-06, 12:31
  5. 24 Marzo 1976 - Argentina
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-03-06, 16:46

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226