User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile Ideali un po' ridimensionati

    ....e non e' neanche facile da cantare, troppe sillabe...


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Però, non male l'accenno al genocidio alla base degli USA, solo bisognerebbe dirlo in modo più esplicito.

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A proposito di genocidi:

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tempo%20libero%20e%20Cultura/2007/06/centenario-shalamov.shtml?uuid=ec05c0c2-1d76-11dc-ab9f-00000e251029&DocRulesView=Libero

    CULTURA &TEMPO LIBERO
    ILSOLE24ORE.COM > Cultura e Tempo libero ARCHIVIO
    Il centenario di Varlam Shalamov, il condannato
    di Piero Sinatti

    commenti - 17 giugno 2007

    Il centenario di uno scrittore è un'occasione per tornare sul suo destino e la sua opera. Se si tratta di Varlam Shalamov, l'autore dei Racconti della Kolymà, ricordarlo è ancor più necessario per la singolare tragicità del destino, per la "fortuna", solo postuma in patria, di un'opera letteraria intimamente legata a uno dei più sconvolgenti capitoli della storia russa.
    Shalamov – nato il 18 giugno 1907 a Vologda, figlio di un pope di forte moralità e convinzioni democratiche – è il massimo narratore della Kolymà, l'ultimo cerchio dell'Inferno concentrazionario staliniano.
    E' un'immensa regione dell'estremo nord siberiano in cui Stalin volle istituire un sistema economico-penale (il Dal'stroj, estensione del Gulag) per sfruttarne le materie prime (oro, soprattutto), basato sulla manodopera dei prigionieri là deportati, che vi svolgono un lavoro coatto all'insegna di un fordismo feroce, arcaico e antieconomico (si veda il racconto La carriola): in territori disabitati, inospitali, con il gelo che scende a 50-60 gradi sotto zero.
    Le autorità, arbitrarie e corrotte, soggette a "purghe" ricorrenti e cruente, governano uno-due milioni di prigionieri: di diritto comune (bytoviki), "socialmente vicini" e meglio trattati perchè "riforgiabili". Malavitosi o "ladri in legge" o blatnye, laidi lumpen, temuti animali predatori del campo; all'ultimo livello ci sono i krd, i "controrivoluzionari", i "politici", i "nemici del popolo" da annientare.
    Shalamov - condannato per la prima volta a tre anni di lager nel 1929, come trotskista - vi è vissuto dopo altre due condanne per oltre tre lustri (dal 1937 al 1953), tra esseri umani dalle pulsioni e linguaggi elementari e violenti. Un mondo dominato da disperazione e malvagità. Ognuno per sé, è la regola. Là, si è picchiati a morte", fucilati in massa, "si muore come le mosche", ci si tradisce e vende per un tozzo di pane. Si uccide e ruba. Ci si mutila. Si diviene relitti umani, dochodjagi, senza peso. Ci si nutre, in fughe insensate nella taiga, di carne umana.
    E' il mondo dell'"ineffabile". "Quello che ho visto io un uomo non lo deve sapere né vedere" - scrive. Kolyma, è per lui - al pari di Hiroshima e Auschwitz - un'ipostasi del XX secolo.

    Dalla Kolyma, si salva. Aiutato dal caso, da una fortissima fibra fisica e morale, dalla poesia, "mezzo di resistenza" e unica luce in interminabili anni bui.
    Per rappresentare il "Crematorio Bianco" Shalamov ha scelto la misura cechoviana del racconto breve, evitando fiction e memorialismo. Il racconto, per lui, è "un "documento fregiato di emozione", la cui cifra è la "laconicità". Le frasi sono "brevi come il respiro" o "secche e muscolari come uno schiaffo", "simboliche e pregnanti".
    Grande innovatore, Shalamov rompe con la tradizione realistica e umanistica della letteratura russa. Il male è metafisico, non sociale, né storico. Egli si richiama al lirismo (Tjutchev, Pasternak), alla profezia (il Vangelo e Dostoevskij), al surrealismo e simbolismo (Gogol', Belyj).
    Lirismo e simbolismo si misurano con la natura della Kolyma, grande protagonista dei Racconti e dei versi. La solennità cupa della taiga, il biancore delle nevi, gli alberi nani che preannunciano il disgelo, gli animali, i fiori selvatici, le bacche, le acque che per pochi mesi si sprigionano dal ghiaccio.
    A differenza di Solzhenitsyn (che egli non ama, né apprezza), Shalamov non vuole fare storia, né educare, né combattere il comunismo. Le esperienze – dice - non educano. La storia si ripete. Vuole essere "il cronista della propria anima, niente di più". Ricordare e raccontare.
    Ma anche lanciare anche un monito più profondo sul guasto morale prodotto dal mondo del Gulag: "la corruzione del mente e del cuore, quando di giorno in giorno l'enorme maggioranza delle persone si persuade in modo sempre più netto che si può vivere senza, carne, senza zucchero, senza vestiti, ma anche senza onore, senza coscienza, senza amore, senza dovere" (lettera a Pasternak dell'8 gennaio 1956, la sottolineatura è nostra). La Russia post-sovietica con il fondo di amoralità e criminalità generalizzate che ha accompagnato le trasformazioni economiche degli anni Novanta è una prova di quanto a fondo abbia lavorato "la corruzione della mente e del cuore", che Shalamov ha messo in luce nei suoi Racconti.

    I Racconti della Kolyma sono circa 150, scritti tra il 1953 (con l'incoraggiamento decisivo dell'adorato Pasternak) e i primi anni Settanta, quando sopraggiungono sordità, cecità e psicosi da ex-kolymiano. Muore il 12 gennaio 1982, in un ospedale psichiatrico dove tre giorni prima l'hanno trasferito, da un ospizio.
    In patria, da vivo, ha visto pubblicate le poesie. Mai i Racconti, circolati solo nel samizdat. Lo costringono a ripudiarli pubblicamente quando escono in Occidente in ordine sparso su riviste dell'emigrazione.
    In Russia i Racconti si pubblicano alla fine degli anni Ottanta, con la glasnost'. Nei secondi Anni Novanta escono in quattro volumi le Opere scelte. Su Shalamov, ormai consacrato in Russia tra i "grandi", si scrivono da allora saggi accademici. Un convegno internazionale ne celebra in questi giorni il centenario, mentre va in onda sul canale tv Rossija un seriale sulla sua vita: Il testamento di Lenin, scritto da Jurij Arabov, il noto sceneggiatore di Aleksandr Sokurov.
    In ItaGlia, ventitre anni dopo la prima breve raccolta shalamoviana curata da chi scrive, Einaudi ha pubblicato nel 1999 (traduzione di Sergio Rapetti) la più bella e completa edizione occidentale dei Racconti, curata da Irina Sirotinskaja e Anna Raffetto (curatrice anche dell'autobiografia shalamoviana La quarta Vologda , apparsa da Adelphi nel 2001).
    Prima di uscire, l'edizione einaudiana è divenuta un caso editoriale, dopo la decisione dell'editore di non pubblicare la prefazione, in forma di un dialogo tra Gustaw Herling - il grande scrittore polacco scomparso -, la russista Anna Raffetto e il sottoscritto. Non era piaciuta la critica di Herling, e nostra, alla sordità dell' intelligentsija italiana (tra cui Primo Levi) sui temi del Gulag e di Shalamov. Così, più che dei Racconti , si parlò della censura einaudiana.
    Il centenario ci fa riproporre il narratore e poeta di Vologda. Con l'augurio, pieno di pessimismo, che lo si legga, finalmente.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 23-11-12, 13:30
  2. Ideali
    Di Ulaan Baatar nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-05-08, 13:56
  3. Storia e ideali
    Di Filippoo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 18-04-06, 08:35
  4. Dal PCI ai DS, ideali e responsabilità....
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 21-08-05, 02:25
  5. ideali e dintorni
    Di Presidente nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 04-12-03, 19:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226