User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Tra Emanuele Severino e Julian Barbour, viva Sergio Ricossa!




    Ovvero elogio dell’uomo imperfetto che agisce “come se”


    Sono ormai mesi che si sente parlare di liberismo in crisi, di mercati in crisi e di capitalismo in crisi.
    Tra un articolo e l’altro, tra un catastrofismo ambientale e una crisi dei mutui subprime, non può, per chi ha una formazione umanistico-filosofica come il sottoscritto, che venire in mente uno dei più grandi filosofi del novecento italiano (di sempre, direbbe Massimo Cacciari): Emanuele Severino. Poi, subito dopo (non nel senso dell’importanza, ma in senso cronologico della mia memoria), il fisico Julian Barbour. Quindi, spinto dal momento storico, mi alzo e raggiungo la mia copia de “Il declino del capitalismo” libro del pensatore del millenovecentonovantatre e “La fine del tempo” testo dello scienziato del millenovecentonovantanove.

    Cosa lega il filosofo e il fisico in questione? Vediamo e cerchiamo di capire.
    Severino identifica l’occidente con il nichilismo, cioè con la fede nell’esistenza del divenire; il più grande errore, ci dice, è pensare che le cose escano dal niente e ritornino nel niente, errore in quanto l’essere è, quindi non può divenire. Tutto è eterno. Il tempo non esiste e, negli ultimi duecento anni, il pensiero filosofico si è fatto relativista distruggendo l’idea che esista una Verità. Qualsiasi tentativo di Verità (gli immutabili) viene annientato dalla convinzione che gli enti siano niente. Qualsiasi fede religiosa, il papa, l’imperatore, il comunismo e il capitalismo (“Da tempo vado indicando i motivi che fanno pensare che la discesa del capitalismo sia già cominciata. Non si tratta delle difficoltà in cui oggi si trova l’economia capitalista che prima o poi possono essere superate. Si tratta di qualcosa di ben più decisivo: un insieme di forze di diversa natura e potenza agisce con pressione costante per distogliere il capitalismo dal fine che gli è proprio; e questo significa che esse agiscono per trasformare il capitalismo in qualcosa che non è più capitalismo.”), culmineranno nell’apparato tecnico-sciantifico, cioè nella volontà di potenza forza dominatrice delle cose, degli enti.

    Scorro le pagine di Severino rileggendo le parti sottolineate già da quindici anni, rimango come sempre stregato dalla sua scrittura, che tanto somiglia a una scultura. Poi prendo Barbour e il perché li abbia associati è ovvio, lo scienziato sostiene di aver dimostrato l’inesistenza del tempo. Propone una “Platonia” in sostituzione dello spazio e del tempo (le leggi della fisica funzionano sia dal passato al futuro che viceversa), gli istanti non sarebbero nel tempo, bensì il tempo negli istanti e teorizza un universo di infiniti adesso (capsule temporali). Platonia sarebbe ricoperta da una nebbia di intensità atemporale (il tempo non esiste) che cambierebbe da un punto all’altro. Nella figura 6 vi è una raffigurazione grafica di platonia:

    Dati gli argomenti inizia già a girarmi un po’ la testa, poi, scorrendo velocemente le pagine trovo una brano tratto da “Il gene egoista” del biologo Richard Dawkins e, immediatamente, ho come una botta alla fronte: mi viene in mente un altro brano di quel libro. Mi viene in mente quando dice che gli uomini per determinismo biologico devono accoppiarsi in modo da perseguire la sopravvivenza del DNA, ma che noi abbiamo inventato i mezzi contraccettivi per decidere quando perseguire quello scopo. Quindi torno a Severino e leggo: “Nella misura in cui prende coscienza o si convince del proprio carattere distruttivo e autodistruttivo, il capitalismo procede alla mobilitazione delle forme di energia alternativa – rese disponibili dallo sviluppo tecnologico -, che determinino una quantità sempre minore di inquinamento e di distruzione. Per sperare di sopravvivere, il capitalismo si sottomette, cioè, all’apparato tecnico della salvaguardia ambientale. Se non potesse rivolgersi all’innovazione tecnologica e perpetuasse le forme attuali della produzione con l’impiego delle forme di energia attualmente utilizzate, il capitalismo si troverebbe di fronte a questo dilemma: o imporre alla società la perpetuazione delle forme di produzione da esso attualmente praticate, provocando «realmente» la distruzione della Terra – o attivando sempre di più la «convinzione» che le sue procedure economiche distruggono la Terra -; oppure rinunciare alla produzione in vista del profitto e produrre limitatamente in vista della sopravvivenza della Terra. Nel primo caso, la produzione economica o perviene «realmente» alla distruzione della propria base naturale e quindi alla distruzione di se stessa, oppure alimenta a tal punto quella «convinzione» circa il suo carattere distruttivo da provocare il rifiuto della società a proseguire sulla strada del capitalismo. Nel secondo caso, il capitalismo, costretto ad assumere come scopo primario la sopravvivenza della Terra e dunque a rinunciare al proprio scopo, cioè al profitto, è costretto a rinunciare a se stesso. O distrugge la Terra, e quindi distrugge se stesso; oppure si dà un fine diverso da quello per il quale esso è quello che è, e anche in questo caso distrugge se stesso.” Allora, improvvisamente, sorridendo, mi alzo e raggiungo “La fine dell’economia” di Sergio Ricossa, qui trovo citato Severino in tre pagine; tra queste pagine mi sento come se fossi a casa, mi torna in mente che, quindici anni fa, mentre studiavo Severino, mi ripromisi che nonostante trovassi affascinanti e credibili le sue teorie, io mi sarei comportato come se potessi scegliere, come se la mia libertà fosse la cosa suprema, come se il liberalismo non è un relativismo, come se la libertà individuale e la proprietà privata fossero un faro ad indicare la strada della Verità. Come se il mio imperfettismo coincidesse proprio con lo spazio della libertà di scelta.

    Come se, speriamo, nonostante i dazi e i vari interventi centrali, col tempo, la fine non sarà del capitalismo, ma dell’economia.
    Come se, dovendo scegliere tra Severino o Barbour, uno, alla fine, si schierasse per Sergio Ricossa.

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6550

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio



    Ovvero elogio dell’uomo imperfetto che agisce “come se”


    Sono ormai mesi che si sente parlare di liberismo in crisi, di mercati in crisi e di capitalismo in crisi.
    Tra un articolo e l’altro, tra un catastrofismo ambientale e una crisi dei mutui subprime, non può, per chi ha una formazione umanistico-filosofica come il sottoscritto, che venire in mente uno dei più grandi filosofi del novecento italiano (di sempre, direbbe Massimo Cacciari): Emanuele Severino. Poi, subito dopo (non nel senso dell’importanza, ma in senso cronologico della mia memoria), il fisico Julian Barbour. Quindi, spinto dal momento storico, mi alzo e raggiungo la mia copia de “Il declino del capitalismo” libro del pensatore del millenovecentonovantatre e “La fine del tempo” testo dello scienziato del millenovecentonovantanove.

    Cosa lega il filosofo e il fisico in questione? Vediamo e cerchiamo di capire.
    Severino identifica l’occidente con il nichilismo, cioè con la fede nell’esistenza del divenire; il più grande errore, ci dice, è pensare che le cose escano dal niente e ritornino nel niente, errore in quanto l’essere è, quindi non può divenire. Tutto è eterno. Il tempo non esiste e, negli ultimi duecento anni, il pensiero filosofico si è fatto relativista distruggendo l’idea che esista una Verità. Qualsiasi tentativo di Verità (gli immutabili) viene annientato dalla convinzione che gli enti siano niente. Qualsiasi fede religiosa, il papa, l’imperatore, il comunismo e il capitalismo (“Da tempo vado indicando i motivi che fanno pensare che la discesa del capitalismo sia già cominciata. Non si tratta delle difficoltà in cui oggi si trova l’economia capitalista che prima o poi possono essere superate. Si tratta di qualcosa di ben più decisivo: un insieme di forze di diversa natura e potenza agisce con pressione costante per distogliere il capitalismo dal fine che gli è proprio; e questo significa che esse agiscono per trasformare il capitalismo in qualcosa che non è più capitalismo.”), culmineranno nell’apparato tecnico-sciantifico, cioè nella volontà di potenza forza dominatrice delle cose, degli enti.

    Scorro le pagine di Severino rileggendo le parti sottolineate già da quindici anni, rimango come sempre stregato dalla sua scrittura, che tanto somiglia a una scultura. Poi prendo Barbour e il perché li abbia associati è ovvio, lo scienziato sostiene di aver dimostrato l’inesistenza del tempo. Propone una “Platonia” in sostituzione dello spazio e del tempo (le leggi della fisica funzionano sia dal passato al futuro che viceversa), gli istanti non sarebbero nel tempo, bensì il tempo negli istanti e teorizza un universo di infiniti adesso (capsule temporali). Platonia sarebbe ricoperta da una nebbia di intensità atemporale (il tempo non esiste) che cambierebbe da un punto all’altro. Nella figura 6 vi è una raffigurazione grafica di platonia:

    Dati gli argomenti inizia già a girarmi un po’ la testa, poi, scorrendo velocemente le pagine trovo una brano tratto da “Il gene egoista” del biologo Richard Dawkins e, immediatamente, ho come una botta alla fronte: mi viene in mente un altro brano di quel libro. Mi viene in mente quando dice che gli uomini per determinismo biologico devono accoppiarsi in modo da perseguire la sopravvivenza del DNA, ma che noi abbiamo inventato i mezzi contraccettivi per decidere quando perseguire quello scopo. Quindi torno a Severino e leggo: “Nella misura in cui prende coscienza o si convince del proprio carattere distruttivo e autodistruttivo, il capitalismo procede alla mobilitazione delle forme di energia alternativa – rese disponibili dallo sviluppo tecnologico -, che determinino una quantità sempre minore di inquinamento e di distruzione. Per sperare di sopravvivere, il capitalismo si sottomette, cioè, all’apparato tecnico della salvaguardia ambientale. Se non potesse rivolgersi all’innovazione tecnologica e perpetuasse le forme attuali della produzione con l’impiego delle forme di energia attualmente utilizzate, il capitalismo si troverebbe di fronte a questo dilemma: o imporre alla società la perpetuazione delle forme di produzione da esso attualmente praticate, provocando «realmente» la distruzione della Terra – o attivando sempre di più la «convinzione» che le sue procedure economiche distruggono la Terra -; oppure rinunciare alla produzione in vista del profitto e produrre limitatamente in vista della sopravvivenza della Terra. Nel primo caso, la produzione economica o perviene «realmente» alla distruzione della propria base naturale e quindi alla distruzione di se stessa, oppure alimenta a tal punto quella «convinzione» circa il suo carattere distruttivo da provocare il rifiuto della società a proseguire sulla strada del capitalismo. Nel secondo caso, il capitalismo, costretto ad assumere come scopo primario la sopravvivenza della Terra e dunque a rinunciare al proprio scopo, cioè al profitto, è costretto a rinunciare a se stesso. O distrugge la Terra, e quindi distrugge se stesso; oppure si dà un fine diverso da quello per il quale esso è quello che è, e anche in questo caso distrugge se stesso.” Allora, improvvisamente, sorridendo, mi alzo e raggiungo “La fine dell’economia” di Sergio Ricossa, qui trovo citato Severino in tre pagine; tra queste pagine mi sento come se fossi a casa, mi torna in mente che, quindici anni fa, mentre studiavo Severino, mi ripromisi che nonostante trovassi affascinanti e credibili le sue teorie, io mi sarei comportato come se potessi scegliere, come se la mia libertà fosse la cosa suprema, come se il liberalismo non è un relativismo, come se la libertà individuale e la proprietà privata fossero un faro ad indicare la strada della Verità. Come se il mio imperfettismo coincidesse proprio con lo spazio della libertà di scelta.

    Come se, speriamo, nonostante i dazi e i vari interventi centrali, col tempo, la fine non sarà del capitalismo, ma dell’economia.
    Come se, dovendo scegliere tra Severino o Barbour, uno, alla fine, si schierasse per Sergio Ricossa.

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6550

    Barbour e Dawkins sono guarda caso i miei scienziati di riferimento come saprete. Vi assicuro che le loro tesi scientifiche legano al 100 per cento con Giusnaturalismo, Liberalismo e Libertarianismo.

  3. #3
    Libertarian
    Data Registrazione
    20 Mar 2008
    Messaggi
    3,882
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Barbour e Dawkins sono guarda caso i miei scienziati di riferimento come saprete. Vi assicuro che le loro tesi scientifiche legano al 100 per cento con Giusnaturalismo, Liberalismo e Libertarianismo.
    Ho sempre pensato che Dawkins fosse di sinistra per via del suo ateismo quasi comunista, felice di sapere che è dei nostri.

  4. #4
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da (Controcorrente Visualizza Messaggio
    Ho sempre pensato che Dawkins fosse di sinistra per via del suo ateismo quasi comunista, felice di sapere che è dei nostri.
    Nooooooooooo!!
    Non è dei nostri!! Ma come scienziato è grande e le sue considerazioni portano alla Libertà e non come lui crede ad un altruismo forzato dallo Stato trucato da altruismo cosciente!!!!

    Lui dice che i filosofi non dovrebbero scrivere senza aver letto Darwin, ok! Ma lui non dovrebbe scrivere di scienza per poi usarla per dare conferma alle sue tesi Sociali....il fatto che sia Ateo...anche Rothbard lo era.....


  5. #5
    simposiante
    Data Registrazione
    17 Jul 2007
    Località
    abitante della terra isolata
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Lui dice che i filosofi non dovrebbero scrivere senza aver letto Darwin
    Consiglio di studiarsi i "filosofi" prima di affermare banalmente che essi debbano studiarsi Darwin prima di parlare

 

 

Discussioni Simili

  1. Sergio Ricossa
    Di Pieralvise nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 24-04-12, 20:29
  2. Emanuele Severino
    Di Ungern Khan nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 31-08-08, 09:13
  3. Emanuele Severino
    Di Prinz Eugen nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-08-08, 00:39
  4. Emanuele Severino
    Di Gallarò nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-08-07, 20:57
  5. O.T.: Intervista a Sergio Ricossa
    Di novis nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 15-01-07, 17:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226