User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Lega al bivio decisivo - di Gilberto Oneto

    Ho appena letto un interessante e per me condivisibile articolo di Oneto sull'Opinione di oggi.
    "La Lega al bivio decisivo - Otto consigli non richiesti per trasformare il successo elettorale in una vittoria politica." Qualcuno lo può postare? Grazie.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2009
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nono. Cacciare Calderoli e Borghezio.


    si, comunque concordo totalmente su quanto scritto da Oneto, e spero tanto che qualcuno da lassù prenda appunti e metta in pratica...comunque ha ragione Oneto, come ho sempre sostenuto io c'è una marea di voti autonomisti che al momento non trovano rappresentanza e vanno ad allargare le fila dei non votanti o dei partiti centralisti..quindi di spazio per altri movimenti ce n'è eccome

  3. #3
    FumnàCioccià
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lombard Mod Visualizza Messaggio
    Otto consigli non richiesti per trasformare il successo elettorale in una vittoria politca

    Anche per uno come me, che è stato ed è fortemente critico nei confronti di “questa” Lega, il suo risultato elettorale costituisce un segnale fortemente incoraggiante: i suoi messaggi di base sono ancora forti, le sue idee originarie sono sempre vincenti e hanno una forza di attrazione che va al di là della qualità di chi li rappresenta. Vediamo innanzitutto i dati. La Lega ha vinto al di à di ogni previsione e speranza. 3.024.000 voti alla Camera sono tanti, sono il doppio dell’ultima volta. Chi sono questi nuovi elettori? Leghisti che si erano allontanati? Sì, ma solo in parte. Lo starebbero a dimostrare quei 103 mila che al Senato hanno votato per partitini autonomisti padani ma, soprattutto, la scelta dell’astensione che hanno ancora fatto molti ex elettori e anche una fetta di militanti in polemica con la dirigenza. Quasi tutti sono perciò nuovi. Sono gente che ha voluto dare un segnale di cambiamento rispetto allo schifo prodiano ma che non ha voluto votare Berlusconi: ha ritenuto la Lega più affidabile o meno peggio. È gente che non trova in Berlusconi (e meno ancora in Fini) un sincero oppositore dell’immigrazione o un difensore della sicurezza: ha ritenuto sprecato votare per La Destra e ha votato Lega. Ci sono poi elettori del centro-destra che non hanno digerito la fusione. Ci sono forse anche dei neofiti del federalismo che hanno perso ogni speranza nelle capacità riformiste di tutti gli altri.

    Nel complesso si tratta di una incoraggiante vendemmia di consensi avvenuta in gran parte grazie a gente nuova che intacca solo marginalmente il vasto mercato degli ex, dei delusi, degli autonomisti “duri e puri”. Vediamo i numeri. Alle elezioni del 1992, sempre alla Camera, la Lega aveva preso 371mila voti in più di oggi, nel 1994 211mila. Nel 1996 addirittura quasi un milione in più. Alcune indagini effettuate negli scorsi anni ci dicono che un numero molto superiore di padani ha votato almeno in una occasione per la Lega. Ci sono perciò alcuni milioni di cittadini che sono stati un momento o in parte attratti dalle idee leghiste ma che se ne sono allontanati. Molti sono rifluiti in altri partiti ma molti di più si sono rifugiati nell’astensione. Si assiste a un fenomeno paradossale: gli autonomisti non votano, addirittura militanti e iscritti alla Lega non votano e il loro posto viene preso nelle urne da altra gente, soprattutto di destra. È un ricambio di cui il partito si è fortemente avvantaggiato nelle ultime elezioni. Questo è anche il risultato di una politica (su famiglia, immigrazione, fecondazione, Islam eccetera) su cui la Lega si è infervorata lasciando un po’ da parte i suoi tradizionali temi anti-centralisti e anti-romani. Come c’è stato un mutamento ideologico dei vertici, di pari passo è seguita una identica deriva dell’elettorato. Così succede che gran parte del blocco di opinione autonomista-federalista-indipendentista, di formazione sia identitaria che liberista che comunitarista, se ne resti ancora lì in attesa di una collocazione e di un recupero nell’arena della politica attiva.

    Assieme a questi c’è la stragrande maggioranza dei lavoratori e contribuenti padani che cercano chi li protegga dalla criminalità e dall’immigrazione, che assicuri una forte autonomia fiscale e identitaria, che li riporti nel consesso delle comunità europee più civili. C’è chi ha votato per Berlusconi turandosi il naso, chi si astiene e anche tanti che hanno votato a sinistra: la posizione “anomala” di Illy non è un caso isolato. In questo panorama la Lega ha dimostrato di detenere ancora una sorta di monopolio del padanesimo e di essere comunque con esso identificata dalla larga maggioranza dei cittadini che ne ignora le vicissitudini e le tensioni interne. Per la quasi totalità della gente la Lega rappresenta il federalismo, l’idea di Padania, ma anche la resistenza all’oppressione fiscale, alle prepotenze della burocrazia, all’immigrazione e alla dilagante criminalità. Oggi la Lega è a un bivio. Può diventare un partito conservatore a base territoriale (come - si sente ripetere - la CDU bavarese), aggrappato alle gioie del potere, e legato a filo doppio a Berlusconi, oppure può tornare con energia a essere un grande movimento autonomista in grado di trascinare e non semplicemente fiancheggiare le altre forze politiche, e di rappresentare gli interessi di un intero popolo, al di là di tutte le divisioni ideologiche.

    Per scegliere con decisione questa seconda strada dovrebbe fare subito alcune cose. So benissimo che il suo gruppo dirigente non è fatto di gente tanto pronta a ricevere consigli, meno che meno da me. Ma io – per quel che valgono - glieli do ugualmente.
    Primo. Forte del suo consenso, cerchi di recuperare tutti i suoi ex militanti e simpatizzanti che si sono (o sono stati) allontanati ma che non si sono mai intruppati in nessun partito “italiano”. Dimostri che non è il momento di divisioni e di recriminazioni. Allo stesso modo cerchi un avvicinamento con tutti i movimenti autonomisti (anche con quelli che spregiativamente definisce “liste patacca”) perchè lì si sono rifugiate grandi frange di energia autonomista e movimentista che non dovrebbe sprecare. Secondo. Cerchi di inventarsi rapporti nuovi e più rispettosi con i movimenti autonomisti storici (sardi, sudtirolesi e valdostani) con cui costruire una più stretta comunità di sinergie politiche. Ne guadagnerebbe molto anche in termini di credibilità sul piano internazionale. Terzo. Restituisca nel giro di un anno tutti i quattrini ai soci della CrediEuroNord. Sarebbe una operazione di profondo senso morale ma anche di immagine. Con i molti parlamentari appena eletti basterebbero pochi mesi di paga e privilegi per raggiungere l’obiettivo in cui sono oggi impegnate alcune persone per bene ma senza grandi mezzi finanziari.

    Quarto. Riprenda con vigore una forte operazione di approfondimento culturale. Non basta citare Miglio, si deve incominciare a rielaborarne le teorie con efficacia. Si abbandonino le vaccate come Miss Padania e ci si metta di nuovo a lavorare seriamente su progetti di cultura identitaria, oggi quasi del tutto negletti. Quinto. Si affronti con decisione la questione ambientale. La sparizione dei Verdi dalla scena politica lascia spazi enormi che prima erano occupati da gente faziosa e asservita alle peggiori ideologie e che oggi può essere virtuosamente riempito da un ambientalismo serio e – come avviene ovunque all’estero – intimamente collegato con le istanze autonomiste. Sesto. Si riformino radicalmente i mezzi di comunicazione del movimento, oggi piuttosto malandati. La radio - ad esempio - ha un enorme potenziale di penetrazione e di formazione del consenso ma è abbandonata a una gestione volonterosa ma carente sul piano professionale. Settimo. Selezioni con attenzione il proprio personale. Il successo elettorale (in parte imprevisto) ha premiato anche funzionari e galoppini dotati forse di grandi doti di fedeltà ma poco incisivi sul piano della comunicazione che è oggi affidata a non più di cinque o sei persone, sempre le stesse.

    Ottavo. Prendere subito alcune iniziative dal forte significato anche simbolico, come – ad esempio - presentare una legge sull’immigrazione ancora più determinata, riscrivere in chiave molto più autonomista il progetto di Statuto della Lombardia e di altre regioni, abolire balzelli e adempimenti particolarmente odiosi (il canone RAI, il bollo automobilistico, gli studi di settore), pretendere la creazione di una rete televisiva davvero localista. Non è un compito facile ma il momento è favorevole. La Lega non può commettere altri errori: perdere questa occasione sarebbe fatale per lei ma anche per le istanze autonomiste e federaliste.


    L'Opinione delle Libertà
    Edizione 78 del 22-04-2008

    >>>LINK<<<


    et voilaaa!!!!!!

    altro giro di valzer signor gilberto????

    so gia dal principio cio che verrà considerata la mia risposta, ma mi dica : per quale motivo e data stampa a questo pezzo, ovvero "CUI PRODEST ?" non certo ai movimentini che comunque non saranno MAI considerati , non certo a chi fuoriuscito si e messo di buona lena a creare cultura per poi sentirsi ogni piè sospinto denigrato da ex compagni ( si compagni...) , allora mi dica per chi ? per la lega ? e va be....se uno si diverte cosi...contento lei.

    Marco.
    fatto.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Feb 2005
    Messaggi
    601
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tanto buon senso e tante belle speranze.Non sarà ascoltato.

  5. #5
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lombard Mod Visualizza Messaggio
    Otto consigli non richiesti per trasformare il successo elettorale in una vittoria politca

    Può diventare un partito conservatore a base territoriale (come - si sente ripetere - la CDU bavarese), aggrappato alle gioie del potere, e legato a filo doppio a Berlusconi, oppure può tornare con energia a essere un grande movimento autonomista in grado di trascinare e non semplicemente fiancheggiare le altre forze politiche, e di rappresentare gli interessi di un intero popolo, al di là di tutte le divisioni ideologiche.
    La Lega non ha molte possibilità di diventare il partito di raccolta e di potere territoriale come la CSU Bavarese (non CDU).
    Per quello si sta già attrezzando Galan che il potere lo sa gestire molto meglio dei leghisti.
    Rimane la seconda strada. Ma ci vorrebbe un gruppo dirigente fresco e non con il fiatone.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non c'è proprio nessuna possibilità che i consigli di gilberto possano far presa nell'esecutivo leghista. non è questo che interessa l'allega d'abbozzi, anche perchè non la PUO' interessare, trattandosi di una sottomarca di una CASA ben più poderosa.

  7. #7
    FumnàCioccià
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lombard Mod Visualizza Messaggio
    Nella prospettiva di un corretto dibattito su quanto espresso da Oneto invito chi volesse intervenire ad articolare compiutamente ogni forma di dissenso o di plauso astendosi dai laconici e sarcastici commenti.

    In ogni caso ho ritenuto di dare rilievo attraverso la creazione di apposito 3d agli otto consigli di cui all'articolo.
    i commenti loconici o sarcastici hanno il suo bel perchè e non senza motivazioni di cui ho sempre pagato di tasca mia e non per tasche altrui .
    senza andar oltre a questa polemica se ti và ne possiamo parlare in altro luogo dove posso avere un MIO nick.

    Marco
    fatto.

  8. #8
    Vi tengo d'occhio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    3,117
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Alla luce degli ottimi risultati elettorali ottenuti dall Lega nell'ultima tornata elettorale, ritengo che se li si vogliono mantenere, o meglio incrementare, la Lega dovrà continuare sulla strada del pragmatismo.L'accantonamento dell'opzione secessionista ha fatto si che molti cittadini si avvicinassero al movimento leghista con meno problemi. Il durismo ed il purismo non hanno portato mai a nulla,lo dimostra il fatto che, anche nel massimo splendore della Lega,non tutto il Nord la seguiva sulla strada secessionista. Non voglio mancare di rispetto nei confronti degli Indipendentisti,ma penso che stiano più pagando, in termini di consenso,la lotta all'immigrazione, il federalismo fiscale e il tentativo di risolvere i problemi "comuni" della gente "comune".

  9. #9
    I sa smentés mai...
    Data Registrazione
    26 Nov 2006
    Messaggi
    994
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La via più diretta per risolvere i problemi "comuni" della gente "comune" (come scrive lei) è realizzare il vero federalismo.
    E il vero federalismo è compatibile con tutti gli obiettivi di breve, medio e lungo termine che la Lega sta portando e ha portato avanti negli anni.
    Non si tratta di scegliere fra libertà e pragmatismo poichè, nella giusta ottica, queste si trovano entrambe nella stessa direzione.

  10. #10
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fatemi un' esempio di come la LN ha realizzato il federalismo all' interno delle amministrazioni dove è presente, please

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gilberto Oneto su Lega Nord e Croce di San Giorgio
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 16-05-13, 20:51
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-07-09, 14:53
  3. Gli intellettuali snob sconfitti dalla Lega - di Gilberto Oneto
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-07-09, 09:22
  4. La Lega torni a Miglio (e chieda scusa) - di Gilberto Oneto
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 24-04-09, 08:35
  5. Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 65
    Ultimo Messaggio: 20-04-09, 09:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226