User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Sul PD del Nord. La Padania e la Baviera di Sergio Romano.

    La Baviera e la Padania



    di Sergio Romano

    Due sindaci di sinistra — Sergio Cofferati e Massimo Cacciari — propongono la nascita di un Partito democratico del Nord. Walter Veltroni sostiene invece che il partito debba continuare ad avere carattere nazionale. Altri osservano che esistono in Italia, come in diverse nazioni europee, partiti regionali (la Lega, l'Svp della provincia di Bolzano e l'Union Valdôtaine) che mandano i loro rappresentanti al Parlamento nazionale. Ma non esistono e non dovrebbero esistere partiti nazionali che si spogliano delle loro funzioni in una parte del Paese per lasciarle a un partito fratello. Non è esatto. Come viene ricordato in occasione di ogni elezione tedesca vi sono nella Repubblica Federale di Germania due Democrazie cristiane: la Cdu nazionale di Angela Merkel e la Csu bavarese. Nei 59 anni passati dalla costituzione dello Stato tedesco le due Dc si sono spesso punzecchiate, soprattutto quando il leader del partito bavarese era Franz Josef Strauss, personaggio sanguigno, intemperante, controverso e tuttavia ciecamente amato dai suoi elettori. Complessivamente però la collaborazione ha funzionato e ha regalato al Paese, insieme ad altri fattori, governi lunghi e stabili.
    Perché non dovrebbe accadere anche in Italia? Prima di rispondere alla domanda, tuttavia, occorre ricordare le ragioni per cui i bavaresi hanno la loro Dc, diversa da quella del resto del Paese. La Baviera fu per molto tempo, dopo la Prussia, il più importante regno germanico e conservò alcune caratteristiche della sovranità (il re, la presenza di un corpo diplomatico straniero nella sua capitale) sino al 1918. Si potrebbe sostenere quindi che l'esistenza di due partiti democristiani in Germania rifletta le particolari circostanze dell'unificazione tedesca. Mentre il Piemonte sconfisse gli Stati preunitari e li cancellò dalla carta geografica, Bismarck persuase i sovrani tedeschi a unirsi sotto il primato della Prussia in una sorta di confederazione. Una situazione simile avrebbe potuto verificarsi anche da noi se il re di Napoli o il Granduca di Toscana avessero accettato il primato dei Savoia, ma conservato contemporaneamente un ruolo, sia pure minore, nell'ambito del nuovo Stato italiano. Avremmo avuto alla Camera dei deputati, probabilmente, una corrente dei liberali napoletani o toscani, uniti da un patto di collaborazione con i rappresentanti liberali del resto della penisola.
    Non li abbiamo avuti perché il Risorgimento rinunciò alla prospettiva confederale e imboccò risolutamente la strada francese dell'Italia «una e indivisibile». Non basta. Il partito del Nord, se esistesse, rappresenterebbe una regione — la Padania — che non ha mai avuto, se non per brevissimi periodi, una configurazione statale. Il Pd del Nord appare quindi, a prima vista, ingiustificato e privo di qualsiasi legittimità storica. Eppure, il fatto che a qualcuno sia passato per la mente di avanzare una tale proposta è indice delle condizioni in cui è oggi lo Stato italiano. Alcuni esponenti del Pd hanno capito che la Lega non è facilmente classificabile con le solite categorie tradizionali (destra e sinistra) della politica nazionale. Vuole rappresentare gli interessi del Nord e riesce ad attrarre voti provenienti da ceti sociali diversi.

    Per battere la Lega occorre accettare il confronto sul suo terreno, ascoltare le lagnanze che hanno conferito popolarità alla sua linea politica e dare risposte diverse ma egualmente convincenti. Chi propone la creazione del Pd del Nord teme che il Partito democratico sia inevitabilmente costretto a pensare in termini nazionali e non riesca quindi a scalzare la Lega dalle posizioni che ha progressivamente conquistato in questi anni. Ma non sarebbe giunto a queste conclusioni se non avesse compreso che è inutile continuare a proclamare l'indivisibilità di un Paese in cui esistono livelli di vita, mentalità sociali e culture politiche così profondamente diverse. Abbiamo istituzioni nazionali, leggi nazionali, statistiche nazionali e partiti nazionali. Ma tutti sanno, anche se preferiscono dirlo sottovoce, che le leggi buone per il Nord non sono buone per il Sud e viceversa. Suppongo che lo sappia anche Walter Veltroni. Ma il leader del Partito democratico sa anche che il Pd del Nord, se esistesse e facesse coscienziosamente il suo mestiere, dovrebbe «pensare settentrionale» e dissentire dalla casa madre ogniqualvolta questa si considerasse obbligata a tenere conto di altri interessi regionali. E Veltroni, in tal modo, perderebbe rapidamente il controllo del partito nelle regioni più prospere del Paese. Ma non ha senso continuare a parlare di federalismo italiano senza ammettere che anche i partiti politici possano essere «federali».

    http://www.corriere.it/editoriali/08...4f02aabc.shtml

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    28 Jan 2008
    Messaggi
    559
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il partito democratico non potrà mai diventare federalista. Pd del nord è un controsenso, è un ossimoro. Il pd non potrebbe contemplare una sua controparte nordica, è proprio della sua intima ragione quello di essere un partito nazionale.

  3. #3
    geometra leghista
    Data Registrazione
    04 Jan 2008
    Messaggi
    82
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per me sarebbe un fallimento totale. Quello che l'editorialista non sembra afferrare è che i partiti sono già "federali", con la lobby romano-terrona che detta legge.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    allora:
    1. sergio romano è uno dei piu perfidi nazionalisti, patriottardi contro la libertà e la difesa delle identità dei popoli (si ricordino i suoi strali contro la lingua friulana promossa da Illy nelle scuole)
    2. un partito democratico "padano" non ha senso. avrebbe senso che nel veneto, unica regione in cui c'è una questione nazionale irrisolta (non si può dire questo del piemonte o dell'emilia, dove la lega vince piu che altro come movimento d'opinione; in veneto invece ha anche una componente direi patriottica, purtroppo troppo nascosta), servirebbe un paritto democratico veneto PDV...
    3. piu in generale il pd dovrebbe essere un partito come il PSOE, un partito in cui le entità regionali decidono tutto da sole, dal programma alle alleanze alle candidature alla camera. Se in catalunya candidassero un andaluso verrebbe fuori un'insurrezione. Noi abbiamo eletto gli amici di veltroni, alcuni dei quali romani. Fanculo!

  5. #5
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    in realta'un qualche "PD del nord" nel senso evocato da romano (e temuto dal romano veltroni..) avrebbe avuto politicamente senso e l' occasione di esistere per ben due volte ,ma cio non e' stato per la solita idiozia ideologica della sinistra.
    La prima volta fu negli anni 1945-1948 come immediata conversione degli allora Comitati di liberazione Alta italia in una forza repubblicana socialdemocratica operaia e contadina nordista contrapposta alla melassa padronale e impiegatizia fasciomonarcodemocristiana del " regno del sud" ...

    Questo non fu per la stupidita' di nenni e per il dogmatismo comunista di togliatti ...volevano " l' italia tutta" ....e si fecero fottere dai preti ..

    La seconda volta fu nel 1975-76 sull' onda della avanzata della sinistra nel nord e la contemporanea nascita delle regioni . Seppur battuta al livello nazionale la sinistra era dominante al nord nel triangolo industriale e aveva uno strumento amministrativo per configurare una propria diversita' amministrativa .. non e' infatti un caso che la parola " padania" sia stata inventata allora dal primo presidente della regione emilia romagna... e non e' un caso che esplose allora il terrorismo brigatista...

    Perche' proprio sotto questa " emergenza" invece di forzare sul regionalismo la direzione ROMANA del PCI in mano ad una maggioranza di esponenti MERIDIONALI accetto' l' offerta democristiana di un consociativismo "nazionale" unito ad pessimo sottogoverno regionale...

    ...ma questo ormai e' storia e " sinistra" e " centralismo romano'" resteranno un binomio indissolubile
    "dammi i soldi, e al diavolo tutto il resto "
    Marx


    (graucho..:-))

  6. #6
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Cofferati vorrebbe il PD padano perchè sa che , dati i rapporti numerici , Bologna e l'Emilia-Romagna avrebbe la maggioranza delle "azioni" del nuovo soggetto politico , quindi è palese la sua falsità e strumentalizzazione della questione.
    Cacciari vorrebbe il PD del NordEst per competere nel Lombardo-Veneto direttamente contro la Lega e il suo elettorato quindi , un azzardo che ha possibilità di successo proporzionato ai disastri eventuali che saranno capaci di fare i leghisti a Roma insieme al PdL.
    Comunque non vedo nessi nè paragoni politici possibili fra Baviera e Padania...

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2009
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    possibili fra Baviera e Padania...[/quote]




    neanch'io..la baviera è molto più simile (sotto tutti i punti di vista, etnico, culturale, linguistico, sociale, economico, etc etc) al resto della germania che non la padania col resto d'italia

  8. #8
    geometra leghista
    Data Registrazione
    04 Jan 2008
    Messaggi
    82
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Direi che sia più simile di sicuro, ma mi par di capire che ha tutta un'altra tradizione di autonomia.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La Baviera ha certamente una fisionomia un po' diversa dal resto della Germania, ma non è omogenea al suo interno: tutta la parte nord è diventata bavarese con Napoleone, poi Hitler l' ha fatta ridiventare "Franken" ed oggi è più simile al Württemberg che alla Baviera del Sud (Monaco). Oggi la CSU è molto sentita proprio a Sud, da dove proviene quasi tutta la sua classe dirigente storica, un po' come Varese e la Lombardia per la Lega, mentre a Nord hanno demolito sistematicamente (con successo) Stoiber, in quanto simbolo della CSU vecchia maniera.
    Detto questo, a me non dispiacerebbe l' idea di un partito federalista/autonomista "Padano", se non altro per dare una voce a chi guarda a sinistra, ma non si sente rappresentato dai terroni. Dove sta scritto che il federalismo/autonomismo sia di destra? Anzi, guardate chi lo rappresenta in Catalogna e Paesi Baschi...
    Agli inizi della Lotta di Liberazione, anche il Sudtirolo aveva una SDPS (Sozial-Demokratische Partei Südtirols) ed altre formazioni politiche patriottiche. A pacchetto ottenuto, tutti quelli che avevano deciso che così andava bene si riunirono nella SVP, che, guarda caso, è orientata a sinistra nel panorama politico della rep. it.
    Io non voto più Lega solamente perchè è alleata, sembra de facto indissolubilmente, a partiti di destra, nazionalisti italiani, con collusioni preoccupanti con la criminalità organizzata e per di più antieuropei. Non voto nemmeno Veltroni, perchè non mi sento rappresentato da QUELLA classe dirigente. In fondo, Illy poteva essere il rappresentante di un "PD del Nord" e lo votavo.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sergio Romano (ma non solo) dimentica altre tre cose fondamentali, primo che la Baviera e' un Land FEDERATO e si fregia dello status di "Libero Stato" con poteri legislativi e fiscali che le Regioni italiane ordinarie si sognano.
    Secondo che i Saboiardi non hanno sconfitto ne' conquistato il Veneto, anzi, furono solennemente sconfitti nel 1966 dalle truppe Austro-venete sia per terra (a Custoza) che per mare (la celebre battaglia di Lissa).
    Terzo che non basta trasformare in federalisti i partiti itagliani sotto elezioni (PD, Forza Italia, AN sono centralisti con sede a roma - fatta esclusione della Lega, centralista ma con sede a Milano) ma e' necessario procedere alla ristrutturazione federale dello Stato. (ma forse questo punto non lo ricorda appositamente perche' conscio della sua inapplicabilita' e irrimediabilita' del sistema)

 

 

Discussioni Simili

  1. sergio romano sul tibet
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-04-08, 13:37
  2. Sergio Romano e il friulano
    Di pustot nel forum Friuli-Venezia Giulia
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-10-07, 20:21
  3. lettera a sergio romano
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-06-06, 15:34
  4. La Padania Come La Baviera
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-05-05, 17:50
  5. Sergio Romano su Dresda
    Di yurj nel forum Storia
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 18-05-03, 23:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226