User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Perchè gli Stati dell'Itaglia pre unitaria stavano TUTTI meglio di oggi

    E' molto semplice.
    Perchè erano in concorrenza tra loro in tutti i settori,sia dal punto di vista economico,fiscale,di sistema politico che di qualità della vita e si generava appunto una virtuosa concorrenza che puntava a fare meglio del vicino,pertanto una concorrenza verso l'alto.
    E ripeto che rispetto ad oggi TUTTI gli Stati pre unitari stavano meglio.
    Stesso discorso oggi vale per i cantoni svizzeri che essendo in concorrenza fiscale ed economica tra loro fanno a gara ad attirare le imprese offrendo una sempre minore tassazione e la minor burocrazia possibile.

    Oggi nella melassa unitaria chiamata Itaglia,tutte le regioni si stanno appiattendo ad una corsa verso il basso e nessuna regione/Stato sente la necessità di "fare meglio" del vicino visto che non è necessario e visto che non c'è + un orgoglio di appartenenza a un qualcosa "di sentito".

    Da notare che la UE vede come fumo negli occhi ad esempio la concorrenza fiscale tra i cantoni elvetici visto che vorrebbe l'intera Europa tutta appiattita su elevati livelli di tassazione.

    Naturalmente la Svizzera ha mandato giustamente a fare in culo la UE.

    Sarei curioso di sentire la vostra opinione in merito.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,953
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Non concordo tanto sull'analisi storica (nel senso che non mi pare che gli stati preunitari fossero davvero così in concorrenza virtuosa tra loro, erano stati arretrati, basati su un'agricoltura non capitalistica, non avevano neanche rapporti commerciali tra loro per via dei confini e dei dazi, gli unici che tenevano un pò il passo con gli stati europei erano il Piemonte e la Lombardia), ma concordo pienamente sull'analisi politica.
    La concorrenza fiscale tra stati c'è anche negli USA, lì sarebbe un'eresia parlare di "armonizzazione fiscale tra stati" come si fa invece in ambito europeo.
    Concordo anche sul fatto che l'itaglia, per le sue caratteristiche storiche e culturali, sarebbe il luogo ideale per instaurare una competizione virtuosa tra regioni e province, molto più di altri paesi europei di tradizione unitaria. Il famoso campanilismo italico è una virtù, mai sfruttata.

  3. #3
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    E' molto semplice.
    Perchè erano in concorrenza tra loro in tutti i settori,sia dal punto di vista economico,fiscale,di sistema politico che di qualità della vita e si generava appunto una virtuosa concorrenza che puntava a fare meglio del vicino,pertanto una concorrenza verso l'alto.
    E ripeto che rispetto ad oggi TUTTI gli Stati pre unitari stavano meglio.
    Stesso discorso oggi vale per i cantoni svizzeri che essendo in concorrenza fiscale ed economica tra loro fanno a gara ad attirare le imprese offrendo una sempre minore tassazione e la minor burocrazia possibile.

    Oggi nella melassa unitaria chiamata Itaglia,tutte le regioni si stanno appiattendo ad una corsa verso il basso e nessuna regione/Stato sente la necessità di "fare meglio" del vicino visto che non è necessario e visto che non c'è + un orgoglio di appartenenza a un qualcosa "di sentito".

    Da notare che la UE vede come fumo negli occhi ad esempio la concorrenza fiscale tra i cantoni elvetici visto che vorrebbe l'intera Europa tutta appiattita su elevati livelli di tassazione.

    Naturalmente la Svizzera ha mandato giustamente a fare in culo la UE.

    Sarei curioso di sentire la vostra opinione in merito.
    concordo pienamente....


    Fonte:
    http://www.duesicilie.org / - Marzo 2006
    Se il Sud fosse uno Stato indipendente,
    sarebbe il più povero dell'Unione europea?

    di Antonio Pagano




    Questa affermazione è comparsa alla fine di agosto 2005 sulla rivista scientifica internazionale Plus Medicine da una indagine statistica effettuata da due ricercatori dell'Istituto Mario Negri di Milano, Rita Campi e Maurizio Bonati, i quali da anni raccolgono gli indici sulle condizioni socio-sanitarie di bambini e adolescenti.

    Costoro hanno fatto risultare che vi è una enorme disuguaglianza tra Nord e Sud e, disaggregando i dati delle singole regioni, hanno tratto la conclusione che, se si considerasse il Sud come uno Stato indipendente all'interno dell'Unione Europea, sarebbe il più povero.

    I dati da cui hanno tratto le loro conclusioni riguardano però solo la mortalità infantile, che risulta quattro volte superiore al resto d'Italia, e l'ospedalizzazione: "Oltre il 22% dei piccoli pazienti della Basilicata e del Molise, e oltre il 13% di quelli calabresi e abruzzesi deve ricorrere a ospedali del Centro-Nord.

    Una vera e propria migrazione sanitaria". L'affermazione, presentata poi con l'immagine suggestiva di un eventuale "Sud-Stato indipendente", sembra voler accreditare ai meridionali una incapacità congenita di realizzare una sufficiente condizione socio-sanitaria. I dati esposti, invece, mostrano che lo Stato italiano - la Sanità è ancora di sua competenza e il Sud fa parte di questo Stato, almeno di nome - ha destinato al Sud meno risorse, come del resto fa con tutto, per soddisfare prima di tutto gli interessi dei gruppi finanziari del Nord.

    L'idea di un Sud come Stato indipendente all'interno dell'Europa è, tuttavia, da prendere in considerazione in quanto è vero proprio il contrario: un Sud indipendente sarebbe ai primi posti in Europa. Come lo eravamo circa 145 anni fa. E vediamo perché.

    Bisogna partire prima di tutto dalla definizione di Stato. Cos'è lo Stato? Al di là delle scolastiche definizioni giuridiche lo Stato altro non è che uno strumento usato per organizzare il popolo e il territorio su cui il popolo è stanziato. Lo Stato, inoltre, per poter funzionare, deve essere sovrano, non deve cioè, nelle sue scelte politiche e amministrative, dipendere né essere condizionato da altri.

    Le persone che dirigono l'organizzazione dello Stato sono i politici che si qualificano in genere di "destra" o di "sinistra", termini che però non hanno alcun significato reale. I politicanti fanno basare i movimenti politici su ideali seducenti, escogitati per catturare i consensi delle masse popolari facendo prospettare miti simbolici ben collaudati da secoli: patriottismo, nazionalismo, socialismo, lotta al terrorismo ecc., oppure, con l'inganno, promettendo vantaggi futuri (posti di lavoro, aumento del reddito, previdenza, ecc.), oppure instaurando un fiscalismo opprimente con la promessa di abbassarne i prelievi, oppure con la complicità di gruppi organizzati di elettori (lobby) che, in cambio del voto, ne ricavano vantaggi illeciti.

    Strumento essenziale, per lo sviluppo del popolo e per far funzionare l'apparato statale, è il denaro. Il denaro, come si sa, è fatto con carta stampata e metallo coniato. Esso ha la funzione di permettere gli scambi commerciali e di retribuire il lavoro prestato. Attualmente è usato l'Euro che non ha alcun valore intrinseco. Il suo valore, infatti, non è basato su corrispondenti riserve di metallo pregiato o altro tipo di beni, ma semplicemente sul fatto che viene accettato e scambiato di comune accordo da tutti.

    Naturalmente la quantità di Euro in circolazione deve essere in armonia con la situazione dell'economia e della produzione (PIL, cioè il Prodotto Interno Lordo) altrimenti ne scaturirebbe "inflazione" (l'eccessivo denaro in circolazione verrebbe svalutato e servirebbe più denaro per acquistare lo stesso prodotto) oppure "deflazione" (poco denaro in circolazione e relativa diminuzione dei prezzi, situazione che comporterebbe contrazione dell'economia e della produzione con conseguente disoccupazione).


    Chi allora deve avere il compito di stampare e coniare denaro? Con tutta certezza non può essere che lo Stato che, come abbiamo visto, è lo strumento sovrano del popolo per organizzare la sua vita. Ovvio quindi che esso non possa essere prodotto direttamente dai cittadini: il denaro non avrebbe alcun valore perché la quantità immessa nel mercato sarebbe fuori controllo.

    Il denaro è, dunque, il pilastro fondamentale per la vita di un popolo e del suo Stato. Lo Stato tra i suoi compiti deve anche prevedere la sorveglianza delle banche commerciali e di fissare periodicamente il tasso ufficiale di sconto (cioè il costo del denaro dato in prestito alle banche commerciali). Insomma, tutto e tutti dipendono dal denaro.

    Eppure in Italia, dall'Unità fatta nel 1861, ad opera del "padre della patria" Cavour, lo Stato fu esautorato della sovranità di emettere denaro, con l'affido ad un ente privato la Banca Nazionale piemontese, cioè a quella che - attraverso vicende quasi sempre molto sporche, es. furto delle riserve in oro di dollari e sterline dei Banchi di Napoli e di Sicilia in epoca fascista - attualmente è la Banca d'Italia.

    I proprietari della Banca d'Italia sono banche private (85%), assicurazioni (10%) e altri proprietari minori. In pratica la Banca d’Italia, creando dal nulla il denaro con la sola stampa e conio, lo "presta" poi allo Stato che, per svolgere le sue funzioni, resta assurdamente indebitato (Debito Pubblico) con un privato. Cosa che non avverrebbe se lo Stato, per suo sovrano diritto-dovere, il denaro se lo stampasse esso stesso e lo distribuisse ai cittadini che ne sono naturalmente i proprietari.

    Un assurdo così enorme, così grande, che nessuno riesce a vederlo. Una truffa gigantesca ben congegnata: essa consente agli azionisti della Banca d'Italia di arricchirsi non solo con la "restituzione" del debito da parte dello Stato, ma anche di farsi pagare gli interessi (tasso di sconto) su denaro non suo. Solo che il denaro che torna indietro alla Banca è denaro vero perché è frutto del lavoro e dei sacrifici dei cittadini.

    Ma ci sono anche altri che ci guadagnano da questa assurda situazione: quelli che amministrano lo Stato. I politici, che formano i governi e i vari apparati dello Stato, maneggiando l'enorme flusso di denaro che lo Stato preleva dai cittadini con imposte e tasse, si arricchiscono anche loro concedendosi stipendi favolosi per fare concessioni ai cittadini, per comprare voti, ecc., anche a scapito dell'efficienza economica e amministrativa dello Stato.

    In proposito si può ricordare il governo di Aldo Moro che per istituire l'ENEL col pretesto di "dare la luce a tutti" comperò le azioni della S.I.P. (Società Idroelettrica Piemontese) per una somma pari a 100.000 miliardi di lire, un enorme esborso del tutto inutile perché le concessioni demaniali degli impianti idroelettrici stavano per scadere e, quindi, le azioni avrebbero a breve perso valore.

    Quell'enorme cifra fu praticamente tolta per decenni allo sviluppo e alla costruzione di infrastrutture del Sud e servì a finanziare lo sviluppo tecnologico della S.I.P. che passò alla telefonia. Risultato di tale operazione: l'energia elettrica in Italia costa più che in tutti gli altri Stati europei. L'operazione fu una delle tipiche truffe del Nord, ma nessuna formazione politica è andata al fondo della faccenda: nessuno aveva interesse a sputare nel truogolo della gozzoviglia.

    Il silenzio dei politici meridionali, in proposito, è stato tombale, come sempre. Addirittura essi ritengono che se il Sud diventasse indipendente non sarebbe in grado di sopravvivere e numerosi sono quelli che si affannano a difendere l’unità, il risorgimento e osannano il Garibaldi.

    Eppure quando ho definito costui, in altri miei articoli, ladro, assassino e primo artefice del degrado meridionale, nessuno mi ha dimostrato il contrario. E c’è ancora qualcuno nel Sud che vuole intitolare a lui un teatro a Gallipoli. Sindrome di Stoccolma?

    Una cosa è certa: con gente così davvero il Sud non andrà da nessuna parte. Insomma lo Stato viene usato come esattore da parte della Banca d'Italia con la connivenza dei politici, i quali usano anch'essi lo Stato come strumento per arricchirsi. Naturalmente non tutti i politici sono consapevoli e conniventi di quanto avviene, ma certamente costoro sono di una inammissibile e colpevole ignoranza.


    Con questo sistema, essendo lo Stato privo di sovranità e usato come strumento truffaldino, non si può dire, dunque, che in Italia esista uno Stato vero, ma solo il suo simulacro. Da questa colossale truffa a danno del popolo, iniziata con i Savoja per "fare l'Italia unita" e continuata con la complicità di tutti i governi fino ad oggi, si può scientificamente affermare che la Banca d'Italia (oggi la BCE) è la vera detentrice del potere, perché essa, appropriatasi della facoltà di stampare denaro, tiene sottomesso il potere politico che "non vede e non sente" pur di stare ben avvinto alla sua greppia.

    Basti, in proposito, ricordare il fatto che nessun politico si permise di "chiedere la testa" del Governatore della Banca d'Italia nel 1992, per aver costui fatto perdere allo Stato, cioè a tutti noi italiani, oltre settantamila miliardi per aver ritardato di due settimane la svalutazione della lira - svalutazione ormai certa di circa il 30% - a vantaggio di speculatori internazionali.

    Eppure questo genio della finanza fu fatto Ministro dell'Economia (ma si era laureato in Lettere alla Scuola Normale di Pisa), Primo Ministro e Presidente della Repubblica. Naturalmente il tutto sempre ammantato del glorioso risorgimento, dell'unità della patria, dell'inno nazionale e dello sventolare di bandiere tricolori e giacobine. Che bello, che bello!

    Con l'istituzione dell'Euro, la Banca d'Italia stampa ancora carta moneta, ma su concessione della Banca Centrale Europea con sede a Francoforte, anch'essa privata (azionisti sono i soci privati delle varie banche nazionali, anche dell'Inghilterra che, pur non essendo entrata nel sistema Euro, detiene tuttavia il 14% delle azioni, e, quindi, degli utili).

    La concessione comporta ovviamente un elevato addebito non motivato. Contro il costo di stampa di 0,03 centesimi la BCE pretende 2,50 Euro ogni cento, ovviamente scaricati sullo Stato italiano, pagatore finale, cioè su tutti noi.

    L'Unione Europea, è, in sostanza, una unione di banche senza un Governo supervisore. Uno Stato europeo, infatti, non esiste. Cosicché i governanti dei vari Paesi europei usano ora il loro Stato nazionale come esattore della Banca Centrale, la cui greppia è ben più abbondante di quella nazionale e con meno vincoli per l'assenza di un Governo centrale di tutela.

    Tra l'altro la BCE consente continuamente di emettere più denaro del necessario (circa il 5% all'anno), cosicché questo surplus, innescando un processo inflattivo, fa diminuire il valore della moneta.

    Questo ha l'effetto di una tassa indiretta per i popoli e arricchisce silenziosamente i soci della BCE perché i cittadini e le imprese, causa la forzata svalutazione strisciante, sono spinti a chiedere più denaro alle banche in un'infernale spirale senza fine.

    Se la BCE non stampasse una quantità eccessiva di Euro non esisterebbe inflazione. L'inflazione è causata di proposito.

    Fazio, rimasto attaccato alle concezioni "nazionali" della Banca d’Italia ancorate al periodo della Lira, è stato allontanato perché dava fastidio: "non aveva capito" che era passato il tempo di fare gli "interessi" nazionali, bisognava ora fare quelli "europei".

    Una truffa talmente enorme che si fa fatica a vederne i contorni. Il popolo infatti non se ne accorge, anche perché nessun politico ne parla. Se ne guardano bene. Costoro, interessati a mantenere questo sistema truffaldino, mentono nei pubblici dibattiti in modo spudorato: così la gente crede e si adatta alla situazione ritenendola reale e legittima.


    Da tutti si ritiene, infatti, giusto pagare il debito pubblico e che partecipare alle elezioni sia doveroso per poter scegliere al meglio i politici e i partiti onde "essere meglio amministrati per lo sviluppo della vita nazionale".

    Nessun programma televisivo è più seguito di quelli in cui c'è un dibattito politico: ma gli spettatori non si rendono conto che è solo una messa in scena (magari anche "combinata" tra gli opposti schieramenti). Un ben collaudato meccanismo psicologico, il cosiddetto "teatrino della politica", che cattura le passioni e il consenso popolare col risultato di nascondere l'enorme truffa dietro celata.

    I popoli europei sono ormai ridotti a semplice gregge, particolarmente quelli del Sud-Italia, da tosare il più possibile per far arricchire i gruppi finanziari che dominano i governi.

    Questi, servi delle banche, aumentano tasse e tributi con l’ingannevole pretesto dell'inflazione. Invece è vero esattamente il contrario: l'aumento dei balzelli serve solo a produrre deflazione (cioè a far diminuire la quantità di denaro circolante che causa l’aumento dei costi). Così gli imprenditori sono costretti a chiedere denaro in prestito alle banche, che si arricchiscono ancora di più, mentre aumentano fallimenti e povertà.

    Per questo, il cosiddetto Debito Pubblico non verrà mai cancellato. È un collaudato meccanismo che fa guadagnare la BCE e i politici (Destra, Sinistra o Centro non fa alcuna differenza: sono tutti d'accordo).

    Prima che arrivassero i "liberatori" piemonteso-savojardi il Regno delle Due Sicilie aveva una economia del tutto diversa. Il denaro veniva stampato (fedi di credito) e coniato direttamente dallo Stato. Non esisteva un "Debito Pubblico" inquinato dal pagamento di tasse a favore di una Banca privata.

    Il Banco delle Due Sicilie era una banca di Stato e il suo "Debito Pubblico" era fisiologico, dovuto in genere alle pochissime tasse che servivano solo a pagare i servizi che lo Stato effettivamente forniva al popolo. Il Regno delle Due Sicilie era la terza potenza economica in Europa, situazione resa visibile dall'elevata rendita sulla piazza di Parigi.

    Il sistema attuale è dunque così organizzato: a) lo Stato italiano è privo di sovranità (tra l'altro è anche occupato da truppe straniere) ed è usato per soddisfare gli interessi dei gruppi finanziari italiani e stranieri; b) le lobby italiane, tutte del Centro-Nord, sfruttano il Sud come una colonia interna in cui vendere i loro prodotti e servizi.

    Ovviamente esse impediscono qualsiasi sviluppo che potrebbe rivelarsi pericoloso concorrente del Nord, ad esempio fottersi a qualunque prezzo la Banca del Salento, rea di aver avuto l'audacia di aprire due sportelli in due zone centralissime di Milano, uno in Stazione Centrale, l'altro in piazza Diaz a due passi dal Duomo.

    Da ricordare anche la compagnia S. Paolo che, sfruttando il nome del Banco di Napoli, succhia i risparmi del Sud per versarli a Torino con la vergognosa complicità della classe dirigente e politica meridionale. Bisognerebbe impedirle almeno di usare il nome Banco di Napoli! Ma tanto è inutile: ci fotterebbero comunque con l'istituzione della Banca del Sud.

    Carpendo la "buona fede" del principe Carlo di Borbone, lo hanno messo a simbolo di questa Banca per attirare i babbioni terroni. Quello che sorprende sempre (e sgomenta) è il vedere con quanta facilità questi polentoni ci fanno fessi come vogliono e senza neanche nasconderlo più di tanto. Vedrete quanti coglioni adopereranno questa Banca del Sud (o del Mezzogiorno)!

    È intuitivo comprendere, dunque, che, se il Sud tornasse indipendente, basterebbe il solo fatto di liberarsi dei parassiti nordisti e stampare in proprio armoniosamente il denaro che serve per avere un immediato sviluppo sociale ed economico, come avveniva prima di questa stramaledetta e truffaldina "unità d’Italia".

    Un esempio classico in proposito è rappresentato dalle colonie della Nuova Inghilterra in Nord America: i coloni nel XVII secolo emisero direttamente una propria moneta, chiudendo per sempre con la Banca d'Inghilterra. Si ebbe immediatamente uno sviluppo prodigioso, ma quando il preoccupato Parlamento inglese impose nel 1763 l'obbligo di usare per le transazioni commerciali solo la moneta inglese stampata dalla privata Bank of England, gravata da interessi, vi fu subito recessione e migliaia di disoccupati.

    Fu per tal motivo che scoppiò la guerra d'indipendenza americana e nacquero gli Stati Uniti. In seguito, però, anche nel nuovo Stato le banche, con subdole manovre, ripresero il loro predominio "prestando" denaro allo Stato. Vi furono tre Presidenti che cercarono di contrastarle ripristinando il denaro come proprietà dello Stato, ma furono tutti e tre assassinati:

    Abraham Lincoln (nel 1865), per aver fatto stampare dollari di Stato (Greenbacks); James A. Garfield (1913), per aver denunciato il dominio dei banchieri sulla Federazione; John F. Kennedy (1963), per aver emesso banconote di Stato, subito ritirate dopo la sua morte.

    Altro esempio dei nostri giorni è la Cina che sta superando impetuosamente le economie mondiali. Il motivo consiste proprio in questo: la Cina ha una Banca di Stato e non una Banca Centrale privata!

    La Cina stampa direttamente il denaro che le serve e non lo chiede in prestito a nessuna banca privata! Non è affatto vero, come ci vogliono far credere, che il lavoro cinese costi poco perché gli operai mangiano un pugno di riso: la Cina si è sviluppata e continua a svilupparsi a ritmi impensabili perché non le gravano addosso i parassiti che le succhiano il sangue, come quelli che affliggono il nostro Sud.

    Se, dunque, riuscissimo ad avere un nostro Stato, stampando noi il denaro che serve, noi avremmo sostanziali benefici in ogni campo. Potremmo costruire le infrastrutture che ci hanno sempre negato col pretesto assurdo che mancano i capitali (è come dire che non si possono fare strade perché mancano i chilometri). Potremmo produrre a basso costo in competizione con tutto il mondo. Potremmo avere un sistema sanitario tra i più avanzati.

    Potremmo avere la piena occupazione senza dover più emigrare. Infatti, il denaro emesso direttamente dal nostro Stato, cioè dal popolo, non gravato da interessi passivi, potrebbe essere utilizzato senza ostacoli e stimolerebbe la produzione e conseguentemente l'occupazione. Inoltre, cosa importantissima, non si avrebbe né inflazione, né deflazione. Lo dimostra il ducato duosiciliano che non aveva mai perso di valore nei 126 anni di Regno borbonico.


    Antonio Pagano

  4. #4
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da novis Visualizza Messaggio
    Non concordo tanto sull'analisi storica (nel senso che non mi pare che gli stati preunitari fossero davvero così in concorrenza virtuosa tra loro, erano stati arretrati, basati su un'agricoltura non capitalistica, non avevano neanche rapporti commerciali tra loro per via dei confini e dei dazi, [silvia]gli unici che tenevano un pò il passo con gli stati europei erano il Piemonte e la Lombardia [/silvia]ma concordo pienamente sull'analisi politica.
    La concorrenza fiscale tra stati c'è anche negli USA, lì sarebbe un'eresia parlare di "armonizzazione fiscale tra stati" come si fa invece in ambito europeo.
    Concordo anche sul fatto che l'itaglia, per le sue caratteristiche storiche e culturali, sarebbe il luogo ideale per instaurare una competizione virtuosa tra regioni e province, molto più di altri paesi europei di tradizione unitaria. Il famoso campanilismo italico è una virtù, mai sfruttata.
    mi permetto di farti notare alcuni fatti riscontrabili da una miriade di fonti, questo non per mero spirito critico bensì per rafforzare la tesi che una confederazione, su base esculusivamente volontaria, degli ex stati pre unitari sarebbe l'unica via che potrebbe evitare l'inevitabile........secessione violenta.

    [Primati del Regno di Napoli e delle Due Sicilie
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

    (Reindirizzamento da Primati del Regno delle Due Sicilie)
    Vai a: Navigazione, cerca
    Voce principale: Regno delle Due Sicilie.


    Indice

    [nascondi]
    I Primati dei regni di Napoli e delle due Sicilie: [modifica]
    • 1735: Prima Cattedra di Astronomia, in Italia, affidata a Napoli a Pietro De Martino
    • 1751: Il più grande palazzo d’Europa a pianta orizzontale, il Real Albergo dei Poveri
    • 1754: Prima Cattedra di Economia, nel mondo, affidata a Napoli ad Antonio Genovesi
    • 1762: Accademia di Architettura, una delle prime e più prestigiose in Europa
    • 1763: Primo Cimitero italiano per poveri (il "Cimitero delle 366 fosse", nei pressi di Poggioreale a Napoli, su disegno di Ferdinando Fuga)
    • 1781: Primo Codice Marittimo nel mondo (opera di Michele Jorio)
    • 1782: Primo intervento in Italia di Profilassi Anti-tubercolare
    • 1783: Primo Cimitero in Europa ad uso di tutte le classi sociali (Palermo)
    • 1789: Prima assegnazione di "Case Popolari" in Italia (San Leucio presso Caserta).
    Prima istituzione di assistenza sanitaria gratuita (San Leucio)
    • 1792: Primo Atlante Marittimo nel mondo (Giovanni Antonio Rizzi Zannoni, Atlante Marittimo delle Due Sicilie. (vol. I) elaborato dalla prestigiosa Scuola di Cartografia napoletana)
    • 1801: Primo Museo Mineralogico del mondo
    • 1807: Primo "Orto botanico" in Italia a Napoli di concezione moderna,
    Per approfondire, vedi la voce Orto botanico di Napoli.
    • 1812: Prima Scuola di Ballo in Italia, annessa al San Carlo
    • 1813: Primo Ospedale Psichiatrico italiano (Reale Morotrofio di Aversa)
    Dopo la restaurazione (Regno delle Due Sicilie) [modifica]
    • 1818: Prima nave a vapore nel mediterraneo "Ferdinando I"
    • 1819: Primo Osservatorio Astronomico in Europa a Capodimonte
    • 1832: Primo Ponte sospeso (il Ponte "Real Ferdinando" sul Garigliano), in ferro, in Europa continentale
    • 1833: Prima Nave da crociera in Europa "Francesco I"
    • 1835: Primo istituto italiano per sordomuti
    • 1836: Prima Compagnia di Navigazione a vapore nel Mediterraneo
    • 1837: Prima Città d'Italia ad avere l'illuminazione a gas
    • 1839: Prima Ferrovia italiana, tratto Napoli-Portici, poi prolungata sino a Salerno e a Caserta e Capua.
    • 1839: Prima galleria ferroviaria del mondo
    Prima Illuminazione a Gas di una città italiana (terza in Europa dopo Londra e Parigi) con 350 lampade
    • 1840: Prima Fabbrica Metalmeccanica d'Italia per numero di operai (1050) a Pietrarsa presso Napoli
    • 1841: Primo Centro Vulcanologico nel mondo presso il Vesuvio.
    Primo sistema a fari lenticolari a luce costante in Italia
    • 1843: Prima Nave da guerra a vapore d'Italia (pirofregata "Ercole"), varata a Castellammare.
    Primo Periodico Psichiatrico italiano pubblicato presso il Reale Morotrofio di Aversa da Biagio Miraglia
    • 1845: Prima Locomotiva a Vapore costruita in Italia a Pietrarsa.
    Primo Osservatorio Meteorologico italiano (alle falde del Vesuvio)
    • 1848: Primo esperimento di illuminazione a luce elettrica d'Italia a Lecce, per opera di mons. Giuseppe Candido. Illuminazione dell'intera piazza in occasione della festa patronale.
    • 1852: Primo Telegrafo Elettrico in Italia (inaugurato il 31 Luglio).
    Primo Bacino di Carenaggio in muratura in Italia (nel porto di Napoli).
    • 1853: Primo Piroscafo nel Mediterraneo per l'America (Il "Sicilia" della Società Sicula Transatlantica di Salvatore De Pace: 26 i giorni impiegati).
    Prima applicazione dei principi Scuola Positiva Penale per il recupero dei malviventi
    • 1856: Primo Premio Internazionale per la Produzione di Pasta (Esposizione Internazionale di Parigi
    premio per il terzo Paese del mondo come sviluppo industriale). Primo Premio Internazionale per la Lavorazione di Coralli (Mostra Industriale di Parigi) Primo Sismografo Elettromagnetico nel mondo costruito da Luigi Calmieri
    • 1859: Primo Stato Italiano in Europa produzione di Guanti (700.000 dozzine di paia ogni anno)
    • 1860: Prima Flotta Mercantile d'Italia (seconda flotta mercantile d'Europa) e prima Flotta Militare (terza flotta militare d'Europa).
    Prima nave ad elica (Monarca) in Italia varata a Castellammare. Più grande Industria Navale d'Italia per operai (Castellammare di Stabia 2000 operai) Primo tra gli Stati italiani per numero di Orfanotrofi, Ospizi, Collegi, Conservatori e strutture di Assistenza e Formazione. Istituzione di Collegi Militari (La Scuola Militare Nunziatella il più antico Istituto di Formazione Militare d'Italia, ed uno dei più antichi del mondo Prime agenzie turistiche italiane La più bassa percentuale di mortalità infantile d'Italia. La più alta percentuale di medici per abitanti in Italia. Prima città d'Italia per numero di Teatri (Napoli), il Teatro San Carlo il più antico teatro operante in Europa, costruito nel 1737 Prima città d'Italia per numero di Conservatori Musicali (Napoli). Primo "Piano Regolatore" in Italia, per la Città di Napoli. Prima città d'Italia per numero di Tipografie (113, in Napoli). Prima città d'Italia per numero di pubblicazioni di Giornali e Riviste. Primi Assegni Bancari della storia economica (polizzini sulle Fedi di Credito) La più alta quotazione di rendita dei titoli di Stato (120% alla Borsa di Parigi). Il Minore carico Tributario Erariale in Europa. Maggior quantità di Lire-oro nei Banchi Nazionali (dei 668 milioni di Lire-oro, patrimonio di tutti gli Stati italiani messi insieme, 443 milioni erano del regno delle Due Sicilie). Monopolio mondiale dello zolfo, avendo oltre 400 miniere di zolfo, copriva circa il 90% della produzione mondiale di zolfo e affini
    Voci correlate [modifica]

    Bibliografia [modifica]
    • Gennaro De Crescenzo, Le Industrie del Regno di Napoli
    • Mario Montalto, La Marina delle Due Sicilie
    • Francesco Saverio Nitti, La Scienza delle Finanze,1903
    • Archivio di Stato di Napoli, Ricerca a cura del Dott. Nicola Forte
    • Harold Acton, Gli ultimi borboni di Napoli (1825 - 1861)
    • Michele Vocino, Primati del Regno di Napoli
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Primati_del_Regno_di_Napoli_e_delle_Due_Sicilie"
    Categorie: Regno di Napoli | Regno delle Due Sicilie

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2009
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da novis Visualizza Messaggio
    Non concordo tanto sull'analisi storica (nel senso che non mi pare che gli stati preunitari fossero davvero così in concorrenza virtuosa tra loro, erano stati arretrati, basati su un'agricoltura non capitalistica, non avevano neanche rapporti commerciali tra loro per via dei confini e dei dazi, gli unici che tenevano un pò il passo con gli stati europei erano il Piemonte e la Lombardia), ma concordo pienamente sull'analisi politica.(preunitari non vuol dire appena prima dell'unità, ma i secoli prima..e c'0erano altre terre altrettanto se non di più avanzate..)
    La concorrenza fiscale tra stati c'è anche negli USA, lì sarebbe un'eresia parlare di "armonizzazione fiscale tra stati" come si fa invece in ambito europeo.
    Concordo anche sul fatto che l'itaglia, per le sue caratteristiche storiche e culturali, sarebbe il luogo ideale per instaurare una competizione virtuosa tra regioni e province, molto più di altri paesi europei di tradizione unitaria. Il famoso campanilismo italico è una virtù, mai sfruttata.
    .

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,953
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sir_Shafford Visualizza Messaggio
    (preunitari non vuol dire appena prima dell'unità, ma i secoli prima..e c'0erano altre terre altrettanto se non di più avanzate..).
    Si certo, ma non pensavo Dragonball volesse riferirsi ai tempi medievali-rinascimentali

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ves69, tra i primati del Regno delle Due Sicilie non ti dimenticare quello dell'analfabetismo (87%), ma suppongo che siano stati i perfidi massoni risorgimentali a ritoccare le cifre, e probabilmente il Regno Borbonico aveva in realtà un tasso di scolarizzazione elevatissimo paragonabile a quello degli altri paesi di lunga tradizione industriale...

  8. #8
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pavel_ivanovic Visualizza Messaggio
    ves69, tra i primati del Regno delle Due Sicilie non ti dimenticare quello dell'analfabetismo (87%), ma suppongo che siano stati i perfidi massoni risorgimentali a ritoccare le cifre, e probabilmente il Regno Borbonico aveva in realtà un tasso di scolarizzazione elevatissimo paragonabile a quello degli altri paesi di lunga tradizione industriale...
    http://cronologia.leonardo.it/storia/a1863.htm
    DICEMBRE 1863
    *** ESCE LA PRIMA STATISTICA ITALIANA SULL'ANALFABETISMO
    Su 21.777.374 abitanti gli analfabeti sono 16.999.701.
    3.884.225 sono abbastanza alfabetizzati
    893.388 sanno appena leggere
    Totale l'80% della popolazione risulta analfabeta.



    http://www.cyberscuola.it/file.php/4...o_la_unita.pdf
    Nel nuovo stato solo il
    2% della
    popolazione parlava l'
    italiano; la restante parla il dialetto di appartenenza. Persino i
    Parlamentari, nelle prime sedute, si esprimevano come sapevano : nel loro dialetto o
    addirittura [SILVIA]alcuni piemontesi in francese[/SILVIA], che sapevano meglio del piemontese e dell’italiano fiorentino.
    Il censimento del
    1861, su una popolazione di 21.777.334 abitanti (esclusi, ovviamente,
    Lazio e Veneto), conto’ il
    78% di analfabeti.
    La lotta
    all'analfabetismo fu affrontata dai primi governi italiani ed il problema
    dell'istruzione fu risolto con il solo metodo della piemontesizzazione.
    La
    legge Casati, approvata nel 1859 in Piemonte, è estesa a tutto il regno. Essa prevede

    4 anni di scuola elementare gratuita
    , ma non richiedeva l'obbligatorietà, per cui
    molte famiglie evitarono di mandare i propri figli a scuola.

    Il Regno delle Due Sicilie contava poco più di 9.000.000 di abitanti quindi più o meno il 46% della popolazione





  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Analfabeti per 100 abitanti di 6 anni e oltre Anni 1861 Nord 67,0; Sud 87,1 Italia (confini alle date)74,7 Fonte: SVIMEZ, Un secolo di statistiche italiane: Nord e Sud, Roma, 1961

    http://209.85.135.104/search?q=cache...lnk&cd=4&gl=it

    c'est à la carte...

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2009
    Messaggi
    850
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [quote=ves69;7824922]http://cronologia.leonardo.it/storia/a1863.htm
    DICEMBRE 1863
    *** ESCE LA PRIMA STATISTICA ITALIANA SULL'ANALFABETISMO
    Su 21.777.374 abitanti gli analfabeti sono 16.999.701.
    3.884.225 sono abbastanza alfabetizzati
    893.388 sanno appena leggere
    Totale l'80% della popolazione risulta analfabeta.



    http://www.cyberscuola.it/file.php/4...o_la_unita.pdf

    Nel nuovo stato solo il
    2% della

    popolazione parlava l'italiano; la restante parla il dialetto di appartenenza. Persino i
    Parlamentari, nelle prime sedute, si esprimevano come sapevano : nel loro dialetto o
    addirittura [silvia]alcuni piemontesi in francese[/silvia], che sapevano meglio del piemontese e dell’italiano fiorentino.
    Il censimento del 1861, su una popolazione di 21.777.334 abitanti (esclusi, ovviamente,
    Lazio e Veneto), conto’ il 78% di analfabeti.
    La lotta all'analfabetismo fu affrontata dai primi governi italiani ed il problema
    dell'istruzione fu risolto con il solo metodo della piemontesizzazione.
    La legge Casati, approvata nel 1859 in Piemonte, è estesa a tutto il regno. Essa prevede
    4 anni di scuola elementare gratuita


    , ma non richiedeva l'obbligatorietà, per cui

    molte famiglie evitarono di mandare i propri figli a scuola.

    Il Regno delle Due Sicilie contava poco più di 9.000.000 di abitanti quindi più o meno il 46% della popolazione



    proprio per quello diciamo che gli itagliani siete voi...comunque scusami ma un cosi basso analfabetismo in meridione nell'800 è ben poco credibile..semmai quelli in molte aree "depresse" del meridione sembrerebbero essere dati attuali..



 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 31-08-12, 16:35
  2. AFGHANISTAN dei talebani.Prima degli USA stavano meglio....
    Di skybullet nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-10-07, 06:14
  3. Gli Iracheni Affermano Che Stavano Meglio Sotto Saddam
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-01-07, 10:42
  4. stavano meglio quando stavano peggio
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-04-05, 20:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226