User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,960
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Carlo Lottieri critica la proposta lombarda sul federalismo

    Ho sentito oggi l'intervista che RPL ha fatto a Carlo Lottieri in merito all'approvazione della proposta di federalismo fiscale varata dalla regione Lombardia.
    Il succo del discorso è che questa proposta non concretizza un vero federalismo fiscale perchè non trasferisce la potestà impositiva alle regioni, permettendo quella vera concorrenza fiscale tra regioni così positiva per l'economia, ma la lascia a Roma, e di conseguenza per Lottieri si dovrebbe abbandonare questa proposta per passare a una riforma costituzionale in senso federale dello Stato.

    Ora, questo approccio secondo me non dovrebbe neanche essere preso in considerazione dalla Lega, nemmeno per un secondo, e questo pensiero non dovrebbe affliggerla che per lo spazio di un nanosecondo.
    La scorsa legislatura si è tentato di fare una riforma della Cost., molto debole tra l'altro in senso federalista: è stata bocciata.
    Di conseguenza la regione Lombardia ha utilizzato l'unico mezzo concreto a disposizione per mettere fine alla spoliazione delle sue risorse.
    Quindi, si va avanti con quella proposta, perchè è l'unica percorribile. Punto e stop.

    Tutto quello che dice Lottieri è giusto, lo so anch'io, lo sa bene la mia famiglia, lo sa la Lega, lo sa lo stesso Formigoni e il consiglio regionale lombardo.
    Quello che noi sappiamo però, e che Lottieri non sa, è che non viviamo sulla luna, dove i modelli ideali possono essere tutti applicati; viviamo in un paese tremendo che si chiama itaglia: se si volesse ritentare una riforma costituzionale per introdurre il federalismo fiscale competitivo, sarebbero altri 5 anni buttati alle ortiche senza combinare NULLA, IL NULLA PIU' ASSOLUTO.
    Chi in politica è costretto a fare, anzichè a partorire solo idee e bei pensieri, sa che deve operare con le circostanze che si trova intorno e che non si è scelto .

    Oltretutto, si può tentare di fare un'analisi sulle conseguenze che l'approvazione di questa proposta avrà sullo stato centrale? ogni paragone che viene fatto con le province autonome di Trento e di Bolzano, che hanno molte risorse ma che sono costrette a sprecarle, perchè non hanno potestà impositiva, secondo me è pretestuoso, è come cercare di fare una proporzione tra grandezze non omogenee, non si possono paragonare gli effetti nelle due piccole province autonome da quelli che si avrebbero in tutto il paese: insomma, si può pensare che lo stato centrale, una volta che sia costretto a lasciare la stragrande maggioranza di tutta l'IVA alle regioni, la potestà impositiva sull'IVA la ceda prima o poi alle regioni? si può pensare che sarà più facile per le regioni rivendicare la potestà impositiva se la gran parte delle risorse sono già in mano loro, anzichè se sono ancora in mano allo stato? o è troppo ardito? oppure troppo ovvio?
    Altra considerazione, con la proposta lombarda i tributi di ogni regione vengono raccolti dalla regione stessa, senza più passare dalla redistribuzione da parte dello stato centrale. Ora, mi ricordo che in occasione delle agitazioni per lo sciopero fiscale di questo autunno il governatore Galan, interrogato sul perchè non organizzasse lo sciopero fiscale, disse che lui lo avrebbe fatto, se solo i tributi dei veneti li avesse riscossi la regione Veneto anzichè lo stato centrale; con l'approvazione della proposta lombarda questa scusa non ci sarà più, se la pressione fiscale è troppo alta saranno i governatori stessi che potranno organizzare lo sciopero fiscale che lo scorso anno hanno appoggiato.

    I miei sospetti sull'IBL si rafforzano ogni giorno di più, non perdono occasione

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da novis Visualizza Messaggio
    Ho sentito oggi l'intervista che RPL ha fatto a Carlo Lottieri in merito all'approvazione della proposta di federalismo fiscale varata dalla regione Lombardia.
    Il succo del discorso è che questa proposta non concretizza un vero federalismo fiscale perchè non trasferisce la potestà impositiva alle regioni, permettendo quella vera concorrenza fiscale tra regioni così positiva per l'economia, ma la lascia a Roma, e di conseguenza per Lottieri si dovrebbe abbandonare questa proposta per passare a una riforma costituzionale in senso federale dello Stato.

    Ora, questo approccio secondo me non dovrebbe neanche essere preso in considerazione dalla Lega, nemmeno per un secondo, e questo pensiero non dovrebbe affliggerla che per lo spazio di un nanosecondo.
    La scorsa legislatura si è tentato di fare una riforma della Cost., molto debole tra l'altro in senso federalista: è stata bocciata.
    Di conseguenza la regione Lombardia ha utilizzato l'unico mezzo concreto a disposizione per mettere fine alla spoliazione delle sue risorse.
    Quindi, si va avanti con quella proposta, perchè è l'unica percorribile. Punto e stop.

    Tutto quello che dice Lottieri è giusto, lo so anch'io, lo sa bene la mia famiglia, lo sa la Lega, lo sa lo stesso Formigoni e il consiglio regionale lombardo.
    Quello che noi sappiamo però, e che Lottieri non sa, è che non viviamo sulla luna, dove i modelli ideali possono essere tutti applicati; viviamo in un paese tremendo che si chiama itaglia: se si volesse ritentare una riforma costituzionale per introdurre il federalismo fiscale competitivo, sarebbero altri 5 anni buttati alle ortiche senza combinare NULLA, IL NULLA PIU' ASSOLUTO.
    Chi in politica è costretto a fare, anzichè a partorire solo idee e bei pensieri, sa che deve operare con le circostanze che si trova intorno e che non si è scelto .

    Oltretutto, si può tentare di fare un'analisi sulle conseguenze che l'approvazione di questa proposta avrà sullo stato centrale? ogni paragone che viene fatto con le province autonome di Trento e di Bolzano, che hanno molte risorse ma che sono costrette a sprecarle, perchè non hanno potestà impositiva, secondo me è pretestuoso, è come cercare di fare una proporzione tra grandezze non omogenee, non si possono paragonare gli effetti nelle due piccole province autonome da quelli che si avrebbero in tutto il paese: insomma, si può pensare che lo stato centrale, una volta che sia costretto a lasciare la stragrande maggioranza di tutta l'IVA alle regioni, la potestà impositiva sull'IVA la ceda prima o poi alle regioni? si può pensare che sarà più facile per le regioni rivendicare la potestà impositiva se la gran parte delle risorse sono già in mano loro, anzichè se sono ancora in mano allo stato? o è troppo ardito? oppure troppo ovvio?
    Altra considerazione, con la proposta lombarda i tributi di ogni regione vengono raccolti dalla regione stessa, senza più passare dalla redistribuzione da parte dello stato centrale. Ora, mi ricordo che in occasione delle agitazioni per lo sciopero fiscale di questo autunno il governatore Galan, interrogato sul perchè non organizzasse lo sciopero fiscale, disse che lui lo avrebbe fatto, se solo i tributi dei veneti li avesse riscossi la regione Veneto anzichè lo stato centrale; con l'approvazione della proposta lombarda questa scusa non ci sarà più, se la pressione fiscale è troppo alta saranno i governatori stessi che potranno organizzare lo sciopero fiscale che lo scorso anno hanno appoggiato.

    I miei sospetti sull'IBL si rafforzano ogni giorno di più, non perdono occasione
    Interessante.
    Naturalmente ogni contributo migliorativo sul federalismo fiscale è ben accetto.
    "Sospetti sull'IBL": ovvero?

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,960
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    "Sospetti sull'IBL": ovvero?
    L'IBL ha fatto una battaglia sul caso Malpensa-Alitalia, volta ad appoggiare la vendita ad Airfrance (e su questo niente di male); quello che è veramente troppo strano è che per dare corpo alla loro tesi hanno sostenuto che la SEA avrebbe dovuto ritirare la causa di risarcimento danni ad alitaglia (danni pesanti, da 1 miliardo di euro), perchè "ci avrebbe rimesso" lei stessa se alitalia fosse fallita, ossia ci avrebbe rimesso di più che se alitalia non fosse fallita, ma si fosse spostata interamente a Fiumicino: sta in piedi una cosa del genere? secondo me proprio no. Cosa poteva importare alla SEA a quel punto se alitaglia falliva? niente.
    Oltretutto i "liberisti" dell'IBL hanno taciuto della clausola delle rotte bloccate di Malpensa, di cui non potevano non essere a conoscenza visto che tutto il mondo ne parlava, quindi si sono spesi per una soluzione antimercato (bloccare le rotte significa bloccare il mercato con un provvedimento governativo), spacciandola per "liberista".
    In una parola, penso il peggio degli analisti dell'IBL, penso che su quella vicenda abbiano scritto su commissione di qualcuno.
    Non è in causa Lottieri, ma altri blasonati opinionisti si.

    A questo si aggiungono articoli continui volti a screditare la Lega come "poco liberista"...troppo continui e aspri, anche per il liberista più fanatico , il quale non potrebbe non vedere che se pure la Lega non si chiama "partito liberista e liberale padano", è comunque il meno statalista che c'è in itaglia sotto quel punto di vista.
    Per far fallire delle proposte antistataliste si può anche tacciarle di antiliberalismo, è un giochino che peraltro si è sempre fatto in itaglia sin dal 1800 .
    Queste critiche continue, unite all'opaca e inquietante analisi sul caso alitaglia, mi fanno pensare male.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 27-02-13, 11:02
  2. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 16:52
  3. Proposta di legge lombarda per promuovere i prodotti locali
    Di Auriga nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-10-08, 08:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226