DOMA' NUNCH
Associazione econazionalista Insubre
www.eldraghbloeu.com


COMUNICATO STAMPA DEL 11 Maggio 2008


Emergenza cementificazione a Lentate sul Seveso


La sezione Domà Nunch Brianza, sensibile alle problematiche ambientali e all'identità territoriale, da qualche tempo si è posta tra i propri obiettivi il monitoraggio del territorio di Lentate e della Valle del Seveso. Riteniamo pertanto che sia doveroso segnalare a tutti i mezzi d'informazione i progetti di espansione edilizia che l’amministrazione comunale di Lentate sul Seveso / Lentaa ha già annunciato, prima ancora dell’avvio delle procedure per la stesura del nuovo Piano di Governo del Territorio.

Nello specifico contestiamo:

- Il progetto di alienazione delle aree verdi all’interno del territorio comunale, al fine di permettere lo sviluppo dell’edilizia
- Il progetto di cementificazione dell’area ex-Schiatti. L’area della storica villa con annesso giardino sarebbe stata ceduta ad una società immobiliare di Altamura (Bari) e – ad oggi - non si sono viste opere di riqualificazione dell’edificio. Nulla vieta di pensare che chi si sobbarcherà il costo potrà avere in cambio il mantenimento dell’attuale volumetria (71mila metri cubi) della fabbrica Schiatti e trasferirla però in una zona non urbanizzata. In quest’ottica Domà Nunch sostiene le azioni del “Comitato Ambientale e di Archeologia Industriale”, nato proprio per la salvaguardia dell’area e per la tutela del territorio lentatese
- Il progetto del nuovo Polo Fieristico, a due passi dall’erigenda Autostrada Pedemontana, che si prefigura come un’opera sproporzionata e inutile rispetto alle reali necessità della comunità locale, e che piuttosto farà da sponda a forme di speculazione che niente hanno a che fare con i bisogni delle nostre comunità

Domà Nunch propone:

- Il blocco alle nuove espansioni edilizie, ovvero un PGT a crescita zero. Nessuna crescita possibile in un Comune con una densità già superiore a 1000 abitanti per kmq
- Restituzione alla popolazione dell’area ex-Schiatti tramite il suo parziale abbattimento e la creazione un prato alberato; tutela degli edifici di prestigio, nella loro forma di archeologia industriale, allo scopo di insediarvi un museo del territorio dedicato alla cultura della produzione tessile, ma anche alla storia e alla geografia locale, garantendo nel centro di Lentate una dimensione educativa e di memoria della nostra identità
- Rilanciare l’economia locale non tramite il Polo Fieristico, ma attraverso nuove strategie di supporto dell’agricoltura e dell’allevamento, attività tradizionalmente presenti nel territorio lentatese, oggi assediate dall’urbanizzazione

Domà Nunch si augura così di contribuire alla rinascita dei nostri luoghi e al ritorno a uno stile di vita basato sul vero benessere della gente e non sulla schiavitù generata dal profitto di pochi.

BASTA CIMENT!
Per informazioni sull’Associazione: http://www.eldraghbloeu.com/