User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26
  1. #1
    Vamos bien!
    Data Registrazione
    02 May 2005
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rifondazione. Bertinotti, Chi Era Costui?

    13/05/2008
    13 Mag. - "Ho sentito persino un'accusa del genere contro di lui: portava i gemelli", dice Rina Gagliardi con un profondo sospiro. Nella Rifondazione dissolta dal punto di vista parlamentare, nello scontro tra Vendola e Ferrero per la segreteria, forse quello che più di tutto pesa e sotto forma di inquietudine percorre l'intero gruppo dirigente, è l'inaspettato accanimento nei confronti di Fausto Bertinotti.
    L'ex presidente della Camera non dice una parola, non si è fatto vedere durante la riunione del comitato politico nazionale di domenica scorsa, si è limitato a sottoscrivere la mozione per Vendola. "Ma certo è molto amareggiato", ammettono quelli che lo conoscono bene. E più dell'amarezza per una pesante sconfitta politica: è la scoperta di una sconfitta, in alcuni casi, persino sul terreno dei rapporti umani.

    Per molti dirigenti de viale del Policlinico è emblematica la scelta di Citto Maselli, il regista molto amico di Bertinotti, serate e serate di chiacchiere, "nelle foto lo vedevi alle sue spalle", ora critico durissimo di questi ultimi anni. "Più bertinottiano di Bertinotti", si limitano a notare gli amici dell'ex segretario. O Walter De Cesaris, tra i principali collaboratori di Fausto, anche lui sul fronte critico. O alcune femministe che in passato sono state molto valorizzate dal leader del partito.

    Ma non è tanto la polemica che colpisce Bertinotti. E quel miscuglio di sentimenti e risentimenti che la Gagliardi così sintetizza: "Trovo indecente, oltre i limiti tollerabili del dibattito politico, questa vera e propria campagna contro Bertinotti come persona: rancorosa, livorosa, plebea. Alimentata anche da molti suoi ex amici". Come successe a Occhetto, e prima a Craxi... "Che il giorno dopo non si trovava più un craxiano, appunto -chiosa Rina gagliardi- Conferma una visione pessimistica rispetto alla natura umana. Ma è normale rinfacciare a un leader politico che porta i gemelli? Ma insomma...".

    Colpito è anche Gennaro Migliore, nella scorsa legislatura capogruppo a Montecitorio. "Una cosa incredibile. Come se l'arrivo di quelli che vogliono occupare oggi il partito -tra di loro sono stati infatti sempre divisi- fosse dettato da uno stesso sentimento: cancellare Bertinotti politicamente e anche da un punto di vista umano. E proprio quelli che erano più vicini, oggi si appoggiano alle storie del cachemire".

    Bertinotti osserva, ingoia bocconi amari e per ora non parla. Intanto organizza le riunioni di redazione della sua rivista "Alternative per il socialismo": un tempo magari si svolgevano presso il suo appartamento di presidente della Camera, adesso negli uffici della Fondazione della stessa, di cui è a capo. E proprio per la rivista sta preparando una lunga analisi -la sua replica alla valanga di accuse di queste settimane- sulla disfatta elettorale della Sinistra arcobaleno.

    Pure Pietro Sansonetti, il direttore di Liberazione, criticato dalla nuova maggioranza del partito, si espone nella difesa netta dell'antico leader. "Di Bertinotti penso tutto il bene possibile. E' uno dei peronaggi più significativi della sinistra, ha salvato Rifondazione infinite volte. Certo, ha subito la sconfitta, ma se un nuovo gruppo dirigente prenderà in mano la sinistra, non potrà non ripartire da lui". E Migliore continua a scuotere la testa stupito: "La cosa più impressionante è che i più acerrimi nemici di fausto sono oggi quelli stessi che erano un tempo i bertinottiani più accesi". (Il Foglio)
    http://www.clandestinoweb.com/number...-costui-2.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Vamos bien!
    Data Registrazione
    02 May 2005
    Messaggi
    3,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ferrero: la sfida della Sinistra è nella società
    Marzia Bonacci, 13 maggio 2008, 19:47

    Politica Bisogna ripartire dalla società, dall'opposizione e non dalle costituenti nè dal partito unico. Il Prc va difeso ma senza che si chiuda nel proprio confine identitario, perchè bisogna lavorare con gli altri partiti della Sa. Con il Pd, se farà opposizione a Berlusconi, sarà possibile operare insieme. Queste le linee politiche che animano Paolo Ferrero



    Con Paolo Ferrero, firmatario di una delle cinque mozioni che animeranno il congresso del Prc e candidato alla segreteria, abbiamo parlato del futuro del suo partito che si incammina verso l'assise di luglio, della sinistra e del progetto unitario, ma anche della sconfitta elettorale che ancora pesa e ancora influenzerà il futuro di Rifondazione e degli altri quattro partiti.

    Il prossimo congresso del Prc avrà come tema centrale quello del rapporto del partito con le altre formazioni della sinistra, quindi anche il tema del processo unitario. Quale pensi debba essere la linea da seguire: si parla infatti di costituente dei comunisti, di quella della sinistra, della federazione?
    Le ipotesi di precipitazioni organizzative in costituenti che si stanno avanzando in questo periodo -le principali sono quella della costituente della sinistra e quella comunista, in una situazione in cui i verdi ripropongono il fatto di esistere come verdi- rischiano di spaccare la sinistra per linee ideologiche. Per cui da un lato ci sarebbe chi non si definisce comunista, dall'altro chi invece si definisce tale e, infine, chi rivendica la propria identità verde: un disastro che non solo non rappresenta l'unità della sinistra, ma ne precluderebbe anche la possibilità di costruire un' opposizione efficace a Berlusconi, rischiando di favorire gli elementi di concorrenza su quelli dell'aggregazione.

    Allora quale strada va percorsa?
    E' necessario costruire l'unità della sinistra senza concorrenze o precipitazioni a partire da due iniziative: attivare le case della sinistra, dove trovino spazio tutti (partiti, associazioni, comitati etc.), che ricomincino dal territorio e dalle sue esigenze: gli sfratti, gli asili nidi, i servizi e quant'altro. Una politica e una sinistra fatta dal basso per intenderci. Questo perché la sconfitta elettorale, consumatasi quando era massimo il tentativo di unità fra i ceti politici con i quattro partiti schierati insieme, si spiega solo con la perdita di contatto della sinistra con la società, la quale non ci ha riconosciuto come forza utile. Allora bisogna ricostruire l'utilità sociale della sinistra a partire dal territorio.

    E poi?
    E poi, costruire da subito un coordinamento delle forze della sinistra, politiche e sociali, per organizzare un' opposizione al governo Berlusconi. La vicenda del Parlamento di questa mattina è emblematica: il neopresidente del Consiglio ripropone il suo vecchio programma e il Pd assume un atteggiamento interlocutorio, Berlusconi riconosce il Pd e l'opposizione coglie questo segnale come una sua legittimazione, come se fosse lui a convalidare il ruolo politico dei democratici. In questo contesto è decisivo costruire un'opposizione nel Paese perché il rischio è che le destre realizzino il loro programma e consolidino il proprio blocco sociale. Voglio ricordare che nel 2001-2002 Berlusconi fu arginato dalla manifestazione di Genova e dalla mobilitazione della Cgil: senza tutto questo non ci sarebbe stata la sua sconfitta.

    Hai parlato del Pd criticandone l'atteggiamento troppo blando verso Berlusconi. Ma è proprio dal Pd, in particolare da D'Alema, che è giunta una proposta di coinvolgimento della sinistra per superare l'autosufficienza che Veltroni ha impresso a questa formazione e contrastare il governo delle destre. Cosa ne pensi?
    Il nostro avversario è Berlusconi e il berlusconismo. Saluto positivamente che una parte del Pd non abbia l'intenzione di cancellare la sinistra, come invece lasciavano intendere le ipotesi di riforma della legge elettorale alle europee. Sul piano dei contenuti credo però che bisogna fare chiarezza: se il Pd farà opposizione a Berlusconi, come auspico io stesso, allora lavoreremo insieme; in caso contrario, la faremo noi, e in quel frangente si apriranno delle contraddizioni nel Pd che bisognerà analizzare.

    Tu parli di ricostruire l'utilità sociale della sinistra. Ma a livello partitico?
    Bisogna attivare anche un processo più politico e di convergenza a tutti i livelli.

    Di che tipo? Pensi ad un modello di federazione fra i quattro partiti?
    Federativo tra i partiti no, perché il problema non è questo, bensì costruire una rete di relazioni stabili che coinvolga tutti i soggetti disponibili (movimenti, associazioni, militati dei partiti etc.) senza chiedere a nessuno di sciogliersi. Questo può evitare che si costruiscano in concorrenza la costituente della sinistra e quella comunista e che la sinistra si spacchi. Propongo un ragionamento unitario di opposizione e che per essere tale non può partire dalle forme organizzative ma dai contenuti, dai percorsi sociali.

    Dunque il partito unico non è un'urgenza. Però non pensi che l'elettorato vi abbia bocciato perché percepiti solo come un cartello elettorale a cui invece si preferiva un'unità vera e più vincolante?
    Il motivo della sconfitta, quello fondamentale, non risiede nell'assenza della falcemartello o nel fatto che Sa sia stata percepita come un semplice cartello elettorale: sicuramente questi fattori hanno inciso negativamente, ma il problema è stato un altro e spiega anche le proporzioni imponenti della sconfitta. E' quello di aver partecipato ad un governo che non ha soddisfatto le aspettative del 2006, per cui il popolo ha visto nella sinistra qualcosa di inutile, la perpetuazione di un ceto politico. Molti elettori, anche della nostra parte, non hanno pensato fosse fondamentale salvarci perché non ci hanno visti come una forza utile: "siete stati due anni al governo e cosa avete fatto?", questo è ciò che si sono chiesti negandoci il voto. E' stata, la nostra, una sconfitta politica non legata ad elementi particolari che riguardano un tessuto militante (assenza falcemartello o cartello elettorale), bensì al rapporto della sinistra con la società. Per questo si deve ripartire da qui, dal punto di fondo della sconfitta: l'opposizione sociale.

    Dunque il Prc deve tornare ad essere una forza di piazza e non di governo?
    L'analisi del congresso di Venezia in cui abbiamo ipotizzato di andare al governo con le forze che poi hanno costituito il Pd, pensando di far leva sul programma e sul conflitto per permeare e influenzare l'esecutivo in base alle istanze sociali, è stata fallimentare. Abbiamo sopravvalutato i rapporti di forza, la nostra capacità di incidere sull'esecutivo. La collocazione odierna all'opposizione, addirittura da fuori il Parlamento, non è solo un fatto necessitato, ma anche necessario: o si cambiano infatti significativamente i rapporti di forza in modo da rendere un possibile futuro governo più permeabile alle istanze sociali che non a Confindustria, oppure l'andata al governo è distruttiva di qualsiasi ipotesi politica di sinistra. Prima la società e poi l'esecutivo, altrimenti la sinistra si colloca a mezz'aria. Del resto, non si spiega perché il Pci, quando era all'opposizione, pesava 500 volte più di noi nella determinazione delle scelte del governo, eppure noi stavamo in maggioranza.

    Il prossimo congresso del Prc potrebbe, secondo molti, trasformarsi in una lotta intestina, in una resa dei conti che lo spaccherebbe. E' un rischio reale?
    Ho puntato ad un congresso che fosse a tesi, su un documento unitario che mettesse in comune gli elementi che ci uniscono, e che sono tanti, isolando i punti di distanza. Secondo me era il modo migliore per evitare tensioni eccessive e rotture interne, oltre che per scongiurare il rischio che si organizzassero congressi nei circoli dove cinque documenti vengano mal digeriti. Su questo però i presentatori delle altre mozioni non sono stati d'accordo. Al contrario, è in atto una forzatura che potrebbe trasformare il congresso da un momento di discussione sulla prospettiva politica a un referendum su alcuni nomi. Questo è un pericolo reale e porta con sé quello di trasformare la partecipazione democratico in senso plebiscitario.

    Che congresso vorresti?
    Un'assise che sia un luogo di discussione chiara sulle prospettive politiche, in cui la mia tesi di fondo è che la sinistra debba essere costruita dal basso, dalla società, a partire dall'opposizione. E per questo deve essere plurale e rispettare le diverse identità. A questo scopo il Prc non è un ostacolo ma una risorsa, una delle parti che possono costruire questo processo. Un Prc che è quindi utile e necessario, ma non sufficiente: non c'è nessun settarismo ma la chiarezza di un percorso plurale. E' anche un modo per fare i conti con un errore novecentesco: il mito del partito unico, che poi non è mai tale, a cui invece bisogna contrapporre la lezione del movimento delle donne che ci insegna che il problema è quello di valorizzare le differenze senza che questo diventi gerarchia, che ci insegna il nesso fra uguaglianza e diversità. Un nuovo partito qualora lo facessi non interesserebbe alle tante persone che in tanti modi diversi fanno politica.

    Se la strada per l'unità non è il partito unico, qual è?
    La risposta è in quella che prima definivo rete di relazioni stabili, che massimizzi gli elementi di unità senza cancellare le differenze. A partire dal basso e dall'opposizione. Evitando le costituenti politiche che ci consegnerebbero una sinistra divisa e vecchia, che perpetua l'idea di formazioni politiche calate dall'alto. Noi abbiamo avuto il berlusconismo, con l'idea del capo carismatico e che il Pd ha scimmiottato con le primarie, ma non va riproposta in casa nostra perché è distruttiva e non costitutiva per la sinistra. La figura del leader non risolve i problemi politici: noi abbiamo avuto un Bertinotti che ha incassato l'8%, ma lo stesso, con la sinistra unita, ha poi raggiunto alle ultime elezioni il 3%. Quindi il problema è politico, è di progetto, e non si risolve con la delega ad un "capo". Questo funziona forse per le destra, ma non per la sinistra che è un processo di partecipazione oppure non è. Soprattutto in una fase di crisi come questa.
    http://www.aprileonline.info/notizia.php?id=7670

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da PRC-Enna Visualizza Messaggio
    Come successe a Occhetto, e prima a Craxi... "Che il giorno dopo non si trovava più un craxiano, appunto -chiosa Rina gagliardi- Conferma una visione pessimistica rispetto alla natura umana.
    E' un eroe anche per la Gagliardi Craxi? Raus

  4. #4
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lavrentij Visualizza Messaggio
    E' un eroe anche per la Gagliardi Craxi? Raus
    È una constatazione.

    Cmq, mi sa che non ci siamo. Dobbiamo tornare ad essere Rifondazione, e fare la nostra politica anticapitalista. Governare in questo contesto non ha senso se non col 50%.

  5. #5
    per il centro-sinistra
    Data Registrazione
    06 Aug 2009
    Messaggi
    2,065
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' un eroe anche per la Gagliardi Craxi? Raus
    AL congresso di Rimini (V) la Gagliardi mi disse, vantandosi mentre facevamo quattro chiacchiere, di aver scritto personalmente la parte del documento di maggioranza che liquidava l'imperialismo come categoria storica e politica del marxismo del 900. Lo diceva come se quel fatto costituisse un merito enorme di cui poter andare fieri.

    capito il personaggio..

    siamo alla frutta compagni...i comunisti non hanno più nessuno spazio di mediazione, in questo prc ridotto in macerie, con gli anticomunisti..
    prima avevamo almeno uno spazio..

    oggi la rifondazione comunista puo' vivere solo rilanciandosi in un soggetto comunista piu' grande

    altrimenti è la fine

  6. #6
    Hanno assassinato Calipari
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    "Il programma YURI il programma"
    Messaggi
    69,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho anch'io l'impressione di avere una classe dirigente di incapaci.

  7. #7
    Utente comun-socialista
    Data Registrazione
    13 Jan 2008
    Località
    Grottaferrata(RM)
    Messaggi
    535
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono cresciuto con Bertinotti, nel bene e nel male sono figlio della sua sinistra.
    e ne vado fiero

  8. #8
    per il centro-sinistra
    Data Registrazione
    06 Aug 2009
    Messaggi
    2,065
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono cresciuto con Bertinotti, nel bene e nel male sono figlio della sua sinistra.
    e ne vado fiero
    questa è una visione idealistica, piccolo borghese e personalistica della politica...

    ecco i danni che ha prodotto bertinotti

    ...figlio della sua sinistra ? forse..
    ma sappi che la sinistra di bertinotti nulla ha da spartire con la sinistra comunista..

    sei figlio di bertinotti..? legittimo..
    ma sappi che sei figlio di un socialista lombardiano che ha contribuito ad affossare il PCI (con il suo amico Ingrao) e non di un comunista

  9. #9
    machistaleninista
    Data Registrazione
    11 Oct 2006
    Messaggi
    6,267
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Miki_Ginecologo Visualizza Messaggio
    Sono cresciuto con Bertinotti, nel bene e nel male sono figlio della sua sinistra.
    e ne vado fiero
    Nello specifico di cosa vai fiero? L'impianto ideologico fa acqua da tutte le parti, a livello di democrazia interna non funziona, l'organizzazione è rasente lo zero assoluto, si è odiati da praticamente tutti gli strati popolari...insomma che cosa c'è da andar fieri?

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Palvesario Visualizza Messaggio
    Nello specifico di cosa vai fiero? L'impianto ideologico fa acqua da tutte le parti, a livello di democrazia interna non funziona, l'organizzazione è rasente lo zero assoluto, si è odiati da praticamente tutti gli strati popolari...insomma che cosa c'è da andar fieri?
    forse ti sei dimenticato di parlare di...







    ..me ne sono dimenticato, fa niente.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 09-04-08, 18:10
  2. Bertinotti in minoranza. Rifondazione più a sinistra
    Di Myrddin-Merlino nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 117
    Ultimo Messaggio: 04-07-07, 14:33
  3. Bertinotti, Stalin e Rifondazione Comunista
    Di kid nel forum Repubblicani
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 04-04-07, 08:03
  4. Bertinotti: Rifondazione non si chiamerà più comunista
    Di Capitancoraggio nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 23-03-06, 20:10
  5. Bertinotti e Rifondazione in Cina.
    Di Egol nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 12-12-05, 14:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226