User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: la guerra di classe è un obbiettivo

Partecipanti
14. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 5 35.71%
  • No

    8 57.14%
  • Non so/Altro

    1 7.14%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: la guerra di classe

  1. #1
    liberal-nazional-conservatore
    Data Registrazione
    22 Aug 2007
    Località
    orgoglosamente Cattolico Apostolico Romano
    Messaggi
    1,115
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito la guerra di classe

    Perdonate questa "invasione di campo" ma volevo fare un domanda a tutti coloro che si ritengono comunisti. Per voi la guerra di classe rimane fra gli obbiettivi che il comunismo deve proseguire?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La lotta di classe (e non guerra) non è mai stato l'obiettivo dei comunisti, semmai il mezzo con il quale raggiungere l'obiettivo storico dell'emancipazione della classe lavoratrice. E poi in questi anni la lotta di classe la stanno combattendo unilateralmente i padroni dal momento che c'è stato un incredibile spostamento di ricchezza dal lavoro salariato ai profitti dal 1992.
    A pugno kiuso!

  3. #3
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,868
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    io non credo che i redditi autonomi siano in guerra con i redditi dipendenti, il fatto che i dipendenti rappresentano un costo per le aziende non è sufficiente a fare di questi dei "nemici". Anche i fornitori rappresentano dei costi per le aziende, ma non vi è alcuna lotta di classe tra ditte clienti e ditte fornitrici, anzi c'è vantaggio reciproco.
    Così come c'è vantaggio reciproco tra un operaio che ha bisogno dello stipendio per il suo sostentamento e l'azienda che ha bisogno di qualcuno che produca i beni da immettere sul mercato.
    Inoltre le aziende hanno lo scopo di vendere i loro prodotti, spesso voluttuari, ciò significa che per avere più introiti le aziende auspicano che ci sia più gente facoltosa possibile pronti ad acquistarli.
    Avere una massa di nulla tenenti sarebbe una sciagura per le aziende, la maggior parte di esse chiuderebbe.

  4. #4
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fatto sta che il potere d'acquisto dei salariati è diminuito negli ultimi 15 anni, mentre i profitti sono saliti notevolmente.... ed il padronato punta sempre il dito contro il costo del lavoro quando questo in realtà incide molto molto poco sul costo totale (tipo il 7%).
    Effettivamente esiste una ricchezza nazionale e il modo in cui è suddivisa rappresenta un indice dei rapporti di classe... se il PIL cresce e se ne avvantaggia solo una classe minoritaria per me rappresenta un problema.
    A pugno kiuso!

  5. #5
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,868
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    è vero che si sono spostate delle ricchezze da chi a meno a chi ha di più.. specialmente pensionati vs redditi autonomi, non credo assolutamente però che la maggior parte dei salariati stesse meglio 15 anni fa rispetto a oggi...
    NEgli ultimi 15 esistono una serie di beni e di consumi che 15 anni fa la gente si sognava..

  6. #6
    Omia Patria si bella e perduta
    Data Registrazione
    14 Apr 2006
    Località
    Contro l'Unione Europea prigione dei Popoli Per un'Europa di Nazioni libere, eguali e sovrane!
    Messaggi
    4,649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tipo Destro Visualizza Messaggio
    Perdonate questa "invasione di campo" ma volevo fare un domanda a tutti coloro che si ritengono comunisti. Per voi la guerra di classe rimane fra gli obbiettivi che il comunismo deve proseguire?
    La lotta di classe esiste indipendentemente dal comunismo..... in effetti tutta la storia umana è stata caratterizzata da conflitti, alleanze, ecc. tra quelli che i sociologi chiamano gruppi sociali, i comunisti classi.

    Ovviamente le classe cambiano e si trasformano nel tempo.

    Però storicamente gli "specialisti" della lotta di classe sono sempre membri delle classi dominanti..... che magari non teorizzano la lotta di classe ma la pratica con grande efficaci.

  7. #7
    Moderatore CasaDelPopolo
    Data Registrazione
    06 Jan 2005
    Località
    Villaricca (Na)
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    è vero che si sono spostate delle ricchezze da chi a meno a chi ha di più.. specialmente pensionati vs redditi autonomi, non credo assolutamente però che la maggior parte dei salariati stesse meglio 15 anni fa rispetto a oggi...
    NEgli ultimi 15 esistono una serie di beni e di consumi che 15 anni fa la gente si sognava..
    E sarebbe normale che con il passare degli anni migliori la qualità della vita delle persone. Invece non è normale uno spostamento così forte nella distribuzione della ricchezza
    A pugno kiuso!

  8. #8
    x il Socialismo Mondiale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pianeta Terra (Verona)
    Messaggi
    8,656
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da chenap Visualizza Messaggio
    E sarebbe normale che con il passare degli anni migliori la qualità della vita delle persone.
    Bisogna però considerare questi due fattori:
    1) l'economia capitalistica è ciclica;
    2) il saggio di profitto tende, anche se lentamente, a calare, e quindi di conseguenza il saggio di sfruttamento tende ad aumentare.
    http://socialismo-mondiale.blogspot.com/
    Invece della parola d'ordine conservatrice Un equo salario per un'equa giornata di lavoro, i lavoratori devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario Soppressione del sist. del lavoro salariato

  9. #9
    Reazionario
    Data Registrazione
    30 Apr 2009
    Messaggi
    430
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    .

  10. #10
    Comunista
    Data Registrazione
    20 Jun 2008
    Località
    Bologna
    Messaggi
    48
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    io non credo che i redditi autonomi siano in guerra con i redditi dipendenti, il fatto che i dipendenti rappresentano un costo per le aziende non è sufficiente a fare di questi dei "nemici".
    quando parliamo di lotta di classe, il discorso è più ampio.
    tu stesso citi due classi sociali: i proprietari di fabbriche, terre, ecc.. ed i lavoratori. Detto così non sembrerebbe nulla di strano, ma vediamo le cose dal punto di vista strutturale.
    Io, uomo, posso "nascere" in una classe sociale qualsiasi: posso avere capitale e dunque creare un industria, posso essere il garzone di un artigiano e con il tempo l'artigiano stesso, oppure posso non avere niente ed essere costretto a vendere il mio lavoro per poter vivere.
    Già nel principio, il capitalismo crea disparità che non sono affatto frutto del merito, ma della semplice appartenenza ad una determinata classe sociale. Infatti in generale, il figlio del proletario (e dopo vediamo chi è il proletario) non potrà mai essere un imprenditore perché non ha e non avrà mai il capitale che gli consente di comprare macchinari, terreni, immobili. Allo stesso modo il figlio dell'artigiano sarà impossibilitato a giocarsela alla pari con un industriale, perché l'industriale sfruttando la catena di montaggio e macchinari automatici, riesce a tenere costi infinitamente più bassi rispetto ad un artigiano. Dunque, anche se l'artigiano è un "professionista" infinitamente più abile e bravo ed i suoi prodotti sono migliori, in generale verrà schiacciato dalla grande industria.
    Allora, in realtà il liberalismo non è libertà perché è una gara nella quale c'è chi parte sicuro di vincere e chi parte indietro, ostacolato, appesantito e abbandonato e certo di perdere (a meno di colpi di fortuna, vabbè).

    Nasce dunque una classe sociale particolare, il proletariato. Il proletario viene privato di ogni abilità professionale perché viene impiegato tipicamente in compiti ripetitivi e meccanici (attenzione! qui non si tratta solo di operai. DI fatto, anche il generico impiegato è un proletario!) e non è più un professionista, ma semplice forza lavoro che non ha ancora trovato modo di essere rimpiazzata da una macchina.
    Può essere sostituito con un altro proletario, senza problemi e senza discontinuità.
    Lavora con mezzi che non sono propri e non otterrà mai la "libertà" dalla sua classe sociale. Semplicemente vende il proprio lavoro per avere il minimo necessario al suo sostentamento.

    Il problema del costo in realtà non è dei singoli proletari, ma della classe del proletariato. IN un certo senso, un proletario è peggio di uno schiavo in quanto lo schiavo viene comprato e per quanto miserabile sia la sua vita, ha l'esistenza assicurata perché il suo lavoro è necessario al padrone. In egual modo è necessario il proletariato perché è la forza lavoro dei padroni di industrie, ma il singolo proletario non ha affatto l'esistenza assicurata! Ce l'ha la sua classe sociale, ma non i singoli componenti!
    Come il padrone dello schiavo deve dargli il minimo per vivere, la classe industriale (borghese) fa lo stesso con la classe del proletariato, con la differenza che i singoli proletari vivono un eterna condizione di instabilità.

    Oggi possiamo vedere l'effetto e la prova di questo osservando come le persone debbono adattarsi a fare mille lavori per vivere.


    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    Anche i fornitori rappresentano dei costi per le aziende, ma non vi è alcuna lotta di classe tra ditte clienti e ditte fornitrici, anzi c'è vantaggio reciproco.
    questo perché i fornitori fanno parte della stessa classe.
    Si tratta di commercio tra borghesi, perché dovrebbero lottare tra loro?

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    Così come c'è vantaggio reciproco tra un operaio che ha bisogno dello stipendio per il suo sostentamento e l'azienda che ha bisogno di qualcuno che produca i beni da immettere sul mercato.
    in realtà, non vi è alcun vantaggio da parte dell'operaio. L'operaio è costretto a "prostituirsi" facendo lavori che lo usurano, spesso ammalano, umiliano e lo sviliscono professionalmente. Dedica la maggior parte della propria vita per svendere la propria forza lavoro ad un individuo che gli da il minimo indispensabile per mantenere in vita la classe del proletariato, non necessariamente lui. Non avrà niente, alcun ricavato nonostante egli è il motore della azienda ed il produttore della merce. Ma il fatto di essere relegato alla catena di montaggio lo induce ed essere niente di più che una macchina e non appunto il produttore della merce, a differenza dell'artigiano (che infatti costituisce una classe sociale più alta, anche se la concorrenza sleale delle industrie lo spinge sempre di più ad essere un proletario).
    Il proletario non impererà alcun mestiere, nessuna abilità e non riuscirà nemmeno ad accumulare ricchezze di nessun tipo. E' questo il giogo della classe borghese che serve per mantenere viva il proletariato: il capitalismo è l'accumulo di ricchezza, e se il proletario lavora una vita per poter poi accumulare qualcosa, non sarebbe più un proletario ma potrebbe essere in grado di mettere su qualcosa. Ed è questo il motivo del perché l'operaio non può ritenersi soddisfatto del lavoro: non vi è scambio equo ma solo sfruttamento.
    Altrimenti potremmo fare lo stesso discorso con gli schiavi: lo schiavo dovrebbe dunque essere grato allo schiavista solo perché effettivamente gli da sostentamento?
    E oltretutto, come ho già detto sopra, lo schiavo ha cose che l'operaio non ha.

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    Inoltre le aziende hanno lo scopo di vendere i loro prodotti, spesso voluttuari, ciò significa che per avere più introiti le aziende auspicano che ci sia più gente facoltosa possibile pronti ad acquistarli.
    Avere una massa di nulla tenenti sarebbe una sciagura per le aziende, la maggior parte di esse chiuderebbe.
    INfatti è questo il problema del capitalismo ed è anche questo il motivo della sua instabilità ed insostenibilità.
    Nei momenti favorevoli, sfruttano a più non posso il proletariato per massimizzare i profitti ma contemporaneamente gli danno sempre meno.
    Ma alla fine è il proletariato a costituire la massa ed anche buona parte del mercato. Esso non ha soldi per comprare merce, la merce si accumula e le fabbriche chiudono.
    Miseria, depressione sociale, ecc... fino a che non si ristabilizza. E poi si ricomincia.

    Basta guardare come stava l'italia negli anni 60 e come sta oggi per rendersene conto.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 310
    Ultimo Messaggio: 06-12-12, 10:23
  2. la lotta (guerra) di classe con morti e feriti da una sola parte
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-12-07, 14:52
  3. La Guerra di Classe Preventiva del kompagno Visco
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-08-06, 20:29
  4. La guerra di classe della CdL
    Di Catilina nel forum Repubblicani
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-04-05, 00:41
  5. Democrazia sindacale e Guerra di Classe
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 07-09-02, 00:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225