questo quanto inviato a senatori e deputati.

- - -

Agli Onorevoli Parlamentari della Repubblica Italiana
data: 26 maggio 2008
oggetto: per favore, aiutate i padri ed i figli separati


Gentili Signori,

nel mio "falso condiviso" ho qualche ora infrasettimanale
+ ogni 15 giorni dal sabato h.10 alla domenica h.21

Oggi volevo portare mia figlia da sua nonna, ma avendo poco
tempo ho mandato verso le 14:00 un messaggio chiedendo
alla madre se andava bene riportarle mia figlia alle 210.

dopo poco mi arriva questo SMS lapidario:

" non tardare perchè la sorellina vuole salutarla
prima di andare a dormire. Ci vediamo alle 21.
"

Io, la mia compagna e mia figlia siamo rimasti di sasso.
Se qualcuno non ci crede mi contatti per vedere l'sms.

Mia madre ha provato a chiamare la Signora, ma niente.

La buonanotte alla sorellina che vede ogni giorno
è più importante della nonna che vede 1-2 volte al mese.

Mia figlia NON conosce la metà del suo ramo familiare.

Va per i 7 anni e non ha avuto la possibilità come gli altri
bambini
di stare decorosamente e crescere col padre e con
le decine di parenti e amici paterni.

Forse nessuno la ripagherà mai per questo, ma almeno
cerchiamo di evitarle che i prossimi 7 siano dello stesso tipo.

Sono oltre 2.000.000 i figli di separati e circa 1/3 ha
insufficienti o nulli rapporti con il padre ed il ramo paterno.

Io non so più come andare avanati oltre che ai soliti
ricorsi e denunce che non esito a fare quando possibile,
ma.. troppo poco cambia. Mi guardo allo specchio e vedo
che ho quasi 34 anni e mi piacerebbe tornare a vivere come
facevo a 29 anni quando iniziò la tirannia senza fine.

Mi hanno risposto in questo mese dieci di Voi Onorevoli,
e li ringrazio, ma mi chiedo anche gli altri 990 dove siano
e se faranno qualcosa per tirarci fuori da qui.

Io pago le tasse, pago gli alimenti, sono una persona che si
impegna ad essere leale ed onesta, e lo faccio anche per
mia figlia, non è giusto che lo Stato faccia questo a me e lei.

Io e mia figlia ci sentiamo lasciati soli.
Dimostrateci il contrario.

firmato