User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,822
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito 100 miliardi di euro al sud e il sud arretra

    Al sud stanno per arrivare 100 miliardi di euro di fondi europei, ma più soldi arrivano più il sud arretra.
    Sono come 10 finanziarie tutte per loro, a cui va aggiunta tutta la "perequazione per questo poooovero sud" da parte della ricca Padania.

    Credo a questo punto che il sud non migliorerebbe neppure se gli arrivasse la metà del PIL di tutto il globo terrestre

    http://europanotizie.ilsole24ore.com...0326018CAA.jsp

    Fondi Ue, «babele» di 66 programmi operativi ma mancano i grandi progetti - ERRORI DA NON RIPETERE La programmazione del periodo 2000-2006 non ha centrato gli obiettivi A Sicilia e Calabria primato delle frodi con 160 casi
    Carmine Fotina


    ROMA
    Trarre una lezione dagli errori del passato non è sempre una cosa semplice. Per rendersene conto basta guardare a come l'Italia ha impostato la gestione del Quadro Strategico Nazionale 2007-2013: 122 miliardi di euro di cui oltre l'80% diretti al Mezzogiorno. Il fallimento della programmazione 2000-2006 e la necessità di cambiare passo fanno capolino nel dibattito tra appassionati del meridionalismo. Ma nell'agenda politica e, almeno per ora, nei programmi di Pd e Pdl i grandi progetti su cui concentrare il nuovo fiume di denaro a disposizione non hanno trovato spazio.
    Eppure in gioco ci sono 100 miliardi di euro, tra cofinanziamento nazionale, Fas e fondi europei destinati alle regioni dell'Obiettivo Convergenza ; Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia – e fondi per Sardegna, Abruzzo e Molise. Quasi 10 Finanziarie messe insieme. Un'occasione storica. Ai due grandi schieramenti politici va il compito di dire come e dove orientare questa valanga di fondi pubblici, come coordinare 66 Programmi operativi approvati da Bruxelles ma già carichi di una grande dose di incoerenza tra obiettivi e finalità di spesa adottati delle singole regioni. Guardandosi alle spalle, non c'è un'unica grande opera ; fatta eccezione forse per la Metropolitana di Napoli degna di essere menzionata per aver usufruito dei fondi di Agenda 2000, anche perché spesso e volentieri si è attinto alle risorse europee non per sviluppare progetti strategici ma per sostituire la spesa ordinaria (nel frattempo diminuita).

    C'è da segnalare poi il capitolo frodi: un rapporto presentato alla commissione Bilancio del Parlamento Ue attribuisce a Sicilia e Calabria il primato di irregolarità legate ai fondi strutturali. I casi registrati nelle due Regioni sono 160 (74 in Sicilia, 86 in Calabria) per un ammontare di 80,4 milioni di euro (su un totale italiano di 300 milioni).

    I risultati mancati
    Il rischio che si sta riproponendo è quello di una governance scoordinata che non indichi progetti prioritari, sovraregionali quando serve, come nel caso delle infrastrutture. La partenza del resto non è stata esaltante. Dai 14 Programmi operativi che componevano il Quadro comunitario di sostegno 2000-2006 si è passati a 66 Programmi per il Quadro strategico nazionale. La novità è che ciascun Programma sarà cofinanziato da un solo Fondo strutturale e questo, se sulla carta dovrebbe facilitare i meccanismi di spesa, rende più urgente un'opera di razionalizzazione. Quasi un anno e mezzo dopo l'Italia non ha ancora speso un solo euro della Programmazione scattata all'inizio del 2007, costretta ancora, a tempo ormai scaduto , a completare la spesa relativa ad Agenda 2000.
    La società Vision and Value e la London School of economics, valutatori esterni incaricati dal ministero dello Sviluppo economico, hanno passato al setaccio l'utilizzo dei fondi strutturali per il periodo 2000-2006. Cinquantuno miliardi di euro, la metà di quelli a disposizione con il Qsn, che raramente hanno portato al raggiungimento degli obiettivi e, in più di un caso, hanno perfino prodotto un ulteriore arretramento del Sud rispetto al Centro-Nord. Effetto perverso di un'intermediazione politica eccessiva, opaca, inefficiente.
    Facciamo alcuni esempi. Nel 1999, prima dell'arrivo dei fondi europei, il tasso di occupazione nelle regioni Obiettivo 1 del Mezzogiorno era del 43%; sette anni dopo il miglioramento si è fermato al 45,9%, mentre nello stesso intervallo il Centro-Nord è cresciuto dal 59,4 al 65 per cento. Si puntava a rilanciare il turismo: ebbene nelle strutture ricettive le giornate di presenze per abitante sono aumentate da 2,9 a 3,3. Mentre nelle regioni del Centro-Nord si passava da 6,8 a 7,5. Nel documento di presentazione del Qsn è lo stesso Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e coesione a prendere atto dell'insuccesso della precedente programmazione: «I numeri evidenziano un regresso sugli indicatori della legalità e non migliora l'indicatore di incidenza di lavoro non regolare, con peggioramenti in alcune regioni. Di poco, si legge ancora nel documento del Dipartimento, aumenta la presenza sui mercati internazionali, mentre peggiora il mix delle esportazioni di prodotti la cui domanda internazionale è in crescita». Dal 1999 al 2006, in sintesi, pochi progressi e diversi passi indietro con errori da non ripetere da qui al 2013.

    Gli obiettivi futuri
    Sessantasei Programmi operativi, alla media di 140 pagine ciascuno, fanno oltre 9.200 pagine di indicatori e obiettivi per ognuno degli assi prioritiari. In alcuni casi si punta a una maggiore concentrazione rispetto al passato (ad esempio la Campania indica progetti comunitari a partire da 50 milioni di euro) ma prevalgono indicazioni generiche e spunti che fanno pensare ancora a un eccesso di dispersione.
    La stagione del Quadro strategico nazionale si era aperta con l'annuncio del governo Prodi riunito a Caserta nel gennaio 2007. È ufficialmente partita in tutte le regioni ma senza che dal livello centrale siano state indicate grandi opere o singoli progetti sovraregionali su cui scommettere.
    «Per non disperdere in micro-interventi anche la programmazione 2007-2013 serve un rapido ripensamento: molte cose si possono correggere in corsa, se necessario chiedendo l'autorizzazione europea , dice Luca Bianchi, vicedirettore della Svimez. Le grandi priorità siano fissate a livello centrale, poi le Regioni, alle quali nessuno vuol togliere competenze, si occupino di definirle e metterle in pratica». Qualcuno, come Bianchi, si spinge fino a immaginare una sorta di Commissione Attali per il Mezzogiorno, qualcun'altro, come il ministro dello Sviluppo Bersani, ha ipotizzato una "cabina di regia" nazionale.
    Sulla sponda opposta c'è chi come l'economista Nicola Rossi si è chiesto piuttosto se non sia il caso di attivare una commissione parlamentare di inchiesta che faccia luce sui guasti della «nuova programmazione» dalla metà degli anni 90 a oggi. Il dibattito è più che mai aperto.
    [email protected]


    I NUMERI DELLA PROGRAMMAZIONE

    51,2 miliardi
    Il Qcs 2000-20006
    È l'ammontare delle risorse del precedente quadro di programmazione. In tutto, circa la metà dei fondi rispetto a quanto è adisposizione con il Quadro strategico nazionale 2007-2013

    20%
    Quota alla Sicilia
    La fetta più grande di risorse sul totale destinata a una singola regione nell'ambito del Qcs 2000-2006. La stima è di Vision & Value-Lse

    66
    Programmi operativi
    È il numero totale dei programmi che compongono il Qsn. Il precedente Quadro era composto da 14 programmi. I Piani possono essere nazionali (Pon), interregionali (Poin) o regionali (Por). I Por sono programmi multisettoriali. Per ciascuna Regione c'è un Por Fesr e un Por Fse (in tutto si tratta di 21 Fesr e 21 Fse)

    3 miliardi
    Obiettivi di servizio
    È la cifra, in euro, messa a disposizione delle amministrazioni in caso di raggiungimento di determinati obiettivi. È un meccanismo di incentivazioni messo a punto dal ministero dello Sviluppo con focus su quattro grandi aree: istruzione; servizi per infanzia ed anziani; gestione dei rifiuti urbani, servizio idrico integrato

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    NO PASARAN
    Data Registrazione
    09 Sep 2007
    Messaggi
    319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Al sud stanno per arrivare 100 miliardi di euro di fondi europei, ma più soldi arrivano più il sud arretra.
    Sono come 10 finanziarie tutte per loro, a cui va aggiunta tutta la "perequazione per questo poooovero sud" da parte della ricca Padania.

    Credo a questo punto che il sud non migliorerebbe neppure se gli arrivasse la metà del PIL di tutto il globo terrestre


    Sono d'accordo con te......le risposte del perchè le trovi tutte nel sopracitato libro......

 

 

Discussioni Simili

  1. duecentoottantamila miliardi di lire pari a 140 miliardi di euro
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 01-10-08, 22:26
  2. tre miliardi di euro (seimila miliardi di lire)
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 23-09-08, 21:28
  3. 2,8 miliardi di Euro
    Di -RAS- nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-06-08, 10:41
  4. Tre miliardi di euro
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16-09-07, 18:04
  5. 52,4 MILIARDI di EURO
    Di EMPEROR DOLLAR $ nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 28-06-02, 15:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226