User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Guerra tra poveri

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Guerra tra poveri

    http://www.lastampa.it/redazione/cms...3506girata.asp


    8/5/2009 (7:10) - IL RISIKO DELL'AUTO - I NODI ITALIANI
    "Senza la Fiat siamo perduti"
    Sos da Termini Imerese e Pomigliano: salvate gli stabilimenti e l'economia locale
    PAOLO BARONI
    ROMA
    Da settimane i bar di via Roma, la strada principale di Pomigliano, quando va bene battono dieci scontrini al giorno. Arrivati a 27 settimane di cassa integrazione in otto mesi gli operai della Fiat non hanno più nemmeno i soldi per il caffè. E’ crisi nera, nelle strade e nelle case. «Per mantenere i miei cinque figli smonto auto rubate», ha confessato un operaio durante la «via Crucis degli operai» organizzata dal parroco don Peppino Gambardella. «Vivo ogni giorno con la paura d’essere arrestato». La suocera di un altro operaio, malata di cancro, racconta invece («Che Dio mi perdoni!») di aver suggerito alla figlia incinta di abortire nel timore di non poterla più aiutare. Nello stabilimento che una volta sfornava le mitiche Alfasud oggi lavorano in 5200: 4700 operai e 500 impiegati. Ma tra indotto e servizi collegati sono 15-20 mila le famiglie vivono «di Fiat».

    Con la cassa integrazione lo stipendio mensile non arriva a 750 euro, e l’unico aiuto concreto per ora arriva dalla Regione: 300 euro d’assegno grazie a corsi di formazione. Ma «o’ renare», i soldi, comunque non bastano ed un intero sistema è ormai al collasso. «La mancanza di liquidità è drammatica - spiega il parroco -. Qui la gente non ha più soldi nè per pagare i mutui, nè per bollette ed utenze». Il timore, non solo della chiesa, è che questa situazione alla lunga faccia crescere fenomeni malavitosi, usura, furti, estorsioni. «La Camorra approfitta di questi momenti per assoldare nuovi adepti» denuncia don Gambardella. «E’ chiaro che in molti possono essere facilmente preda dei clan», ammette «con grosso imbarazzo» il sindaco Antonio Della Ratta (Pd). «Ma bisogna resistere e rompere quel clima ovattato che fa dire a tanti che qui non c’è nessun allarme. Non è vero».

    Come l’altro stabilimento meridionale, Termini Imerese, quello di Pomigliano è da tempo «sotto osservazione». Rispetto alle fabbriche turche o polacche del gruppo Fiat produrre qui un’auto in Campania o in Sicilia costa notevolmente di più. Rispetto ai tempi d’oro, quando si sfornavano 170-180 mila vetture l’anno se non addirittura 190 mila, oggi in tempi di vacche magre lo stabilimento napoletano non arriva a 70 mila. Dopo l’investimento di 110 milioni di euro del 2008 il grosso dei problemi di produttività e di qualità del prodotto (4 auto su 10 presentavano difetti) sono stati risolti, ma questo non basta a garantire il futuro della fabbrica. Lo ha spiegato molto chiaramente Sergio Marchionne ai primi di marzo: «Se ritorniamo ad un livello di normalità il problema di Pomigliano si gestisce in tempo. Se, invece, il mercato dovesse continuare a scendere non c’è nessun produttore che in Europa e nel mondo può mantenere la capacità produttiva». Insomma, Pomigliano (come Termini) oggi è appesa al mercato anche a prescindere dalle nuove alleanze, dall’ingresso di Fiat nella Chrysler o dalla fusione con Opel. «Non saremo da medaglia d’oro, ma dopo la ristrutturazione il bronzo non ce lo leva nessuno - spiega Andrea Amendola, segretario campano della Fiom Cgil -. Quello che qui manca è un nuovo modello da mettere in produzione: Gt, 159 ed una 147 oramai a fine carriera non bastano».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Guerra tra poveri

    La guerra tra poveri.

    Siamo al dunque.
    La Fiat con la dovuta preveggenza cerca spazi in altri lidi.

    Si mormora che debba chiudere due stabilimenti in italia.
    Perché dicono le controparti straniere che si sono messi sotto l’ombrello Marchionne ,”” se dobbiamo ridimensionarci noi, deve toccare a tutti”””

    La visone della Fiat è quella che da per scontato come la situazione di consumismo operante fino ad oggi non si ripeterà mai più.

    Pertanto intelligentemente si adegua alle nuove strategie.

    La Fiat operando con la mentalità di essere in un paese povero, povero perché amministrato da decenni da bande di saccheggiatori., si è mantenuta con una mentalità di produzione adatta al nuovo tipo di società che ne risulterà dalla crisi mondiale.

    La fortuna di essere capace di produrre per mercati poveri.

    Ora che si espande ha trovato un nuovo tipo di sindacato americano che firma un ridimensionamento dello stipendio e di benefit enormi per i lavoratori .

    E’ la nuova strategia mondiale per cui chi lavora deve essere povero ( povero per adesso, schiavo nel futuro)

    Ora questo sistema americano deve essere portato in italia.

    Qualcuno dovrà soccombere.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226