User Tag List

Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 128
  1. #1
    Monarchico da sempre !
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Località
    Italia
    Messaggi
    10,883
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Thumbs up Viva il RE, viva l'Italia, viva Casa SAVOIA !!!

    Il sentimento di Italianità, stride con la data del 2 giugno !

    Messo in soffitta il Governo dei disastri e dei contestatori professionisti della sinistra, gli unici oggi a poter contrastare la festività del 2 giugno, restano coloro che della loro italianità vanno orgogliosi.
    E’ mia opinione infatti che l’amor di Patria ed il sentirsi fieramente italiani, incespichi inevitabilmente con questa infausta data, e mi servirò di celebri firme del giornalismo italiano, per avvalorare questa mia tesi.
    Sergio Romano su Corriere della Sera del 4 febbraio 2002 infatti scrisse : “Esiste un patriottismo che gli italiani non riescono a esprimere e che crea, per questa sua incapacità di uscire all’aperto, una specie di malessere nazionale. (…) le generazioni del dopoguerra sono state abituate a deridere i suoi simboli tradizionali (…) se qualcuno vuole la prova di questa patologia nazionale - un sentimento che non riesce a trovare né parole né simboli - dia un’occhiata alla bandiera sulla facciata dei palazzi pubblici (…) Non è una bandiera nazionale. E’ un drappo stinto, sporco, spesso stracciato. Lo hanno appeso a un’asta per obbedire a una disposizione ministeriale (...) nessuno si sognerebbe di salutare il “tricolore”, di ammainarlo al tramonto, di ripulirlo per le feste nazionali o di ripiegarlo religiosamente (…) Le sole bandiere che suscitano passione in Italia sono quelle delle contrade al Palio di Siena e delle squadre di calcio negli stadi (…) Ma “l’italianità” - una parola, ormai, pressoché impronunciabile – esiste (…)”
    Il bravo Sergio Romano, dovendo dimostrare che l’Italianità è tuttavia presente nel popolo, non può evitare di lasciar cadere il “drappo stinto e sporco” (della repubblica) issato “dalle generazioni del dopoguerra” e ricordarsi di un’altra grande firma del giornalismo italiano, …Oriana Fallaci. Questa Donna infatti in un suo articolo, che Sergio Romano dice essere stato “per molti lettori la scintilla di un corto circuito”, parla della Bandiera d’Italia scrivendo : “Io ho una bandiera bianca rossa e verde dell’Ottocento. Tutta piena di macchie, macchie di sangue, tutta rosa dai topi. E sebbene al centro vi sia lo Stemma Sabaudo (ma senza Cavour e senza Vittorio Emanuele II e senza Garibaldi che a quello Stemma si inchinò noi l’Unità d’Italia non l’avremmo fatta), me la tengo come l’oro. La custodisco come un gioiello” (Corriere della Sera del 29 settembre 2001).
    Oriana Fallaci, che come Sergio Romano certo non può essere considerata persona di fede Monarchica (“sebbene al centro vi sia lo Stemma Sabaudo” ne è prova inconfutabile), non lesina critiche all’odierna repubblica, dichiarando nello stesso articolo : “Naturalmente la mia patria, la mia Italia, non è l’Italia d’oggi. L’Italia godereccia, furbetta, volgare (…) L’Italia cattiva, stupida, vigliacca, delle piccole iene che pur di stringere la mano a un divo o a una diva di Hollywood venderebbero la figlia a un bordello di Beirut (…) L’Italia squallida, imbelle, senz’anima, dei partiti presuntuosi e incapaci che non sanno né vincere né perdere però sanno come incollare i grassi posteriori dei loro rappresentanti alla poltroncina di deputato o di ministro o di sindaco (…) Non è nemmeno l’Italia dei giovani che avendo simili maestri affogano nell’ignoranza più scandalosa, nella superficialità più straziante, nel vuoto (...)”
    Tirando le somme quindi, due più due fa sempre quattro, …come la repubblica “volgare e vigliacca” dei “grossi posteriori dei suoi rappresentanti incollati alla poltrona” stanno al tricolore napoleonico “stinto e sporco” che frustra la nostra italianità.
    Parola di Oriana Fallaci e Sergio Romano quindi : Viviamo in una repubblica contraria ai valori della Patria e dell’Italianità.
    Esempi, a conferma di come la repubblica sia letale per la dignità ed il comune senso di italianità, se ne possono indicare a centinaia. Quanto visto e sentito però contro il Risorgimento, l’unità Nazionale e contro l’Eroe Garibaldi nella puntata del 1° maggio di “Porta a porta” per bocca dell’On. Castelli (ex guardasigilli del Berlusconi 3 ed oggi sottosegretario al Berlusconi 4) sono di uno squallore e di un’indecenza mai provati !
    Lasciando il lettore alle sue riflessioni su quanto scritto, è bene citare, uno dei punti del Decalogo del Buon Italiano proposti dal valoroso Ufficiale Carlo Roselli Lecconi, che, figlio di un Decorato con Medaglia d’Oro e tre d’Argento al Valor Militare, abbandonò l’Esercito Italiano nel momento in cui cessò d’essere Regio : “Dobbiamo considerare il 2 giugno come giorno di lutto. - scrisse - Non si partecipi mai a feste, cerimonie, celebrazioni, non si accettino inviti e si dica sempre, ove sia possibile, perché lo si fa
    Attenendomi scrupolosamente a questo buon proposito, concludo invitando quanti come me non si riconoscono nell’attualità della società repubblicana, ad andarne fieri. Nell’interesse di tutti questo 2 giugno, facciamone con orgoglio un biglietto da visita !

    02.06.2008 - Conterio

    http://www.opinionimonarchiche.blogspot.com/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Vecchio forumista
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    13,246
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conterio Visualizza Messaggio
    Il sentimento di Italianità, stride con la data del 2 giugno !

    Messo in soffitta il Governo dei disastri e dei contestatori professionisti della sinistra, gli unici oggi a poter contrastare la festività del 2 giugno, restano coloro che della loro italianità vanno orgogliosi.
    .................................................. ............................
    Bellissimo articolo, i miei complimenti.

    2 giugno, nulla da festeggiare.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    14,734
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    in italia siete meno di quelli del bene comune, siete tutti su questo forum

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Jul 2011
    Località
    in questo universo
    Messaggi
    4,623
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    no ai savoia. Si all'italia.
    Syntax error.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 Jan 2008
    Località
    segretario msppc
    Messaggi
    15,750
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Albertsturm Visualizza Messaggio
    in italia siete meno di quelli del bene comune, siete tutti su questo forum
    4 SFIGATI CHE NON CONTANO UN CAZZO

  6. #6
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito i savoia sono dei criminali di guerra nemici del sud

    Citazione Originariamente Scritto da Conterio Visualizza Messaggio
    Il sentimento di Italianità, stride con la data del 2 giugno !

    Messo in soffitta il Governo dei disastri e dei contestatori professionisti della sinistra, gli unici oggi a poter contrastare la festività del 2 giugno, restano coloro che della loro italianità vanno orgogliosi.
    .................................................. ...........................
    INDIETRO SAVOIA!







    Indietro Savoia!


    Storia controcorrente del Risorgimento
    Dopo il successo di Briganti, La storia mai raccontata, lametropolis.it prosegue la ricerca alla scoperta delle nostre vere radici. Della cultura che appartiene al Sud, una cultura forte su cui costruire sviluppo. La scommessa del futuro del Sud.
    Il titolo di questa pagina internet è lo stesso del libro di Lorenzo del Boca.

    16/12/05, 02/05/06, 31/05/06


    Due diverse immagini del brigantaggio, una romantica l'altra cruda e spietata: quattro partigiani patrioti del Sud catturati dall'esercito nord-piemontese e da mercenari locali. I quatto, nonostante le apparenze sono tutti morti, sono tenuti dritti dalle braccia assassine dei loro carnefici.
    (Work in progress)
    Indietro Savoia

    DEL BOCA Lorenzo, 2003, Indietro Savoia, Storia controcorrente del Risorgimento, Ed. Piemme, Casale Monferrato (AL) - € 15,90 -

    N.B. Mi è piaciuto il libro e voglio che anche altri lo leggano. Non ho nessun contatto nel con l'autorevole scrittore nè tantomeno con l'editore (www.edizpiemme.it), pertanto vi prego di non mandarmi e-mail su considerazioni sul libro che ho avuto il piacere di leggere ed apprezzare. Lametropolis.it

    Alcuni passi del libro di Lorenzo del Boca

    (introduzione)
    Ora che, con l'abrogazione dell'<esilio transitorio> , la parabola dei Savoia si è compiuta fino all'ultimo atto, è più che mai necessario chiarire che la vera storia del Risorgimento assomiglia ben poco alla romantica oleografia che ci hanno tramandato i libri di scuola.
    Questa è tutta un'altra storia: irriverente, controcorrente, ricca di rivelazioni scomode e perfino sconvolgenti, che non lasciano scampo agli eroi della Casa Sabauda e dell'epopea dell'Unità d'Italia. A cominciare da Carlo Alberto, fiero reazionario che solo controvoglia, e da spergiuro, giunse a concedere la Costituzione. Il <Re Tentenna> fece eliminare per motivi politici tanta di quella gente come non era accaduto neppure negli stati più ferocemente conservatori. Ma il suo è solo il primo nome di una lunga carrellata che, tra conflitti d'interesse e intrallazzi, tradimenti e meschinerie , nefandezze e anutentiche atrocità , non risparmia quasi nessuno dei <Padri> dell'agiofrafia italica.
    Questioni di moneta e di sangue accompagnano, passo dopo passo, la vicenda Savoia. Tacere per amor di Patria, anteporre le ragioni dell'opportunismo politico ai documenti, significa ormai innaffiare le radici dell'anima nera del Belpaese.

    --------------

    (...) Alla congrega dei carbonari che dopo anni di lotte velleitarie si trovarono con un problema concreto, (Massimo D’Azeglio) motivò così la sua proposta di bussare alla reggia del Carigliano: <Se invitate un ladro ad essere galantuomo, e che ve lo prometta, potete dubitare che lo mantenga. Ma invitate un ladro a rubare, e aver paura che vi manchi di parola, non vedo perché>.

    (...) Cominciarono a rubare con la scusa dell'unità d'Italia. E questioni di moneta - a volte sporche, sempre imbarazzanti - accompagnano - passo a passo - le vicende del Risorgimento.

    (...) Il Risorgimento è quello che ci hanno isegnato a scuola? Nelle pagine dei sussidiari è uno spreco di retorica e di buoni sentimenti che allinea un repertorio raro di luoghi comuni.

    (...) Per esempio. Goffredo Mameli, indicato come l'autore dell'inno nazionale, non ha mai inventato un bel nulla ma avrebbe soltanto rubato la musica scritta da un frate, nel convento di Carcare, in Liguria. A quel povero religioso. Anastasio Cannata, non restò che lamentarsi in poesia: <Meditai robusto canto / ma venali menestrelli / mi rapinar dell'arpa il vanto>. Non se ne è accorto nessuno - fino ad adesso - o era meglio non parlarne?
    Il Museo nazionale del Risorgimento di Torino nasconde due bandiere tricolore, strappate, come preda di guerra, dai piemontesi ai napoletani. Ma il verde-bianco-rosso non era il <nostro>?

    (...) Della storia nobile grondano i saggi e le ricerche degli studiosi, che però raccontano soltanto mezza verità e , dunque, per omissione, una mezza bugia. Il resto chi lo scrive? E quando?

    (...) i ragazzi di Comunione e Liberazione, a Rimini, in occasione del loro tradizionale meeting(corsivo), parlassero dei briganti borbonici come partigiani, per provocare l'insorgere dell'intellighentia dei professori (Alessandi Galante-Garrone).
    (...) Chissà perchè trovare documenti e pubblicarli - o anche soltanto insinuare dubbi e sospetti - dovrebbe mettere in discussione i sacri principi...E' un atteggiamento da scienziato sostenere che non c'è pi nulla da scoprire e che è sufficiente ripetere?

    --------------

    (...) In occasione delle celebrazioni per i 150 anni delle storiche <cinque giornate>, vennero organizzate due manifestazioni per ricordare l'avvenimento. La prima commemorazione, ufficiale, in tono con tutta la storiografia risorgimentale, presentò l'episodio come il primo atto di un'epopea destinata a <fare> l'Italia attraverso le guerre d'Indipendenza. L'altra organizzata dalla Lega Nord, mise, piuttosto, l'accento sul carattere autonomo della rivolta e in questo vide la nascita della Padania.

    (...) Carlo Cattaneo...sosteneva che era meglio anare avanti da soli per liberare la Lombardia con l'obiettivo di farne una regione Indipendente da Vienna, ma senza correre il rischio di asservirsi a Torino.

    (...) I milanesi avevano capito che si stava meglio quando si stava peggio...per farsi perdonare l'insurrezione offrirono la cittadinanza onoraria a Radetzkty...A Vienna il musicista Strauss compose una marcia militare per celebrare l'avvenimento...Sono le note che da tempo concludono il concerto di Capodanno...Quelle note, certo coinvolgenti, ricordano che gli autriaci avevano stravinto e che i piemontesi con l'ambizione di fare l'Italia erano finiti kappaò.
    ----------
    (...) Il problema dei Savoia era ingrandire il proprio Regno: insomma realizzare un investimento produttivo, approfittare dell'occasione, fare rendere. Cacciare lo straniero, assicurare l'indipendenza dell'Italia e garantirne l'autonomia erano le giustificazioni da spendre all'esterno: gli stereotipi che l'agiografia risorgimentale accolse acriticamente...

    (...) Il principale impegno di Vittorio Emanuele II si riassumevano nel preoccuparsi degli affari suoi, disinteressandosi di quelli del governo...Gli zar costavano meno, costa meno la regina d'Inghilterra e le spese della Casa Bianca. Nel 1867 il suo appannaggoi raggiunse la cifra di 16 milioni, pari al 2 per cento del bilancio complessivo dello stato....Il Regno d'Italia spendeva pi del doppio di quanto aveva speso, complessivamente, i vari stati pre-unitari messi insieme.

    (...) L'economista Alain Dewerpe non è benevolo nel giudicare gli atti del governo in quegli anni. I ceti popolari, specialmente quelli del sud, furono trattati come massa da colonizzare e da sfruttare. La politica fiscale fu così dura da sembrare confisca.

    (...) E <il padre della patria>? L'artefice della nazione? Il difensore del tricolore? Purtroppo non è vero nemmeno questo. Vittorio Emanuele II diventò re d'Italia questi per caso e, certo, senza che lui lo desiderasse davvero.

    (...) Maria Adelaide, moglie di Vittorio, si rammaricava che lo stendardo azzurro dei Savoia fosse stato sostituito con quello rosso, bianco e verde <con una ben piccola e misera corona nel mezzo>.

    (...) Se il quadro politico cambiò lo si dovette all'intervento di Francia e Inghilterra che, nelle nostre questioni di indipendenza, ebbero un peso largamente superiore a tutte le sollevazioni organizzate dal 1821 al 1870 messe insieme.

    ---------------


    Il ritratto del Risorgimento che Del Boca tratteggia è impietoso. Ma scrupolosamente storico.

    LA STAMPA

    Del Boca denuncia falsità e meschinerie di una pagina fondamentale della nostra storia.
    IL MESSAGGERO





    Sono d'accordo con Del Boca: sarebbe un segno di civiltà che i libri di storia e forse anche un museo rendessero onore a quei vinti del 1861.

    Paolo Mieli, CORRIERE DELLA SERA







    DEL BOCA Lorenzo, 2003, Indietro Savoia, Storia controcorrente del Risorgimento, Ed. Piemme, Casale Monferrato (AL) - € 15,90 - www.edizpiemme.it



    DEL BOCA Lorenzo, 2001, Maledetti Savoia, Il vero Risorgimento non è quello che ci hanno insegnato a scuola, Piemme, Casale Monferrato (AL) - € 7,90 -www.edizpiemme.it - (Libro precursore di "Indietro Savoia")



    Lorenzo Del Boca, laureato in filosofia, giornalista, ha iniziato la sua carriera professionale nel 1972 a Novara. E' stato capocronista di "Stampa Sera" e inviato speciale de "La Stampa". Dal 1996 è presidente della Federazione Nazionale dei giornalisti e dal 2001 dell'Ordine dei Giornalisti. Per Piemme ha pubblicato anche Il dito dell'anarchico. Storia dell'uomo che sognava uccidere Mussolini. (2000)





    Altro libro interessante da leggere insieme o subito di seguito è di:



    SCARPINO Salvatore, 2005, La Guerra Cafona, Il brigantaggio meridionale contro lo Stato unitario, Boroli Editore Milano (MI) - € 9,50 - www.borolieditore.it

    > Dalla quarta di copertina: "Questo libro , basato su una rigorosa ricerca ripropone le vicende e le motivazioni dei vinti e dei loro condottieri, da Crocco e Chiavone al generale Josè Borges, ai calabresi Palma e Monaco, con la brigantessa Ciccilla. La repressione fu una tragedia sociale e politica, una stagione di veleni, della quale Nord e Sud forse ancora risentono"
    Salvatore Scarpino, giornalista e saggista, è editorialista de <Il Giornale>. Fra i suoi scritti, Tutti a casa, terroni, pamphlet sul disegno secessionista della Lega Nord, e Seppellite Mussolini, pubblicato da Boroli Editore.











    Un libro e un museo per onorare i vinti del 1861, Paolo Mieli, Corriere della Sera del 14/04/03

















    SITOGRAFIA E BIBLOGRAFIA in fondo a Briganti










    grazie per aver visitato www.lametropolis.it e-mail[email protected]All lefts ® reserved 2002 - 2005 - un'esclusiva Lametropolis WeBlog-Content - references www.lametropolis.it

  7. #7
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  8. #8
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    IL RE? ma che vada a cagare..
    X

  9. #9
    duosiciliano
    Data Registrazione
    04 Nov 2007
    Località
    Città: Castelforte. Provincia: Terra di Lavoro. Stato: Due Sicilie(attualmente sotto il dominio parassitario italiota)
    Messaggi
    452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    26 Nov 2009
    Messaggi
    4,808
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito viva il re

    compreso l'ultimo degenerato che trafficava in squillo?

 

 
Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. E' finita con un 'viva l'Italia, viva La Destra'
    Di lupo della sila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-04-08, 10:22
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-03-07, 15:20
  3. Viva marx, viva Lenin, viva Bush Tse Tung
    Di Iron81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 15-06-04, 11:40
  4. Viva marx, viva Lenin, viva Bush Tse Tung
    Di Otto Rahn nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-06-04, 02:36

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226