User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: cosa ne pensate

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,801
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito cosa ne pensate

    Inviato: Oggi @ 22:05 Oggetto: Cosa ne pensate? Dal materiale di un consiglio di docenti del triveneto

    ( forse trieste )

    Unità Didattica 2: la X regio




    La seconda unità didattica del progetto sarà destinata alla spiegazione della X regio, allo scopo di realizzare un proficuo inserimento della trattazione della storia locale. In questo sarà opportuno selezionare e proporre i contenuti, che normalmente non trovano una trattazione approfondita sui libri di testo, se si esclude qualche spiegazione sulle province romane (fotocopia). Le lezioni si potranno articolare intorno ad alcuni argomenti:

    1. Le regioni augustee
    Che cosa si intende per X legio? Augusto ritenne opportuno raggruppare colonie e municipi in 11 grandi distretti che furono definiti regiones (Regioni) e designati con un numero: I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX, X e XI. I numeri furono attribuiti sulla base di una distinzione in 4 aree: l'Italia meridionale, l'Italia centrale, l'Italia settentrionale al di qua del Po e l'Italia settentrionale al di là del Po e, all'interno di ciascuna area, si procedette ad enumerare le singole regioni da oriente ad occidente: dalla regione di Roma (I) ci si volse dapprima nel Sud Italia - prima sul versante orientale (II) e poi su quello occidentale (III) -; si passò poi all'Italia centrale - sempre da est (IV, V) a ovest (VI, VII) - e, infine, ci si spostò nel Nord Italia cispadano - da oriente (VIII) a occidente (IX) - e transpadano - sempre da est (X) a ovest (X). Le regiones furono quindi suddivise sulla base di considerazioni di carattere etnico e geopolitico. Al tempo degli imperatori della dinastia giulio-claudia, inaugurata da Augusto e conclusasi con Nerone (69 d.C.) erano ascritti alla X Regione 26 tra colonie e municipi. Va ricordato che le colonie erano le città fondate da Roma mentre i municipi erano delle comunità preesistenti cui era stata riconosciuta la cittadinanza romana. Dunque le colonie erano organizzate sin dalle origini secondo lo schema amministrativo romano, in cui un’assemblea, detta curia o senato, affiancava l’attività di alcuni magistrati; mentre i municipi, benché formalmente autorizzati a servirsi delle proprie leggi e delle proprie istituzioni, si erano adeguati a tale schema. In età imperiale, venute meno buona parte delle differenze sostanziali tra le colonie e i municipi, restava tra queste comunità solo una distinzione formale: la condizione delle coloniae era considerata infatti privilegiata rispetto a quella dei municipia.
    Il provvedimento augusteo rappresentò una grande innovazione, poiché le regiones si rivelarono molto funzionali sotto il profilo amministrativo, rendendo più pratica l'attività agrario-catastale e fungendo da base per i censimenti.
    Dopo aver spiegato qual era la funzione di una regione nel mondo romano, si può passare ad una breve descrizione della X regio, ad esempio spiegando, anche con l’aiuto di una tabella, quali fossero le principali città presenti sul territorio:

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,801
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Cosa ne pensate II°

    Cremona


    Cremona


    colonia
    ------------
    Brixia


    Brescia


    colonia
    -------------
    Mantua


    Mantova


    municipio
    -------------------
    Tridentum


    Trento


    municipio
    -------------------
    Berua?


    Berua


    municipio
    -------------------
    Verona


    Verona


    colonia
    ---------------------
    Vicetia


    Vicenza


    municipio
    ----------------------
    Ateste


    Este


    colonia
    -----------------------
    Patavium


    Padova


    municipio
    --------------------------
    Altinum


    Portogruaro


    municipio
    ---------------------
    Opitergium


    Oderzo


    municipio
    ------------------------
    Concordia


    Concordia


    colonia
    -----------------------
    Tarvisium


    Treviso


    municipio
    ---------------------
    Acelum


    Asolo


    municipio
    ------------------------
    Feltria


    Feltre


    municipio
    -------------------------
    Bellunum


    Belluno


    municipio
    ----------------------
    Iulium


    Carnicum


    Zuglio
    -----------------------
    Forum


    Iulii


    Cividale
    --------------------
    Aquileia


    Aquileia


    colonia
    ----------------------
    Tergeste


    Trieste


    colonia
    -------------------------
    Agida


    Koper/Capodistria


    municipio
    -----------------------
    Parentium


    Porec/Parenzo


    colonia
    ---------------------
    Pola


    Pula/Pola


    colonia
    ---------------------
    Nesactium


    Nesazio


    municipio
    ----------------------
    Nauportus


    Vhrnika


    municipio?
    --------------------------
    Emona


    Ljubljana/Lubiana


    colonia

    --------------------

    2. Qual è la fonte principale dello studio della X regio? La fonte principale per conoscere la descrizione geografica della regio X e per sapere quali popoli vi abitavano è rappresentata da Plinio il Vecchio, un cavaliere romano nativo di Como e vissuto tra il 23 e il 79 d.C. Plinio il vecchio descrive distanze, monti, fiumi, laghi, porti, città esistenti e scomparse ai suoi tempi, ma fornisce anche una nutrita serie di informazioni sull'origine, la storia e sulla condizione giuridica delle genti e dei centri abitati della X Regione. Questi argomenti vengono trattati in alcuni capitoli del III libro dell’opera più celebre di Plinio il Vecchio intitolata Naturalis historia. Possono risultare interessanti ad esempio alcuni capitoli:

     capp. 127-128: origine del nome Istria e leggenda degli Argonauti
     cap. 129: misure e città dell'Istria
     cap. 130: città e popoli dell'entroterra della regione
     cap. 131: città scomparse e principali laghi della X e dell'XI Regione

    E’ opportuno inoltre chiarire con i ragazzi che i primi interventi romani in questa regione risalgono a prima dell’epoca augustea (III sec. a.C.) e che i romani non sono stati i primi ad abitare la regione, anche se non è opportuno approfondire la complessa questione degli insediamenti preromani e delle popolazioni che qui si erano insediati. Verranno indicate alcune delle tappe principali dell’insediamento romano nella regione, partendo da episodi (come le guerre dei romani contro i Galli o contro la pirateria) che vengono generalmente affrontate in classe, anche se non in modo dettagliato.
    Metodologia: dopo aver chiarito alcuni concetti, quali ad esempio la definizione di regione augustea, o aver spiegato le diverse forme di insediamento romano (illustrando le differenze principali fra colonia e municipio), il lavoro verterà su alcuni aspetti di metodo più che sull’aggiunta di contenuti. Questa scelta dovrebbe rendere il lavoro meno pesante per i ragazzi. Si cercherà in modo particolare di:
    a. creare efficaci collegamenti fra storia generale e storia locale, osservando le ripercussioni nella nostra regione di eventi già studiati in classe, facendo attenzione a contestualizzare sempre gli episodi ai quali si fa riferimento;
    b. fornire alcune indicazioni su fonti e strumenti dell’indagine storica, per vedere come lo storico antico lavora. Può essere suggestivo ad esempio cominciare con una rappresentazione particolare del territorio della X regio, la Tabula Peutingeriana conservata nel Codex Vindobonensis 324, unica testimonianza di carta del mondo conosciuto in epoca romana (anche se il documento conservato presso la Nationalbibliothek di Vienna è probabilmente una copia del XII-XIII secolo). Si può mostrare la particolare forma di rappresentazione cartografica della tabula, soffermandosi in modo particolare sulla rappresentazione di Roma o del territorio della regione (immagini in fotocopia). Verranno quindi lette e commentate insieme ai ragazzi alcune fonti letterarie, importanti per la ricostruzione storica. Sarà inoltre importante far rilevare, anche attraverso alcuni esempi pratici, come anche fonti non letterarie intervengano in modo determinante nel lavoro dello storico. L’utilizzo delle fonti dovrebbe stimolare i ragazzi a partecipare alla lezione, favorendo l’interazione con la spiegazione dell’insegnante.
    Monte ore parziale: 8 ore.

 

 

Discussioni Simili

  1. Cosa ne pensate di questo test ? A voi cosa vi esce ?
    Di Traiano nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 23-11-12, 02:27
  2. Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 08-10-08, 19:19
  3. Cosa pensate di questa cosa inquietantissima????
    Di Antibus nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 00:48
  4. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 23-08-07, 21:48
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 29-11-03, 23:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226