User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: Nuovi Europarlamentari

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Nuovi Europarlamentari

    da www.asca.it

    UE: GARDINI E ROBUSTI NUOVI PARLAMENTARI AL POSTO DI BOSSI E BRUNETTA (ASCA-AFP) - Strasburgo, 4 giu - Si rinnova ancora la pattuglia italiana al Parlamento europeo. Con la scelta di Renato Brunetta e Umberto Bossi di restare in Italia (l'uno come neoministro della Pubblica istruzione, l'altro da titolare del dicastero delle Riforme), entrano nell'Aula di Strasburgo Elisabetta Gardini e Giovanni Robusti.

    La decisione e' stata ufficializzata oggi, in apertura della seduta europarlamentare, dal presidente Hans Pottering vista l'incompatibilita' di una carica nazionale con il mandato di deputato europeo.

    Sui 19 eurodeputati italiani che si sono candidati alle elezioni politiche e amministrative del 13 e 14 aprile scorsi, ben 13 sono stati eletti alla Camera o al Senato, oppure hanno ottenuto un mandato a livello locale (comunale, provinciale o regionale). La decisione ha effetto a partire dal 30 maggio 2008. Manca all'appello quella di Adriana Poli Bortone, eletta al Senato; Francesco Musotto, eletto all'Assemblea regionale siciliana; Nicola Zingaretti, eletto Presidente della Provincia di Roma; Gian Paolo Gobbo, eletto sindaco del Comune di Treviso.

    red-val





    da L'Espresso
    Latte nero per la Lega
    Nuova inchiesta a Milano sulla Credieuronord. Per riciclaggio
    di Vittorio Malagutti
    Nel mirino i rapporti tra la banca e una serie di società tra cui quelle di Robusti, ex senatore leghista e leader dei Cobas Giù le mani dalle vacche padane, scandivano in coro i leghisti ai tempi eroici (per loro) della guerra sulle quote latte. E poi: «Nessuno tocchi gli allevatori del Nord», intimavano al mondo, con il leader Umberto Bossi che minacciava di guidare 50 mila manifestanti sotto le finestre degli eurocrati di Bruxelles. L'esercito è rimasto a casa. I Cobas del latte hanno rinunciato al viaggio. Perché muoversi? A Milano, nel bel mezzo della Padania, c'era già una banca che lavorava per loro. Una banca di sicuro affidamento, leghista al 100 per cento: la Credieuronord, pronta a mettersi al servizio degli allevatori più irriducibili, quelli che proprio non ne volevano sapere di rispettare le norme imposte dall'Europa all'Italia sulla produzione di latte. Un grande affare. Un giro da decine di milioni di euro. Ed è proprio seguendo le tracce di questi movimenti di denaro che la procura di Milano è arrivata a ipotizzare il reato di riciclaggio.
    I soldi neri del latte, quelli incassati dribblando la legge sulle quote, venivano incassati dai produttori grazie anche all'attiva collaborazione del piccolo istituto sponsorizzato da Bossi e dai suoi. Questa, in estrema sintesi, la pista seguita dai magistrati milanesi, che si sono mossi anche in seguito a un voluminoso rapporto dell'Ufficio italiano cambi, l'ente a cui spetta la sorveglianza su società finanziarie e affini.
    È un'altra brutta storia che tira in ballo la Credieuronord. Un'altra tegola per i vertici della Lega che cinque anni fa avevano lanciato l'idea di una banca popolare tagliata su misura per il popolo padano. E che da mesi tentano di limi tare le conseguenze politiche, ma anche le possibili ricadute giudiziarie, di quella fallimentare avventura nel mondo della finanza. Si spiega anche così il clamoroso voltafaccia su Antonio Fazio. Le critiche intransigenti del recente passato si sono trasformate in un appoggio incondizionato del governatore di Bankitalia, l'uomo che poteva decidere il destino del piccolo istituto leghista.
    Nel consiglio di amministrazione di Credieuronord trovarono posto alcuni colonnelli del partito di Bossi, come Maurizio Balocchi, Stefano Stefani e Giancarlo Giorgetti, ma nell'autunno del 2004 solo una complicata operazione gestita dalla Popolare di Lodi allora guidata da Gianpiero Fiorani, ha evitato il crack. Scampato pericolo? Pare di no, perché il salvataggio, gestito con la supervisione di Fazio, si è fermato a metà del guado. Tutta colpa dei guai che hanno costretto alle dimissioni il cavaliere bianco Fiorani. Risultato: centinaia di militanti leghisti attendono ancora, come gli era stato promesso un anno fa, di cambiare le loro azioni della vecchia Credieuronord con quelle del gruppo di Lodi, nel frattempo, ribattezzato Popolare italiana.
    Insomma, la brutta storia della banca padana non è ancora arrivata all'ultimo capitolo. E la nuova indagine per riciclaggio riapre vecchie ferite ai vertici della Lega.
    Anche perché molte operazioni finite nel mirino dei magistrati riconducono a una galassia di società gestite o controllate da Giovanni Robusti, leader storico dei Cobas del latte, già senatore leghista, candidato del partito di Bossi alle ultime elezioni europee. Dopo una breve apparizione nella primavera del 2003 (amministratore per soli due mesi). Robusti siede dall'aprile dell'anno scorso nel consiglio di amministrazione della Credieuronord, che da poco ha cambiato nome in Euronord holding. Il suo nome spunta anche dalle carte dell'ispezione di Bankitalia alla banca leghista (marzo-maggio 2003). I funzionari della Vigilanza avevano segnalato «gravi carenze nell'erogazione del credito» dovute anche alle facilitazioni accordate a soggetti definiti già «in sofferenza presso il sistema». In altre parole, i vertici dell'istituto avrebbero concesso finanziamenti ad alto rischio. E gli ispettori indicavano anche Robusti tra i beneficiari di questi prestiti.
    Del resto va segnalata anche un'altra coincidenza che non appare proprio casuale. Dopo la sede di Milano e uno sportello di tesoreria comunale a Erbusco (Brescia), nel marzo del 2003 la Credieuronord ha aperto la sua seconda filiale a Treviso.
    Da quelle parti non mancano certo i militanti leghisti, ma c'è anche il quartier generale della Finanziaria Giovanni Robusti (in sigla FGR spa). Anzi, di più: la società di famiglia dell'uomo simbolo dei Cobas del latte ha cominciato a lavorare giusto un paio di mesi dopo l'inaugurazione della nuova agenzia bancaria, con tanto di cerimonia alla presenza di Bossi.
    L'indagine si collega a quella aperta dalla procura di Saluzzo sulle truffe all'Unione europea.
    I guai di Robusti però non nascono a Treviso. A Saluzzo, provincia di Cuneo, un'altra cittadina del profondo Nord, il procuratore Maurizio Ascione lavora da mesi all'inchiesta "Black milk", latte nero, un titolo che è già un programma. Gli investigatori piemontesi sospettano che decine e decine di allevatori siano riusciti ad aggirare le norme sulle quote latte grazie a un ingegnoso artificio finanziario messo in pratica da numerose società, quasi tutte cooperative. In pratica, queste ultime compravano per intero la produzione delle stalle clienti, compresa la quantità in eccesso rispetto ai tetti fissati dalla legge, per poi girarla ai trasformatori, cioè le imprese casearie. A questo punto, per aggirare i controlli, il latte extra quota veniva comunque pagato dalle cooperative prime acquirenti ai produttori sotto forma di corrispettivo per altri servizi, ovviamente fittizi.
    Nel 2003 con il cosiddetto decreto Alemanno sulle quote latte, duramente contestato in Parlamento dalla Lega che arrivò a minacciare la crisi di governo, le norme in materia vengono in parte modificate. Gli artifici contabili utilizzati fino ad allora diventano più difficili da applicare. Niente paura. Si cambia strada. Le cooperative acquirenti vengono in parte sostituite da alcune finanziarie che, con il meccanismo della cessione dei crediti, riescono comunque, secondo la ricostruzione degli investigatori, ad aggirare le multe per la produzione in eccesso.
    Il sistema funzionava. Alla grande. Tanto che in base alle stime della Guardia di Finanza gli allevatori coinvolti nell'affare avrebbero guadagnato in totale oltre 150 milioni di euro. Tra il 2001 e il 2004 la moda del Black milk si era diffusa da un capo all'altro della Padania. Dal Monferrato alla Marca trevigiana, da Mantova, Crema e Cremona fino alle campagne torinesi. Le aziende sotto inchiesta sono molte decine e tra le carte dell'indagine spunta più volte il nome di Robusti che negli ultimi anni aveva promosso un gran numero di aziende, in buona parte cooperative, con lo scopo dichiarato di commerciare latte all'ingrosso fornendo anche servizi di consulenza agli allevatori. Per esempio le Coop Latte Savoia Uno, Savoia Due e Savoia Tre, tutte con sede a Saluzzo. E poi le cugine Savoia Quattro e Savoia Cinque, con base poco distante, a Carmagnola in provincia di Torino. Della stessa galassia fanno parte anche una mezza dozzina di cooperative (Coop produttori latte della Pianura Padana) attive a Crema e dintorni, un territorio ad altissima densità di allevamenti dove ha messo radici il movimento di Robusti, nativo proprio di quella zona.
    A Treviso, invece, la società controllata dall'ex senatore leghista si era specializzata in quella che, nella relazione di bilancio, veniva definita «anticipazione di crediti sul latte». Somme importanti. Nei conti della Finanziaria Giovanni Robusti, alla voce "crediti ceduti da terzi" viene indicata la cifra di 60 milioni di euro. Poche pagine più avanti l'amministratore unico, cioè Robusti, segnala che la Guardia di Finanza ha richiesto l'esibizione di scritture contabili e rapporti bancari, «nell'ambito di indagini in corso per un procedimento penale circa la gestione del latte fuori quota a carico di un cliente» della società. A quanto pare, insomma, l'inchiesta Black milk ha finito per colpire anche la finanziaria personale di Robusti. A questo punto, però, è l'indagine milanese che potrebbe riservare novità clamorose. Tutto ruota intorno alla Credieuronord. Gli investigatori hanno individuato flussi di denaro in entrata e in uscita riconducibili a società coinvolte nell'inchiesta nata a Saluzzo. Da qui l'ipotesi di riciclaggio. Le operazioni sospette sono state tutte registrate come movimenti in contanti. Un fatto piuttosto singolare, visto che riguarda milioni e milioni di euro.
    C'è un elemento in più che ha finito per attirare l'attenzione dei magistrati. Le modalità di queste transazioni bancarie appaiono molto simili a quelle che pochi mesi hanno portato alla richiesta di rinvio a giudizio di Giancarlo Conti, ex direttore generale di Credieuronord, e del funzionario Alfredo Molteni. Secondo i pm Giulia Ferretti, Margherita Taddei e Riccardo Targhetti, la banca promossa dalla Lega si era prestata a riciclare il denaro sottratto a una lunga serie di procedure fallimentari dalla commercialista Carmen Gocini, per anni braccio destro del professionista milanese Giancamillo Naggi, indagato per falso e peculato.
    Parte dei soldi rubati era andata ai fratelli Angelo e Caterino Borra, ex proprietari di Radio 101, e questi avevano poi provveduto a versare oltre 13 milioni di euro su conti della Credieuronord. Le operazioni, tutte interne alla banca, venivano fatte passare come prelevamenti in contanti da un conto e versamenti su altri, sempre cash. Lo scopo? «Ostacolare», si legge nelle carte giudiziarie, «l'individuazione della provenienza illecita del denaro». Lo stesso schema torna d'attualità adesso. Questa volta però è di scena il latte. Latte nero.
    tratto da L’Espresso, 20 ottobre 2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Jan 2005
    Località
    bergamo
    Messaggi
    512
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Brunetta non è Ministro della Pubblica Istruzione....
    comunque il posto di Robusti sarebbe stato di Salvini che a sua volta rinuncia perchè parlamentare italiano. Salvini era già stato europarlamentare ma a seguito di un ricorso aveva ceduto (dopo due anni) il posto a Gobbo. Certo che scrivere le notizie un po' meglio costa fatica, anche per le Agenzie come l'Asca...Quante inesattezze, unica cosa vera....il black milk. Al posto di Gobbo dovrebbe entrare Boso.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ho sentito che anche la Zanicchi andra' a Strasburgo
    a chi subentra?

    nani in calo , ballerine in aumento!
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  4. #4
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    contentissimo per boso!!!

    robusti non è piu' in lega,direi..
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit Visualizza Messaggio
    contentissimo per boso!!!

    robusti non è piu' in lega,direi..
    Mi associo (per opposti motivi) :l'ex carabiniere gran abbaiatore e intrallazzatore fara' precipitare ancor di piu' il gia' infimo livello di stima che la Lega ha in Europa

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,612
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Wento Visualizza Messaggio

    Mi associo (per opposti motivi) :l'ex carabiniere gran abbaiatore e intrallazzatore fara' precipitare ancor di piu' il gia' infimo livello di stima che la Lega ha in Europa

    più che l'infimo livello di stima
    della lega in europa,
    mi preoccupa la deriva autoritaria,
    oligarchica e illiberale di questa europa,
    nemica delle identità e culture
    di tutti i popoli del vecchio continente......

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io non vedo una deriva dell'Europa in toto, vedo piuttosto due schieramenti che si muovono in direzione opposta: da una parte Germania e Spagna, che si stanno spostando notevolmente a sinistra, buttando (finalmente) a mare i tradimenti di Blair (importati) e Schröder (autoctoni). Dall' altra parte c'è una Francia sbandata (credo provvisoriamente) a destra (non tanto in senso nazionalista, ma in senso capitalista), assieme alla Polonia, ultra filoamericana, e... all' italia di Berluska novello.
    Le ragioni per me sono abbastanza chiare: in D e SP si sta correggendo la sbandata turboliberista seguita alla caduta del comunismo, in F Sarkozy è il risultato di un' alchimia elettorale e del fatto che Ségolène sia una donna, e per di più a capo (ancora) di un partito internamente diviso. La sbornia finirà e lo stesso Sarkozy ha dato segnali di apertura sociale in politica interna e fiscale. La Polonia è dal momento della libertà affascinata dagli USA e l'Italia era delusa da Prodi ed ha votato quello che ha percepito essere il suo contrario.

    Ora mi chiedo quale possa essere il ruolo di partiti regionali, etnici, minoritari, come (dice di essere) la Lega, la SVP, EFA, SNP... Ormai nessuno si interessa a Bruxelles alle questioni umane, sono tutti attenti ai tassi d'interesse e alla crisi dei subprime, in subordine ai prezzi del petrolio, per cui forse l'unico argomento non finanziario a ricevere attenzione è lo studio delle energie alternative.

  8. #8
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mittel, come avrai probabilmente gia' letto, oggi Bush e' arrivato al vertice EU di Brdo e ha comunicato agli europei che gli USA vogliono la Turchia in Europa.

    Non so quale sarebbe la reazione americana se, per dire, Sarkozy andasse in visita al Congresso di Washington e comunicasse agli americani che il Messico deve diventare il 51 stato dell'unione. Come minimo gli direbbero che non sono cavoli suoi. Ma a Bush questo non glielo dice nessuno...di sicuro non beluska che invece sbava e scodinzola la sua approvazione per la Turchia in EU.

    Notare anche la posizione della Francia che non vuole la Turchia e suggerisce invece un accordo fra EU e Algeria-Tunisia...illudendosi di avere piu' potere politico nell'unione se entrassero le sue ex colonie. I diplomatici francesi stanno facendo sforzi eroici per dimostrare che l'Europa comprende tutto il bacino del mediterraneo, dunque Algeria e Tunisia sono Europa...

    E' tutto OT ma visto che il thread era sulla EU ne approfitto...

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit Visualizza Messaggio
    contentissimo per boso!!!

    robusti non è piu' in lega,direi..
    Speriamo che ci vada a Bruxelles invece che tirare solo lo stipendio. Un pericolo in meno sulle strade della Valsugana
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    proporzioni

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    oggi Bush e' arrivato al vertice EU di Brdo e ha comunicato agli europei che gli USA vogliono la Turchia in Europa.
    Tirolo italiano : tralicci = Turchia in EU : X

    X = ?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Europarlamentari veloci
    Di Rotgaudo nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 01-07-11, 22:17
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-05-08, 22:09
  3. Europarlamentari
    Di El Criticon nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-07-04, 17:53
  4. I futuri europarlamentari
    Di Hogan nel forum Padania!
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 12-06-04, 22:09
  5. 47 Europarlamentari
    Di Wolare nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-04-02, 22:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226