User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Corte dei Conti : Ultimatum al sindaco di Palermo

    Buco Amia, 4 milioni al mese
    L'accusa della Corte dei Conti



    Debiti fuori bilancio utilizzati per spesa ordinaria e non per investimenti, aziende partecipate come l´Amia che perdono 3,6 milioni di euro al mese, il tutto con un bilancio interno del Comune che registra 1,5 miliardi di euro di debiti a fronte di crediti per appena 665 milioni. È l´analisi del tracollo delle finanze di Palazzo delle Aquile, messa nero su bianco dalla Corte dei conti in una delibera pubblicata mercoledì scorso che porta la firma del presidente della sezione controllo, Maurizio Meloni, e del relatore Antonio Dagnino. «Occorre porre rimedio alle gravi irregolarità nei conti del Comune di Palermo», scrivono senza giri di parole i magistrati contabili, che hanno dato 90 giorni di tempo al presidente del Consiglio comunale, Alberto Campagna, e al sindaco Diego Cammarata per «segnalare alla Corte quali saranno le azioni intraprese per correggere l´andamento delle finanze».

    Quello della Corte dei conti è un vero e proprio atto d´accusa che mette in luce come sarà difficile per la giunta Cammarata evitare il dissesto finanziario, il tutto a pochi giorni dal varo del bilancio di previsione e con un decreto regionale di riforma degli Ato che rischia di mettere ko Amia e Palermo ambiente.

    Al primo punto del disastro dei conti comunali ci sono le società partecipate: «Queste aziende assorbono ingenti risorse, circa 240 milioni di euro all´anno, e presentano consistenti perdite d´esercizio con gravi ripercussioni sugli equilibri di bilancio - scrivono i magistrati - L´Amia ha registrato una perdita nel 2006 di 49,4 milioni di euro e il patrimonio netto segna un rosso di 11 milioni, senza che allo stato risultino essere stati adottati provvedimenti correttivi». Anzi «l´Amia nel 2007 registrerà una perdita di altri 31,5 milioni di euro e secondo l´andamento nel 2008 arriva a perdere 3,6 milioni al mese: questo stato determinerà a breve la riduzione del capitale sociale al di sotto del minimo legale». A queste cifre occorre aggiungere il "disallineamento" tra debiti del Comune messi come posta attiva nel bilancio dell´Amia e che invece non sono riconosciuti da Palazzo delle Aquile: altri 49 milioni di euro che portano il buco di bilancio, solo al 2006, a ben 95 milioni di euro.



    Non va meglio per quanto riguarda le altre società comunali: «Palermo ambiente perde 1,3 milioni di euro, e risultano "disallineamenti" per 2,7 milioni di euro all´Amap, 3,7 milioni all´Amat e un milione di euro alla Amg», scrive la Corte dei conti. Perdite che deve ripianare il Comune: «Per questo i bilanci delle società partecipate appesantiscono quello di Palazzo delle Aquile, che a sua volta non ha i mezzi per coprire le perdite delle aziende», continuano i magistrati.

    Un bilancio, quello di Palazzo delle Aquile, che presenta a sua volta «varie criticità perché la spesa è sostenuta in modo non conforme alle ordinarie procedure di contabilità e si attesta su valori patologici». In particolare, i magistrati segnalano il ricorso a debiti fuori bilancio per 40 milioni di euro per spese ordinarie e non per investimenti. E c´è poi il grande divario tra i 669 milioni di euro di residui attivi (somme che il Comune dovrebbe riscuotere da terzi per debiti risalenti a prima del 2004 e che non ha in cassa) e il miliardo di residui passivi (somme che ha in cassa ma che invece dovrebbero essere utilizzate per coprire debiti).

    L´altra «grave criticità» nel bilancio comunale è causata dal bacino di precariato: «Rimane consistente il mantenimento del bacino di lsu che provoca impegni di spesa non correlati a entrate certe», scrivono i magistrati.

    Per la Corte dei conti, quindi, «emerge una grave incertezza sulla effettiva situazione finanziaria del Comune». Un disastro, insomma, al quale «occorre al più presto opporre rimedio per evitare il non rispetto del patto di stabilità», che farebbe perdere a Palazzo delle Aquile milioni di euro di finanziamenti da parte dello Stato e quindi porterebbe al dissesto finanziario.

    Sul Comune ieri è arrivata una nuova grana: il decreto regionale di riforma degli Ato rifiuti, firmato dal governatore Raffaele Lombardo, pone come limite per la costituzione degli Ambiti il 31 ottobre. L´Ato palermitano dovrà poi bandire una gara pubblica per affidare a un´azienda la raccolta dei rifiuti. Amia e Palermo ambiente, che al momento gestiscono la raccolta in città, rischiano quindi di scomparire se a vincere la gara sarà un´altra azienda.
    (07 giugno 2008
    http://palermo.repubblica.it/dettagl...-conti/1473128
    L' articolo parla chiaro : è il tracollo finanziatio del comune di Palermo,; questo disastro lo pagano, e lo pagheranno i cittadini di Palermo, esso graverà ancor di più sui meno abbienti. A questo punto non c'è che una soluzione: La giunta deve dimettersi ed il sindaco se ne deve tornare a CASA !!!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anima Libera
    Ospite

    Predefinito

    I disastri di Veltroni
    Comune Roma, è allarme conti

    Buco da un milione eredità di Veltroni

    C'è preoccupazione a Roma per i conti economici del Comune: ai 7 milioni di buco certificati dall'ultimo bilancio approvato dalla giunta Veltroni si aggiungerebbe uno scompenso di un altro milione di euro. Secondo la Ragioneria Generale "analisi del bilancio per il triennio '08-'10 evidenzia situazioni di criticità". Di conseguenza il sindaco Alemanno ha invitato a bloccare le spese fino a quando non verrà fatta piena luce sullo stato dei conti.
    Il neo sindaco della capitale si è impegnato a dare il rendiconto reale delle cifre del debito entro lunedì 16, non nascondendo però la preoccupazione per la pesante eredità lasciata dall'amministrazione di centrosinistra guidata dall'ex sindaco di Roma e ora leader del Partito democratico Walter Veltroni. "Convocheremo il tavolo di concertazione con le parti sociali per illustrare la situazione reale del bilancio" ha annunciato Gianni Alemanno. Da giorni la nuova amministrazione del Campidoglio continua a invitare a stringere la cinghia. A fine maggio la prima circolare con il blocco di tutte le spese, due giorni fa una seconda. Il sindaco ha chiesto però di non usare toni allarmistici: è "irresponsabile", secondo lui, la corsa al "toto-taglio che emerge sui giornali".



    http://www.tgcom.mediaset.it/politic...lo416899.shtml



    Siamo alla totale vergogna. Questo grande incapace aveva la pretesa di guidare il nostro PAESE.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Anima Libera Visualizza Messaggio
    I disastri di Veltroni
    Comune Roma, è allarme conti

    Buco da un milione eredità di Veltroni

    C'è preoccupazione a Roma per i conti economici del Comune: ai 7 milioni di buco certificati dall'ultimo bilancio approvato dalla giunta Veltroni si aggiungerebbe uno scompenso di un altro milione di euro. Secondo la Ragioneria Generale "analisi del bilancio per il triennio '08-'10 evidenzia situazioni di criticità". Di conseguenza il sindaco Alemanno ha invitato a bloccare le spese fino a quando non verrà fatta piena luce sullo stato dei conti.
    Il neo sindaco della capitale si è impegnato a dare il rendiconto reale delle cifre del debito entro lunedì 16, non nascondendo però la preoccupazione per la pesante eredità lasciata dall'amministrazione di centrosinistra guidata dall'ex sindaco di Roma e ora leader del Partito democratico Walter Veltroni. "Convocheremo il tavolo di concertazione con le parti sociali per illustrare la situazione reale del bilancio" ha annunciato Gianni Alemanno. Da giorni la nuova amministrazione del Campidoglio continua a invitare a stringere la cinghia. A fine maggio la prima circolare con il blocco di tutte le spese, due giorni fa una seconda. Il sindaco ha chiesto però di non usare toni allarmistici: è "irresponsabile", secondo lui, la corsa al "toto-taglio che emerge sui giornali".



    http://www.tgcom.mediaset.it/politic...lo416899.shtml



    Siamo alla totale vergogna. Questo grande incapace aveva la pretesa di guidare il nostro PAESE.
    Anima Libera, io ho citato la Corte dei Conti non una voce ' di parte '.
    In quanto Alemanno, vedremo cosa sarà capace di fare.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 02-10-13, 21:18
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-09-12, 14:07
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-09-12, 13:00
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-06-07, 16:19
  5. Alla corte dei conti i conti non tornano
    Di Henry nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-04-05, 18:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226