User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    maat.it/livello2/catone-1.htm
    Data Registrazione
    13 May 2008
    Località
    Tusculum
    Messaggi
    993
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Se lo stato non riduce gli sprechi, il federalismo fiscale resterà un sogno.

    Tratto dal sito www.beppegrillo.it

    8 Giugno 2008

    Federalismo fetale




    Il federalismo fiscale sta arrivando. Vedrete, certo non sarà domani, ma tutto cambierà. I soldi a chi produce. Un calcio in tel cù a quattromilioniemezzo di parassiti statali. Zanna Bianca Maroni e Boss(ol)i non vedono l’ora di togliersi dalle balle Roma Ladrona, le mafie e i terùn. E’ il loro sogno proibito. Meglio del grana padano c’è solo il grano padano.
    Boss(ol)i è diventato ministro proprio per questo. Ci è riuscito dopo aver minacciato la guerra civile con 70.000 fucili caldi. Prima di lui solo il Duce.
    Mentre Boss(ol)i studia le carte, il federalismo fiscale, più che avanzare, tace. Non ode parole padane. Ma sprechi romani. E’ il federalismo fetale. Che parla di Alitalia e di due milioni di euro di perdita ogni ventiquatt’ore. Che sussurra i miliardi di euro del Ponte sullo Stretto. E’ la voce di Fede che costa, anche ai lumbard, 350.000 euro dal primo gennaio 2006, ogni giorno, tutti i giorni. E’ l’unica tassa federale esistente, l’ICI, che è tolta ai Comuni. E’ La RAI che assume 1300 precari, un carrozzone di Stato ormai padaromano, quasi pedemontano.
    Il federalismo fiscale è come la fede. Non si può spiegare con le sole parole. Padano, tàs e paga. Chi incassa è la Lega di lotta e di Governo. Il federalismo fetale, come il paradiso, può attendere.

    ---------------------------------------------------------------------



    Io sono per il federalismo fiscale, ma effettivamente mi chiedo come sia possibile realizzarlo se il Governo finanzia con le nostre tasse l'Alitalia, il Ponte sullo stretto, la Rai, Rete4, ecc.

    E poi, perchè sostituire la federalista "ICI" con i trasferimenti dello stato centrale? Non era meglio sostituirla con un'altra imposta comunale, magari meno odiosa?


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    intanto comincuamo a chiamare le cose col loro nome REALE:
    sarà semplicemente una DEVOLUZIONE fiscale.

    Il termine devoluzione (in inglese devolution) viene usato per indicare la concessione di poteri da parte di un governo centrale a favore di un governo a livello regionale o locale, secondo il principio della sussidiarietà;
    i poteri devoluti sono temporanei e rimangono in ultima analisi in capo al governo centrale

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il bello che non si combinerà niente
    perchè se si toglie il carrozzone non ha più senso l'esistenza dell'itaglia

    l'unica via è sempre stata la secessione
    con altri sistemi si continua a girare attorno a tutti i problemi che resteranno come al solito itaglianamente non risolti

    N.B. ci scommetto che romapolo-romaulivo-romalega farebbero di tutto x far vincere gli europei in corso alla squadra statale di calcio ... così per un po' si puo' tirare avanti all'itagliana

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Il federalismo fiscale è una invenzione elettorale. E’ un progetto irrealizzabile.

    In quanto ad un certo momento toccherà reintegrare alle regioni spendaccioni quanto manca.

    Il sogno della Padania di non essere sfruttata si può realizzare solamente con l’indipendenza. Tutto il resto sono solo prospettive illusorie.
    Il voler forzare la coabitazione tra due culture economiche completamente diverse è contro natura.

    Il sistema finora si è potuto realizzare attraverso l’aumento esponenziale del debito pubblico. Ma dato che questa forma non è più ammessa dal centralismo europeo, il sistema italiano perde colpi.

    Potranno tirare avanti ancora qualche anno se si riducono drasticamente le spese di gestione dello stato. Ma questo comporta oltre la sacrosanta eliminazione di centinaia di migliaia di posti che permettono di vivere con la politica, la necessità di una magistratura che colpisca le operazioni tangentiste e ladronesche della partitocrazia o da questa permesse.

    Tutto un sogno a livello attuale.

    Alla fine l’unica soluzione sarà l’indipendenza.

  5. #5
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo, come si può pensare che sia fattibile un criterio di merito e giustizia in un paese dove i soliti noti pagano e gli altri altrettanto noti sperperano?

  6. #6
    maat.it/livello2/catone-1.htm
    Data Registrazione
    13 May 2008
    Località
    Tusculum
    Messaggi
    993
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jotsecondo Visualizza Messaggio

    Il voler forzare la coabitazione tra due culture economiche completamente diverse è contro natura.

    Questo è vero, ma ultimamente mi sorge qualche dubbio sulla reale differenza "culturale" fra Nord e Sud.

    Mi spiego meglio: da secoli il Nord è più avanzato del Sud dal punto di vista morale, il che ha permesso alla Padania di sviluppare il proprio tessuto economico in un contesto enormemente più favorevole.

    La legalità come base di partenza.

    Negli anni '90, l'emergere di una forza politica come la Lega, che promuoveva la legalità sia al Nord (sostenendo Mani pulite) che al Sud (chiedendo un vero federalismo responsabilizzante), non fece altro che confermare il trend pluri-decennale.

    Ma c'è un ma.

    Successivamente la Lega ha abbandonato tutti i suoi propositi anti-casta, anti-sprechi, anti-clientele per entrare a far parte del club di quelli che prendono una fetta della torta, ma non è emerso un altro movimento del Nord che sostenga la legalità sia sul proprio territorio che altrove (nel Sud).

    Ecco perchè dico che attualmente le differenze culturali Nord-Sud si vanno molto assottigliando. Ed è una tragedia.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cato censor Visualizza Messaggio
    Questo è vero, ma ultimamente mi sorge qualche dubbio sulla reale differenza "culturale" fra Nord e Sud.

    Mi spiego meglio: da secoli il Nord è più avanzato del Sud dal punto di vista morale, il che ha permesso alla Padania di sviluppare il proprio tessuto economico in un contesto enormemente più favorevole.

    La legalità come base di partenza.

    Negli anni '90, l'emergere di una forza politica come la Lega, che promuoveva la legalità sia al Nord (sostenendo Mani pulite) che al Sud (chiedendo un vero federalismo responsabilizzante), non fece altro che confermare il trend pluri-decennale.

    Ma c'è un ma.

    Successivamente la Lega ha abbandonato tutti i suoi propositi anti-casta, anti-sprechi, anti-clientele per entrare a far parte del club di quelli che prendono una fetta della torta, ma non è emerso un altro movimento del Nord che sostenga la legalità sia sul proprio territorio che altrove (nel Sud).

    Ecco perchè dico che attualmente le differenze culturali Nord-Sud si vanno molto assottigliando. Ed è una tragedia.



    Sicuramente la cultura del Nord è andata degradando.

    Il sistema di governo privilegia le forme contrarie alla legalità.
    Ossia la corruzione, il furto, lo sperpero hanno una protezione governativa.

    Tuttavia la degradazione del Nord è accompagnato anche un peggioramento del Sud dove forme di anticultura vengono sostenute ed ingigantite.
    Il degrado del Sud è arrivato a forme parossistiche di cui la spazzatura ne è un simbolo.

    E’ tutto lo stato a diminuire proporzionalmente il suo senso civico.


    La lega non ha abbandonato i suoi propositi. La lega ha dimostrato negli anni quello che per cui è stata formata.

    I poteri forti economici ed occulti, visto come la tensione verso il governo centrale aumentava, visto che forze centripete stavano emergendo al Nord, rese consapevoli della situazione di degrado coloniale in cui versavano, diventavano pericolose si mise a gestire il fenomeno.

    Si cercò, tra le forme associative che cavalcavano la protesta, di trovare quale era la parte più facilmente conducibile, fornendogli spazio e aiuti (vedi ad esempio i 200 milioni) e di addormentare qualunque altro non gestibile.

    Certamente il comportamento della lega adesso viene criticato, e viene stigmatizzato il suo adeguarsi alla cultura del governo romano.
    Ma la situazione è naturale essendo la lega una pianta curata da roma.

    Infatti tutte le operazioni politiche che sono contrarie ai valori, pensieri e aspirazioni di chi continua a coltivare sentimenti anticolonialisti del Nord vengono fatte compiere appunto dalla lega.
    Vedi ad esempio la regolarizzazioni di massa dei clandestini.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    scusate l'errore

  9. #9
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cato censor Visualizza Messaggio
    Questo è vero, ma ultimamente mi sorge qualche dubbio sulla reale differenza "culturale" fra Nord e Sud.

    Mi spiego meglio: da secoli il Nord è più avanzato del Sud dal punto di vista morale, il che ha permesso alla Padania di sviluppare il proprio tessuto economico in un contesto enormemente più favorevole.

    La legalità come base di partenza.

    Negli anni '90, l'emergere di una forza politica come la Lega, che promuoveva la legalità sia al Nord (sostenendo Mani pulite) che al Sud (chiedendo un vero federalismo responsabilizzante), non fece altro che confermare il trend pluri-decennale.

    Ma c'è un ma.

    Successivamente la Lega ha abbandonato tutti i suoi propositi anti-casta, anti-sprechi, anti-clientele per entrare a far parte del club di quelli che prendono una fetta della torta, ma non è emerso un altro movimento del Nord che sostenga la legalità sia sul proprio territorio che altrove (nel Sud).

    Ecco perchè dico che attualmente le differenze culturali Nord-Sud si vanno molto assottigliando. Ed è una tragedia.
    - la lega si è trasformata per poter avere posti a roma e governare le realtà locali in coalizione con i partiti itaglioni
    - purtroppo tanti Padani, viste scemate le possibilità di cambiamento, si stanno adeguando alla mentalità imperante di questo inutile paese

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cato censor Visualizza Messaggio
    Questo è vero, ma ultimamente mi sorge qualche dubbio sulla reale differenza "culturale" fra Nord e Sud.

    Mi spiego meglio: da secoli il Nord è più avanzato del Sud dal punto di vista morale, il che ha permesso alla Padania di sviluppare il proprio tessuto economico in un contesto enormemente più favorevole.

    La legalità come base di partenza.

    Negli anni '90, l'emergere di una forza politica come la Lega, che promuoveva la legalità sia al Nord (sostenendo Mani pulite) che al Sud (chiedendo un vero federalismo responsabilizzante), non fece altro che confermare il trend pluri-decennale.

    Ma c'è un ma.

    Successivamente la Lega ha abbandonato tutti i suoi propositi anti-casta, anti-sprechi, anti-clientele per entrare a far parte del club di quelli che prendono una fetta della torta, ma non è emerso un altro movimento del Nord che sostenga la legalità sia sul proprio territorio che altrove (nel Sud).

    Ecco perchè dico che attualmente le differenze culturali Nord-Sud si vanno molto assottigliando. Ed è una tragedia.











    questo è vero, è da vent'anni che intellettuali, giornalisti e sociologi del nord lo stanno dicendo...leggiti i libri di Bocca o l'ultimo di Cazzullo....d'altronde è normale che sia cosi se una terra è cosi esposta a migrazioni di milioni di persone dall'altra partye del paese..è naturale che le differenze vadano limandosi

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226