User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 48
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Torino
    Messaggi
    11,418
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito 11 - Chi fu il Savoia più grande?

    Chi secondo voi fu il più grande (o i più grandi) esponenti della dinastia sabauda?

    ps il precedente 3d era stato cancellato, su invito del moderatore lo ripropongo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Torino
    Messaggi
    11,418
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito

    A mio avviso gli esponenti principali o comunque a me più graditi della dinastia furono in ordine cronologico:

    1)Amedeo VI, Conte (detto il Conte Verde)
    2)Amedeo VIII, Duca (antipapa con il nome di Felice V)
    3)Emanuele Filiberto, Duca (Vincitore della Battaglia di S. Quintino)
    4)Vittorio Amedeo II, Duca poi Re di Sicilia infine Re di Sardegna (assedio di torino 1706, mi pare)

  3. #3
    MMDCCLXII Ab urbe condita
    Data Registrazione
    28 Feb 2006
    Località
    Bruto dormi?
    Messaggi
    1,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non lo so. Il più piccolo Vittorio Emanuele III, di questo sono sicuro.

  4. #4
    Monarchico da sempre !
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Località
    Italia
    Messaggi
    10,883
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pietro966 Visualizza Messaggio
    Non lo so. Il più piccolo Vittorio Emanuele III, di questo sono sicuro.
    Se ti riferisci alla statura, sbagli, e anche di grosso...

    il più piccolo dei Savoia è il Principe Eugenio, Condottiero imperiale.

    La sua armatura misura una larghezza delle spalle pari a 40 cm appena !

  5. #5
    Monarchico da sempre !
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Località
    Italia
    Messaggi
    10,883
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Casa Savoia non ha bisogno di classifiche perchè in 1000 anni di storia ha saputo darci uomini di prima grandezza con continuità incredibile, che nel loro tempo possono essere considerati "i migliori" sicuramente.

    Io comincerei con le origini, e già con esse vi è argomenti su cui riflettere...

    Umberto I Conte di Savoia, detto “Biancamano”

    Una delle più antiche cronache riguardanti Casa Savoia è dovuta a Giovanni d’Orville soprannominato Cabaret. Questi, per incarico di Amedeo VIII, lavorò tra il 1400 e il 1420 nel tentativo di dare ordine alla Storia della Casata. Dalle nebbie del tempo e dell’oblio, è a lui che si deve l’ipotesi più suggestiva e romantica sull'origine di Umberto I Biancamano.
    Secondo la leggenda e l’antica tradizione medioevale , che si fondono nella notte dei tempi in modo indistinto infatti, Umberto Biancamano sarebbe il figlio di Beroldo, discendente del sassone Vitichindo, secondo altre fonti sarebbe discendente di Ugo Capeto, o di Bosone di Provenza, o proveniente dal ramo dei duchi di Borgogna o da quello dei duchi di Ginevra. Stando all’Orville, il Biancamano era figlio di un certo nobile Bertoldo, nipote di Ottone II di Sassonia, quindi di origine germanica, e di Caterina di Schiren o di Baviera.
    Si dice che Bertoldo aveva dovuto lasciare la corte di Sassonia in quanto, avendo sorpreso l’imperatrice insieme con il suo amante. Sul posto li aveva uccisi entrambi per vendicare l’onore oltraggiato dello zio imperatore. Questo personaggio, nella fantasia popolare, incarnò il cavaliere errabondo, senza macchia e senza paura, risolutore di torti, protettore degli umili e nemico degli usurpatori, come lo ritroveremo in prima linea nelle guerre spagnole contro i Mori e più tardi reggente del trono borgognone. Al figlio Umberto I, e ai suoi successori, toccò dunque il compito di fondare un dominio che si sarebbe a poco a poco esteso notevolmente.

    Le origini della Dinastia
    Non si hanno che poche e frammentarie notizie Storiche documentate riguardanti Umberto.
    Da esse è difficile dare un nome ai suoi antenati, né la certezza di una data di nascita, collocabile probabilmente intorno al 998 DC.
    La fonte più attendibile, svela che discenda da una famiglia di conti romani o romanizzati che provenivano dalla Borgogna. Umberto Biancamano (morto nel 1048). E’ considerato il capostipite della Dinastia Sabauda perché è il primo personaggio riconosciuto “Conte“ in un documento del 1003 dal vescovo "Oddone di Belley", entrando quindi di diritto nella sua Storia.
    Il suo nome prima di allora compare già una prima volta in una carta del 26 gennaio dell'anno 1000 e successivamente in altri documenti del 1003, tra i quali il documento del vescovo "Oddone di Belley" che lo definisce appunto “Conte”. Altre citazioni di questo nome le troviamo in documenti del 1017, 1024, e 1036, ma non è sicuro che si riferiscano espressamente a lui, in quanto il nome Umberto era abbastanza comune a quel tempo nella regione.
    Quasi sicuramente però intorno al 1003 governava per conto del Re di Borgogna Rodolfo III 22 castelli nel Viennois (zona della città di Vienne) costituenti la contea di Sermorens (Francia).
    La sua importanza di Nobile e rispettato Signore, trova inconfutabile conferma quando nella riunione ad Anse avvenuta nel 1025, alla presenza dei Vescovi e dei Principi, è chiamato a leggere il testo del giuramento fatto quel giorno dalla classe feudale. Spetta ad egli quindi di pronunciarsi al alta voce in rappresentanza di tutti gli altri Nobili della regione : “Ascoltate o cristiani del vescovado di Vienne, del vescovado e comitato di Belley, del comitato di Sermorens… Io non violerò in alcun modo le chiese, io non violerò case erette nel circuito delle chiese come rifugio, se non per quel malfattore che abbia violata questa pace… Io non assalirò e non imprigionerò eclesiastico o monaci che non portino armi… non ruberò loro i cavalli… Io non farò bottino di beni o di cavalli e muli che siano al pascolo… Io non incendierò case… Io non distruggerò mulini, non ruberò il grano in essi esistente… Io non assalirò nobildonne… Io non vendemmierò vigna altrui”.
    Casa Savoia quindi, entra nella Storia iniziando una Dinastia millenaria giurando su un documento importantissimo in difesa della cristianità, della proprietà privata, delle donne e dei deboli !
    Con la morte di Rodolfo III Re di Borgogna, avvenuta nel 1032, Umberto I si schierò lealmente con la linea legittimista, e contro l’usurpatore pretendente al trono Eude o Oddone, conte di Champagne. Fu lui ad accompagnare la vedova di Rodolfo III, Ermengarda, presso Corrado di Franconia, poi Corrado II il Salico (l’erede designato) per essere riconosciuto Re di Borgogna. E’ sempre lui nel 1034 a comandare le truppe inviate a Corrado II dal Marchese Bonifacio di Toscana e dall'Arcivescovo Ariberto di Milano, contribuendo alla disfatta definitiva di Oddone. Ciò lo mise chiaramente in buona luce, e Corrado II ormai consolidato Sovrano, per l'aiuto ricevuto, ricompensò il Biancamano con una serie di diritti sulla Moriana e sul Chiablese. Per effetto di tali concessioni Umberto Biancamano poté esercitare da quel momento un pieno controllo sui valichi alpini che nel Medioevo collegavano il nord con il sud dell’Europa: in particolare i passi del Moncenisio, del Monginevro, del Piccolo e del Gran San Bernardo.
    Mercanti e pellegrini che volevano valicare le Alpi per entrare nella pianura padana, potevano farlo solo con il consenso dei Conti di Savoia.
    Controllare quei valichi significava aver avuto la fiducia del Re, ma anche controllare i traffici del tempo, accumulando ricchezze con l’imposizione di pedaggi per il transito, gestendo locande e offrendo servizi ai viaggiatori. Ciò comportò enormi vantaggi a favore di un territorio altrimenti privo di frutti e di risorse economiche. Ma la possibilità di bloccare quei valichi con sbarramenti militari, e quindi favorire il passaggio solo a eserciti disposti a concedere favori e possessi feudali, costituì la vera forza dei Savoia che seppero fondare un originale “Stato di passo” e giocare con spregiudicatezza tutte le opportunità diplomatiche che questo possesso garantiva.

    Gli vengono attribuiti 4 figli dalla moglia Ancillla :
    Amedeo I, soprannominato la Coda, Marchese della Moriana, che gli successe al trono
    Aimone, che divenne vescovo di Sion
    Burcardo, che divenne arcivescovo di Lione
    Oddone che successe al fratello Amedeo I morto senza eredi

    Grazie al matrimonio di suo figlio Oddone con Adelaide, figlia di Olderico Manfredi, erede al trono del marchesato di Torino e della gastaldia di Susa, vide i suoi territori estendersi notevolmente.
    Morì, secondo l'obituario di Talloires, il l° luglio 1048. Fu sepolto nel vestibolo della cattedrale di San Giovanni di Moriana (oggi Saint Jean de Maurienne), nella valle dell'Arc, dove sorge il suo monumento.

    Umberto fu detto “Biancamano”, ma questo soprannome (Biancamano appunto) non viene da documenti prossimi al periodo della sua vita. Viene invece menzionato per la prima volta nell'obituario di Hautecombe (Altacomba) nel 1342.
    Ancor oggi si discute sull'origine di quel Biancamano (o dalle bianche mani), che sembra accordarsi così poco con le virtù guerriere di cui dovette dar prova quest’uomo, fondatore della Dinastia.
    Abbastanza suggestiva è l'ipotesi formulata da alcuni storici, secondo i quali quel soprannome improprio, gli fu attribuito per la banale svista di un amanuense addetto alle trascrizioni che stava redigendo un documento. Il distratto scrivano, invece di scrivere correttamente "blancis moenibus (dalle bianche fortezze)", vergò erroneamente "blancis manibus (dalle bianche mani)". E così il Conte passò alla storia con quell’attributo che probabilmente non gli competeva e che quasi certamente non avrebbe gradito.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Torino
    Messaggi
    11,418
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conterio Visualizza Messaggio
    Casa Savoia non ha bisogno di classifiche perchè in 1000 anni di storia ha saputo darci uomini di prima grandezza con continuità incredibile, che nel loro tempo possono essere considerati "i migliori" sicuramente.

    Io comincerei con le origini, e già con esse vi è argomenti su cui riflettere...

    Umberto I Conte di Savoia, detto “Biancamano”

    Una delle più antiche cronache riguardanti Casa Savoia è dovuta a Giovanni d’Orville soprannominato Cabaret. Questi, per incarico di Amedeo VIII, lavorò tra il 1400 e il 1420 nel tentativo di dare ordine alla Storia della Casata. Dalle nebbie del tempo e dell’oblio, è a lui che si deve l’ipotesi più suggestiva e romantica sull'origine di Umberto I Biancamano.
    Secondo la leggenda e l’antica tradizione medioevale , che si fondono nella notte dei tempi in modo indistinto infatti, Umberto Biancamano sarebbe il figlio di Beroldo, discendente del sassone Vitichindo, secondo altre fonti sarebbe discendente di Ugo Capeto, o di Bosone di Provenza, o proveniente dal ramo dei duchi di Borgogna o da quello dei duchi di Ginevra. Stando all’Orville, il Biancamano era figlio di un certo nobile Bertoldo, nipote di Ottone II di Sassonia, quindi di origine germanica, e di Caterina di Schiren o di Baviera.
    Si dice che Bertoldo aveva dovuto lasciare la corte di Sassonia in quanto, avendo sorpreso l’imperatrice insieme con il suo amante. Sul posto li aveva uccisi entrambi per vendicare l’onore oltraggiato dello zio imperatore. Questo personaggio, nella fantasia popolare, incarnò il cavaliere errabondo, senza macchia e senza paura, risolutore di torti, protettore degli umili e nemico degli usurpatori, come lo ritroveremo in prima linea nelle guerre spagnole contro i Mori e più tardi reggente del trono borgognone. Al fig17, 1024, e 1036, ma non è sicuro che si riferiscano espressamente a lui, in quanto il nome Umberto era abbastanza comune a quel tempo nella regione.
    Quasi sicuramente però intorno al 1003 governava per conto del Re di Borgogna Rodolfo III 22 castelli nel Viennois (zona della città di Vienne) costituenti la contea di Sermorens (Francia).
    La sua importanza di Nobile e rispettato Signore, trova inconfutabile conferma quando nella riunione ad Anse avvenuta nel 1025, alla presenza dei Vescovi e dei Principi, è chiamato a leggere il testo del giuramento fatto quel giorno dalla classe feudale. Spetta ad egli quindi di pronunciarsi al alta voce in rappresentanza di tutti gli altri Nobili della regione : “Ascoltate o cristiani del vescovado di Vienne, del vescovado e comitato di Belley, del comitato di Sermorens… Io non violerò in alcun modo le chiese, io non violerò case erette nel circuito delle chiese come rifugio, se non per quel malfattore che abbia violata questa pace… Io non assalirò e non imprigionerò eclesiastico o monaci che non portino armi… non ruberò loro i cavalli… Io non farò bottino di beni o di cavalli e muli che siano al pascolo… Io non incendierò case… Io non distruggerò mulini, non ruberò il grano in essi esistente… Io non assalirò nobildonne… Io non vendemmierò vigna altrui”.
    Casa Savoia quindi, entra nella Storia iniziando una Dinastia millenaria giurando su un documento importantissimo in difesa della cristianità, della proprietà privata, delle donne e dei deboli !
    Con la morte di Rodolfo III Re di Borgogna, avvenuta nel 1032, Umberto I si schierò lealmente con la linea legittimista, e contro l’usurpatore pretendente al trono Eude o Oddone, conte di Champagne. Fu lui ad accompagnare la vedova di Rodolfo III, Ermengarda, presso Corrado di Franconia, poi Corrado II il Salico (l’erede designato) peo del marchesato di Torino e della gastaldia di Susa, vide i suoi territori estendersi notevolmente.
    Morì, secondo l'obituario di Talloires, il l° luglio 1048. Fu sepolto nel vestibolo della cattedrale di San Giovanni di Moriana (oggi Saint Jean de Maurienne), nella valle dell'Arc, dove sorge il suo monumento.

    Umberto fu detto “Biancamano”, ma questo soprannome (Biancamano appunto) non viene da documenti prossimi al periodo della sua vita. Viene invece menzionato per la prima volta nell'obituario di Hautecombe (Altacomba) nel 1342.
    Ancor oggi si discute sull'origine di quel Biancamano (o dalle bianche mani), che sembra accordarsi così poco con le virtù guerriere di cui dovette dar prova quest’uomo, fondatore della Dinastia.
    Abbastanza suggestiva è l'ipotesi formulata da alcuni storici, secondo i quali quel soprannome improprio, gli fu attribuito per la banale svista di un amanuense addetto alle trascrizioni che stava redigendo un documento. Il distratto scrivano, invece di scrivere correttamente "blancis moenibus (dalle bianche fortezze)", vergò erroneamente "blancis manibus (dalle bianche mani)". E così il Conte passò alla storia con quell’attributo che probabilmente non gli competeva e che quasi certamente non avrebbe gradito.
    Interessante sulla discendenza di biancamano tutta la successiva storeografia montata ad arte dai suoi successo per motivi politici...per alcuni discendevano dai carolingi, secondo altri dalle dinastie del Regno teutonico (svevi, franconi etc...) in ogni caso ad oggi...non si sa con certezza chi fu Umberto Biancamano.

  7. #7
    MMDCCLXII Ab urbe condita
    Data Registrazione
    28 Feb 2006
    Località
    Bruto dormi?
    Messaggi
    1,874
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Conterio Visualizza Messaggio
    Se ti riferisci alla statura, sbagli, e anche di grosso...

    il più piccolo dei Savoia è il Principe Eugenio, Condottiero imperiale.

    La sua armatura misura una larghezza delle spalle pari a 40 cm appena !

    Non solo alla statura. E non fare riferiementi ad altre epoche: se ti capita va a vedere le uniformi degli ufficiali napoleonici, se li infilerebbe mio figlio di tredici anni.

    Consolati del fatto che era più alto della regina Vittoria di 1 cm.

    ----------------------------------

    i Tuoi interventi sono decisamente e chiaramente OT, cioè estranei al tema di questa discussione. Ti avverto che se disturberai anche una sola volta ancora i Tuoi post verranno cancellati

  8. #8
    Giuro di essere fedele al Re!
    Data Registrazione
    04 May 2003
    Località
    Luzern - Pesaro
    Messaggi
    5,826
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da italianuova2 Visualizza Messaggio
    Interessante sulla discendenza di biancamano tutta la successiva storeografia montata ad arte dai suoi successo per motivi politici...per alcuni discendevano dai carolingi, secondo altri dalle dinastie del Regno teutonico (svevi, franconi etc...) in ogni caso ad oggi...non si sa con certezza chi fu Umberto Biancamano.
    E si che la "e" nella tastiera è lontana dalla "i"....

    Cominciamo male, cominciamo con calunnie lapalissiane proprie dei repubblicani senza argomenti. Come fai ad affermare che le origini della Dinastia vengono spacciate con una: "storeografia montata ad arte dai suoi successo per motivi politici", quando questa Famiglia non ha mai preteso di trasformare la "leggenda e la tradizione medievale" in Storia accertata, tanto che riconosce quale ipotesi le cronache degli storici ai quali affidò la ricerca genealogica?

    Ma Tu vuoi avviare un thread serio o vuoi rompere i cocomeri?

  9. #9
    Monarchico da sempre !
    Data Registrazione
    15 Oct 2004
    Località
    Italia
    Messaggi
    10,883
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da italianuova2 Visualizza Messaggio
    Interessante sulla discendenza di biancamano tutta la successiva storeografia montata ad arte dai suoi successo per motivi politici...per alcuni discendevano dai carolingi, secondo altri dalle dinastie del Regno teutonico (svevi, franconi etc...) in ogni caso ad oggi...non si sa con certezza chi fu Umberto Biancamano.
    Erri, in quanto sappiamo benissimo chi fu il "Biancamano", Può darsi che le sue origini siano nebbiose, tanto che nel mio testo, che ho pubblicato già su altri siti ed articoli vari, non affermo che si tratta di un certificato di nascita rilasciato dall'anagrafe, ma scrivo "Secondo la leggenda e l’antica tradizione medioevale...". Detto questo invece, il testo letto da Umberto Biancamano, è un documento reale, originale e consultabile, datato 1025 !
    Come vedi parliamo di storia, NON di montaggi televisivi, ne tantomenno allusioni repubblicane !


    Citazione Originariamente Scritto da Fante d'Italia Visualizza Messaggio
    E si che la "e" nella tastiera è lontana dalla "i"....

    Cominciamo male, cominciamo con calunnie lapalissiane proprie dei repubblicani senza argomenti. Come fai ad affermare che le origini della Dinastia vengono spacciate con una: "storeografia montata ad arte dai suoi successo per motivi politici", quando questa Famiglia non ha mai preteso di trasformare la "leggenda e la tradizione medievale" in Storia accertata, tanto che riconosce quale ipotesi le cronache degli storici ai quali affidò la ricerca genealogica?

    Ma Tu vuoi avviare un thread serio o vuoi rompere i cocomeri?
    Caro Fante, io protendo per i cocomeri affettati, ma stiamo al gioco ancora un pochino...

  10. #10
    Giuro di essere fedele al Re!
    Data Registrazione
    04 May 2003
    Località
    Luzern - Pesaro
    Messaggi
    5,826
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ad ogni buon conto, appena posso avrò piacere di scrivere quanto so su colui del quale scrisse il da Te citato Jean d'Orieville (o d'Orville), detto Cabaret:

    "Ung Homme moult saige, fier et terrible comme ung lion.
    Lequel en son temps mist en subiection moult de gens
    e l'appellerent aucuns pour sa proudesse le petit Challemeine"

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. FUORI I SAVOIA [Fora Savoia] -- Mimmo Cavallo, nuova canzone
    Di Napoli Capitale nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-04-11, 14:18
  2. 70 - Maledetti Savoia, Savoia benedetti
    Di gnocco nel forum Monarchia
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 10-02-11, 09:40
  3. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 28-11-07, 10:41
  4. AVANTI SAVOIA! L'ultima carica dei Savoia cavalleria
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 27-11-07, 15:19
  5. Savoia: rientro di basso profilo o in grande stile
    Di Oli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-07-02, 03:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226