User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,551
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Come i depuratori inquinano il mar Tirreno. E noi paghiamo

    http://corrieredelmezzogiorno.corrie...PURATORI.shtml

    L'intervista a un operaio dell'impianto
    «Lavoro nel depuratore di Villa Literno
    e vi racconto come inquiniamo il mare»
    «La manutenzione è inesistente, le strutture sono vecchie e funzionano a singhiozzo». Scatta la forte denuncia dei lavoratori




    STRUMENTI
    VERSIONE STAMPABILE

    I PIU' LETTI

    INVIA QUESTO ARTICOLO


    NAPOLI — «Ieri mattina è uscito un liquido marrone dal depuratore ed è andato a finire nei Regi lagni, quindi a mare. Capita spesso, soprattutto negli ultimi tempi». Parole di Leopoldo Fabozzi, 57 anni, uno dei più anziani tra i lavoratori del depuratore Foce Regi lagni, a Villa Literno. È l'impianto messo peggio, tra i 5 gestiti da Hydrogest - 90% Termomeccanica e 10% Giustino l'associazione temporanea di imprese che s'è aggiudicata in concessione nel 2003 i depuratori. Hydrogest avrebbe dovuto curare la manutenzione e, soprattutto, la ristrutturazione di impianti obsoleti, che non rispettano le normative europee. In cambio avrebbe dovuto percepire dal Commissariato alle Acque - solo da pochi mesi gli impianti sono tornati alla Regione Campania - le quote che i cittadini pagano in bolletta per la depurazione. Nulla è andato per il verso giusto. Il Commissariato non ha versato un centesimo ad Hydrogest, in quanto molti Comuni sono morosi. L'associazione temporanea di imprese non investe, non cura la manutenzione e spesso paga pure in ritardo gli stipendi.
    Lo scenario - Il risultato è quello che descrive Fabozzi. «È ormai un anno che l'impianto di Villa Literno è sprovvisto delle 4 coclee, necessarie al sollevamento dei liquami. Se le sono portate via perché erano guaste. Non sono mai più tornate. Si va avanti con le pompe di sollevamento. Sarebbero 4, in teoria. Ne funzionano, male, due». Colpa della sabbia, che le intasa. «Il depuratore — racconta l'operaio — è dotato di un sistema di desabbiatura, che servirebbe appunto a evitare questo problema. Si estrae la sabbia dall'acqua con un meccanismo ad aria. Funziona male anch'esso». Un altro capitolo dolente: le nastropresse. «Sopra scorre il materiale da depurare. Due cassoni sotto ai nastri dovrebbero raccogliere il fango, che poi è immesso nelle apposite vasche. L'acqua depurata e trattata col cloro finisce poi a mare. In realtà, i nastri vanno a settimane alterne, perché spesso salta qualche pezzo, non essendoci adeguata manutenzione. Insomma, molti giorni all'anno nei Regi lagni il depuratore sversa acqua depurata in maniera insufficiente».
    I liquami - Liquami e colibatteri finiscono nel mare del litorale casertano, dove, non a caso, anche quest'anno le analisi dell'Arpac hanno imposto il divieto di balneazione per 32 chilometri su 41 di costa. Se anche non ci fosse, peraltro, Fabozzi, in quel mare a lui così familiare - («sono nato e cresciuto a Villa Literno») - non bagnerebbe neanche un piede. «Da quando lavoro al depuratore — confessa — non ho fatto più un solo tuffo nelle acque del litorale casertano».
    A Orta - Problemi analoghi, racconta Antonio Norgese, delegato sindacale della Fiom Cgil, all'impianto Napoli Nord, che ha sede ad Orta di Atella e, come quello di Villa Literno, sfocia nei Regi Lagni. Norgese ha 47 anni e risiede a San Giorgio a Cremano. «Lavoro alla centrifuga — premette — quel sistema grazie al quale i fanghi dovrebbero essere essiccati. L'acqua pulita va da una parte, subisce un trattamento biologico e chimico, quindi può essere sversata a mare. I fanghi essiccati finiscono in una vasca e poi sono trasportati discarica ». Pura teoria nell'impianto Napoli Nord. «Ormai i depuratori hanno tutti un sistema di centrifugazione che lascia meno del 25% di acqua. Quello dove lavoro io ne è sprovvisto, il sistema è obsoleto. Sopperiamo con una filtropressa, ma, credetemi, davvero non è la stessa cosa». Non bastasse, «una delle 4 coclee è fuori uso da tempo. Le pompe grasse per lubrificarla non funzionano da mesi e non sono state mai riparate. Difettosi pure i desabbiatori, per cui, in centrifuga, mi ritrovo una marea di sabbia che pregiudica ulteriormente la separazione del fango dall'acqua. Nè funzionano meglio i disoliatori: i pozzetti intasati da mesi. Gli olii dei liquami spesso finiscono nei Regi lagni e poi a mare». I fanghi, altro capitolo spinoso. Dovrebbero essere trasportati da ditte specializzate a discarica. Sono classificati come rifiuti speciali. Non essendoci sversatoi di questo genere in Campania, quelli prodotti dai depuratori finiscono in Puglia. Almeno in teoria. In pratica non accade sempre così.
    L'inchiesta - Un anno fa la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, grazie ad una inchiesta coordinata dal pubblico ministero Donato Ceglie e ad accertamenti del Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri, ha infatti appurato che quasi un milione di tonnellate di fanghi industriali provenienti da quattro depuratori sono stati sversati per mesi su decine di terreni in Campania, in provincia di Foggia e nel fiume Sabato, affluente del Volturno. Contenevano anche cromo esavalente, una sostanza estremamente tossica. Erano stati prodotti nei depuratori di Cuma, Orta di Atella, Marcianise e Mercato San Severino. I fanghi pericolosi sono stati utilizzati anche per riempire le buche scavate durante la costruzione di un metanodotto.
    La protesta - Ieri, martedì 10, ispezione al depuratore di Cuma da parte dell'ingegnere Generoso Schiavone, responsabile del ciclo integrato delle acque per la Regione Campania. Venerdì scorso i lavoratori avevano incrociato le braccia, perché non hanno ancora percepito lo stipendio da Hydrogest. «Ho trovato una situazione di grave tensione», riferisce il funzionario di Palazzo Santa Lucia. La Regione, spiega, intende dal primo luglio rivedere completamente le modalità della concessione all'associazione temporanea di imprese. In particolare, sottolinea Schiavone, «va riconsiderato il principio che debba essere il pubblico a riscuotere le quote della depurazione da destinare a Hydrogest. È come se la società autostrade non esigesse in proprio i pedaggi sulle tratte in concessione».


    Fabrizio Geremicca



    11 giugno 2008

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' statale?

    No, perchè io leggo:
    È l'impianto messo peggio, tra i 5 gestiti da Hydrogest - 90% Termomeccanica e 10% Giustino l'associazione temporanea di imprese che s'è aggiudicata in concessione nel 2003 i depuratori

    Poi vado su Termomeccanica.com e leggo
    Holding del Gruppo, partecipata da Banca Intesa (33%) e da altri soci finanziari ed imprenditoriali, portatori di differenti capacità e tradizioni.

    E' spreco di denaro pubblico? E noi paghiamo come? (domande solo in parte retoriche)

    E se, infine, è l'ennesimo caso di privatizzazione (delega al privato di un servizio che doveva/poteva essere pubblico) a cosa cazzo serve privatizzare?

  3. #3
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi sfugge la ragione del perchè questo 3d non abbia lo stesso riscontro di quello sulla sanità milanese. Trovo che siano molto simili.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,551
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse perché il disastro ambientale in Campania ha delle responsabilità politiche molto estese ed è causato da decenni di sprechi e rapine di denaro pubblico.

    I Regi Lagni erano l'antico fiume Clanio, irregimentato in canale dal viceré di Napoli don Pedro di Toledo per risanare le paludose pianure del Basso Volturno.

    Oggi è una enorme fogna a cielo aperto che inquina le coste da Gaeta a Napoli.

  5. #5
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eh già. Voi da quelle parti (posto che tu sia 'di quelle parti') avete anche una lunga storia di industrializzazione forzata, di malaffare politico, di sfruttamento capitalista (dico sul serio ) e, ammettiamolo, di latitanza della coscienza popolare.
    I miei più affettuosi auguri (si prospettano tempi duri).

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,551
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A parte lo sfruttamento capitalistico, che non c'entra niente coi depuratori, il resto è purtroppo vero.

    Inutile piangerci addosso. Siamo causa del nostro stesso male.

  7. #7
    Gianicolo, 1849
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    37,292
    Mentioned
    482 Post(s)
    Tagged
    10 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gigionaz Visualizza Messaggio
    E' statale?

    No, perchè io leggo:
    È l'impianto messo peggio, tra i 5 gestiti da Hydrogest - 90% Termomeccanica e 10% Giustino l'associazione temporanea di imprese che s'è aggiudicata in concessione nel 2003 i depuratori

    Poi vado su Termomeccanica.com e leggo
    Holding del Gruppo, partecipata da Banca Intesa (33%) e da altri soci finanziari ed imprenditoriali, portatori di differenti capacità e tradizioni.

    E' spreco di denaro pubblico? E noi paghiamo come? (domande solo in parte retoriche)

    E se, infine, è l'ennesimo caso di privatizzazione (delega al privato di un servizio che doveva/poteva essere pubblico) a cosa cazzo serve privatizzare?
    Beh, non si capisce perchè la ditta continui a mantenere la responsabilità dell'impianto se non viene pagata.
    Se il committente che ha bandito e aggiudicato una regolare gara d'appalto poi non paga la rata mensile è ovvio che quelli non possono fare un bel niente.
    Diverso è se la stazione appaltante paga regolarmente, e quindi pretende che vengano rispettati i capitolati.

    Direi che qui c'è la classica situazione: io faccio finta di pagarti e tu fai finta di lavorare. Il direttore lavori nominato dal committente non si fa vedere, l'ispettore della ASL si guarda bene dal venir a fare i prelievi dell'acqua in uscita, il direttore dell'impianto nominato dalla ditta appaltatrice sta sempre in tresferta, etc. etc.

  8. #8
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifo Visualizza Messaggio
    Beh, non si capisce perchè la ditta continui a mantenere la responsabilità dell'impianto se non viene pagata.
    Se il committente che ha bandito e aggiudicato una regolare gara d'appalto poi non paga la rata mensile è ovvio che quelli non possono fare un bel niente.
    Diverso è se la stazione appaltante paga regolarmente, e quindi pretende che vengano rispettati i capitolati.

    Direi che qui c'è la classica situazione: io faccio finta di pagarti e tu fai finta di lavorare. Il direttore lavori nominato dal committente non si fa vedere, l'ispettore della ASL si guarda bene dal venir a fare i prelievi dell'acqua in uscita, il direttore dell'impianto nominato dalla ditta appaltatrice sta sempre in tresferta, etc. etc.
    Eh! Per dire!
    Esiste una logica in tutto questo che non sia far girare il più possibile denaro che tiene su tutti i carrozzoni?
    Ciao

  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    15 Dec 2006
    Messaggi
    661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il punto e' per che caz... i comuni non hanno i soldi per il depuratore e hanno sempre i soldi invece per fare le feste di paese..

  10. #10
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,655
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da roby68 Visualizza Messaggio
    il punto e' per che caz... i comuni non hanno i soldi per il depuratore e hanno sempre i soldi invece per fare le feste di paese..
    Simpatica battuta...
    Perchè le tasse puzzano e irritano la pelle, e la gente vuole divertirsi. Sempre.
    L'ottimo amministratore FA quello che vuole il POPOLO. No?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Puglia, fuori i privati dalla gestione dei 170 depuratori
    Di cyber81 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-09-08, 12:58
  2. Segnalateci i depuratori fantasma. Altro spreco di denaro!!
    Di Mov. Libero nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-11-07, 21:53
  3. Freni E Gomme Inquinano Piu' Dei Motori
    Di Pisittu nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-07-07, 12:28
  4. I complotti belleriani inquinano la Toscana,,,,
    Di incastigo nel forum Padania!
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 31-07-06, 22:06
  5. Il Tirreno su internet ora è a pagamento..
    Di Diabolik nel forum Toscana
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 17-12-02, 15:18

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226