User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 57
  1. #1
    SACERDOTE DI ISIDE
    Data Registrazione
    14 Feb 2006
    Località
    NEL COSMO
    Messaggi
    394
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Le violenze cattoliche contro i pagani

    Cronologia storica delle persecuzioni dei cattolici contro i pagani




    Questa cronologia racconta le principali persecuzioni contro gli ellenici gentili (pagani) causate dai cristiani. È tratta dal libro di Vlasis Rasias, “La demolizione dei templi”, pubblicato in Atene da Diipetes Editiones nel 1994 e divulgata liberamente sul sito della Congregazione degli Ellenici in varie lingue. La cronologia è stata estratta in lingua spagnola e poi da me tradotta.


    Anno 314 - Immediatamente dopo la sua piena legalizzazione, la chiesa cristiana attacca i pagani: il concilio di Ancirra denuncia il culto della Dea Artemide.


    Anno 324 - L'imperatore Costantino dichiara il cristianesimo come l'unica religione ufficiale dell'impero romano. In Didima, in Asia minore, viene saccheggiato l'oracolo del Dio Apollo e i sacerdoti pagani vengono torturati sino alla morte. I pagani vengono allontanati dal Monte Athos e sono distrutti tutti i templi greci del luogo.


    Anno 326 - L'imperatore Costantino, seguendo le istruzioni di sua madre Elena, distrugge il tempio del Dio Asclepio in Aigeai, in Cilicia e molti templi della Dea Afrodite in Gerusalemme, Afaka, Mambre, Feniciea, Baalbek, ecc.


    Anno 330 - L'imperatore Costantino ruba i tesori e le statue dei templi pagani della Grecia per decorare la Nuova Roma, Costantinopoli, la nuova capitale dell'impero.


    Anno 335 - L'imperatore Costantino saccheggia molti templi Pagani dell’Asia Minore e della Palestina e ordina l'esecuzione per crocifissione di "tutti i maghi e indovini". Viene martirizzato il filosofo neoplatonico Sopatrus.


    Anno 341 - L'imperatore Flavio Giulio Costanzo perseguita "tutti gli indovini e gli ellenici”. Molti pagani greci sono imprigionati o giustiziati.


    Anno 346 - Nuove persecuzioni su larga scala contro i pagani di Costantinopoli. Viene bandito il famoso oratore Libanius, accusato di essere un “mago”.


    Anno 353 - Un decreto di Costanzo ordina la pena di morte per tutti coloro che pratichino sacrifici e idolatria.

    Anno 354 - Un nuovo decreto ordina la chiusura di tutti i templi pagani. Alcuni di questi sono profanati e trasformati in bordelli o sale da gioco. Sono giustiziati molti sacerdoti pagani.


    Anno 354 - Un nuovo editto di Costantino ordina la distruzione dei templi pagani e l'esecuzione di tutti gli idolatri. Primi roghi di biblioteche in varie città dell'impero. Le prime fabbriche di cemento vengono costruite vicino ai templi pagani chiusi. La gran parte delle sacre architetture dei pagani vengono ridotte a calcinacci.


    Anno 357 - Costantino proibisce tutti i metodi di divinazione, compresa l'astrologia.


    Anno 359 - In Skytopolis, Siria, i cristiani organizzano il primo campo di concentramento per la tortura e l’esecuzione dei pagani arrestati in qualsiasi parte dell’Impero.


    Anno 361 fino al 363 - La tolleranza religiosa e la restaurazione dei culti pagani sono nuovamente dichiarate a Costantinopoli, il 1° dicembre 361, dall'imperatore Flavio Claudio Giuliano.


    Anno 363 - Assassinio dell'imperatore Giuliano (26 giugno).


    Anno 364 - L'imperatore Flavio ordina di bruciare la biblioteca di Antiochia.


    Anno 364 - Un editto imperiale, dell’11 settembre, ordina la pena di morte per tutti i pagani che praticano il culto antico degli Dei ancestrali o praticano la divinazione ("sileat omnibus perpetuo divinandi curiositas"). Tre decreti differenti (4 febbraio, 9 settembre, 23 dicembre) ordinano la confisca di tutte le proprietà dei templi pagani, punendo con la pena di morte tutti coloro che praticano rituali pagani, inclusi quelli fatti privatamente.


    Anno 365 - Un decreto imperiale, del 17 novembre, proibisce ai funzionari pagani di comandare i soldati cristiani.


    Anno 370 - L'imperatore Valente ordina una tremenda persecuzione contro i pagani in tutta la parte orientale dell’Impero. Ad Antiochia si giustizia, in mezzo a molti altri pagani, l’ex governatore Fidustius e i sacerdoti Hilarius e Patricius. Si bruciano numerosi libri nelle piazze delle città dell'Impero dell’est. Si perseguitano tutti gli amici di Giuliano (Orebasius, Sallustius, Pegasius, ecc.). Viene bruciato vivo il filosofo Simonides e decapitato il filosofo Maximus.


    Anno 372 - L'imperatore Valente ordina al governatore dell'Asia Minore di sterminare tutti gli ellenici e tutti i documenti relativi al loro sapere.


    Anno 373 - Nuova proibizione di tutti i metodi di divinazione. Il termine "pagano" è introdotto dai cristiani per disprezzare i gentili.


    Anno 375 - Si chiude il tempio del Dio Asclepio nell’Epidauro, in Grecia.


    Anno 380 - Il 27 febbraio, un editto dell’imperatore Flavio Teodosio converte il cristianesimo in religione esclusiva dell’Impero Romano, proclamando: “tutte le nazioni che sono soggette alla nostra clemenza e moderazione devono continuare a praticare la religione che fu introdotta ai romani dal divino apostolo Pietro”. I non cristiani sono definiti "ripugnanti, eretici, stupidi e ciechi”. In un altro decreto Teodosio chiama "insani" tutti quelli che non credono nel Dio cristiano e proibisce discrepanze nei confronti dei dogmi della chiesa. Ambrosio, vescovo di Milano, comincia a distruggere tutti i templi della sua zona. I preti cristiani istigano e spingono il popolo a ribellarsi contro il tempio della Dea Demetra, in Eleusi e tentano di linciare i sacerdoti pagani Nestorius e Priskus. Il sacerdote pagano Nestorius mette fine ai Misteri Eleusini e annuncia la predominanza dell’oscurità mentale sopra la razza umana.


    Anno 381 - Il 2 maggio, Teodosio priva di tutti i loro diritti i cristiani che tornano a praticare la religione pagana. In tutta la parte orientale dell’Impero si saccheggiano o si bruciano i templi e le biblioteche pagane. Il 21 dicembre, Teodosio proibisce anche la semplice visita ai templi ellenici. A Costantinopoli il tempio della Dea Afrodite diventa un bordello, mentre il tempio di Helios e Artemide una stalla.


    Anno 382 - "Hellelu-jah", Gloria a Yawe, si impone nelle messe cristiane.


    Anno 384 - L'imperatore Teodosio ordina al prefetto pretoriano Maternus Cynegius, un devoto cristiano, di cooperare con i vescovi locali e distruggere i templi dei pagani nel nord della Grecia e in Asia Minore.


    Anno 385 fino al 388 - Maternus Cynegius, animato dalla sua fanatica sposa e dal vescovo (Santo) Marcellus, percorre con le sue bande tutto il paese, sequestrando e distruggendo cento templi ellenici, santuari e altari. Tra questi fu distrutto il tempio di Odessa, il Cabeireion di Imbros, il tempio di ZEUS ad Apamea, il tempio di Apollo a Dydima e tutti i templi di Palmyra. Migliaia di innocenti pagani in tutto l’Impero vengono martirizzati nel terrificante e orribile campo di concentramento di Skythopolis.


    Anno 386 - L'imperatore Teodosio proibisce, il 16 giugno, il restauro dei templi pagani saccheggiati.


    Anno 388 - Per volontà di Teodosio si proibiscono i dibattiti pubblici sui temi religiosi. Il vecchio oratore Libanius spedisce una famosa Epistola "Pro Templis" a Teodosio, con la speranza che quei pochi templi ellenici rimasti vengano rispettati e risparmiati.


    Anno 389 fino al 390 - Si proibiscono tutte le feste che non rientrano nei calendari cristiani. Orde di eremiti fanatici, provenienti dal deserto, invadono le città del Medio Oriente e dell'Egitto distruggendo statue, altari, biblioteche, templi e linciando i pagani. Teofilo, patriarca di Alessandria, da inizio ad una dura persecuzione contro i pagani, converte il tempio di Dionisio in una chiesa cristiana, brucia il Mithraeum della città, distrugge il tempio di Zeus e schernisce i sacerdoti pagani prima di farli lapidare, mentre la popolazione cristiana profana le immagini di culto.


    Anno 391 - Il 24 febbraio, un nuovo decreto di Teodosio non solo proibì la visita ai templi pagani, ma impose anche di guardare le statue deturpate. Nuove e terribili persecuzioni per tutto l’Impero. In Alessandria i pagani, liberati dal filosofo Olympius, organizzano una rivolta e dopo alcuni scontri si rinchiudono nel tempio fortificato del Dio Seraphide (il Serapeion). Dopo un violento assedio, i cristiani prendono l'edificio, lo distruggono, bruciano la sua famosa biblioteca e profanano le immagini di culto.


    Anno 392 - L'8 novembre, l'imperatore Teodosio proibisce tutti i rituali non cristiani e li chiama "superstizioni dei Gentili" (gentilicia superstitio). Nuova persecuzione su grande scala contro i pagani. I Misteri di Samotracia sono proibiti e vengono assassinati i sacerdoti pagani. A Cipro il vescovo locale (San) Epifanio e (San) Tychon distruggono quasi tutti i templi dell'isola e sterminano migliaia di pagani. I misteri locali della Dea Afrodite vengono censurati. Nell’editto di Teodosio si dichiara: "quelli che non ubbidiranno al padre Epifanio non avranno diritto di vivere in quest'isola". I pagani si rivoltano contro l'imperatore e la Chiesa a Petra, Aeropolis, Rafia, Gaza, Baalbek e altre città del Medio Oriente.


    Anno 393 - Si proibiscono i Giochi di Pythian, i Giochi di Aktia e i Giochi Olimpici considerati come parte dell'idolatria ellenica. I cristiani saccheggiano i templi di Olympia.


    Anno 395 - Due nuovi decreti, del 22 luglio e del 7 Agosto, causano nuove persecuzioni contro i pagani. Rufinus, l'eunuco Primo ministro dell'imperatore Flavius Arcadius, dirige le sue orde di battezzati goti, guidati da Alarico, in Grecia. Animati dai monaci cristiani, i barbari saccheggiano e bruciano molte città (Dion, Delphi, Megara, Corinto, Pheneos, Argos, Nemea, Lycosoura, Sparta, Messene, Phigaleia, Olympia, ecc), massacrano o schiavizzano innumerevoli pagani ellenici e diroccano tutti i Templi. Bruciano il Santuario di Eleusi e bruciano vivi tutti i sacerdoti pagani, incluso il sacerdote Mithras Hilarius.


    Anno 396 - Il 7 dicembre, un nuovo decreto dell'imperatore Arcadius ordina che il paganesimo sia trattato come atto di alto tradimento. Vengono incarcerati i pochi sacerdoti pagani rimasti.


    Anno 397 - "Demoliteli!". L'imperatore Flavio Arcadius ordina la demolizione di tutti i templi pagani rimasti ancora in piedi.


    Anno 398 - Il Quarto Concilio Ecclesiastico di Cartagine proibisce a tutti, inclusi i vescovi cristiani, lo studio dei libri pagani. Porfirius, vescovo di Gaza, demolisce quasi tutti i templi pagani della città, eccetto nove di loro che rimangono attivi.


    Anno 399 - Con un nuovo editto, del 13 giugno, l'imperatore Flavio Arcadius ordina la distruzione immediata di tutti i templi pagani principalmente nelle zone rurali.


    Anno 400 - Il vescono Nicetas distrugge l'oracolo del Dio Dionisio a Vesai e battezza tutti i pagani di quell'area.


    Anno 401 - A Cartagine la popolazione cristiana lincia i pagani e distrugge templi e idoli. Anche a Gaza il vescovo locale, (Santo) Porfirio, ordina ai suoi seguaci il linciaggio dei pagani e la demolizione dei nove templi rimasti attivi in città. Il quindicesimo Concilio di Calcedonia ordina la scomunica dei cristiani che mantengono buone relazioni con i loro parenti pagani.


    Anno 405 - Giovanni Crisostomo invia le sue orde di monaci vestiti di grigio e armati con mazze e bastoni di ferro a distruggere gli idoli di tutte le città della Palestina.


    Anno 406 - Giovanni Crisostomo raccoglie fondi con l’aiuto delle ricche mogli cristiane per finanziare la distruzione dei templi ellenici. Ad Efeso si ordina la distruzione del famoso tempio della Dea Artemide. A Salamis, a Cipro, il “Santo” Ephiphanius e Eutychius continuano la persecuzione dei pagani e la distruzione dei loro templi e santuari.


    Anno 407 - Un nuovo decreto proibisce una volta per tutte gli atti di qualsiasi culto non cristiano.


    Anno 408 - L'imperatore dell'Impero occidentale Onorius e l'imperatore dell'impero d'oriente Arcadius, ordinano che tutte le sculture dei templi pagani siano distrutte o confiscate, proibendo anche il possesso privato di qualsiasi scultura pagana. I vescovi locali dirigono nuove e dure persecuzioni contro i pagani e si ardono al rogo i loro libri. Si perseguitano anche i giudici che mostrano pietà per i pagani. (San) Augustine massacra centinaia di protestanti pagani a Calama, in Algeria.


    Anno 409 - Ancora una volta un decreto ordina che si castighi con la pena di morte chi pratica l’astrologia e ogni altro metodo divinatorio.


    Anno 415 - Ad Alessandria la popolazione cristiana, animata dal vescovo Cirillo, a pochi giorni dalla pasqua giudaico-cristiana, attacca e martirizza, tagliandone il corpo a pezzi, la famosa e bella Filosofa Hypatia (Ipazia di Alessandria). I pezzi del suo corpo, portati per le vie di Alessandria dai cristiani della città, vengono bruciati insieme ai suoi libri nella piazza chiamata Cynaron. Il 30 agosto cominciano nuove persecuzioni contro tutti i sacerdoti pagani del nord Africa, che finiscono crocifissi o bruciati vivi.


    Anno 416 - L'Inquisitore Hypatius, chiamato “La spada di Dio”, stermina gli ultimi pagani di Bithynia. A Costantinopoli, il 7 dicembre, vengono dimessi tutti gli ufficiali dell'esercito, gli impiegati pubblici e i giudici non cristiani.


    Anno 423 - L'imperatore Teodosio II dichiara, l’8 giugno, che la religione dei pagani non è altro che “il culto del demonio” e ordina che tutti coloro che insistono nel seguirla e nel praticarla vengano castigati con il carcere e la tortura.


    Anno 429 - Viene saccheggiato il tempio della Dea Atene (Parthenon) sull'omonima Acropoli. Si perseguitano i pagani ateniensi.


    Anno 435 - Il 14 novembre un nuovo editto dell'imperatore Teodosio II ordina la pena di morte per gli "eretici" e i pagani dell'Impero. Si proclama che l’unica religione legale è il cristianesimo.


    Anno 438 - L'imperatore Teodosio II emette un nuovo decreto, il 31 gennaio, contro i pagani, considerando la loro “idolatria” causa della recente peste.


    Anno 440 fino al 450 - I cristiani demoliscono tutti i monumenti, gli altari e i templi di Atene, Olympia e altre città greche.


    Anno 448 - Teodosio II ordina che si brucino tutti i libri non cristiani.


    Anno 450 - Vengono demoliti tutti i templi di Afrodite, città della Dea Afrodite, e si bruciano tutte le librerie della città che è rinominata Stavroupolis (Città della Croce).


    Anno 451 - Un nuovo decreto dell'imperatore Teodosio II, del 4 novembre, riafferma che l’idolatria deve essere castigata con la morte.


    Anno 457 fino al 491 - Persecuzioni sporadiche contro i pagani nella parte orientale dell’Impero. Tra i giustiziati ci sono il medico Jacobus e il filosofo Gessius. Vengono torturati e incarcerati Severianus, Herestios, Zosimus, Isidorus e altri. Il predicatore cristiano Conon e i suai seguaci sterminano gli ultimi pagani dell'isola Imbros, nel nord est del Mar Egeo. Sono giustiziati a Cipro gli ultimi adoratori di Zeus Lavranius.


    Anno 482 fino al 488 - Vengono sterminati la maggior parte dei pagani dell’Asia minore, a causa di una disperata rivolta contro l’Imperatore e la Chiesa.


    Anno 486 - Molti sacerdoti pagani che erano rimasti in clandestinità vengono scoperti, arrestati, scherniti, torturati e giustiziati ad Alessandria.


    Anno 515 - Il battesimo diventa obbligatorio anche per quelli che si dichiarano già cristiani. L'imperatore di Costantinopoli, Anastasius, ordina il massacro dei pagani nella città araba di Zoara e la demolizione del tempio locale del Dio Theandrites.


    Anno 528 - L'imperatore Jutprada (Giustiniano) proibisce i giochi olimpici sostituiti da quelli di Antiochia. Ordina l'esecuzione - tramite il rogo, la crocifissione o lo smembramento mediante artigli di ferro - di tutti coloro che praticano "la stregoneria, la divinazione, la magia o l’idolatria" e proibisce tutti gli insegnamenti dei pagani affermando: “…è una sofferenza davanti alle insane bestemmie degli ellenici".


    Anno 529 - L'imperatore Giustiniano chiude l'Accademia di Filosofia di Atene, dove aveva insegnato Platone, e confisca le sue proprietà.


    Anno 532 - L'inquisitore Ioannis Asiacus, un monaco fanatico, dirige una crociata contro i pagani dell'Asia minore.


    Anno 542 - L'imperatore Giustiniano permette all'inquisitore Ioannis Asiacus di convertire i pagani di Phrygia, Caria e Lydia, nell'Asia Minore. In 35 anni, 99 chiese e 12 monasteri furono edificati sopra i resti dei templi pagani distrutti.


    Anno 546 - Centinaia di pagani sono condannati a morte a Costantinopoli dall'inquisitore Ionnis Asiacus.


    Anno 556 - L'imperatore Giustiniano ordina al terribile inquisitore Amantius di andare ad Antiochia per arrestare, trovare e sterminare gli ultimi pagani della città e distruggere tutte le biblioteche private.


    Anno 562 - Arresti di massa, torture ed esecuzioni dei pagani ellenici ad Atene, Antiochia, Palmira e Costantinopoli.


    Anno 578 fino al 582 - I cristiani torturano e crocifiggono i pagani ellenici in tutta la parte orientale dell’Impero e sterminano gli ultimi pagani di Heliopolis (Baalbek).


    Anno 580 - Gli inquisitori cristiani attaccano un tempio segreto di Zeus ad Antiochia. Il Sacerdote del tempio si suicida e vengono arrestati il resto dei pagani presenti. Tutti i prigionieri, incluso il vice governatore Anatolius, sono torturati e mandati a Costantinopoli per comparire in giudizio. Là vengono condannati a morte e dati in pasto ai leoni, tuttavia nel vedere che i feroci animali non erano intenzionati ad attaccare i condannati, vennero poi crocifissi. I cadaveri furono trascinati per le strade e lasciati poi senza alcun tipo di sepoltura tra le immondizie.


    Anno 583 - Nuova persecuzione contro i pagani ellenici da parte dell'Imperatore Mauricius.


    Anno 590 - In tutta la zona orientale dell’Impero gli “accusatori cristiani” scoprono cospirazioni pagane. Nuove tormentate torture ed esecuzioni.


    Anno 692 - Il Concilio di Costantinopoli proibisce le restanti celebrazioni pagane/dionisiache come le Calende, Brumalia, Anthesteria, etc.


    Anno 804 - I pagani ellenici di Mesa Mani (Cape Tainaron, Lakonia, Grecia) resistono con successo al tentativo di Tarasius, patriarca di Costantinopoli, di convertirli al cristianesimo.


    Anno 850 fino all’860 - Conversione violenta degli ultimi pagani ellenici di Mesa Mani da parte dell’armeno (San) Nikon.




    vi riporto un messaggio spedito ad un ortodosso che ha cancellato la cronologia delle persecuzioni dei cattolici-cristiani contro i pagani affermando che sono state giuste perchè il LORO DIO ha detto che chi di spada ferisce morirà di spada (che non si dice nemmeno cosi... bha ahahah)

    p. daneel

    sono FRATER D.O. !

    Mi meraviglio dell'eliminazione della cronologia storica circa la persecuzione dei cristiani contro i pagani... la storia viene come al solito oscurata dalla fede e della religione, e la verità che lo "spirito" anela viene terribilmente offuscata dalle tenebre della falsità e della menzogna.

    Comunque, nonostante il tuo atto oscurantista nei confronti di quella cronologia alla quale non hai dato nessuna risposta soddisfacente, vorrei replicare all'unica giustificazione che hai dato al martirio di milioni di esseri viventi colpevoli di essere pagani. Hai scritto che quelle persecuzioni sono giustificabili per una sorta di "vendetta leggittimata" da un passo biblico: "Chi di spada ferisce, morirà di spada", disse il vostro Dio.

    Mi hai risposto con questa profonda ed erudita affermazione, molto convincente. Quindi volevo sapere se questo postulato è valido pure per i seguaci del "vostro Dio". I pagani hanno ferito di spada e hanno pagato con la spada (sarei poi curioso di leggere una cronologia storica delle persecuzioni che i pagani hanno perpetuato su voi cristiani, sarebbe una rivelazione!!! anzi, per onore della verità i pagani avevano ottimi rapporti addirittura con gli ebrei.. con l'avvento del cristianesimo è stata la chiesa di pietro a perseguitare le comunità degli ebrei perchè volevano convertirle tutte in un solo credo... noi non abbiamo mai obbligato nessuno a convertirsi nel nostro culto!)... dicevo i pagani hanno ferito di spada e hanno pagato con la spada (dimostramelo) ora però avete ferito voi di spada e quindi state pagando le conseguenze con l'aumento delle persecuzioni contro le comunità cristiane in oriente? Ecco vorrei capire un attimo se questa condanna di Dio è anche vostra! Il suo popolo subirà l'ira del suo stesso Dio poiché avete ferito di spada? Per cui morirete anche voi con le spade?

    Sinceramente spero di no, anzi... pregherò le mie divinità affinché ciò non avvenga MAI PIU!

    IRENE DEA canti la pace!

    FRATER D.O.
    a P. D.
    che belle iniziali che avete signore!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho letto questo intervento, e la reazione di p. daneel.
    Ecco, io non risponderei come ha fatto lui. Io direi piuttosto che questi fatti (sui quali è bene chi ci sia luce), ci interrogano, e ci interrogano profondamente.
    Di fronte a questi fatti storici, io seguirei il consiglio del filosofo Husserl, ed opererei una epoché. Sospensione del giudizio. Metodo prezioso di conoscenza.

    Sia come sia, quel detto evangelico "chi di spada ferisce...", è universalmente valido. Per cui, altrettanto per i cattolici (di tradizione latina e greca) oggi, nel 21esimo secolo, e a distanza di così tanti secoli.

    Poi, ovviamente, su questo punto aveva ragione Nietzsche. Nel quarto secolo d.c. avvenne un "rovesciamento religioso", di proporzioni cosmiche. I "deboli", gli "umili", i "vinti" dell'impero romano, che per primi accolsero l'evangelo sentendolo proprio, col tempo cominciarono a subire il fascino del dio della potenza. Il loro dio, umile, non-violento ma radicale, misericordioso, crocifisso e risorto per amore, subì nei secoli una lenta ma progressiva trans-formazione. Chissà, forse era inevitabile. Venendo in contatto con gli déi dell'Olimpo, un pò comincio ad acquisire alcune loro caratteristiche, in primis quelle dionisiache.

  3. #3
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La figura storica su cui si basa Gesù è molto probabilmente un rivoluzionario giudeo che mirava al trono di Gerusalemme presentandosi come Messia.


    Ci mancava solo la propaganda marxiana qui in questo forum. Miei complimenti. Un passo falso. Su questi presupposti, l'intolleranza la produci tu, e poi non vedo la differenza tra questa prospettiva e quella che suol dirsi "bigottismo cattolico". Due facce della stessa medaglia. Mi dispiace, questo scontro dialettico-identitario, non mi interessa. Non ho proprio tempo né voglia.
    Se ci sono altri interventi più costruttivi e seri, bene, se no, rimaniamo pure nella ignoranza vicendevole.


    Grazie

  4. #4
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tu non metti in dubbio un bel niente, tu affermi qualcosa, quindi fai esegesi. Chiara la differenza? E tale esegesi non è per niente una cosa "originale", è uno dei tanti frutti dell'albero marxiano.

    Non CREDERE nella storicità di Cristo (post n5) e CREDERE che fosse stato "un rivoluzionario giudeo che mirava al trono di Gerusalemme presentandosi come Messia" (post n 3), non sono la stessa cosa. Solo una testa di rapa può pensare siano la stessa cosa. Chiaro!? Ora, o sei tu una "testa di rapa" o - forse inconsapevolmente- stai dando a me della "testa di rapa". In entrambi i casi, siamo fuori i limiti minimi per la discussione.

    Detto questo, considero sì intollerante la provocazione o la presa in giro.
    Per cui, se vuoi insistere su questo versante, non mi interessa proseguire. Fidati, non ci sono gli spazi per un dialogo proficuo. Basta così.

    Dormi bene (o buona giornata, se leggerai alla mattina).

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Apr 2006
    Località
    www.sullescoglieredimarmo. wordpress.com
    Messaggi
    2,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pfjodor Visualizza Messaggio
    Ho letto questo intervento, e la reazione di p. daneel.
    Ecco, io non risponderei come ha fatto lui. Io direi piuttosto che questi fatti (sui quali è bene chi ci sia luce), ci interrogano, e ci interrogano profondamente.
    Di fronte a questi fatti storici, io seguirei il consiglio del filosofo Husserl, ed opererei una epoché. Sospensione del giudizio. Metodo prezioso di conoscenza.

    Sia come sia, quel detto evangelico "chi di spada ferisce...", è universalmente valido. Per cui, altrettanto per i cattolici (di tradizione latina e greca) oggi, nel 21esimo secolo, e a distanza di così tanti secoli.

    Poi, ovviamente, su questo punto aveva ragione Nietzsche. Nel quarto secolo d.c. avvenne un "rovesciamento religioso", di proporzioni cosmiche. I "deboli", gli "umili", i "vinti" dell'impero romano, che per primi accolsero l'evangelo sentendolo proprio, col tempo cominciarono a subire il fascino del dio della potenza. Il loro dio, umile, non-violento ma radicale, misericordioso, crocifisso e risorto per amore, subì nei secoli una lenta ma progressiva trans-formazione. Chissà, forse era inevitabile. Venendo in contatto con gli déi dell'Olimpo, un pò comincio ad acquisire alcune loro caratteristiche, in primis quelle dionisiache.
    I fatti riportati sono esempi da avere sempre davanti alla mente.

    I grandi imperatori di Roma trattarono i cristiani come meritarono (leggi Diocleziano), i cristiani fecero tesoro del loro esempio e lo applicarono sistematicamente

    Dobbiamo imparare il loro metodo, pur non condividendone la visione del mondo!

  6. #6
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Apostata_tv83 Visualizza Messaggio
    Si fa esegesi e questa non è certo una prerogativa delle varie chiese che credono a Cristo (trovando regolarmente conferma alle proprie supposizioni). Non credo nella storicità di Cristo e, se leggi bene, ho affermato più volte che la sua figura mitologica è creata sulla base di un qualche personaggio storico della palestina del I sec. d.C. Che si chiamasse Gesù figlio di Maria e di Giuseppe (povero cornutone) è inverosimile... suppongo che solamente se viene confermato il genio di prostrarsi di fronte alla memoria distorta di un criminale appeso in croce dai romani questa discussione può diventare appagnante?
    Signorino, prima dovresti chiarirti tu la differenza tra "marxista" e "marxiano".
    Io non ho parlato di "marxisti". Chiaro?
    Se non credi nella storicità di Gesù, non credi nella storicità di Gesù. PUNTO.

    E ti fermi qui. Non fai esegesi del tipo: "un rivoluzionario giudeo che mirava al trono di Gerusalemme presentandosi come Messia" (post n 3). Questo procedere è SCORRETTO. Riesci a capirlo questo? Spero di si. Ti ricordavo acuto e intelligente, ma non ricordavo che fossi simpatizzante della ermeneutica marxiana. Ora lo so.

    Ciao


    ps.
    Sai il greco? Ti sei preso del tempo per leggere in solitudine tutti i 4 racconti dell'evangelo? Hm...non so, dal fastidio che hai nei confronti del nome del Signore (visibile e esperibile chiaramente nelle tue parole e nel tuo modo di comunicare, apparentemente di un sarcasmo brillante o ironia tagliente, ma in verità frutto del risentimento e rabbia) ho forti dubbi che tu avessi potuto "perdere tempo" prezioso per andare in profondità del testo. Vista la tua ermeneutica marxiana, credo che una operazione del genere tu non l'abbia mai fatta. Sei rimasto sulla superficie: citazioni e riferimenti testuali trovati nei vari autori (magari un Bloch o simili).

    Ti auguro di riuscire a trovare volontà necessaria per "perdere un pò di tempo" e studiare seriamente. Senza "intermediari", e nonostante un bagaglio enorme di pregiudizi, con mente distesa. Ora come ora, così non è. Per cui, chiudiamo qui.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Apr 2006
    Località
    www.sullescoglieredimarmo. wordpress.com
    Messaggi
    2,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Apostata_tv83 Visualizza Messaggio
    Ancora con questa boiata marxiana? Non sono io che faccio esegesi, mi basa al massimo sugli scritti di Leo Zen "L'invenzione del Cristianesimo" e Pepé Rodriguez. Ha certo dei tratti rivoluzionari che sono però da ricondursi all'ambiente esseno e zelota (che non critica mai, nonostante compissero razzie). Stranamente Cristo attacca solamente i gruppi "collaborazionisti" giudei, favorevoli al dominio romano e non intenzionati a metterne in discussione l'autorità. Erode, il Sinedrio ecc. Strano che tra i seguaci di Cristo ci fossero Simone lo Zelota detto Barjona (cioé dedito alla macchia) che è stato tradotto con immensi sforzi come Bar Jona (figlio di Giona) quando invece in tutti i testi evangelici troviamo il greco "o nios" per indicare "figlio di" così è in Mt 1,12 mt 23,25, lc 19,9 etc. Il Bar non è mai stato usato. Altro Simone Zelota viene chiamato Chananaios (mc 3, 18) o Chananitis (Mt. 10, 4) tradotto come "cananeo" ignorando invece il termine qanana (Zelota, farabutto, terrorista). Troviamo tutti i termini del caso che indicano le attività illecite dei seguaci di Gesù.

    Che poi Cristo mirasse solo agli ebrei lo dice lui stesso: mt. 10, 5-6 - non andate tra i pagani e non entrate nelle città dei samaritani. Andate piuttosto alle pecore perdute della casa d'Israele.
    Non abolisce la Legge mosaica ma la completa mt. 5,7 lc 16,17
    Dichiara il suo ruolo violento lc 22, 36 e mt 10,34, Gesù entra a Gerusalemme adempiendo alla profezia del Messia davidico (re del popolo ebraico) entrando a cavallo di un asino, con tanto di Osanna e palmizi, in mt 27, 16 è stato censurato il nome di Barabba (Figlio del Padre?) che è Gesù, sdoppiando così il personaggio e dichiarando che tale Gesù Barabba (titolo, non patronimico... Gesù Figlio del Padre) era stato arrestato con accusa di omicidio durante le sommosse gerosolomitane e così via. Sulla nascita si indicano delle date improponibili, cioé un Censimento voluto da Quirino mentre Erode era in vita (cosa mai avvenuta), le liste degli antenati sono sregolate in tutti i vangeli, la nascita viene a tratti messa a Betlemme in casa di parenti dei genitori, in un'altra in altri luoghi e così via. Tutta la nascita è scopiazzata da esempi più antichi, non si parla mai di Maria come di vergine ma come betulah (fanciulla in età da marito) e così via... insomma, marxiano o no basta il buon senso per farsi una grassa risata.
    Ah beh se l'hanno scritto Leo Zen e Pepé Rodriguez tanto di cappello
    Cioè tu hai letto 1 libro scritto dai primi chepassano per strada e ti permetti di essere così categorico ed arrogante? Sena poi aver capito molto si direbbe, ovvero forse gli autori non hanno capito niente dei testi evangelici.

    E' OVVIO che Gesù sia presentat ocome Messia e che tutti i particolari della sua vita servano a confermare tale idea, cioè sarebbe una sciocchezza affermare il contrario.
    Il punto è che i vangeli non sono testi storici, bensì didattici.
    L'ho già scritto un numero infinito di volte, ma pensare di risalire alla soticità di Gesù dai vangeli è assurdo e frutto solo di ignoranza.
    I vangeli sono testi DIDATTICI e presentano la figura del Cristo in forma altamente simbolica: tutto quello che viene narrato ha un significato simbolico ed in questo senso va decodificato. Quindi pensare davvero di usarli come testi storici, andando a fare ipotesi su un tal Giuseppe o una tal Maria, ecc... è patetico. Anche perchè per farlo servirebbe una notevole conoscenza filologica del greco (lingua in cui furono scritti i vangeli) e dell'ebraico antico, che in pochissimi hanno.
    L'unico dato sulla figura storica di Gesù è un passaggio di Giuseppe Flavio, storico romano che lo nomina, e basta.

    Ma il problema della storicità di Gesù è del tutto secondario. E' impossibile dimostrarne l'esistenza reale come la non esistenza, porsi questo problema è come cercare di dimostrare che sia vero o no che nell'anno 5 d.c. a mediolanum sia vissuto un tale di nome Marius che faceva l'artigiano!

  8. #8
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Arjuna Visualizza Messaggio



    I vangeli sono testi DIDATTICI e presentano la figura del Cristo in forma altamente simbolica: tutto quello che viene narrato ha un significato simbolico ed in questo senso va decodificato.


    il problema della storicità di Gesù è del tutto secondario. E'
    Che sorpresa! Mi risparmia molte fatiche. Per rendere ancor più assurda la cosa, molti tra i moderni esegeti marxiani diciamo, hanno invece lavorato moltissimo proprio sulla storicità, radicandosi totalmente (e solamente) lì. Vi sono ormai fior fior di studiosi atei, marxiani ma anche marxisti tout court (a molti non è ancora chiara la differenza mi sa), che non solo non mettono affatto in dubbio la storicità della figura di Gesù (l'esistenza di un tale con un tale nome), ma addirittura trovano questa storicità ESSENZIALE. Si, ma essenziale a cosa? Al loro discorso teorico-politico ottocentesco (e novecentesco in parte). Da qui quell'indecente slogan:
    "Gesù il primo vero comunista della storia umana. Vota il partito socialista!".

    Grazie Arjuna.


    per il signorino marxiano


    marxiano o no basta il buon senso per farsi una grassa risata

    Prima di tale "grassa risata" (nulla di male se genuina, ma temo sia conseguenza del risentimento e rabbia, per cui, per niente liberante) consiglierei di seguire le indicazioni di Arjuna, e di riuscire a trovare volontà necessaria per "perdere un pò di tempo" e studiare seriamente. Senza "intermediari".

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 Nov 2012
    Messaggi
    2,100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    scusate ma mi sembra che la discussione si sia incartata molto, in verità ciò che Apostata dichiara non è in grande contraddizione con ciò che dichiarano altri qui sopra.
    Penso che vi siano solo dettagli di differenza, se non vi sono quali sono i termini di questa piccola polemica?
    "Son contento quando consumo senza pagare un pò meno quando pago e non consumo"

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Apr 2006
    Località
    www.sullescoglieredimarmo. wordpress.com
    Messaggi
    2,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Apostata_tv83 Visualizza Messaggio
    Non preoccuparti, Arjuna sa le cose perché le ha apprese come te sui prorpi vangeli sconnessi e deliranti, solo che sono stati scritti tra otto e novecento. Altri testi sui quali studiare la antropologia e storia delle religioni li ho suggeriti in un altro post. Tanto lui continua a citare i soliti autori, per lo meno mi sono preoccupato di studiare anche figure minori e di comprenderne il pensiero... Arjuna crogiolandosi nella sua passione decadentista e romantica non si distacca dai "grandi" sperando di diventare "figo" come loro per osmosi.
    Allora come oggi Gesù rimane un'invenzione politica. Il suo "utilizzo" da parte dei socialisti non fa che confermare questa sua tendenza naturale. Un corpus hermeticum ad esempio, non si può prestare a interpretazioni politiche in quanto mancante di dogmi impositivi... quello è un testo religioso.

    Cavolo Arjuna, Zen e Rodriguez li conosci? Li hai letti che dai giudizi così categorici in merito? Parlano anche delle persecuzioni compiute dai Cristiani contro i pagani e della superficialità della persecuzione cristiana (limitata a poche migliaia di individui in tutto, hanno fatto peggio con gli ebrei)... senza contare poi le inverosimili pene cui venivano sottoposte le povere santarelline cristiane.
    Guarda a me non interessa sapere chi siano, ho semplicemente commentato le tue asserzioni e poi mi bastano le stupidaggini che hai citato per farmi un'idea, ad esempio dammi una dimostrazione filologica del fatto che Barabba significa "figlio del padre": in ebraico padre è 'ab e figlio 'ben, quindi figlio del padre sarebbe 'benabby, o espressione equivalente formata con uno stato costrutto, quindi benabba, non certo barabba, che al massimo potrebbe voler dire "il pozzo del padre" 'berabby.

    Io non ho espresso giudizi categorici, bensì ho portato dei dati abbastanza noti a chiunque si occupi di storia delle religioni, quindi se hai delle argomentazioni potresti contraddirmi se no lascia perdere. Non sei tu che dici che gli autori non vanno presi così come sono, ma criticati? la differenza è che io l'ho sempre fatto dato che non mi sono mai basato su un'adesione acritica ed ideologica al pensiero di chicchessia, ma ho cercato di capirne le basi scientifiche e di cercare di riscontri oggettivi, ma soprattutto ho sempre indagato se certe tesi siano solo un pretesto ideologico oppure siano frutto di vera ricerca.

    Guarda se proprio vuoi posso anche aggiungere che secondo gli scavi archeologici Nazareth sarebbe esistita solo a partire dal II d.c. quindi non avrebbe potuto essere abitata da Gesù e che l'appellativo 'nzaroy che venne erroneamente tradotto come nazareno, avrebbe invece attinenza col termine zelot che indicava l'appartenza ad una "setta estremista" ebraica.
    La questione del censimento sarebbe principalmmente un artificio letterario per portare la famiglia di Gesù da Nazareth a Betlemme, ovvero per colmare un'incongruenza della storia di Gesù, e per altro è presente solo in 2 vangeli e altre incongruenze si possono riscontrare come ad esempio il fatto che in episodio riportato non ricordo più in quale Vangelo, Marai chiedesse in pubblico a Gesù di ritornare a casa dai suoi fratellie e sorelle! (essite invero un dibattito tra i filologi se i termini fossero realmente fratelli o cugini): in realtà dell'esatta biografia di Gesù nessuno si è mai interessato.
    Questo non cambia di una virgola la questione

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Editti contro i pagani durati 600 anni
    Di anton nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 20-02-11, 17:13
  2. I veri Pagani contro l'Islam-Guillame Faye
    Di Arthur Machen nel forum Destra Radicale
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 07-12-09, 09:09
  3. Torture dei cristiani contro i pagani!
    Di Diaspro nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 30-09-08, 00:34
  4. Il campo di sterminio dei cristiani contro i Pagani a Skitopolis
    Di franco santin nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 02-11-06, 18:01
  5. Ricorrenza degli Stermini dei Cattolici contro i Pagani Gentili
    Di Diaspro nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 23-02-06, 19:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226