User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il silenzio del ' loft '

    il PD siciliano fra le macerie, paralizzato dalla catastrofe. Chi invoca il salvataggio di Sagunto?

    Il loft tace, il gruppo dirigente siciliano non molla nemmeno uno sgabello. Finché hanno un alito di respiro, non si dimettono. Ci vanno in barella, se occorre, a prendere posto, loft o ufficetto. Non mollano. Che si deve fare per costringerli a lasciare? si chiedeva uno che ha vissuto nella sinistra per decenni. E allargava le braccia, sconsolato. I suggerimenti non mancano, naturalmente, ma non sono politicamente corretti.
    Non è proibito, comunque, sognare di cacciarli a pedate, questo sì, ma non bisogna andare oltre il vissuto onirico. In Sicilia è successo il finimondo, da fare tremare i polsi anche a un dinosauro, e a Roma sono freschi come una rosa appena sbocciata. Anime belle, imperturbabili. Pare che siano impegnati nella ricerca di una strategia nuove, l’ingresso inaspettata nella prateria antiberlusconiana, ha spiazzato il lofot.
    Walter ha bisogno di tempo, i dalemiani con i piedi a mollo attendono l’autunno, Rutelli ha il problema dell’Europa socialista da rintuzzare a qualsiasi costo, gli ex popolari del deputato Fioroni, siciliano per elezione, devono riorganizzarsi e Rosy Bindi fa il diavolo a quattro per santificare Romano Prodi, trattato a pesci in faccia.
    Il terremoto siciliano non ha creato tensioni. Un equilibrio invidiabile, viene da sospettare che ogni mattino qualcuno distribuisca ansiolitici nel loft. Il tipo disperato che si dimenava alla ricerca di una soluzione per cambiare la faccia dei capi, sostiene che non ne hanno bisogno: gli ansiolitici li dovranno assumere gli altri, non loro.
    Che vuole dire? Che le sensibilità politiche sono ormai arrivate al livello dei tacchi delle scarpe. Ora, è possibile starsene lì a cianciare fregnacce quando si subisce una sconfitta, si può vincere e si può perdere, ma quando si viene praticamente azzerati e si fa finta di niente o quasi, non si alzano le mani in segno di resa, non si chiede il time-out, giusto il tempo di rifiatare, vuol dire che si è usciti dalla normalità, e si è entrati nella galleria del vento, dove soffia la logica dell’assurdo. Patologia, pura patologia politica.
    Qui qualcosa di serio non funziona, non si tratta dei contenuti da dare alla battaglia politica, delle strategie da aggiustare, delle tattiche da seguire, dell’affabulazione dei dirigenti, della loro comunicazione; il punto è un altro, si è perso il contatto con la realtà.
    Qualche secolo fa, un certo Turati, che s’inventò i riformismo, carpendo idee appartenenti ai partiti del terzo millennio, raccomandò ai suoi compagni di tenere presente che i treni servivano per trasportare i passeggeri e non per dare un posto di lavoro al capotreno: fu ascoltato, almeno fino al 1921. Poi successe quel che sappiamo. Pare che della sua raccomandazione si sia persa la traccia.
    Chi sta al vertice del PD non si fa disarcionare nemmeno se gli intimano lo sfratto con l’ufficiale giudiziario. Intendiamoci, non è che sfrattandoli si risolve il problema. Magari fosse così per i pidini.
    Le colpe non stanno solo dalla parte di chi ha il ruolo, ma di quelli che stanno attorno, non muovono foglia, perché temono di perdere lo sgabello, la seggiola, la predellino, a seconda dei casi. Basta un alito di vento e il castello di carta viene giù.
    Da quando la Sicilia perde pezzi, cioè dalle politiche, si sono barricati nel fortino del nulla, facendo disperare il popolo riformista che credeva di avere un partito, e si è reso conto di essersi sbagliato.
    La prima scossa di terremoto è arrivata con le politiche ed ha trascinato le regionali, poi ne è arrivata un’altra, disastrosa con le comunali e le provinciali, e non è successo niente. Non sono arrivati i soccorsi, non si è messa in moto la protezione civile, si sono sentite flebili voci giungere dalle macerie.
    Lo sfogo di Franco Piro - “ci hanno mandato a combattere a mani nude contro i carrarmati” – è solo un esempio.Invece che ricostruire, mettere in discussione tutto, ricominciare da capo, raccapezzarsi, aprire finestre e balconi, sparigliare le carte con gente nuova e capire come affrontare il futuro prossimo, si sta affrontando l’annoso problema della leadership regionale.
    Con chi sostituire il segretario, Francantonio Genovese, e il vice, Russo? Si fanno nomi, Sergio D’Antoni, ex segretario nazionale della Cisl, e Peppe Lumia, senatore, ex Presidente della Commissione antimafia. Salveranno il PD. Anche sulle nuove strategie, arrivano idee risolutive.
    L’ex sindaco di Caltanissetta, Salvatore Messana, propone un partito federale, incoraggiato da Mirello Crisafulli. Sarebbe questo il toccasana, il partito federale.
    Non si capisce che cosa significhi, se non una presa di distanza dal loft, causa di tanti guai ed inganni, ma va bene così perché non mette in discussione niente, anzi.Spiegano che si tratta di uno strumento utile per competere con l’MPA di Lombardo, individuato come l’approdo di ex PD in libera uscita.
    S’è scoperto infatti che i delusi e gli indispettiti votano l’MPA, perché possono tradire senza tradire: Lombardo non è Berlusconi, è altra cosa. Una specie di compromesso.
    Lasciamo perdere le elucubrazioni, difficili da decodificare. Lo stato dell’arte è il seguente: alcuni dirigenti attribuiscono alla sconsiderata scelta del loft i guai siciliani: la Sicilia “usata” per nominare deputati e senatori che non avevano a che fare con l’Isola (anche la siciliana Finocchiaro ha disertato), Roma considera la rwgione ormai un feudo del centrodestra per l’insipienza dei dirigenti locali.
    Un ping-pong delle responsabilità. Molto soft per carità, tanto ancora non c’è il morto in casa. O no? .
    C’è chi si augura un cappellano e una nuova predica: un Pappalardo, che invochi il salvataggio di Sagunto. I sismografi, per ora, tacciono.
    http://www.siciliainformazioni.com/g...io-sagunto.htm
    Un interessante articolo dal quale si evince che la Sicilia ed i siciliani, per loro, come per tutti gli altri partiti romani, o ad essi collegati, non' è altro che un serbatoio di voti dal quale attingere, un luogo dove coltivare i propri interessi.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

 

 

Discussioni Simili

  1. Ultime dal Loft
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-11-08, 19:21
  2. Dal Loft al Lost (di MT)
    Di DrugoLebowsky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 11-08-08, 00:35
  3. Ma cos'è un loft?
    Di CeBonElMomo nel forum Fondoscala
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 08-03-08, 18:07
  4. ballisti nel loft
    Di sinistra_polliana nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 26-02-08, 18:22
  5. Un loft per il PD
    Di Lollo87Lp nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 09-11-07, 19:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226