User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito poveretti, sbagliano anche i testi degi esami.

    Siamo messi male.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    La spada per gli errori negli esami di maturità sarà inesorabile.
    Hanno scambiato, così dicono , la poesia dedicata ad un uomo per una riferimento ad una donna.

    Forse l’unica donna che Montale spesso cita è Clizia. .
    Questa, secondo Luciano Rebay, era Irma Brandeis discendente da una delle famiglie polacche Frankiste.

    Questa aveva il padre che era cugino del giudice Brandeis della Corte Costituzionale Suprema degli Stati Uniti, .devoto di Eva Frank.

    Confondere un uomo per un donna per un poeta che comunque aveva avuto anche di sfuggita, per semplice conoscenza. di una donna, il sentore del pensiero frankista, ai giorni nostri è un pensiero sacrilego.

    Qui mi dispiace ma occorre insegnare la storia recente ed attuale alla classe intellettuale italica.

    Nessuno pretende o consiglia che se ne parli, ma almeno avvicinarsi con cautela.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,019
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jotsecondo Visualizza Messaggio
    Qui mi dispiace ma occorre insegnare la storia recente ed attuale alla classe intellettuale italica.
    AI TEMPI DELLA SCUOLA MI RICORDO CHE CHIESI (ingenuamente) AI PROFESSORI IL MOTIVO DELLO SPOSTAMENTO DELLA CAPITALE DA TORINO - FIRENZE E PER ULTIMO IN ROMA ...

    MI FU RISPOSTO CHE FU NECESSARIO PER RISOLVERE UN PROBLEMA DI DISTANZA.... UNA CAPITALE POSIZIONATA AL CENTRO DELLA PENISOLA SAREBBE STATA PIU COMODA RAGGIUNGERLA PER CHIUNQUE


  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da tigersuite Visualizza Messaggio
    AI TEMPI DELLA SCUOLA MI RICORDO CHE CHIESI (ingenuamente) AI PROFESSORI IL MOTIVO DELLO SPOSTAMENTO DELLA CAPITALE DA TORINO - FIRENZE E PER ULTIMO IN ROMA ...

    MI FU RISPOSTO CHE FU NECESSARIO PER RISOLVERE UN PROBLEMA DI DISTANZA.... UNA CAPITALE POSIZIONATA AL CENTRO DELLA PENISOLA SAREBBE STATA PIU COMODA RAGGIUNGERLA PER CHIUNQUE

    Certamente la insegnante era in buona fede. Quello che aveva riferito è il frutto del sapiente condizionamento che i vincitori fanno quando riscrivono la Storia.

    Nessun insegnante, se vuole arrivare alla pensione, può riferire che lo stato detto italiano ’è stato creato per avere la scusante di avere roma come capitale.

    Quattro satanisti in croce, ma con valanghe di oro, pensavano di distruggere il papato privandogli della terra.
    Credevano che il potere della Chiesa sarebbe stato travolto se non poteva più usare la falsa “Donazione di Costantino” che conferiva la possibilità di distribuire il potere temporale.

    Erano stupidi e non avevano intuito che se roma oggi fosse tutta del papato, questo avrebbe grossissimi problemi finanziari.

    La forza della Chiesa non sta nel territorio da sfruttare ma nel vivere in un mondo in cui ognuno crede di fare del bene portando i soldi a roma.
    Una volta il papato doveva dividere con roma, adesso divide con nessuno.

    Quello che fa ridere è che i satanisti continuano a difendere l’unità d’italia.
    Difesa con sette, con partiti, con ideologie il tutto suffragato dal voto degli italiani.

  5. #5
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Maturità, i nodi vengono al pettine

    Maturità, i nodi vengono al pettine

    http://www.pnveneto.org/index.php/20...no-al-pettine/

    IT ricorda il dio morente di un filosofo tedesco dell’Ottocento, poco noto (giustamente, ché non valeva molto), tale Philipp Mainländer. Allievo spirituale di Schopenhauer, sosteneva costui, repleto di pessimismo cosmico, che l’universo tutto era retto da un dio in agonia, ma che non si decideva a morire. Ebbene, il mondo, con tutto il suo male, non era che il riflesso, e la proiezione di questo dio male in arnese, ed una buona soluzione per giocare d’anticipo, rispetto al male che nolente o volente tale dio ci imponeva, era di suicidarsi. Anche perché tale dio era incapace di suicidarsi lui stesso, doveva continuare a patire (e far patire noi). Ora, IT è esattamente come quel dio. Negli spasmi dell’agonia riesce perfino a storpiare e deturpare le sue stesse icone, ad esempio Eugenio Montale, fiero alfiere dell’italianità, anche se poeta immenso, di certo. Così, che dolore per un genovese come me, che in gioventù ha perfino diretto una rivista letteraria che si chiamava “L’Erbaspada” in onore di Riviere, e del vate ligustico (“bastano pochi stocchi d’erbaspada penduli da un ciglione”), vedere che perfino al nostro Nobel più nobile, a modo suo, viene riservato il tritacarne dell’ignoranza di Stato dei servi di IT; che non viene neppur risparmiato all’inglese (ma non diceva la Moratti: “inglese, informatica, impresa!”) del test per gli istituti tecnici, e neppure al greco di quello per i classici (saltano dei pezzi della versione). Ora, la “Maturità” era uno dei grandi riti di passaggio da bimbi di IT a servi di IT, un rito di passaggio unico perché al contrario del servizio militare riguardava anche le donne. Insomma, dopo i sudati studi superiori – dove ci veniva imposto di studiare nobili lingue morte, ma non quelle locali, tipo genovese e veneziano, perché queste le aveva uccise IT ed erano per ciò stesso ignobili – la “Maturità” ci rendeva maturi appunto per il mondo falso e bugiardo di IT, crescevano sui classici per scontrarci subito dopo con i sessantottini dell’università e del mondo, con le caste chiuse dei possidenti, con l’università già allora prossima allo sfascio in cui vivacchia ora (simile anch’essa al dio del filosofo di cui sopra). Niente di più lontano da Erodoto e Properzio. Ma la cosa più incredibile, e allo stesso tempo più credibile, è che ormai la macchina IT è talmente logora che riesce appunto a storpiare perfino le sue icone, qualche funzionario sottopagato e forse senza computer si è preso la briga di alterare il destinatario della poesia di Montale: tanto, avrà pensato, “chi se ne frega”, cornuti e mazziati dall’inizio, cosa importa se i figli di IT maturano nel falso. Anzi, così almeno al falso si abituano, grande illuminazione, già da maturandi: grande intuizione, degna di un discepolo di Karl Kraus. E’ tutto falso, IT è tutta una montagna di menzogne, che ormai non si nascondono neanche più ipocritamente sotto un velo di “correttezza” formale: un Montale vero, un testo greco corretto. Direbbe un altro poeta ligure, Edoardo Sanguineti: questa è “pena, pena piena, anzi, pietà”. Fino a quando ancora gli itagliati sopporteranno? Certamente, fino a quando non soffriranno la fame, forse. La fame di sapere e verità la soffrono in pochi per ora, ma non pochissimi. Quanti maturandi si sono sentiti umiliati per queste orribili gaffe? Probabilmente tanti. Questo ridicolo, vergognoso e dispendioso rito di IT dovrebbe essere cancellato. Ma per farlo occorre cancellare IT, così di riti vergognosi e ridicoli se ne cancellerebbero parecchi. E le persone riacquisterebbe se non altro un pochino di dignità. E soprattutto poi tanta ricchezza, anche intellettuale. Le meste vestali di IT, tetre e squallide, brutte e stranite, compiono ormai i loro riti in modo estremamente maldestro. Nessuno le brucia vive però. Al massimo, i Ministri Gelmini e Brunetta minacceranno di licenziarle in tronco. Ma poi non succederà. In fondo, chi se ne frega di Montale. Forse frega a me e noi, forse vale la pena di andare a Treviso e vedere iscritta su una lapide, sul fiume che attraverso la città, la poesia che egli dedicò in qualche modo a quella città e a tutto il Veneto che amava, da Asolo a Venezia.

    Paolo Bernardini

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Con la battuta “ Sbagliano anche gli esami” non intendevo solamente uno sbaglio contro i giovani che si presentano alla maturità.

    Lo sbaglio è verso il potere che ha ricevuto una bella presa in giro. Nel tema è rivelato l’esistenza del “ ruolo salvifico della figura femminile”.

    Era l’apoteosi un po’ troppo forzata di unire Montale al concetto Frankista conosciuto attraverso la Brandeis.
    Invece si sono sbagliati hanno centrato un uomo. Ossia non si può nemmeno nascondersi dietro il concetto dell’androgino.

    Ecco perché il ministero ha fatto una pessima figura verso chi sta più in alto.

    Se fosse permesso si potrebbe fare una gustosa risata.

    Mattioli nella sua tomba, appartenuta alla Guglielma, si sta rigirando.

    Capisco che il messaggio è un po’ troppo dettagliato, ma l’importante è che arrivi.

 

 

Discussioni Simili

  1. Poveretti...
    Di Timoteo nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-09-11, 13:20
  2. Anche a Delhi sbagliano pista...
    Di SQpps nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-06-07, 18:52
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-05-05, 21:42
  4. A Volte anche i fratelli maggiori sbagliano...
    Di damiano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-06-02, 01:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226