User Tag List

Pagina 1 di 15 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 147
  1. #1
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito de marocchinis et terronibus

    Lettera a La Stampa, 16 giugno:

    «Tornano forse vecchie forme di pregiudizio verso i meridionali...?»

    «Mi è accaduto sabato mattina: mercato di Porta Palazzo. Mi avvicino a un banco per comprare pomodori. Una donna con l'accento del Sud ne tocca alcuni. Il venditore, marocchino, le dice che non si può fare. La donna, sbuffando, se ne va. Il marocchino, in faticoso italiano mi fa, sconsolato: “Questi meridionali... non si sa più cosa fare...”».


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eravamo peggio noi
    di Francesco Esposito
    «I meridionali erano peggio dei nuovi immigrati». Dopo l'allarme sicurezza a Brescia, sette omicidi in 17 giorni, che vedono involti stranieri (da Hina Saleem, la ragazza pakistana sgozzata dai familiari l'11 agosto, al massacro della famiglia Cottarelli il 28 agosto) la frase-provocazione Vittorio Messori ha scatenato le polemiche. Ma l'intellettuale cattolico, autore di best seller mondiali sul cristianesimo (Varcare la soglia della speranza, il libro-intervista con Giovanni Paolo II, è stato tradotto in 53 lingue), è da sempre una voce fuori dal coro e si è preso la libertà di criticare perfino il Papa. Figurarsi se poteva lasciarsi intimorire «dall'armata dei politicamente corretti», come li chiama lui.
    Bresciano d'adozione-vive da 15 anni sulla sponda del Lago di Garda -ma emiliano per nascita e per origine di entrambi i genitori, Messori si è «torinesizzato» all'età. di 5 anni e ha vissuto 32 anni sotto la Mole. «Per questo conosco per esperienza diretta gli enormi problemi di integrazione che i meridionali portarono in città negli anni '60 e '70».
    La Stampa ha pubblicato le lettere di molti torinesi che la contestano...
    «Sapevo che sarebbero insorti, ma quando ho letto l'articolo del filosofo Emanuele Severino sul Corriere della Sera non ho saputo trattenermi: "Ah, la mia povera Brescia, e non posso più uscire la sera, e alle otto mi si chiudono tutti in casa..."».
    Le ha dato così fastidio?
    «Io conosco bene la realtà bresciana: giro per tutti i quartieri della città e non ho mai avuto paura di finire accoltellato. Lo sa perché nessuno esce dopo le otto di sera?».
    Perché?
    «Per colpa del clima: freddo, spesso piovoso. E poi perché i bresciani la mattina si svegliano presto per andare a lavorare».
    Nessuna emergenza, allora?
    «Tutta una montatura giornalistica. Hanno messo insieme delitti del tutto disomogenei, che vanno dal mondo gay ai regolamenti di conti, per amplificare un allarme stranieri che in realtà non esiste».
    Ma davvero c'erano più problemi con i meridionali nella Torino degli anni '60 che oggi con gli extracomunitari?
    «Certo, e lo dico da testimone perché tra gli anni '60 e gli anni '70 ero cronista alla Stampa, anzi ho lavorato anche per Stampa Sera che seguiva le peggiori storiacce di nera: nella città di allora avrei avuto davvero qualche remora a passeggiare di sera, altro che nella Brescia di oggi».

    Era davvero così difficile l'integrazione tra torinesi e meridionali?

    «Quella di allora era immigrazione selvaggia. Dai 700 mila abitanti della metà degli anni '50, Torino toccò il suo record storico all'inizio dei '70 con 1 milione e 200 mila abitanti: in città arrivarono oltre 500 mila meridionali in 15 anni. Uno shock».

    Come reagirono i torinesi?

    «Già prima di quell'arrivo in massa c'era diffidenza, se non addirittura paura, verso i napouli. Dopo la prima ondata d'immigrazione, i torinesi valutarono impossibile l'integrazione con loro per l'eccessiva differenza culturale e fuggirono».

    Dove?

    «Le classi agiate si ritirarono in collina. E il risultato fu l'abbandono d'interi quartieri, penso in particolare alla zona del centro che diventò infrequentabile: rifiuti ovunque, alloggi in condizioni igieniche precarie. Le ho viste io stesso le vasche da bagno riempite di terra per coltivare il basilico, e poi i quintali di pomodori cotti in enormi pentoloni nei cortili dei palazzi per fare la salsa. Oggi, nella Torino dell'immigrazione extracomunitaria, quello stesso centro storico sembra Piazza Navona, lo chiamano "il quadrilatero romano" : ristoranti etnici e appartamenti di lusso acquistati da fighetti alla moda. Non ha nulla da invidiare al quartiere Brera di Milano, scintillante di luci e di vita».

    Tuttavia (immigrazione extracomunitaria qualche problema può portarlo, lo dimostrano storie come quella di Hina...

    «Se è per questo ricordo il caso di un padre di Benevento che uccise la figlia "perchè portava la minigonna e disonorava la famiglia. Ed e solo un esempio tra i tanti: le violenze sulle donne che volevano adeguarsi ai costumi del Nord erano una cosa comune in quegli anni».

    Insomma nulla di nuovo sotto il sole...

    «Non credo a una storia ciclica. Però forse ci siamo dimenticati che cosa succedeva soltanto 20-30 anni fa. L'immigrazione dal Terzo mondo porta problemi? Certo, ma se parliamo di delinquenza, la criminalità organizzata che arrivò coi meridionali era anche peggio. Ha dovuto riconoscerlo perfino La Stampa, che dopo il mio intervento ha pubblicato un articolo dal titolo significativo, Quando la mala parlava catanese. Il pezzo si chiude con queste testuali parole: "La ferocia dell'immigrazione nella Torino degli anni '60: una città nera, violenta, forse anche più di oggi"».

    Vuol dire che la mala a Torino l'hanno portata i meridionali?

    «In città esisteva una mala tutto sommato bonaria, quella un po' da film, tipo Soliti ignoti. Coi meridionali arrivò qualcosa di impensabile per i torinesi: mafia, 'ndrangheta e sacra corona unita. E poi: ci siamo dimenticati i primi sequestri di persona, gestiti da sardi, calabresi e pugliesi? La sfido a indicarmi un'altra cultura nel bacino del Mediterraneo dedita ai sequestri. E non siamo migliorati: l'Italia è il Paese dove si rapisce un bambino e lo si ammazza a colpi di badile. Non mi risulta che gli autori di queste efferatezze siano perfidi immigrati del Maghreb o dell'Europa orientale».

    Lo storico Giovanni De Luna dice che negli anni '60 l'integrazione era facilitata dalle catene di montaggio Fiat e dalle sedi dei partiti.

    «La, solita mitologia operaia... Lo ha riconosciuto anche Diego Novelli, ex sindaco di Torino e memoria storica della sinistra torinese: perfino il mitico Pci respinse i meridionali, li usava soltanto per attaccare i manifesti. Il giovane Piero Fassino, allora infiammato responsabile del Pci a Mirafiori, si faceva un punto d'onore di parlare solo in piemontese. Come tutti i dirigenti del partito e del sindacato».

    Fortunatamente l'integrazione coi meridionali è finita bene...

    «Il melting pot è riuscito. Ma, nonostante l'happy end, dire che gli anni '60 e '70 sono stati più difficili e sanguinari di questi ultimi d'immigrazione extracomunitaria significa. riconoscere un dato di fatto».

  3. #3
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stefano_splind Visualizza Messaggio
    ci siamo dimenticati i primi sequestri di persona, gestiti da sardi, calabresi e pugliesi? La sfido a indicarmi un'altra cultura nel bacino del Mediterraneo dedita ai sequestri. E non siamo migliorati: l'Italia è il Paese dove si rapisce un bambino e lo si ammazza a colpi di badile.
    Pur vedendo i sequestri di persona come una pagina nera della storia della mia terra vorrei far notare al signore intervistato che l'Anonima sequestri Sarda non ha mai gestito le proprie "azioni" insieme a calabresi e pugliesi e tantomeno a Torino o in Piemonte.
    L'Anonima era un'associazione prettamente "nazionalista" e vedeva con diffidenza o disprezzo qualsiasi ingerenza esterna, anche da altre zone della Sardegna, figuriamoci da calabri o apulici coi quali nemmeno si capivano.

    Il 99% dei sequestri dell'Anonima sono avvenuti in Sardegna e solo l'1% in territorio toscano, in quanto vi era una forte comunità barbaricina dedita alla pastorizia.

    Di bambini uccisi a colpi di badile sul cranio è la prima volta che ne sento parlare (però ho studiato solo i sequestri Sardi non quelli di altri....).

    Il sequestro è o è stato presente inoltre nei paesi dell'Est, in alcune zone della Germania (alcuni episodi di Derrick e Rex sono basati su fatti reali) e, nel bacino Mediterraneo anche tra i Baschi, i Corsi, i Marsigliesi, in Libano e in Palestina.

    In Sardegna è nato sotto la dominazione Romana come forma di resistenza (venivano rapiti Generali o loro familiari in cambio di armi o cavalli) e si è sviluppato nel senso che conosciamo con l'avvento della Costa Smeralda, quando parti dell'Isola si sono viste escluse dagli introiti diretti del turismo Vip.

    Se poi qualcuno è a conoscenza di sequestri organizzati da Sardi nel Monferrato, a Bardonecchia o sul Monviso darebbe un forte contributo ai miei studi sull'argomento, grazie....

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    si, diciamo che ha sbagliato a citare i sardi....
    il bambino ucciso a badilate era quello morto 1-2 anni fa nel parmense, il piccolo Tommy...

  5. #5
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  6. #6
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Lettera a La Stampa, 16 giugno:

    «Tornano forse vecchie forme di pregiudizio verso i meridionali...?»

    «Mi è accaduto sabato mattina: mercato di Porta Palazzo. Mi avvicino a un banco per comprare pomodori. Una donna con l'accento del Sud ne tocca alcuni. Il venditore, marocchino, le dice che non si può fare. La donna, sbuffando, se ne va. Il marocchino, in faticoso italiano mi fa, sconsolato: “Questi meridionali... non si sa più cosa fare...”».

    Confermo . Molto probabilmente la donna è calabrese.
    Da noi in calabria (ma questo succede solo in calabria e non a napoli per es.) si usa toccarla la frutta prima di comprarla: per verificare se è buona o avariata.
    Si usa anche assaggiarne un campione senza chiedere alcun consenso al venditore.
    Io ritengo che questa sia una usanza buona e rispettosa dei diritti del consumatore.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    Confermo !










    più che tornare diciamo che non se ne sono MAI andate (e in molti casi non si tratta di pregiudizio, ma di giudizio vero e proprio dopo esserci stati a contatto per decenni), ma semplicemente l'attenzione negli ultimi 10 anni è stata distolta con l'arrivo in massa degli extracomunitari..

  8. #8
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stefano_splind Visualizza Messaggio
    più che tornare diciamo che non se ne sono MAI andate (e in molti casi non si tratta di pregiudizio, ma di giudizio vero e proprio dopo esserci stati a contatto per decenni), ma semplicemente l'attenzione negli ultimi 10 anni è stata distolta con l'arrivo in massa degli extracomunitari..
    scusa ma mi era partito il tasto di invio prima di completare il testo.
    Leggi la correzione sopra

  9. #9
    Kochaj mnie!!
    Data Registrazione
    04 Apr 2005
    Località
    Pö de 55miliu' de itaja' i gha riå mjå a capeser negot quan che i sent el Bresa-Bergamask...Caheghel en del cül, ansögötå a ciciarå sul en Breha-Bergamask!!!!!!!
    Messaggi
    5,560
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    Confermo . Molto probabilmente la donna è calabrese.
    Da noi in calabria (ma questo succede solo in calabria e non a napoli per es.) si usa toccarla la frutta prima di comprarla: per verificare se è buona o avariata.
    Si usa anche assaggiarne un campione senza chiedere alcun consenso al venditore.
    Io ritengo che questa sia una usanza buona e rispettosa dei diritti del consumatore.
    sono daccordissimo, pero' quando si e' fuori dalle propie zone e' buona creanza adattarsi alle regole del posto, altrimenti si fa la figura dei cafoni.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stefano_splind Visualizza Messaggio
    più che tornare diciamo che non se ne sono MAI andate (e in molti casi non si tratta di pregiudizio, ma di giudizio vero e proprio dopo esserci stati a contatto per decenni), ma semplicemente l'attenzione negli ultimi 10 anni è stata distolta con l'arrivo in massa degli extracomunitari..


    x uqbar..ah, ok
    in effetti non c'è niente di male a toccare la merce prima di comprarla, (assaggiarla non è proprio indicato e usuale secondo me..)
    ma cmq si parlava in generale

 

 
Pagina 1 di 15 1211 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226