User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Disastro Roma, il Comune venda Acea

    “Con un prestito di 500 milioni di euro appena concesso al Comune di Roma, il Governo Berlusconi ha replicato l’errore compiuto con Alitalia: l’uso di risorse pubbliche come palliativo a decisioni dolorose ma obbligate”: è questo il punto di partenza del nuovo Focus dell’Istituto Bruno Leoni, “Roma come Alitalia: meglio privatizzare”, di Piercamillo Falasca, “Fellow” dell’Istituto torinese. Il “Focus” è liberamente scaricabile qui (PDF).

    Stanziando risorse per dare una boccata d’ossigeno al Comune romano, il governo ha premiato un comportamento poco virtuoso da parte di un ente locale pure di cruciale importanza, come il Comune di Roma. Guardando al disastrato bilancio della Capitale, “non stiamo parlando di debiti contratti in virtù delle funzioni di centro politico-amministrativo d’Italia”, spiega Falasca, “ma delle conseguenze di una cattiva gestione dei servizi – soprattutto i trasporti pubblici – protrattasi per qualche decennio”.

    Davanti a questa situazione, “la scelta per riportare a livelli fisiologici il debito sarebbe la cessione di alcuni degli asset del Comune”. Nonostante il Sindaco Alemanno abbia chiuso la porta a una privatizzazione degli asset municipali, l’IBL ricorda che: “La vendita della pacchetto di Acea frutterebbe al Comune di Roma risorse per circa 1,3 miliardi di euro, stanti gli attuali valori di mercato. Si avrebbe un alleggerimento significativo del debito e la rinuncia ai dividendi di Acea verrebbe compensata da una diminuzione degli interessi passivi”.

    “La dismissione di parte del patrimonio immobiliare e delle municipalizzate”, dice Alberto Mingardi, direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni, “potrebbe aiutare Roma a liberarsi dei suoi debiti, e ad apprendere una cultura non clientelare dell’amministrazione. È un passo coraggioso, ma è l’unico che può dare sollievo alle casse romane. Il governo ha già speso per Roma quasi due volte il valore del prestito-ponte ad Alitalia: bisogna evitare che l’unica soluzione, per affrontare questi dissesti, sia la pratica del rinvio. Perché, a un certo momento, il tempo finisce”.

    Il nuovo Focus dell’Istituto Bruno Leoni, “Roma come Alitalia: meglio privatizzare” di Piercamillo Falasca, Fellow IBL, è scaricabile qui (PDF).

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6777

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,932
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    beh che un destro sociale come Alemanno sia contrario alla privatizzazione di settori considerati strategici non mi sorprende (anche perchè,diciamocelo,in Italia di capitalisti liberali non ce ne sono...)

  3. #3
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perché il contribuente versa 500 milioni e il Comune non privatizza ciò che possiede?

    Contenere la spesa pubblica. Dirlo è una cosa, farlo è un’altra. Il governo ne fa una priorità, ma nello stesso tempo stacca un assegno da 500 milioni al Comune di Roma: quasi quanto due prestiti-ponte per Alitalia, ma con meno clamore. Lo stato delle finanze della capitale è entrato nel dibattito solo per via della liquidazione verbale di Veltroni – come interlocutore, come capo della sua parte politica, come amministratore – da parte di Silvio Berlusconi. Chi ha “fallito”, ha detto il Cavaliere portando in politica un sentire piuttosto comune nel mondo degli affari, dovrebbe ritirarsi.

    Il punto però, non sono le responsabilità personali, ma gli incentivi. I creditori non liquidano a cuor leggero un debito con un’impresa, solo perché questa cambia amministratore delegato. Il fatto invece che il Comune di Roma venga aiutato con i 500 milioni previsti dalla manovra triennale è preoccupante, non solo per la Lega. Come possono reggersi, gli incentivi a un comportamento virtuoso in termini di riduzione della spesa, se, davanti al disastro, Pantalone si conferma pronto a pagare? La denuncia politica della presunta e presumibile incapacità amministrativa di Veltroni, peraltro già sanzionata dalla vittoria di Alemanno, serve a poco.

    Il nuovo sindaco dichiara che il debito è del 40% più alto di quello che risulta dal bilancio (9,7 anziché 6,9 miliardi di euro, mentre la Ragioneria ne stima 8,15). «Alemanno ha ereditato una situazione catastrofica di cui non è responsabile», ha detto il ministro Calderoli mettendo il timbrino leghista su un provvedimento lontanissimo (anche per il Comune beneficiario) dai sentimenti dei militanti del suo partito. Ma ci si può solo attendere un miracolo, o la manna dal cielo?

    Il Comune di Roma ha partecipazioni in 19 società di rilievo. La più nota è Acea, nota anche per i buoni risultati (Ama e Atac, società per lo smaltimento die rifiuti e il trasporto pubblico, debbono la propria notorietà a ragioni di ordine opposto). Acea capitalizza oltre 2,5 miliardi di euro, il Comune ne detiene il 51% per un valore quindi approssimativamente di 1,3 miliardi.

    Acea non è l’unica. Fra le altre cose, per citare un fatto tutto sommato curioso, il Comune di Roma possiede anche una compagnia di assicurazione, Adir (I soci sono il Comune, Atac, Ama, la Compagnia trasporti laziali e la Metropolitana di Roma), attiva nei rami auto, vita, salute. A che cosa serve? Le polizze relative ai servizi offerti da altre municipalizzate non possono essere semplicemente “comprate” sul mercato? Dove sta il valore, per il contribuente, nella ben reclamizzata offerta di polizze «a vantaggiose tariffe» ai dipendenti «del Comune di Roma, dell’Ama, dell’Atac, della Met.Ro., del Co.Tra.L. R delle Società a loro collegate»?

    Il rubinetto dei trasferimenti agli enti locali non può essere chiuso in men che non si dica, e ci vorrà tempo anche per trovare un modus vivendi per far funzionare l’ancora nebuloso federalismo fiscale.

    Ma perché dovrebbe essere lo Stato centrale a dare boccate d’ossigeno, quando il Comune ha a disposizione una bombola ancora piena? La dismissione delle municipalizzate non può essere richiesta imperativamente: però dovrebbe essere nell’ordine delle cose. Dopotutto, l’attenzione è alta, da anni, sul mondo delle piccole Iri locali, meccanismi attraverso i quali il potere produce prebende e benefici, a vantaggio delle proprie clientele. La mancata privatizzazione della più parte di queste realtà non si spiega con l’avvedutezza di evitare la sostituzione di un monopolio pubblico con un privato, privo della mordacchia di un’amministrazione democraticamente eletta. Più semplicemente e meno nobilmente, l'interventismo economico è lo strumento delle peggiori prassi della politica – ricordate lo stupore dei clientes di Mastella accusati di essere tali?

    L'insostenibilità del sistema è ormai evidente. I conti della Capitale lo testimoniano. Si capisce che il governo lanci un salvagente, ma dovrebbe almeno porre delle condizioni. Come regola generale, sarebbe auspicabile vincolare i trasferimenti, in una certa proporzione, alla capacità di dismettere comprovata dall’azione dei singoli amministratori. Questa ha senso anche in una logica “statalista”: se giochi allo Stato imprenditore, tanto vale che tu produca utili in una misura tale da consentirti di snobbare i quattrini del centro.

    Nel caso particolare, ad Alemanno andrebbe suggerito di non limitarsi ad abolire le notti bianche, ma di mettersi a privatizzare. La quota del Comune in Acea vale 1,3 miliardi, quasi tre volte l’“aiutino” del governo. Ma venderla, accettando così la sfida di un approccio diverso, sarebbe più che volte utile di qualsiasi aiuto.

    Da Il Riformista, 24 giugno 2008

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6781

  4. #4
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,867
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    alemanno è sicuramente socialista, ma la colpa va data soprattutto al governo che ha concesso il prestito..

  5. #5
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    alemanno è sicuramente socialista, ma la colpa va data soprattutto al governo che ha concesso il prestito..
    indubbiamente...un governo che in un mese di lavoro ha già concesso, tra Alitalia e Roma, 800 milioni di prestiti.

  6. #6
    人牛俱忘
    Data Registrazione
    07 Dec 2007
    Messaggi
    2,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    alemanno è sicuramente socialista, ma la colpa va data soprattutto al governo che ha concesso il prestito..
    facciamo fallire Roma ?(è una domanda non un'affermazione)

    che comporterebbe tale ipotesi? (idem )

    comunque ho inteso dire che il demanio dello stato passerà ai comuni
    Roma come beni demaniali ha molto piu del debito quindi credo possa ripagare il prestito

  7. #7
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da euvitt Visualizza Messaggio
    facciamo fallire Roma ?
    non sarebbe il primo comune...si parla tanto di federalismo, ebbene il primo passo per il federalismo è la responsabilizzazione degli enti locali...non si può continuare a amministrare nella logica che "mal che vada paga il governo"...Roma ha partecipazioni in diverse società, solo dalla privatizzazione dell'Acea otterrebbe circa 1,3 miliardi...si cominci da li.

  8. #8
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,867
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da euvitt Visualizza Messaggio
    facciamo fallire Roma ?(è una domanda non un'affermazione)

    che comporterebbe tale ipotesi? (idem )

    comunque ho inteso dire che il demanio dello stato passerà ai comuni
    Roma come beni demaniali ha molto piu del debito quindi credo possa ripagare il prestito
    ti sembra normale indebitarsi per ripagare un debito?????? si aggiungono interessi su interessi.. appunto perchè il comune di roma è ricco di immobili e partecipazioni in società avrebbe dovuto privatizzare per ripagare i suoi debiti e liberare risorse.. e invece che fa?? si indebita ulteriormente.... secondo me siamo ai limiti della follia

  9. #9
    人牛俱忘
    Data Registrazione
    07 Dec 2007
    Messaggi
    2,885
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    ti sembra normale indebitarsi per ripagare un debito?????? si aggiungono interessi su interessi.. appunto perchè il comune di roma è ricco di immobili e partecipazioni in società avrebbe dovuto privatizzare per ripagare i suoi debiti e liberare risorse.. e invece che fa?? si indebita ulteriormente.... secondo me siamo ai limiti della follia
    http://www.ilmessaggero.it/articolo....&sez=HOME_ROMA

    http://notizie.alice.it/notizie/cron...3.html?pmk=rss

    credo che l'idea sia vendere i beni demaniali che il federalismo demaniale da ai comuni....

  10. #10
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ROMA, 24 GIU - Domani il Cda di Cassa Depositi e Prestiti analizzera' e deliberera' l'anticipazione da 500 milioni di euro al Comune di Roma. Lo riferiscono fonti della Cassa. Il Governo ha deciso di elargire questo prestito per consolidare le casse dell'amministrazione capitolina.

    http://www.ansa.it/site/notizie/awnp.24208783.html

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 29-01-10, 00:28
  2. Disastro Roma, il Comune venda Acea
    Di Abbott (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-06-08, 13:57
  3. E dopo il disastro la Finocchiaro torna a Roma
    Di Colombo da Priverno nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 22-04-08, 08:39
  4. Comune di Milano vs Comune di Roma
    Di furbo nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-01-08, 15:22
  5. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 15-04-06, 14:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226