User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Spagna copia l'Itaglia..

    La nazionale di calcio come fondamento dell'unità nazziunale...
    da far notare anche che il "tifare contro" è una prassi in uso anche in alcuni ambienti indipendentisti in terra iberica..a differenza di quanto sostenevano alcuni frequentatori del forum..

    da "LA STAMPA" di oggi
    Baschi e catalani, Spagna
    unita dall'Eurotrionfo
    Il pallone cura una Paese diviso dai nazionalismi: nemmeno gli estremisti rovinano la festa
    GIULIA ZONCA
    INVIATA A VIENNA
    Qualcuno non vuole stare sotto la bandiera di questa Spagna vincente. L’euforia può essere irritante se ti chiami Iñaki Anasagasti e rappresenti il partito basco. «L’esultanza per le strade di alcuni e non di altri prova che non siamo tutti contenti per le stesse cose, non ho nulla contro questo bel risultato, ma perché noi non possiamo avere la nostra nazionale?».

    Qualcosa non torna perché c’erano mille persone a Bilbao, non quanto nelle altre piazze però stavano lì, difficile resistere al richiamo del pallone. I ragazzi avevano la maglia rossa, non della nazionale: la camiseta de la Escuela de Fútbol de Ermua, la T-shirt dei donatori di sangue di Elorrio, la bandiera del Vietnam, macchie dello stesso colore che manifestavano una diversità pacata. Comunque coinvolti, felici, parte di un successo che mancava da 44 anni e che in pochi avevano voglia di perdersi davvero.

    Agli «aguafiestas», i guastafeste non basta. Inigo Urkullu, presidente del partito nazionalista basco moderato, insiste anche quando ormai non ha più argomenti per censurare la Roja: «La Russia era una squadra molto più simpatica», il collega Josu Erkoreka tifava Germania: «E che altro? Datemi una squadra che mi rappresenti e non starò più contro». Per lui questo successo è la prova che «esiste un nazionalismo e quindi anche gli altri nazionalismi dovrebbero essere riconosciuti. Se c’è chi si sente estraneo a questa coppa vuol dire che servono altre nazionali». Non solo quella basca, ce ne vorrebbe pure una catalana, anche se Barcellona da tempo si aggrega alle bolge castigliane. Joan Tarda, capo dei catalani separatisti, ha organizzato per ogni partita della Spagna agli Europei serate a tema con cui manifestare il sostegno «agli avversari».

    Ci prova Torres, nato a Madrid, ad allungare la bandiera perché arrivi a coprire l’intera nazione. Come già aveva fatto Pau Gasol, nato a Barcellona, dopo il trionfo al Mondiale di basket. Il cestista si era lasciato fotografare urlante con la bandiera in mano e non era quella catalana, il Niño tenta di regalare il gol che ha fatto la differenza a tutti: «Questo è un gruppo unito che rappresenta una nazione unita». Il gruppo di Aragonés funziona bene come esempio, in squadra ci sono un basco, Xabi Alonso, e cinque catalani: Xavi, Fabregas, Capdevila, Puyol e Iniesta. L’unico a parlare di «problemi di appartenenza» è stato Xabi Alonso, a inizio torneo, e solo per osare: «E’ politica e non voglio dire se è giusto avere una nazionale Euskadi o no, ma voglio testimoniare che sentirsi parte di una cosa sola in nazionale è facile. Sono orgoglioso di vestire questa maglia». Prudente, non si è schierato, però il suo discorso ha dato fastidio agli estremisti e spinto in strada molti baschi l’altra notte.

    Zapatero ha scritto una lettera per sfruttare il momento: «Quando questi ragazzi hanno la palla tra i piedi non so se sono catalani, valenciani, baschi o andalusi. Ci hanno emozionato quindi non perdiamo quest’identità». A Valencia gridavano «Yo soy español», a Cadice hanno riempito la spiaggia per vedere la finale, il Comune di Barcellona ha vietato i maxischermi, ma la gente ha riempito i vicoli e le ramblas lo stesso, in Galizia non hanno alcuna intenzione di allontanarsi dal trionfo nazionale. Unico segno di distinzione, uno striscione gigante che ricorda ad Aragonés la promessa pre Euro: «Se vinciamo, giuro, faccio il cammino di Santiago».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Circa Barcellona un mio amico che lì ha lavorato per 2 anni,m'ha assicurato che appena vince la Spagna non frega niente a nessuno.
    Zero proprio.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-12-13, 14:33
  2. Itaglia e Spagna purchè...? No assolutamente!
    Di ventunsettembre nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-02-12, 23:51
  3. Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 14-01-08, 18:58
  4. Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 24-02-07, 23:36
  5. Ocse:salari,Itaglia al 23esimo posto dietro Spagna e Grecia
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-06, 14:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226