User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Natura Umana: l'uomo è ipocrita per natura

    Studio Usa: siamo più morbidi con noi stessi per istinto di sopravvivenza
    Secondo altri esperti, però, il comportamento cela uno stato di patologia latente

    Severo, ma soltanto con gli altri


    L'uomo è ipocrita per natura




    di SARA FICOCELLI










    ROMA - E' il ramoscello nel quale prima o poi inciampiamo tutti, la trave che fin dai tempi antichi abbiamo nell'occhio ma che ignoriamo, inorriditi dalla pagliuzza altrui. E' l'ipocrisia. Stavolta è inutile dare la colpa alla velocità della recente evoluzione della società umana, perché, secondo gli esperti, si tratta di una caratteristica che accompagna l'essere umano da sempre. Lo psicologo Piercarlo Valdesolo, ricercatore della Northeastern University e docente di "Psicologia della moralità" presso l'Amherst College, nel Massachusetts, ha condotto uno studio proprio su questo, dimostrando quanto l'ipocrisia vada a braccetto con i nostri meccanismi mentali.

    L'esperimento, che verrà pubblicato sul Journal of Experimental Social Psychology, ha preso in esame 85 persone, suddivise in due gruppi, uno di 42 e l'altro di 43. I partecipanti sono stati messi di fronte a una domanda: ti senti più un tipo lento e perditempo o dinamico e affidabile? La maggior parte ha appoggiato la prima soluzione, confermando poi di sentirsi dalla parte del giusto. Ma, dopo aver saputo che anche gli altri avevano dato la stessa risposta, tutti si sono indignati additando gli altri come bugiardi.

    I ricercatori americani sono andati oltre, chiedendo ai soggetti di ripetere l'operazione dopo aver memorizzato lunghe strisce numeriche. Lo sforzo mentale, gravoso e distraente, ha di colpo reso imparziali gli intervistati che dopo l'esercizio hanno fatto mea culpa, ammettendo quanto in fondo i propri difetti non fossero meno gravi di quelli altrui. La chiave, secondo gli studiosi, sta nel tempo, tempo trascorso a pensare.



    "Quando ci prendiamo qualche minuto per riflettere - spiega Valdesolo - riusciamo a inquadrare il nostro comportamento, cosa che altrimenti non facciamo, guardando unicamente agli errori altrui". Secondo lo studioso americano si tratterebbe dunque di un errore di distrazione, una sorta di riflesso condizionato che l'essere umano, istintivo e tendenzialmente passionale, subirebbe ogni giorno, salvo poi ritagliarsi qualche sano momento di meditazione.

    Secondo lo psicologo e psicoterapeuta torinese Giancarlo Gramaglia la spiegazione non è però così lineare. Né, sopratutto, consapevole: "Dietro ad un comportamento ipocrita - spiega - c'è sempre una qualche forma di patologia, difensiva o aggressiva a seconda dei casi". Secondo Gramaglia un soggetto psicologicamente sano non soffre di ipocrisia ma anzi è equilibrato e capace di ragionare. "Freud diceva che la salute è portatrice naturale di onestà - continua - e lo dimostra il fatto che il bambino non mente: se una cosa non lo convince prende e si allontana, e se tu non gli piaci te lo dice in faccia". L'idea della malattia però in questo caso è difficile da accettare e spesso si nasconde dietro quelli che l'esperto definisce "motivi storici", che sono poi le esperienze traumatiche che ciascuno vive, in misura più o meno affrontabile, nel corso della vita.

    Anche dietro alla cattiveria e alla meschinità, dunque, ci sarebbe una patologia latente che, secondo lo studioso torinese, è comunque possibile curare. Il Laboratorio di Formazione e Lettura Psicoanalitica di Torino, di cui Gramaglia è presidente, si occupa anche di questo; altro punto di riferimento importante in Italia sotto questo punto di vista è l'istituto Studium Cartello di Milano.

    Gli scienziati dell'università americana ritengono invece che dietro l'ipocrisia ci sia quell'istinto di sopravvivenza che fa parte della natura umana e che a volte ci porta a mentire, persino a commettere crimini. In questo caso, spinge gli uomini ad essere indulgenti con se stessi, a scapito dell'opinione che ci si fa del prossimo. Niente malattia, dunque, ma sano egoismo, scelta consapevole, con l'unica aggravante di un'indole impulsiva. Questa diversità di interpretazione racchiude una diatriba bel più ampia tra due scuole di pensiero, da una parte quella derivante dagli studi di Freud, secondo il quale l'istinto non esiste e ogni azione è frutto di una elaborazione cerebrale, e dall'altra quella di chi riconduce il comportamento alle pulsioni.

    Al di là delle cause, la parte più difficile resta comunque quella del curare gli effetti. "Chiedere a tutti di contare fino a dieci prima di sparare un giudizio è un po' difficile, oltre che poco simpatico - conclude Valdesolo - Forse la cosa migliore sarebbe ascoltarsi un paio di canzoni con l'iPod, e poi riflettere su ciò che è successo".

    (8 luglio 2008)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' un po' la storia di quelli che si lamentano dell'evasione e dichiarano un decimo del reddito vero.
    Comunque non ci vedo nulla di male (a dichiarare un decimo del reddito, dico).

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    1,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Consiglio a tutti, ma in particolare a Pollock, codesto libro.
    A breve, dettagliata recensione sul mio bloggh.

  4. #4
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Boaro Visualizza Messaggio
    Consiglio a tutti, ma in particolare a Pollock, codesto libro.
    A breve, dettagliata recensione sul mio bloggh.
    Lo leggerò, ma non contradice certo l'apertura del 3d, anzi, credo la confermi in pieno. Secondo il mio modestissimo e personalissmo parere tutti gli esseri viventi hanno una natura, e credo che chiunque, anche un menomatto, possa rendersi conto che gli uccelli hanno una natura che li conduce verso il volo, mentre i pesci hanno una natura che li conduce verso il mare. Gli uomini per natura tendono ad osservare e rifletere su cio che li circonda oltre che a dormire e mangiare: grazie a questo ad esempio, hanno imparato ad accendere un fuoco e arrostirsi la carne.

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    1,441
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' esattamente ciò che, da un punto di vista darwiniano, il libro sostiene. E personalmente concordo.

  6. #6
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Boaro Visualizza Messaggio
    E' esattamente ciò che, da un punto di vista darwiniano, il libro sostiene. E personalmente concordo.
    Basterebbe leggersi quell'Ateo prepotente e testardo di Dawkins per rendersi conto delle basi scientifiche della natura umana.

    Scusa Boaro avvolte sono anche io un testardone della peggior specie: ero convinto tu stessi atacando la fondatezza dell'esistenza della Natura Umana.
    Perdonami.


  7. #7
    Ran Tasipi
    Ospite

    Predefinito

    Una volta una vecchia signora vicentina mi disse che "se in istà naxe e fragołe e in autùn se vendema l'ua, voł dire che nianca i omini no' i xe compagni".

 

 

Discussioni Simili

  1. è più probabile che l'uomo finisca col distruggere la natura o che la natura
    Di Zefram_Cochrane nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 35
    Ultimo Messaggio: 28-02-10, 17:27
  2. Natura Umana: cellule calmanti
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-07-08, 03:09
  3. Quando la Natura Umana: il piccolo Finley
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 13-06-08, 15:27
  4. Sulla natura umana
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24-02-08, 00:45
  5. Assiomi sulla natura umana
    Di Alberich nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 23-10-06, 16:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226