User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Crisi economica: il governo non faccia come Roosevelt

    Anche il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, finalmente, ha compreso che la recessione è inevitabile e che il problema prioritario è l’aumento dell’inflazione a lungo termine. Così è servito chi per mesi ha lanciato improperi al governatore della BCE Jean-Claude Trichet e alla sua scelta (saggia) di privilegiare stabilità monetaria e lotta all’inflazione rispetto a obiettivi di crescita economica attraverso manovre sui tassi di interesse.

    Non più tardi di 4 mesi fa, scrissi che evitare la recessione affidandosi a iniezioni di liquidità o a inutili tagli del tasso di sconto è un po’ come cercare di ritardare un inevitabile conto salato al ristorante ordinando altre portate. Tradotto in pratica, ciò significa che più si ritarda l’arrivo della recessione e più severa questa sarà. Quel che temo, purtroppo, è che questa crisi non sarà tanto breve e uscirne senza pagare prezzi alti non sarà semplice. Lo spettro dei fallimenti bancari è tornato a manifestarsi in maniera quasi spettacolare in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, e in maniera più circospetta e subdola in Spagna, dove la BCE sta facendo (di nascosto) con l’intero sistema bancario iberico ciò che la Fed ha fatto (pubblicamente) con la banca d’affari Bear & Stearns, ossia sta acquistando con titoli del debito pubblico i subprime delle loro banche commerciali. Tutto questo, prima finisce e meglio è, perché, come tutte le bolle, anche quelle finanziarie non possono essere stabili, per non farle scoppiare occorre gonfiarle continuamente, fino a che non scoppiano perché troppo grosse.

    Questi scenari rievocano sempre i fantasmi di crack passasti, di un nuovo 1929, per capirci. Naturalmente, c’è chi dice che rispetto ad allora la crisi si è manifestata in forme diverse (vero) e la capacità di risposta delle banche centrali è aumentata, cosa vera anche questa, ma ciò che non cambia è la dinamica delle crisi. Oggi come allora, e come negli anni Settanta, ci troviamo a subire le conseguenze di politiche monetarie espansive intraprese nel decennio precedente. Dalla metà degli anni ’90 (e soprattutto dopo l’11 settembre) l’immissione di liquidità e l’espansione creditizia sono state molto forti, così come lo furono sia negli anni Sessanta in America - perché occorreva finanziare la guerra in Vietnam e i progetti di Great society di Kennedy e di Lyndon Johnson - sia negli anni 20. Allora, come ben documentato nel libro La Grande Depressione di Murray Newton Rothbard (Ed. Rubbettino), i politici americani credettero che attraverso le manovre monetarie della Fed (appena istituita nel 1913) si potessero creare dal nulla tutte le risorse necessarie per soddisfare gli appetiti delle loro clientele.

    Ebbene, allora come oggi, grazie ai tassi artificialmente bassi e al credito facile, si ebbe un boom artificiale di investimenti, e una volta che ciò avviene, il maggior impiego dei fattori produttivi (lavoro, materie prime, credito) fa sì che questi diventino più scarsi, così che i loro prezzi (che per le imprese sono costi) aumentano, e con essi i prezzi dei beni di consumo. In tale contesto, la banca centrale deve per forza alzare i tassi per scongiurare la spirale rialzistica prezzi-salari, dato che l’aumento dei prezzi è sempre maggiore di quello dei salari, di modo che il potere d’acquisto dei consumatori diminuisce, mentre per via del fatto che i costi sono stati sostenuti in passato quando i prezzi reali dei fattori produttivi erano alti, i prezzi dei beni di consumo sono alti anch’essi e non possono essere diminuiti. E nella crisi odierna c’è da mettere nel conto anche gli effetti perversi del credito al consumo, strumento anti-ciclico nelle intenzioni, ma il cui unico effetto è stato quello di posticipare il momento della recessione, salvo però alimentare ulteriormente la bolla speculativa in atto, finendo per aumentare la massa debitoria di molti cittadini verso le banche.

    Questa è la dinamica congiunturale delle recessioni, mentre per quanto riguarda l’Italia, a tutto ciò si aggiungono i soliti problemi strutturali e sistemici. In un contesto recessivo e stagflativo come questo, invece di invocare bassi tassi e più Stato occorrerebbe diminuire le imposte, abbattere i costi e aumentare l’efficienza delle imprese. L’Italia avrebbe dalla sua anche la possibilità di aumentare l’efficienza sistemica attuando un massiccio programma di liberalizzazioni, che associate a una forte diminuzione delle imposte potrebbero sortire effetti positivi ben più di quanto non sembri.

    Infatti, l’Italia è il paese industrializzato con il debito privato più basso e con la capacità di risparmio maggiore. Il problema è questo risparmio è troppo rivolto verso il mattone, mentre necessiterebbe di essere indirizzato verso settori più dinamici, il che porterebbe effetti positivi persino allo stesso settore immobiliare. Questo, naturalmente, non dovrebbe avvenire con metodo coercitivi, ma attraverso riforme radicali delle nostre istituzioni economiche e giuridiche, ossia attraverso una maggior trasparenza, una giustizia più rapida e più severa contro chi froda e delinque, diritti di proprietà più sicuri, più concorrenza e minori vincoli. Tutto questo non sembra al momento nelle corde del governo italiano. Di liberalizzazioni non si parla e il Ministro dell’economia Giulio Tremonti ha tenuto a precisare che la pressione fiscale rimarrà inalterata almeno per i prossimi tre anni.

    Nel governo Berlusconi sta emergendo chiaro e tondo un approccio iper-protettivo alla crisi con una sorta di catenaccio economico a difesa dell’esistente, quando l’Italia è un paese che avrebbe necessità di aprirsi e di modernizzarsi. L’attuale governo ricorda proprio quello del presidente americano Roosevelt, che con il New Deal degli anni ’30 ricompattò sì la nazione, ma a prezzo di una crisi che si protrasse fino al 1941 quando l’entrata in guerra resettò tutto facendo ripartire l’economia. Se questo è l’esempio che il Governo Berlusconi vuole seguire, prima cambia registro e meglio è.

    http://carlozucchi.wordpress.com/200...ome-roosevelt/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    Anche il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke, finalmente, ha compreso che la recessione è inevitabile e che il problema prioritario è l’aumento dell’inflazione a lungo termine. Così è servito chi per mesi ha lanciato improperi al governatore della BCE Jean-Claude Trichet e alla sua scelta (saggia) di privilegiare stabilità monetaria e lotta all’inflazione rispetto a obiettivi di crescita economica attraverso manovre sui tassi di interesse.

    Non più tardi di 4 mesi fa, scrissi che evitare la recessione affidandosi a iniezioni di liquidità o a inutili tagli del tasso di sconto è un po’ come cercare di ritardare un inevitabile conto salato al ristorante ordinando altre portate. Tradotto in pratica, ciò significa che più si ritarda l’arrivo della recessione e più severa questa sarà. Quel che temo, purtroppo, è che questa crisi non sarà tanto breve e uscirne senza pagare prezzi alti non sarà semplice. Lo spettro dei fallimenti bancari è tornato a manifestarsi in maniera quasi spettacolare in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, e in maniera più circospetta e subdola in Spagna, dove la BCE sta facendo (di nascosto) con l’intero sistema bancario iberico ciò che la Fed ha fatto (pubblicamente) con la banca d’affari Bear & Stearns, ossia sta acquistando con titoli del debito pubblico i subprime delle loro banche commerciali. Tutto questo, prima finisce e meglio è, perché, come tutte le bolle, anche quelle finanziarie non possono essere stabili, per non farle scoppiare occorre gonfiarle continuamente, fino a che non scoppiano perché troppo grosse.

    Questi scenari rievocano sempre i fantasmi di crack passasti, di un nuovo 1929, per capirci. Naturalmente, c’è chi dice che rispetto ad allora la crisi si è manifestata in forme diverse (vero) e la capacità di risposta delle banche centrali è aumentata, cosa vera anche questa, ma ciò che non cambia è la dinamica delle crisi. Oggi come allora, e come negli anni Settanta, ci troviamo a subire le conseguenze di politiche monetarie espansive intraprese nel decennio precedente. Dalla metà degli anni ’90 (e soprattutto dopo l’11 settembre) l’immissione di liquidità e l’espansione creditizia sono state molto forti, così come lo furono sia negli anni Sessanta in America - perché occorreva finanziare la guerra in Vietnam e i progetti di Great society di Kennedy e di Lyndon Johnson - sia negli anni 20. Allora, come ben documentato nel libro La Grande Depressione di Murray Newton Rothbard (Ed. Rubbettino), i politici americani credettero che attraverso le manovre monetarie della Fed (appena istituita nel 1913) si potessero creare dal nulla tutte le risorse necessarie per soddisfare gli appetiti delle loro clientele.

    Ebbene, allora come oggi, grazie ai tassi artificialmente bassi e al credito facile, si ebbe un boom artificiale di investimenti, e una volta che ciò avviene, il maggior impiego dei fattori produttivi (lavoro, materie prime, credito) fa sì che questi diventino più scarsi, così che i loro prezzi (che per le imprese sono costi) aumentano, e con essi i prezzi dei beni di consumo. In tale contesto, la banca centrale deve per forza alzare i tassi per scongiurare la spirale rialzistica prezzi-salari, dato che l’aumento dei prezzi è sempre maggiore di quello dei salari, di modo che il potere d’acquisto dei consumatori diminuisce, mentre per via del fatto che i costi sono stati sostenuti in passato quando i prezzi reali dei fattori produttivi erano alti, i prezzi dei beni di consumo sono alti anch’essi e non possono essere diminuiti. E nella crisi odierna c’è da mettere nel conto anche gli effetti perversi del credito al consumo, strumento anti-ciclico nelle intenzioni, ma il cui unico effetto è stato quello di posticipare il momento della recessione, salvo però alimentare ulteriormente la bolla speculativa in atto, finendo per aumentare la massa debitoria di molti cittadini verso le banche.

    Questa è la dinamica congiunturale delle recessioni, mentre per quanto riguarda l’Italia, a tutto ciò si aggiungono i soliti problemi strutturali e sistemici. In un contesto recessivo e stagflativo come questo, invece di invocare bassi tassi e più Stato occorrerebbe diminuire le imposte, abbattere i costi e aumentare l’efficienza delle imprese. L’Italia avrebbe dalla sua anche la possibilità di aumentare l’efficienza sistemica attuando un massiccio programma di liberalizzazioni, che associate a una forte diminuzione delle imposte potrebbero sortire effetti positivi ben più di quanto non sembri.

    Infatti, l’Italia è il paese industrializzato con il debito privato più basso e con la capacità di risparmio maggiore. Il problema è questo risparmio è troppo rivolto verso il mattone, mentre necessiterebbe di essere indirizzato verso settori più dinamici, il che porterebbe effetti positivi persino allo stesso settore immobiliare. Questo, naturalmente, non dovrebbe avvenire con metodo coercitivi, ma attraverso riforme radicali delle nostre istituzioni economiche e giuridiche, ossia attraverso una maggior trasparenza, una giustizia più rapida e più severa contro chi froda e delinque, diritti di proprietà più sicuri, più concorrenza e minori vincoli. Tutto questo non sembra al momento nelle corde del governo italiano. Di liberalizzazioni non si parla e il Ministro dell’economia Giulio Tremonti ha tenuto a precisare che la pressione fiscale rimarrà inalterata almeno per i prossimi tre anni.

    Nel governo Berlusconi sta emergendo chiaro e tondo un approccio iper-protettivo alla crisi con una sorta di catenaccio economico a difesa dell’esistente, quando l’Italia è un paese che avrebbe necessità di aprirsi e di modernizzarsi. L’attuale governo ricorda proprio quello del presidente americano Roosevelt, che con il New Deal degli anni ’30 ricompattò sì la nazione, ma a prezzo di una crisi che si protrasse fino al 1941 quando l’entrata in guerra resettò tutto facendo ripartire l’economia. Se questo è l’esempio che il Governo Berlusconi vuole seguire, prima cambia registro e meglio è.

    http://carlozucchi.wordpress.com/200...ome-roosevelt/
    Grazie per il saggio.


  3. #3
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Grazie per il saggio.

    a dir la verità qualche giorno fa ho trovato questo tuo vecchio 3d, intitolato Scalogna Prodi: la BCE alza nuovamente i tassi...

    dal titolo non mi sembra molto austriaco.

  4. #4
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    a dir la verità qualche giorno fa ho trovato questo tuo vecchio 3d, intitolato Scalogna Prodi: la BCE alza nuovamente i tassi...

    dal titolo non mi sembra molto austriaco.
    Per un consumatore il rialzo dei tassi induce a tassi di interesse bancari più alti, banca centrale o meno. Ancora una volta davo giudizi economici avalutativi non Politici. Se tu ti trovassi di colpo, dopo aver preso un muto a tasso variabile (che fregatura), con un aumento del tasso d'interessa, sono sicuro ti sentiresti molto sfigato. Così come sono sfigati quei Politici che si ritrovano davanti a politiche non inflazionistiche.



    P.S.

    E finiscila di andarmi contro per puro spirito goliardico, Anarcocapitalista.


  5. #5
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Per un consumatore il rialzo dei tassi induce a tassi di interesse bancari più alti, banca centrale o meno. Ancora una volta davo giudizi economici avalutativi non Politici. Se tu ti trovassi di colpo, dopo aver preso un muto a tasso variabile (che fregatura), con un aumento del tasso d'interessa, sono sicuro ti sentiresti molto sfigato. Così come sono sfigati quei Politici che si ritrovano davanti a politiche non inflazionistiche.
    sicuramente mi sentirei meno sfigato di un americano oggi.

    p.s. non sarei stato così imbecille da fare un variabile.

    E finiscila di andarmi contro per puro spirito goliardico, Anarcocapitalista.
    è la mia indole, non posso farci nulla.

  6. #6
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    sicuramente mi sentirei meno sfigato di un americano oggi.

    p.s. non sarei stato così imbecille da fare un variabile.



    è la mia indole, non posso farci nulla.
    Con mutuo in corso a tasso fisso si, c'è da essere più felici dal punto di vista individuale visto il rallentamento dell'inflazione. Per chi non ha ancora un mutuo e vorrà prenderlo son cazzi acidi. Io aspeterei che abbassino. (tanto abbassano). (E frena l'economia....... ).

    Nel 1998 ho preso un muto al 3 per cento fisso, (ho rivenduto nel 2005). E sempre li prenderò fissi. Mai fidarsi di sti stronzi.




    La tua indole deve essere rompere le scatole agli Statalisti, non agli Anarcocapitalisti.


  7. #7
    uruguayo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    7,474
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    La tua indole deve essere rompere le scatole agli Statalisti, non agli Anarcocapitalisti.
    Sì ok è vero, ma come disse Jesus: "Tu lo dici"?

  8. #8
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da teo scarpellini Visualizza Messaggio
    Sì ok è vero, ma come disse Jesus: "Tu lo dici"?
    Con te il discorso è diverso, visto che non sei Anarcocpaitalista.



    P.S.


    Ma l'ironia qualche volta riesci a notarla???


  9. #9
    uruguayo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    7,474
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come ironia! Io sono notoriamente socialcomunista, vicino a Bersani.

  10. #10
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da teo scarpellini Visualizza Messaggio
    Come ironia! Io sono notoriamente socialcomunista, vicino a Bersani.
    Sei un Libertarian. Ma non Anarcocapitalista.


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-11-12, 23:05
  2. Su crisi economica e riforme governo allo sbando
    Di <Zonalago> nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-09, 18:08
  3. Crisi economica: il governo non faccia come Roosevelt
    Di Abbott (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 23-07-08, 01:37
  4. Crisi Economica o Crisi Isterica?
    Di Roberto Mime nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 28-08-05, 07:48
  5. Crisi economica - Crisi Isterica - Crisi Politica
    Di Roberto Mime nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 26-08-05, 01:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226