User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26

Discussione: Bossi sul Piave

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Apr 2008
    Messaggi
    51
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi sul Piave

    LA REPLICA DI BOSSI - Più tardi, è lo stesso Bossi a tornare sull'argomento: «A me l'Inno di Mameli non è mai piaciuto, fin dai tempi della scuola - afferma il ministro - preferisco la canzone del Piave. Quella che fa 'Il Piave mormorava calmo e placido. Quella è una canzone di popolo, è più vicina alla Marsigliese».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Apr 2008
    Messaggi
    51
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il Piave mormorava,
    calmo e placido, al passaggio
    dei primi fanti, il ventiquattro maggio;
    l'esercito marciava
    per raggiunger la frontiera
    per far contro il nemico una barriera...

    Muti passaron quella notte i fanti:
    tacere bisognava, e andare avanti!

    S'udiva intanto dalle amate sponde,
    sommesso e lieve il tripudiar dell'onde.
    Era un presagio dolce e lusinghiero,
    il Piave mormorò:

    «Non passa lo straniero!»

    2. Ma in una notte trista
    si parlò di un fosco evento, *
    e il Piave udiva l'ira e lo sgomento...
    Ahi, quanta gente ha vista
    venir giù, lasciare il tetto,
    poi che il nemico irruppe a Caporetto! **

    Profughi ovunque! Dai lontani monti
    Venivan a gremir tutti i suoi ponti!

    S'udiva allor, dalle violate sponde,
    sommesso e triste il mormorio de l'onde:
    come un singhiozzo, in quell'autunno nero,
    il Piave mormorò:

    «Ritorna lo straniero!»
    3. E ritornò il nemico;
    per l'orgoglio e per la fame
    volea sfogare tutte le sue brame...
    Vedeva il piano aprico,
    di lassù: voleva ancora
    sfamarsi e tripudiare come allora...

    «No!», disse il Piave. «No!», dissero i fanti,
    «Mai più il nemico faccia un passo avanti!»

    Si vide il Piave rigonfiar le sponde,
    e come i fanti combatteron l'onde...
    Rosso di sangue del nemico altero,
    il Piave comandò:

    «Indietro va', straniero!»

    4. Indietreggiò il nemico
    fino a Trieste, fino a Trento...

    E la vittoria sciolse le ali al vento!
    Fu sacro il patto antico:
    tra le schiere, furon visti
    Risorgere Oberdan, Sauro, Battisti...

    Infranse, alfin, l'italico valore
    le forche e l'armi dell'Impiccatore
    !

    Sicure l'Alpi... Libere le sponde...
    E tacque il Piave: si placaron l'onde...
    Sul patrio suolo, vinti i torvi Imperi,
    la Pace non trovò
    né oppressi, né stranieri!
    .

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bossi: "La canzone del Piave
    meglio dell'inno di Mameli"


    http://www.repubblica.it/2008/07/sez...lie-piave.html

    MILANO- Insisti e persisti, dicono i leghisti. A cominciare da Bossi. Così, a proposito dell'inno di Mameli apostrofato domenica in un comizio a Padova con l'indice alzato nella parte in cui dice "...schiave di Roma...", il senatur rincara la dose. E dice: "A me l'Inno di Mameli non è mai piaciuto, fin dai tempi della scuola, preferisco la canzone del Piave...quella che fa 'Il Piave mormorava calmo e placido...Quella è una canzone di popolo, è più vicina alla Marsigliese".



    Aaaaaaaaaaaah, capito adesso, ce l'ha con l'inno di mameli perchè è troppo poco patriottardo e tricolorito, molto meglio la canzone del Piave (tra l'altro un immondezzaio su una delle pagine più vergognose di questo stato)...

    Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio
    dei primi fanti il ventiquattro maggio
    ;
    l'esercito marciava per raggiunger la frontiera
    per far contro il nemico una barriera!
    Muti passaron quella notte i fanti,
    tacere bisognava e andare avanti.
    S'udiva intanto dalle amate sponde
    sommesso e lieve il tripudiar de l'onde.
    Era un presagio dolce e lusinghiero.
    il Piave mormorò: "Non passa lo straniero!"

    (...)

    Indietreggiò il nemico fino a Trieste fino a Trento
    e la Vittoria sciolse l'ali al vento!
    Fu sacro il patto antico, tra le schiere furon visti
    risorgere Oberdan, Sauro e Battisti!
    Infranse alfin l'italico valore
    le forche e l'armi dell'Impiccatore!
    Sicure l'Alpi, libere le sponde,
    e tacque il Piave, si placaron l'onde.
    Sul patrio suolo vinti i torvi Imperi,
    la Pace non trovò né oppressi, né stranieri!





    Da ribattezzare Monumento Umberto Bossi.

  4. #4
    Venezia e San Marco
    Data Registrazione
    28 Jun 2006
    Località
    e la città ch'in mezzo alle piscose paludi, del Po teme ambe le foci, dove abitan le genti disiose che 'l mar si turbi e sieno i venti atroci
    Messaggi
    98
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Prinz Eugene Visualizza Messaggio
    LA REPLICA DI BOSSI - Più tardi, è lo stesso Bossi a tornare sull'argomento: «A me l'Inno di Mameli non è mai piaciuto, fin dai tempi della scuola - afferma il ministro - preferisco la canzone del Piave. Quella che fa 'Il Piave mormorava calmo e placido. Quella è una canzone di popolo, è più vicina alla Marsigliese».
    Ma che ci avessero mandato lui in trincea a offrire la vita per l'itaglia, con un carabiniere che ti puntava la rivoltella alle spalle.
    Ma questo non conosce neanche la storia, va a orecchio. E cazzo.

  5. #5
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I FUCILATI DI CERCIVENTO

    CHI ERANO?
    Erano 4 soldati che facevano parte della 109° compagnia alpina, che combatteva sul fronte carnico: Silvio Ortis di Paluzza, Basilio Matiz di Timau,
    Vennero condannati alla fucilazione dal Tribunale militare, nel luglio 1916.

    LA VICENDA
    Armando Ciofi, capitano responsabile della 109° compagnia alpina, decise di organizzare un attacco sulla Creta di Collinetta, che era un importante punto strategico, occupato in parte dagli austriaci. La strategia prevedeva l’uscita dalle trincee e un attacco diretto alle truppe austriache, sotto i colpi delle loro artiglierie. Alcuni soldati, tra cui il caporale Basilio Matiz di Timau e Silvio Ortis di Paluzza, contestarono il piano del capitano Ciofi, giudicato troppo prevedibile e come un suicidio per la truppa. Essi proposero un piano diverso che prevedeva la scalata di un canalone senza dover subire l’attacco degli austriaci. Il capitano Ciofi li fece arrestare con l’accusa di tradimento e per questo subirono un processo. Con loro furono arrestati gli altri 80 soldati della compagnia.

    PERCHÉ È ACCADUTO?
    Perché la disciplina militare era molto rigida, non si ammetteva che un soldato o un ufficiale potesse contestare o disobbedire a un ordine di un superiore, anche se poteva avere ragione (come in questo caso). Gli alti comandi volevano tenere sotto un rigido controllo le truppe, spaventare i soldati con punizioni durissime e scoraggiare le idee di diserzione o ammutinamento, che si diffondevano in una situazione di guerra così dura.

    QUALI SONO STATE LE CONSEGUENZE?
    I 4 soldati sono stati fucilati dai carabinieri, dietro il cimitero di Cercivento; sono stati considerati come dei traditori della patria e di loro l’esercito non ha più parlato.

    COSA SI È FATTO E COSA SI È OTTENUTO
    Oggi si sta cercando di riaprire il caso. Uno storico ha ricostruito la loro vicenda sulla base di alcuni documenti e delle testimonianze di alcune persone e questa storia è stata pubblicata. Un parente di Silvio Ortis ha chiesto all’esercito di riabilitare questi soldati (cioè di cancellare quell’accusa vergognosa e infamante di tradimento), ma la legge prevede che sia lo stesso interessato a fare la domanda di riabilitazione! Si è quindi chiesto di cambiare questa legge…


    Klaudia Kolnrekaj, Carlo Pantano, Martina Plazzotta (a.s. 2003-2004)


    Fonte: G.P. Leschiutta, A sameavin animes dal Purgatori, Coord.Circ.Cult. della Carnia

    altro materiale sugli "eroici" combattenti

    http://www.cimeetrincee.it/finanza.htm

  6. #6
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da srodelabisati Visualizza Messaggio
    Ma questo non conosce neanche la storia, va a orecchio. E cazzo.


    Qualis pater, talis filius...

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Contrordine padani, il nuovo inno!

    http://www.youtube.com/watch?v=STRD20k5rYM

  8. #8
    Venezia e San Marco
    Data Registrazione
    28 Jun 2006
    Località
    e la città ch'in mezzo alle piscose paludi, del Po teme ambe le foci, dove abitan le genti disiose che 'l mar si turbi e sieno i venti atroci
    Messaggi
    98
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Somaro e anche rinco:

    " BOSSI: SCHIAVI DA QUANDO ABBIAMO SEGUITO SAVOIA E GARIBALDI
    Venezia, 16 set.07 - (Adnkronos) - "Siamo diventati schiavi quando abbiamo seguito i Savoia e quel cretino di Garibaldi"



  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Prinz Eugene Visualizza Messaggio
    LA REPLICA DI BOSSI - Più tardi, è lo stesso Bossi a tornare sull'argomento: «A me l'Inno di Mameli non è mai piaciuto, fin dai tempi della scuola - afferma il ministro - preferisco la canzone del Piave. Quella che fa 'Il Piave mormorava calmo e placido. Quella è una canzone di popolo, è più vicina alla Marsigliese».
    Ma certo... l'inno italiano è una marcetta..... da festival di sanremo. Anche la spagna ha un inno più solenne del nostro, che fino a vent'anni fa giravano con i carri a buoi.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da srodelabisati Visualizza Messaggio
    Somaro e anche rinco:

    " BOSSI: SCHIAVI DA QUANDO ABBIAMO SEGUITO SAVOIA E GARIBALDI
    Venezia, 16 set.07 - (Adnkronos) - "Siamo diventati schiavi quando abbiamo seguito i Savoia e quel cretino di Garibaldi"

    GRANDE!!!!!

    Mia battaglia storica.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 13-07-06, 10:59
  2. Risposte: 151
    Ultimo Messaggio: 24-06-06, 14:30
  3. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 23-06-06, 23:35
  4. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 23-06-06, 07:01
  5. Razza Piave?
    Di O'Rei nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-09-02, 21:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226