User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool La casa è ormai un miraggio

    Casa, il business perde colpi

    E anche i prezzi cominciano a scendere


    Secondo l'Agenzia del territorio la caduta nel 2007 è stata del 7,1%, secondo il Centro Studi Toscano è stata del 16% nei primi sei mesi di quest'anno. Dati che fotografano bene la situazione particolarmente difficile del mercato del mattone, che anche in Italia comincia a vivere un momento di crisi.
    Insomma, dopo gli anni della grande corsa al mattone, ora la crisi economica dal un lato e i rincari dei mutui dall'altro stanno facendo sentire i loro effetti anche sul mercato immobiliare italiano che registra una forte frenata. Nei primi sei mesi del 2008 infatti c'è stato un calo del 16% nelle compravendite rispetto allo stesso periodo del 2007 secondo gli ultimi dati diffusi dal Centro Studi Toscano.

    Se risaliamo al 2007, secondo quanto dice l'Agenzia del Territorio, le vendite di immobili sono calate del 7,1%. Una frenata che interessa tutte le diverse tipologie di immobili e che viene amplificata nelle grandi aree urbane. Nelle principali città la contrazione degli acquisti è stata ancora più forte, a due cifre. Guida la classifica Napoli dove le compravendite crollano del 16%, ma forti sono pure le riduzioni segnate da Palermo (-12,45%), Milano (-11,8%). Minore invece il calo di Roma (-8,3%) mentre è lieve la flessione di Firenze (-2,8%).

    Secondo le rilevazioni di Toscano, sotto il profilo delle quotazioni, il mercato residenziale registra un calo dei prezzi sia nei centri cittadini sia nelle zone semicentrali e periferiche anche se più accentuata in queste ultime.

    Il dato sulle compravendite peggiora ulteriormente (-25%), rispetto a quello nazionale, considerando i capoluoghi di regione, sempre rispetto al primo semestre del 2007.
    Per quanto riguarda, invece, i tempi medi di vendita, sottolinea Toscano, "si assiste ad una sostanziale stabilità (poco piu' di 6 mesi rispetto ai 6 mesi dell'ultimo trimestre dell'anno precedente), che consolida la fase di inversione di tendenza del mercato immobiliare italiano". I tempi di vendita sono rimasti sostanzialmente stabili nel corso del 2008, arrestando quindi la crescita che avevano subito nel 2007: da poco più di 4 mesi a gennaio 2007, ai 6 nel corso dei successivi.

    Al fine di evitare lo stallo, nei primi mesi del 2008 è stata favorita una politica di prezzo volta a rendere maggiormente fluido il mercato e favorire l'incontro tra domanda e offerta. Quest'ultima ha prodotto uno sconto medio in sede di compravendita pari al 13,5% del valore richiesto, producendo un lieve beneficio in termini di quantità vendute rispetto all'ultimo semestre del 2007 (+4%).

    Le quotazioni immobiliari nel primo semestre 2008 hanno subito variazioni verso il basso: più contenuto nelle zone centrali delle principali città italiane, le quali registrano inoltre minori tempi di vendita rispetto alle zone semicentrali e periferiche. In queste ultime si rileva un progressivo calo delle quotazioni, correlato a tempi medi di vendita più elevati.
    Ciò è vero soprattutto per Milano e Roma, le cui zone centrali hanno tempi di vendita ben al di sotto della media (rispettivamente, 5,2 mesi per Milano e 4,2 per la capitale).

    Questo trend è comune alle città di Bologna, Cagliari, Genova, Palermo, Torino e Verona. La variabile strategica essenziale in questa fase del mercato è costituita dai tempi medi di vendita, che, auspica Toscano, possano tornare ai livelli di inizio 2007 (4 mesi di attesa). A questo fine, è necessario agire sulle quotazioni immobiliari, favorendo uno sconto ulteriore rispetto all'attuale.

    Secondo l'indagine, infatti, "data la cresciuta offerta di immobili sul mercato, l'acquirente abbia oggi un potere negoziale più accentuato rispetto al passato, anche recente". "Prevedevamo un'inversione di marcia nel mercato immobiliare italiano, ma non repentina come quella degli ultimi mesi - ha spiegato Ilario Toscano, presidente dell'omonimo gruppo -. Due sono i fattori che hanno contribuito ad accelerarne il peggioramento: da un lato il peggior accesso al credito da parte del sistema bancario e, dall'altra, l'aumento dei tassi di interesse. Ciò ha prodotto una contrazione nell'erogazione dei mutui, con evidenti ripercussioni nel mercato immobiliare. Ci auguriamo che in tempi brevi le aspettative negative, che hanno preso il sopravvento nel mercato, possano progressivamente lasciare il passo a quelle positive. Quest'ultima infatti è condizione necessaria per il superamento della crisi".

    http://www.tgfin.mediaset.it/tgfin/a...lo422007.shtml

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Casa, il business perde colpi

    E anche i prezzi cominciano a scendere


    Secondo l'Agenzia del territorio la caduta nel 2007 è stata del 7,1%, secondo il Centro Studi Toscano è stata del 16% nei primi sei mesi di quest'anno. Dati che fotografano bene la situazione particolarmente difficile del mercato del mattone, che anche in Italia comincia a vivere un momento di crisi.
    Insomma, dopo gli anni della grande corsa al mattone, ora la crisi economica dal un lato e i rincari dei mutui dall'altro stanno facendo sentire i loro effetti anche sul mercato immobiliare italiano che registra una forte frenata. Nei primi sei mesi del 2008 infatti c'è stato un calo del 16% nelle compravendite rispetto allo stesso periodo del 2007 secondo gli ultimi dati diffusi dal Centro Studi Toscano.

    Se risaliamo al 2007, secondo quanto dice l'Agenzia del Territorio, le vendite di immobili sono calate del 7,1%. Una frenata che interessa tutte le diverse tipologie di immobili e che viene amplificata nelle grandi aree urbane. Nelle principali città la contrazione degli acquisti è stata ancora più forte, a due cifre. Guida la classifica Napoli dove le compravendite crollano del 16%, ma forti sono pure le riduzioni segnate da Palermo (-12,45%), Milano (-11,8%). Minore invece il calo di Roma (-8,3%) mentre è lieve la flessione di Firenze (-2,8%).

    Secondo le rilevazioni di Toscano, sotto il profilo delle quotazioni, il mercato residenziale registra un calo dei prezzi sia nei centri cittadini sia nelle zone semicentrali e periferiche anche se più accentuata in queste ultime.

    Il dato sulle compravendite peggiora ulteriormente (-25%), rispetto a quello nazionale, considerando i capoluoghi di regione, sempre rispetto al primo semestre del 2007.
    Per quanto riguarda, invece, i tempi medi di vendita, sottolinea Toscano, "si assiste ad una sostanziale stabilità (poco piu' di 6 mesi rispetto ai 6 mesi dell'ultimo trimestre dell'anno precedente), che consolida la fase di inversione di tendenza del mercato immobiliare italiano". I tempi di vendita sono rimasti sostanzialmente stabili nel corso del 2008, arrestando quindi la crescita che avevano subito nel 2007: da poco più di 4 mesi a gennaio 2007, ai 6 nel corso dei successivi.

    Al fine di evitare lo stallo, nei primi mesi del 2008 è stata favorita una politica di prezzo volta a rendere maggiormente fluido il mercato e favorire l'incontro tra domanda e offerta. Quest'ultima ha prodotto uno sconto medio in sede di compravendita pari al 13,5% del valore richiesto, producendo un lieve beneficio in termini di quantità vendute rispetto all'ultimo semestre del 2007 (+4%).

    Le quotazioni immobiliari nel primo semestre 2008 hanno subito variazioni verso il basso: più contenuto nelle zone centrali delle principali città italiane, le quali registrano inoltre minori tempi di vendita rispetto alle zone semicentrali e periferiche. In queste ultime si rileva un progressivo calo delle quotazioni, correlato a tempi medi di vendita più elevati.
    Ciò è vero soprattutto per Milano e Roma, le cui zone centrali hanno tempi di vendita ben al di sotto della media (rispettivamente, 5,2 mesi per Milano e 4,2 per la capitale).

    Questo trend è comune alle città di Bologna, Cagliari, Genova, Palermo, Torino e Verona. La variabile strategica essenziale in questa fase del mercato è costituita dai tempi medi di vendita, che, auspica Toscano, possano tornare ai livelli di inizio 2007 (4 mesi di attesa). A questo fine, è necessario agire sulle quotazioni immobiliari, favorendo uno sconto ulteriore rispetto all'attuale.

    Secondo l'indagine, infatti, "data la cresciuta offerta di immobili sul mercato, l'acquirente abbia oggi un potere negoziale più accentuato rispetto al passato, anche recente". "Prevedevamo un'inversione di marcia nel mercato immobiliare italiano, ma non repentina come quella degli ultimi mesi - ha spiegato Ilario Toscano, presidente dell'omonimo gruppo -. Due sono i fattori che hanno contribuito ad accelerarne il peggioramento: da un lato il peggior accesso al credito da parte del sistema bancario e, dall'altra, l'aumento dei tassi di interesse. Ciò ha prodotto una contrazione nell'erogazione dei mutui, con evidenti ripercussioni nel mercato immobiliare. Ci auguriamo che in tempi brevi le aspettative negative, che hanno preso il sopravvento nel mercato, possano progressivamente lasciare il passo a quelle positive. Quest'ultima infatti è condizione necessaria per il superamento della crisi".

    http://www.tgfin.mediaset.it/tgfin/a...lo422007.shtml

    Propongo l'abbolizione dei piani regolatori. I prezzi dovrebbero scendere di botto.

  3. #3
    Libertarian Party
    Data Registrazione
    16 Apr 2008
    Località
    Molte persone vogliono che il governo protegga il consumatore. Un problema molto più urgente è proteggere il consumatore dal governo
    Messaggi
    4,364
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Propongo l'abbolizione dei piani regolatori. I prezzi dovrebbero scendere di botto.
    Con successiva tua lapidazione da parte delle centinaia di migliaia di persone che si è indebitata tutta la vita per comprare casa.

  4. #4
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Immanuel Visualizza Messaggio
    Con successiva tua lapidazione da parte delle centinaia di migliaia di persone che si è indebitata tutta la vita per comprare casa.
    Quindi quelli che hanno pagato l'ICI per anni dovrebbero lapidare Berlusconi che l'ha tolta??? Fami capire...ragazzi se i problemi sono questi non dovremo più toccare uno spillo, nemmeno fare condoni e eliminare leggi inutili. Ma nemmeno cambiare tasse o governi...

 

 

Discussioni Simili

  1. Ormai la casa è pronta, manca solo l'ADSL
    Di Oli nel forum Fondoscala
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-04-12, 12:20
  2. l miraggio della sicurezza
    Di Comunardo nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-10, 16:57
  3. Informazione indipendente: un miraggio
    Di vota Antonio nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-09-09, 23:06
  4. Per lor quel dì di festa fu un miraggio
    Di ZEUS nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-09-08, 07:50
  5. Ormai anche i giapponesi si sono stancati delle basi Usa in casa
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 13-02-07, 22:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226