User Tag List

Pagina 1 di 11 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 107
  1. #1
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Su 'idu in cù a sa LSC

    Chiedo scusa per il titolo “colorito” del topic, avendo ceduto alle leggi del “richiamo sguaiato”.
    Avrei potuto intestarlo più elegantemente come quello dell’articolo che intendo riportare, cioè “S’unificazione de su sardu”, o più propriamente, in campidanese, “una coja ki no si poid fai”, ma tant’è.
    Nelle mie incursioni a ritroso nel tempo, rinvenendo documentazioni cartacee varie, ho sfogliato il numero1-2 Ottobre-Novembre 1978 de “Il Solco”, una delle numerose “ripartenze” nella pubblicazione del periodico, trovando l’illuminante scritto (in logudorese) di Anzelu Dettori.
    Come si potrà leggere, già trent’anni fa, la diatriba su quale dovesse essere la lingua sarda “ufficiale” era stata affrontata e risolta, perlomeno all’interno del PSd’Az.
    Questo scritto, ma non solo, come si vedrà, porta valide argomentazioni all’adozione della doppia variante linguistica: Logudorese e Campidanese.

    In questo ultimo periodo, il dibattito attorno alla LSC si è infiammato notevolmente, in diversi siti web. Più avanti cercherò di “linkare” alcuni degli interventi più significativi.
    Mi chiedo soltanto perché il PSd’Az non abbia mai affrontato un dibattito interno sull’argomento e pertanto non si sia ancora pronunciato in merito.
    Eppure, Oreste Pili (e lo stesso Giuseppe Atzeri che si era espresso per una maggiore considerazione della macrovariante campidanese) col suo pluridecennale impegno sulla lingua sarda avrebbe dovuto avere maggiore ascolto.
    Quel che è certo, è che giorno dopo giorno si affievolisce la spinta di questa “scelta politica” innaturale che si chiama LSC e cresce invece quella più logica e democratica dell’adozione del doppio standard, suffragata dalle ricerche e analisi di qualificate/i studiose/i.


    Nei due successivi post, inserisco immagini e testo dell’articolo summenzionato.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito




  3. #3
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    S'unificazione de su sardu

    di Anzelu Dettori

    Da-e cando semus imbruttende pabilu e perdinde tempus in riuniones, cunvegnos, dibattidos in sa mira de valorizare su sardu, chi est base de sa cultura sarda e de s'identidade de su populu nostru; in mira de l'insinzare in sas iscolas de l'usare comente limba nazionale in sos rapportos cun totu sos organos e-i sos uffizios de sa Pubblica Amministrazione de tota sa Sardigna. Ma no est istadu affrontadu mai cuncretamente su problema de s’unificazione de su sardu. Nemmancu in sa riunione chi sest tenta s’8 de-i custu mese in s'«Enalc Hotel» de Casteddu, pro «fagher a su Consizu regionale una proposta de apricare, in Sardigna, s'art. 6 de sa Costituzione de sa Repubrica italiana», mi risultat chi su problema de s'unificazione de su sardu si siet affrontadu e discussu. Su matessi «progetto di legge per la tutela della lingua sarda» proposta a-i cussa riunione da-e tres periodicos «nazionalistas», non lassat cumprendere giaramente de cherrer poder risolvere tale problema in modu naturale e praticu, senza disconnoschere sos motivos istoricos-linguisticos chi bi sunu a sa base. Infattis, da-e varios articulos de-i cussu progettu de legge non si apprendet in limbazu is attu cal'est su cunzettu de su libberu usu de sa limba sarda in tottu sos rapportos soziales, finas cun sos uffizios giudiziarios, e-i s'obbligu de praticare su «bilinguismu» in sas iscolas maternas e de sobbligu. Occurret, a-i custu puntu, de ponner in giaru su problema: cale sardu si devet insinzare in sas iscolas? Cale limbazu? Non zertamente sos milli limbazos chi s'intendene in modulos e tonos differentes da'unu nuraghe a s'atteru in s'internu de s'Isula e da una turre de... Babele a s'attera de tottu sas costeras nostras. Creo chi ne-i sos cattedratticos de sa «linguistica sarda», ne atteros apprezziados cultores de su sardu, tottu sos intellettuales (da-e pius pagu a mancu) s’hapene postu in conca de edificare una Babele sarda. Faghimonos su contu chi sa Regione Sarda siat risoluta de si fagher finalmente porta-bandela de sa rivendicazione a favore de sa minoranzia sarda: de riconnoscher e valorizare ad onzi fine sa propria limba; e chi su gu vernu italianu bi accunsentat cun d'una legge chi cunzedat a sos acchettos sardos cantu hat cunzessu da-e meda, cun s'art. 6 de sa Costituzione italianas a favore de sas minoranzias de s'alta Italia (valdostana, slovena e ladina), ite podimos fagher giughinde sas manos in... manos, senza de haere approntadu sos istrumentos nezessarios (grammaticas, vocabolarios, libberos de lettura, insegnantes) pro poder fagher su primu e basilare «saltiu 'e calidade» in mesu a sas generaziones noas? Cale sardu si devet insinzare in sas iscolas sardas?

    Riuniones e cunvegnos

    Est notoriu chi iscientificam ente - sigundu su glottologo tedescu Max Leopold Wagner - pro limba sarda s'intendet su cumplessu de tottu sos dialettos sardos, sos chi sunu originarios de sa limba latina e non de sos atteros de razza furistera chi sun trapiantados in Sardigna. Ma si tenimos s'intentu de insinzare in sas iscolas de Sardigna una limba unica nazionale, comente han fattu a tempus sou sos catalanos in Catalogna, sos occitanicos in Provenza, e da-e pagu sos ladinos de su Friuli e de Isvizzera, finas sos francos-piemontesos de Novalesa (chi sun in tottu 90 miza da-e pius a mancu), est giaru su proponimentu de insinzare in sas iscolas non tantos limbazos differentes, mancari imparentados tra issos, cantos sun sos dialettos sardos, ma una limba unificada. Custu problema de sunificazione de su sardu a livellu de limba nazionale hat formadu argumentu de istudiu e de dibattidos in riuniones e cunvegnos, ispecialmente da-e parte de cultores e docentes de limbazos sardos.
    Comente si podet fagher s’unificazione de su sardu subra de bases iscientificas e a su matessi tempus in modu praticu e de logica applicazione? Ecco su problema de risolvere prima de ogn'attera cosa. Problema chi est istadu discussu finas troppu, non sempre impostadu giaramente e lassadu infine in suspesu senza essere mancu avviadu a soluzione.
    Cunsideradu chi pro limba sarda si devet riconnoscher solamente su Campidanesu e-i su logudoresu (custu sigundu limbazu umpare cun sos parentes suos costrintos, barbaricinu e baroniesu in mesu insoro), non podimos cunsiderare a su matessi fine sos dialettos chi sun istados importados in Sardigna, comente su gadduresu, su tatharesu, su saligheresu e-i su carlofortinu.

    Unu matrimoniu chi no si podet faghere

    Sigundu nois (ca semus in medas a la pensare in custu modu), no est possibile unificare su Campidanesu cun su Logudoresu. Ognunu de-i custos duos ramos de sa limba sarda s'est comportadu e isviluppadu in differente modu in s'andare de sos seculos, siat in su pianu grammaticale e sintatticu, siat in s'achistu fattu de sos vocabulos. E-i sa resone est de carattere istoricu, pro su fattu chi sos diversos dominadores chi sun bistados in Sardigna hana influidu in differente modu cun sos differentes limbazos insoro a s'isviluppu de sos ramos de su sardu. Si a su tempus de Eleonora d'Arborea - chi hat iscrittu sa «Carta de Logu» a base de su Logudoresu - sa Sardigna haiat tentu genios litterarios comente los hat tentos sa Toscana cun Dante, Boccaccio e Petrarca, nois haimis tentu e faeddadu a dies de oe unti sardu solamente: su Logudoresu. Ma sa Sardigna de genios summos gai no nd'hat partoridu in perun'epoca, tantu pius pagu in su Medioevo. Hat dadu a sa lughe poetas de bona istatura, ma diversos seculos poi; e manc'unu de-i cussos, chi esseran puru naschidos in su tempus de Dante e de Eleonora, fit dottu in modu tale de poder genialmente formare su sardu unificadu da-e su volgare de sas cartas antigas nostras. E pro cussos motivos sos limbazos sardos, influenzados e finas corrumpidos da-e limbas diversas, cantu diversas
    fini sas limbas de sos dominadores chi hana postu sos sardos de ogni tempus a crabistu e a imbastu, si sunu isgreziados e sighidos a isviluppare ognunu a su geniu sou. Ecco proite unu matrimoniu tra Campidanesu e Logudoresu no est possibile chi si potat fagher oe lezittimamente. Chi puru sos linguistas sardos bene cunsiderados, professores de universidade o atteros cultores tentos in contu, si ponzeran de impignu, in manigas de camija, pro unificare tottu su sardu a livellu de limba nazionale, forsis dian ressere in d'un'istuditi cumplessu e profundu, però fattu in «astrazione», comente esserat un'isperantu pro sos sardos, de peruna utilidade pratica ne de possibile applicazione.
    Pro tottu custos motivos giaros su sardu devet esser unificadu sighinde sos duos ramos chi sun fundados da-e sa matessi madrighe - su latinu - ma chi, però, cun su tempus si sunu differenziados assuminde connotados diversos. In su Cabu 'e sutta deven essere unificadas tottu sas variantes de su Campidanesu, da-e su Campidanu 'e Casteddu a su Campidanu de Aristanis, da-e su Sulcis a su Sarrabus, a sos Saltos de Quirra ecc., lénde pro modellu su limbazu aristanesu o de sa Marmilla. In su Cabu 'e susu si devetformare e insinzare unu Logudoresu classicu, chi siat s'unione de tottu su lessicu logudoresu e de sos limbazos imparentados chi sunu fora de su Logudoro geograficu, da-e sa Nurra e da-e sAnglona finas a sa Costera, a su Marghine, a sa Planarza, a su Montiferru e a su Cuglieritanu, lénde pro modellu su limbazu de su mandamentu de Bonorva. Su Logudoresu classicu benit goi propostu pro essere insinzadu puru in Barbagia e in Baronia. In custu modu, si sa cuscenscia nazionale de sos sardos hat a madurare in tempos breves da-e pius a mancu, prinzipalmente pro impignos culturales de sos sardos dottos, su problema de sunidade de su sardu podet esser risoltu istudiende ed elegginde a dignidade de limba ognunu de sos duos ramos zitados.
    In cantu a sas isulas linguisticas de Sardigna, su discursu cambiat. Si devimos ammittere, comente ammittimos, chi in sas iscolas est utile insinzare sa limba 'e latte pro pocier mezus apprendere sa limba italiana, est logicu fagher su proponimentu de dever insinzare su gadduresu in totta sa Gaddura, e a sa Madalena, su tatharesu a Tathari, a Sorso e a Istintinu, su saligheresu a S'Alighera e-i su carlofortinu a Carloforte e a Calasetta. Tott'a su pius, cun su mazore isviluppu de sa cultura nazionale de tottu sos sardos, si han a poder istituire, in cussas localidades, cursos facultativos de limba sarda: de Campidanesu a Carloforte e a Calasetta, de Logudoresu in Gaddura, a Tathari e a S'Alighera.
    Pro render pulidu e attuale s'insinzu de su sardu, devet esser fatta una sebera metodologica. E-i su metodo o sistema devet essere indicadu da-e sos cultures dottos, da-e sos linguistas bene cunsiderados, sos cales deven tenner contu de tota sa litteratura sarda cantu de pius puru e de pius classicu si bi podet rilevare, a partire da-e su 400 finas a tempos de oe.
    In su fissare sas regulas grammaticales e ortograficas, tantu de su Logudoresu che de su Campidanesu, ambos a livellu de limba, est nezessariu:
    1) Rifiutare su criteriu o prinzipiu de s'iscrittura basada in su sonu de sos faeddos articulados
    (grafici fonetica), ca in ogni limba romanza, comente est su sardu, est adottadu su prinzipiu chi ogni peraula dever esser iscritta sempre a su matessi modu.
    2) Sapprendimentu de sa bona pronunzia de su sardu s'imparat da-e chie l'ischit insinzare.
    3) Aborrire totu sas incrostaziones latinas usadas da-e poetas e iscrittores sardos de su 500 e finas a s'800.
    In cantu a s'usu de sos vocabulos sardos bezzos e nós, si deven ammittere totu cuddos chi ancora oe sun in bida, si no in d'un'incontrada in s'attera, sian derivadas da-e su latinu, da-e su grecu o bizantinu finas a su berberu, da-e su catalanu e-i s'ispagnolu e s'italianu. De s'italianu sun de ammittere totu sas paraulas intradas in usu, ma si deven rifiutare cuddas chi hana corrispondentes in su sardu e-i sos termines pius ispintos o isfacciados. Nois cherimos chi 'enzat insinzadu unu sardu currente, una limba attuale, bia, no una limba morta. Non cherimos unu sardu arcaicizadu ad ogni costu, comente caligunu, improvvisadu mastru de iscola sarda, ndhat bogadu a pizu finas vocabulos esistidos in su limbu 'e sos ranzolos.
    Si resessimos a realizare tottu custu, tando sa cultura sarda hat a fagher su saltiu 'e calidade chi tenimos in s'intentu, senz'ispettare atteros cambiamentos de condiziones istoricas (soziales, culturales, economicas).
    In custu modu, incominzende da-e sa limba sarda, chi est a fundamentu de tota sa cultura nostrana, hat a bennere a madurare in tota s'Isula una cuscenscia nazionale e dare un'identidade vera a su populu de-i custa «nazione proibida».

  4. #4
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un significativo esempio di come l’utilizzo della doppia variante fosse una prassi comune adottata nel Partito, nell’ufficialità delle comunicazioni rivolte ai Sardi, è data dalla petizione popolare contro le servitù militari, per la quale venne promossa una raccolta di firme.
    Il documento è contenuto in FORTZA PARIS ! Anno 1° - N. 2 – giugno 1980
    Eccolo:




    In ogni caso, basta sfogliare un qualsiasi periodico sardista (cioè del Partito Sardo d’Azione) per trovare articoli, poesie, vignette ed altro, in tutte le varianti della lingua sarda, indifferentemente.

  5. #5
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Testo della petizione in italiano

    INIZIATA LA RACCOLTA DELLE FIRME
    PETIZIONE POPOLARE
    CONTRO LE SERVITU’ MILITARI IN SARDEGNA

    On.le PRESIDENTE
    DEL CONSIGLIO REGIONALE
    DELLA SARDEGNA

    in conformità di quanto disposto dall'art. 50 della Costituzione della Repubblica italiana e dall'art. 1, dello Statuto Speciale per la Sardegna in materia di petizioni popolari, e in conformità dell'art. 100 del Regolamento Interno del Consiglio Regionale,

    I SOTTOSCRITTI FIRMATARI

    convinti del principio umano e politico che i sardi hanno il diritto ad essere essi stessi padroni in Sardegna delle scelte politiche, sociali, economiche e culturali dell'Isola,

    RILEVATO che le zone militari nel territorio sardo hanno occupato spiagge, pianure e montagne e che nei cieli di Sardegna volano macchine di guerra da Calamosca a Decimomannu, da Capo Teulada a Torre Grande, da Quirra a Capo Frasca, dal monte Limbara all'Isola di Tavolara, e tutto ciò con gravissimo pericolo per le genti sarde;

    VISTO E PROVATO che tanti incidenti sono causati da macchine di guerra che sganciano ordigni di morte su terre pacifiche dove lavorano e faticano pastori e contadini; che molte spiagge sono chiuse con muri e reticolati e che il mare che circonda la nostra Isola è ricco di bombe, siluri e mine vaganti;

    CONSIDERATO che l'occupazione militare si è infiltrata in Sardegna a poco a poco e si è estesa senza ritegno né riguardo per uomini e santi, mortificando Il popolo sardo e la sua autonomia;

    TENUTO CONTO che le servitù militari fanno parte del disegno strategico dello Stato Italiano che ha sempre sottoposto e continua a sottoporre la Sardegna al proprio prepotente dominio, rimarcando sempre più la qua egemonia sulla volontà e i diritti di noi sardi;

    RICHIAMANO, i firmatari sottoscritti, l'attenzione più rigorosa e sensibile dei governanti regionali su questa grave realtà dell'occupazione militare in Sardegna, che non è argomento da trascurare o ignorare, e

    FANNO VOTI

    perché tutti i Consiglieri regionali, interpretando i sentimenti dei popolo sardo, si facciano promotori della più vibrata protesta col Governo italiano. approvando in pubblica assemblea un documento CONTRO L’OCCUPAZIONE MILITARE IN SARDEGNA e che rivendichi a noi sardi il DIRITTO ALL'AUTOGOVERNO e ad ESSERE PADRONI DEL NOSTRO DESTINO.

  6. #6
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Testo in sardo logudorese

    On.le PRESIDENTE
    DE SU CONSIZU REGIONALE
    DE SA SARDIGNA

    in cunformidade de cantu disponet s'art. 50 de sa Costituzione de sa Repubblica Italiana e de s'art. 1 de s'Istatutu Ispeciale pro sa Sardigna in materia de domandas o supplicas de prinzipiu, e in cunformidade de s'art. 100 de su Regolamentu internu de su Consizu Regionale,

    SOS FIRMATARIOS SUTTISCRITTOS

    partinde da-e su prinzipiu umanu e politicu chi sos sardos pro autonomia regionale haian cumpresu e rivendicadu su dirittu de esser padronos de su destinu insoro in tottu su territoriu de sa Sardigna,

    RILEVADU chi sas zonas militares in territoriu sardu han occupadu oros de mare, saltos in pianura e montagna, e faghen bolare in tottus sos chelos de Sardigna sos giumbos de gherra, da-e Calamosca a Decimomannu, da-e Cabu Teulada a Turre Manna, da-e sos Saltos de Quirra a Cabu. Frasca, da-e sos Montes de Limbara a s'Isula de Taulara e tottu in funzione de perigulosidade estrema pro sos populados sardos;

    BIDU E PROADU chi tantos incumbenientes, causados da-e giumbos bolantes chi isganzan a casu o pro disattenzione ordinzos de morte in conca a pacificos terrinos inue tribaglian e tribulan pastores e massaios; chi medas ispiaggias sun serradas a muros e reticulados, signadas «OFF-LIMITS» pro bagnantes e turistas; chi su mare chi circondat s'isula nostra est attraessadu da-e
    bombas, siluros e minas vagantes;

    CONSIDERADU chi s'occupazione militare sest infiltrada a pagu a pagu in territorios sardos e s'est istesa senza moderazione o riguardu ne a omines ne a santos, poninde a conca in giosso s’autonomia regionale e sempre ignorende s’autoridade chi la guvernat;

    TENTU CONTU de s’occupazione militare fatta da-e pagu in terrinos de sa penisula de su Sinis e de sa protesta fatta e sighinde a faghere de sa populazione sarda, occupazione «pazifica e zivile» pro como (sigundu s'autoridade militare), e-i su prinzipiu istrategicu de s'Istadu italianu, chi hat sempre suttapostu sa Sardigna a su dominiu prepotente sou trattendela a imbastu e a puntorzu fattu, però fatta a iscopos bellicos de crasa; e chi non contan in linea de prinzipiu sos pagos o mancu, pagos ettaros de superfizie occupada, cantu contat e importat sempre pius s'egemonia de s'istadu italianu subra sa voluntade e-i sos dirittos de sos sardos, mancu chi «Deus fetteit sa Sardigna bettendeche una pedra in mesu mare - cun subr’iscrittu ZONA MILITARE - pro l’haer sos soldados in cunsigna»;

    RICHIAMANA, sos firmatarios suttiscrittos, s'attenzione pius sensibile e rigorosa de s'autoridade regionale a-i custos eventos de s'accupazione militare in Sardigna, chi no est cosa de accantonare a un'ala o de fuliare a puzones comente cuguzos de gianina, e

    FAGHEN VOTOS

    pro chi sos Consizeris Regionales tottu, interpretende sos sentimentos de sas populaziones sardas, si fettant autores de sa pius alta protesta cun su guvernu italianu, CONTRA SAS OCCUPAZIONES MILITARES IN SARDIGNA, poi de haer approvadu in pubblicu dibattidu un appositu documentu a render SOS SARDOS PADRONOS DE SOS DESTINOS INSORO.

  7. #7
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Testo in sardo campidanese

    On.li PRESIDENTI
    DE SU CONTZILLU REGIONALI
    DE SA SARDINNIA

    in cunfurmidadi de cantu disponidi s'articulu 50 de sa costitutzioni de sa Repubblica Italiana e de s'articulu 1 de su Statutu Speciali po sa Sardinnia in materia de domandas o supplicas de principiu, e in cunformidadi de s'art. 100 de su regulamentu internu de su Contzillu regionali,

    IS FIRMATARIUS SOTTOSCRITTUS

    partendi de su principiu umanu e politicu chi is sardus po autonomia regionali ianta cumprendiu. e rivendicau su dirittu di essi meris de su destinu intzoru in tottu su su territoriu de sa Sardinnia,

    RILEVAN chi is zonas militaris in territoriu sardu anti occupau marinas, pianuras e muntagnas e fainti bolai in tottu su xelu de Sardinnia is giumbus de gherra de Calamosca a Deximumannu, de Cabuteulada a Turri Manna, de is sartus de Quirra a Cabufrasca, de is montis de Limbara a s'isula de Taulara, e tottu in funtzioni de perigulosidadi estrema po is populaus sardu;

    BISTU E PROVAU chi tantis inconvenientis; causas de is giumbus bolantis, chi sgancianta a casu o po disatentzioni ordignus de morti in conca a pacificus terrenus aundi traballanta e tribuilianta pastoris e messaius; chi medas spiaggias sunti serradas a murus e reticulaus; chi su mari chi a giru de s'isula nostra esti atruessau de bombas, silurus e minas vagantis;

    CUNSIDERAU chi s'occupatzioni militari s'esti infiltrada a pag'a pagu in territorius sardus e s'esti estendia senza e moderatzioni o riguardu ne a ominis e a santus, ponendi a conc’a basciu s’autonomia regionali, e sempiri ignorendi s’autoridadi chi la guvernada;

    TENTU CONTU de s'occupatzioni militarl fatta de pagu in terrenus de sa penisula de «Sinis», e de sa protesta fatta e sighendi a fai de sa popolatzioni sarda, «occupatzioni pacifica e civili» pro imoi, segundu s'autoridadi militari, però fatta po iscopus bellicus de crasi, e chi no contanta in linea de principiu is pagus o mancu pagus ettarus de superfici occupada, cantu contada e importada po nosu sardus su fattu riconnottu e assolutu de su Statdu italianu asubra de sa volontadi e is dirittus de is sardus, mancu chi «Deus essi fattu sa Sardinnia ghettendinci una perda in mari cun sa scritta a pitzus ZONA MILITARE, po da tenni is sordaus in poderi»;

    GHETTANTA UNA BOXI, is firmatarius sottoscrittus, s'atentzioni prus sensibili e rigorosa de s'autoridadi regionali a i custus eventus de s'occupatzioni militari in Sardinnia ca no è cosa de ponni in d'unu furrungoni o de fulliai a pillonis cumenti a cabitzas de zizania;

    PREGANTA

    pro chi is consilleris regionalis tottu, interpretendi is sentimentus de is popolatzionis sardas, si fatzanta autoris de sa prus arta protesta cun tzu guvernu italianu, CONTRAS'A IS OCCUAPATZIONIS MILITARIS IN SARDINNIA, dopu essi approvau in pubblicu dibattidu un appositu documentu de rivendicatzionl de is diritus de s'autonomia regionali PRO TORRAI IS SARDUS MERIS DE IS DIRITITUS INTZORU.

  8. #8
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quelli che seguono, sono link recuperati velocemente dal sito www.altravoce.net, senza pretese di completezza, diciamo critici verso la LSC.


    mercoledì 17 ottobre 2007
    I tempi e gli obiettivi della politica
    tra forzature e scorciatoie
    nello sviluppo degli standard linguistici

    di Marinella Lőrinczi


    sabato 2 giugno 2007
    Interventi.
    La lingua che non si inventa a tavolino
    e un dibattito che non sale al cielo

    di Miali Logudoresu


    venerdì 6 giugno 2008
    Cara Assessore Mongiu, volete
    logudoresizzare il campidanese
    è arbitrario ma non siate ipocriti

    di Marinella Lorincz


    mercoledì 6 giugno 2007
    Imboscate linguistiche nei concorsi
    Che arma micidiale sarà
    sa limba comuna degli azzeccagarbugli

    di Miali Logudoresu


    venerdì 2 maggio 2008
    Soru celebra Sa Die in campidanese
    la Regione lo traduce in logudorese
    auto-discriminato: come tutti i sardi
    La Pola, no casteddaiu: reciti in Lsc

    di Marinella Lõrinczi


    giovedì 3 maggio 2007
    Lettera aperta al presidente Soru:
    “sa limba comuna” e unica
    è assurda violenza contro i sardi

    di Giulio Angioni


    venerdì 4 maggio 2007
    “Tziu Esperantu” imposto ai sardi
    Una follia la lingua ufficiale
    che porta incarichi e soldi da sprecare

    di Giorgio Melis


    domenica 6 maggio 2007
    Guai a chi tocca sa limba comuna
    Soru in campidanese
    rifiuta ogni dubbio e dà lezioni

    di Matteo Bordiga e Giorgio Melis


    martedì 8 maggio 2007
    Le domande sulle lingue dei sardi:
    la politica chiede aiuto
    e poi decide senza vedere le risposte

    di Giovanni Lupinu


    9 maggio 2007
    Le lingue e la ricerca contestata
    Il delitto più grave
    è spegnere l'entusiasmo dei giovani

    di Anna Oppo


    Da quei dati risposte e altre domande
    Proviamo a capire perché
    chi conosce il sardo poi non lo usa

    di Alessandro Mongili


    sabato 26 maggio 2007
    Contro l'imposizione della Limba Comuna
    un manifesto culturale e civile
    in difesa di tutte le varietà del sardo

    di Giulio Angioni


    venerdì 4 luglio 2008
    Guerra delle lingue e il silenzio degli intellettuali
    il logudorese per forza, violenza e anche bottega
    pari dignità al campidanese che si vuole castrare

    di Daniela Paba


    martedì 8 luglio 2008
    Quanto arroganti i crociati della Lsc
    protetti dalla Mongiu in clausura
    Hanno anche plagiato Renato Soru?

    di Giorgio Melis


    venerdì 11 luglio 2008
    Mongiu è “innocente” sulle scelte regionali
    di politica linguistica, la Lsc imposta
    prima da altri, la dura “scomunica” di Soru

    di Anna Oppo


    venerdì 11 luglio 2008
    Sulla “limba” costruita a tavolino
    un business estraneo alla cultura
    ognuno parli il sardo che sa e vuole

    di Cristina Lavinio


    giovedì 24 luglio 2008
    Bichipedia sarda, boom di “voci” senza
    l'esclusiva della Lsc, in tutte le varianti
    come per l'aymara: fallita la lingua-nazione

    di Marinella Lorinczi

  9. #9
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Interessante, lungo e partecipato confronto si è sviluppato nel blog di Sardegna & libertà:

    Disinformazione di regime sulla lingua
    15 Giugno, 2008

  10. #10
    100% sardu
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sardìnnia
    Messaggi
    28,942
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    non so davvero come ringraziarti per tutto il materiale che hai postato! hai fatto un lavoro ottimo e ti ringrazio anche da parte di tutti quelli (molti) che stanno lottando per un bilinguismo democratico che preveda l'uso delle due macro-varietà letterarie sarde, il campidnaese e il logudorese.

 

 
Pagina 1 di 11 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226