User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nasce un nuovo gigante dell'energia in Francia

    Les actionnaires de GDF et Suez célèbrent l'union des deux groupes mercredi

    PARIS - Les actionnaires de Gaz de France et de Suez voteront mercredi sur la fusion entre les deux groupes, l'un public l'autre privé, en vue de créer un nouveau géant mondial de l'énergie, au terme de deux ans et demi de rebondissements.
    Les actionnaires de chaque groupe, réunis en assemblées générales extraordinaires, devraient approuver cette union et mettre un terme au feuilleton d'un mariage annoncé en février 2006, entre le groupe public gazier GDF et le groupe privé d'énergie, d'eau et de déchets Suez.
    Le futur président du nouveau groupe, Gérard Mestrallet, actuel PDG de Suez, s'est dit "confiant" dans le vote des actionnaires, tandis que le futur numéro deux, actuel PDG de GDF, Jean-François Cirelli, ne "s'attend pas à des problèmes".
    Quelques voix, minoritaires, pourraient toutefois se faire entendre, comme celle des Agents et citoyens actionnaires d'EDF et GDF (ACA EDF GDF), qui voteront contre ce qu'ils qualifient de "véritable spoliation des actifs publics" de GDF "au profit des intérêts privés de Suez".
    Le lendemain jeudi, l'arrêté de privatisation de GDF paraîtra au Journal officiel et les deux patrons tiendront un point presse au siège du nouvel ensemble, un immeuble du 8è arrondissement occupé un temps par EDF, principal concurrent du nouveau groupe.
    GDF Suez naîtra véritablement le 22 juillet, avec sa mise en Bourse, qui permettra de connaître sa valeur aux yeux des investisseurs --92 milliards d'euros vendredi en additionnant leurs capitalisations-- et avec la première réunion de son conseil d'administration.
    Les administrateurs de GDF et de Suez avaient déjà approuvé début juin le projet de fusion, validé ensuite mi-juin par l'Autorité des marchés financiers.
    La nouvelle version du projet, présentée début septembre au terme d'âpres négociations avec l'Elysée, prévoit l'échange de 22 actions Suez pour 21 actions GDF et, pour compenser la différence de valeur boursière, la mise en Bourse de Suez Environnement, le pôle eau et déchets de Suez, qui sera coté le même jour que GDF Suez, le 22 juillet.
    Cette union donnera naissance à un nouveau géant mondial de l'énergie, dont le premier actionnaire sera l'Etat français, avec 35,6% du capital. Le chiffre d'affaires cumulé de GDF et Suez pour 2007 approchait 75 milliards d'euros.
    Nasce il 2 gigante dell'energia in mano al governo di parigi (assieme all'altro attuale gigante statale e monopolista energetico EDF( Électricité de France) che assieme alle "sorelle" tedesche E.on e Rwe... Questi 4 quattro Giganti dell'energia hanno in mano gran parte della gestione e commercializzazione di Acqua,Gas,Energia elettrica (soprattutto nucleare) rifiuti,energie da fonti rinnovabili in Europa..
    Esse operano in gran parte dell' Europa ma sono attive soprtattutto nell'Europa Mediterranea(Acqua,gaz,energia elettrica,energia nucleare e rifiuti) Africa,(Aqua,gaz,energia elettrica futuri impianti nucleari in Egitto e nella Libia di Gheddafi ecc.)
    Sud America(acqua,energia elettrica) ecc.
    (Vedi caso Argentina) link:

    http://www.foodandwaterwatch.org/wor...atization-deal
    SE QUESTA E' L'EUROPA DEI POPOLI SECONDO PARIGI E BERLINO IO VOGLIO SCENDERE!
    A voi i commenti!




    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vorrei specificare a titolo informativo che non sono un fan dei romani
    non concepisco l'assistenzialismo di cui gode il Sud, sono contro la mafia
    mentre credo nella libertà dell'individuo sotto qualsiasi forma.
    Ps. Riguardo al testo vorrei specificare che normalmente in tutta Europa quando si parla geograficamente di "Sud Europa o Europa Mediterranea" si intende nel caso specifico dell'Italia tutta la penisola italiana da Nord a Sud.

  3. #3
    Non si fitta ai terroni.
    Data Registrazione
    11 Dec 2007
    Località
    Non sono razzista. Il razzismo è un crimine, e il crimine è roba da negri.
    Messaggi
    576
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Infatti per ciò è stato coniato il termine terronia, per distinguere la la barbarie dalla civiltà

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,696
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Gulliver'sTales Visualizza Messaggio
    Ps. Riguardo al testo vorrei specificare che normalmente in tutta Europa quando si parla geograficamente di "Sud Europa o Europa Mediterranea" si intende nel caso specifico dell'Italia tutta la penisola italiana da Nord a Sud.
    hai detto bene: io non abito in nessuna penisola, ma ai piedi delle Alpi e a 10 km in linea d'aria dalla Svizzera

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    hai detto bene: io non abito in nessuna penisola, ma ai piedi delle Alpi e a 10 km in linea d'aria dalla Svizzera
    Ah bhè allora....

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Aggiornamenti

    Citazione Originariamente Scritto da Gulliver'sTales Visualizza Messaggio
    Les actionnaires de GDF et Suez célèbrent l'union des deux groupes mercredi

    PARIS - Les actionnaires de Gaz de France et de Suez voteront mercredi sur la fusion entre les deux groupes, l'un public l'autre privé, en vue de créer un nouveau géant mondial de l'énergie, au terme de deux ans et demi de rebondissements.
    Les actionnaires de chaque groupe, réunis en assemblées générales extraordinaires, devraient approuver cette union et mettre un terme au feuilleton d'un mariage annoncé en février 2006, entre le groupe public gazier GDF et le groupe privé d'énergie, d'eau et de déchets Suez.
    Le futur président du nouveau groupe, Gérard Mestrallet, actuel PDG de Suez, s'est dit "confiant" dans le vote des actionnaires, tandis que le futur numéro deux, actuel PDG de GDF, Jean-François Cirelli, ne "s'attend pas à des problèmes".
    Quelques voix, minoritaires, pourraient toutefois se faire entendre, comme celle des Agents et citoyens actionnaires d'EDF et GDF (ACA EDF GDF), qui voteront contre ce qu'ils qualifient de "véritable spoliation des actifs publics" de GDF "au profit des intérêts privés de Suez".
    Le lendemain jeudi, l'arrêté de privatisation de GDF paraîtra au Journal officiel et les deux patrons tiendront un point presse au siège du nouvel ensemble, un immeuble du 8è arrondissement occupé un temps par EDF, principal concurrent du nouveau groupe.
    GDF Suez naîtra véritablement le 22 juillet, avec sa mise en Bourse, qui permettra de connaître sa valeur aux yeux des investisseurs --92 milliards d'euros vendredi en additionnant leurs capitalisations-- et avec la première réunion de son conseil d'administration.
    Les administrateurs de GDF et de Suez avaient déjà approuvé début juin le projet de fusion, validé ensuite mi-juin par l'Autorité des marchés financiers.
    La nouvelle version du projet, présentée début septembre au terme d'âpres négociations avec l'Elysée, prévoit l'échange de 22 actions Suez pour 21 actions GDF et, pour compenser la différence de valeur boursière, la mise en Bourse de Suez Environnement, le pôle eau et déchets de Suez, qui sera coté le même jour que GDF Suez, le 22 juillet.
    Cette union donnera naissance à un nouveau géant mondial de l'énergie, dont le premier actionnaire sera l'Etat français, avec 35,6% du capital. Le chiffre d'affaires cumulé de GDF et Suez pour 2007 approchait 75 milliards d'euros.
    Nasce il 2 gigante dell'energia in mano al governo di parigi (assieme all'altro attuale gigante statale e monopolista energetico EDF( Électricité de France) che assieme alle "sorelle" tedesche E.on e Rwe... Questi 4 quattro Giganti dell'energia hanno in mano gran parte della gestione e commercializzazione di Acqua,Gas,Energia elettrica (soprattutto nucleare) rifiuti,energie da fonti rinnovabili in Europa..
    Esse operano in gran parte dell' Europa ma sono attive soprtattutto nell'Europa Mediterranea(Acqua,gaz,energia elettrica,energia nucleare e rifiuti) Africa,(Aqua,gaz,energia elettrica futuri impianti nucleari in Egitto e nella Libia di Gheddafi ecc.)
    Sud America(acqua,energia elettrica) ecc.
    (Vedi caso Argentina) link:

    http://www.foodandwaterwatch.org/wor...atization-deal
    SE QUESTA E' L'EUROPA DEI POPOLI SECONDO PARIGI E BERLINO IO VOGLIO SCENDERE!
    A voi i commenti!


    COSÌ I FRANCESI CONTROLLANO GLI ACQUEDOTTI
    SUEZ CONQUISTA L’ITALIA
    Il gruppo transalpino ha stretto un alleanza con Acea, l’ex municipalizzata di Roma. Insieme gestiscono la società che illumina la capitale. Le tracce delle corporation d’oltralpe in Toscana.

    Una fitta ragnatela
    Inizia così la rapida conquista dei nostri acquedotti da parte delle corporation francesi. Non solo Suez, ma anche Veolia Water (prima Vivendi Water) e Saur: le tre sorelle dell’acqua, leader mondiali di un settore vitale quanto redditizio sono protagoniste di accordi, fusioni e acquisizioni. Si occupano di acqua potabile, di depurazione ed energia. Nelle società in cui sono presenti sono contestate da vari comitati spontanei e dal Contratto mondiale dell’acqua, ma trovano Comuni, Province ed ex aziende municipalizzate pronti ad accoglierle a braccia aperte. Pochi sanno che Suez è uno dei soci più importanti di Acea Spa, la società che si occupa di acqua ed energia nella capitale e in un centinaio di altri Comuni. Insieme sono soci nella belga Electralabel che illumina Roma, compresi i palazzi delle nostre più alte istituzioni.
    Acea e Suez: un’alleanza solida e fruttuosa che ha portato i due gruppi a impadronirsi di quasi tutti gli acquedotti toscani, dove l’incremento delle bollette sta provocando accese proteste e messo in crisi qualche Comune.
    Da quando Acea, presieduta da Fabiano Fabiani, ex dirigente di Finmeccanica, è quotata in Borsa sembra aver cambiato pelle...http://www.bnamericas.com/company-pr...ronnement#nogo
    (premete sul menu il pulsante "people")
    E sono arrivati anche a Firenze

    Dopo essere penetrata nel servizio idrico di Firenze, in società con Publiacqua Spa, il duo Acea-Suez si muove alla conquista di altre aree del Centro-nord. Nella corsa all’acquisizione di nuovi mercati, si stringono accordi con Ondeo Services (oggi Suez Environnement), Silm spa, Monte dei Paschi di Siena, Ondeo Degremont (sempre gruppo Suez) e Consorzio toscano costruzioni.
    Recentemente Acea e Suez hanno rafforzato il loro legame grazie anche a un contratto da 1,2 miliardi di euro per la concessione dei servizi idrici a Pisa, un appalto ventennale per distribuire acqua al capoluogo e a 57 Comuni della zona. Il contratto, precisa un comunicato del colosso francese, copre la gestione dell’intero ciclo dell’acqua per 800.000 abitanti. Aceaelecrabel Spa si spinge fino a Modena, dove stringe un accordo con Meta Spa. Nasce così Metaenergy che distribuisce elettricità e gas nella provincia. In un dispaccio dell’Ansa del 13 marzo 2003, il sindaco di Modena e quello di Roma, rispettivamente Giuliano Barbolini e Walter Veltroni, esprimono soddisfazione per l’accordo raggiunto tra le aziende controllate dai loro Comuni (e dalla Suez), in cui vedono «un esempio di collaborazione tra città che consentirà da un lato di offrire un miglior servizio ai cittadini e dall’altro di creare valore per le aziende partner, nell’interesse degli azionisti». Interessante l’accento posto dai due ammistratori sugli azionisti. Le “corporation” francesi del settore idrico arrivano ovunque. Dove non possono gestire l’intero ciclo idrico, si accontentano di un depuratore o di un piccolo acquedotto sfuggito alla riforma Galli del 1994, che obbliga le gestioni in economia a confluire in un unico ambito territoriale ottimale. Ma non è la prima volta che accade. L’acquedotto di Ancona, per esempio, inaugurato nel 1882, è stato costruito dalla società francese Galopin Sue Jacob & C. in cambio di una concessione di 90 anni. Quello bolognese (inaugurato nel 1881) è stato realizzato dalla Società nazionale del gas, un’azienda italiana in cui confluivano capitali svizzeri e tedeschi.
    L’allarme dei servizi segreti
    Insomma, corsi e ricorsi della storia. Pochi sanno, per esempio, che la francese Société générale des eaux ha gestito l’acquedotto di Venezia dalla fine dell’800 al 1973. La corsa all’acqua rappresenta dunque una nuova occasione da non perdere per i grandi gruppi esteri. Tanto da suscitare l’allarme dei nostri servizi segreti che appena un anno fa, nella relazione semestrale al Parlamento, hanno scritto nero su bianco e che a «seguito del ruolo strategico che la risorsa idrica va assumendo a livello mondiale» sono da tenere d’occhio «gruppi stranieri di primario livello».
    Per Renato Drusiani, direttore del settore acqua di Federutility, il mercato italiano dei servizi idrici è ancora bloccato: «Da anni si attende una totale liberalizzazione che tarda a decollare e i francesi cominciano a stufarsi, tanto che qualcuno si è già ritirato». La Saur in effetti ha venduto parte delle sue società ad Acea. Qualche settimana dopo, Suez ha aumentato la sua quota nella ex municipalizzata romana portandola al 7,5 per cento. L’histoire d’eau n’est pas terminé.
    Le velleità di certi paesi colonialisti sono sempre esistite da secoli cari miei....da secoli.....




    http://www.corrispondenti.net/index.php?id=11872

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M.A.Valsesia Visualizza Messaggio
    cazzo 10 km in meno di me.....

    Da quanto c'è questa 'scissione' (da come ho capito) anche 'internettiana' tra voi 'ex' e gli altri della lega nord? Ps. non sono un infiltrato leghista quindi non cominciare a farti paranoie o intavolare guerriglie inutili tanto non servono la mia intenzione era solo di approfondire alcuni concetti sui movimenti indipendentisti del nord e nient'altro quello che dovevo dirti l'ho detto adesso trai le tue conclusioni e decidi se rispondere oppure no. Saluti

 

 

Discussioni Simili

  1. Francia malata, Vento da Est e Gigante Russo
    Di Erasmus nel forum Politica Europea
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-03-06, 11:57
  2. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 12-10-05, 17:39
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-10-05, 21:15
  4. La Francia pensa ad un rilancio dell'energia nucleare
    Di Jaki nel forum Scienza e Tecnologia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-12-03, 21:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226