User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 68
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    201
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il federalismo ci rovinerà

    Interessante articolo di Blondet:

    IL FEDERALISMO CI ROVINERA'

    Ricevo questa lettera:

    «Non serve a chi ha gli occhi aperti e guarda la vita di un uomo, non gli episodi e la banalità:
    1. E’ stato il primo a denunciare il problema dell’immigrazione incontrollata quando si inneggiava il decreto Martelli negli anni ottanta; ora il problema è esploso, risusciremo a risolverlo a questo punto?
    2. Vorrebbe difendere le tradizioni della sua regione. Perchè un siciliano o un calabrese può dire di essere fiero di essere tale e considerare di essere migliore degli altri in questa o quella cosa e un lombardo no, neanche per scherzo, è un argomento tabù. Se lo fa è un razzista?
    3. Denuncia da sempre gli sprechi di Roma e del Sud (mi viene come esempio quello dei forestali calabresi o degli spazzini a Napoli) quando gli altri invece ne convivono apertamente e non se ne fanno un problema, tanto meno si impegnano a risolerli.
    Da 26 anni si prende le accuse di essere ignorante, volgare e razzista, ma lui va avanti; dopo 26 anno si sono accorti tutti che l’immigrazione è un problema, che gli sprechi in tempi di crisi riducono i nostri redditi a causa della elevata pressione fiscale.
    Ora sta chiedendo con tutte le sue forze il federalismo, una riforma che può permetterci di sopravvivere e responsabilizzare quella parte della popolazione che sopravvive solo grazie ai sussidi di quell’altra.
    Spero di non dover aspettare 26 anni; vedrei questa nazione affondare.

    Saluti Blondet,
    con stima comunque, lei ha le sue opinioni.
    Walter
    »

    Grazie per la stima, Walter. Rispondo:

    1. Adesso Bossi è al governo. Dove non basta «denunciare l’immigrazione incontrollata», ma si ha il dovere, se lo si ritiene giusto, di «controllarla». La cosa è impossibile a Bossi, che non ha alcuna capacità realizzatrice, ed è impossibile in generale, visto che gli stessi piccoli imprenditori del Nord, quelli stessi che votano Lega magari, assumono a manbassa africani, serbi e romeni, di preferenza i clandestini perchè possono farli lavorare in nero. La politica della «denuncia» utopica e in malafede, senza nè volontà nè capacità di arrivare a una soluzione, è demagogia del tipo più basso, l’appello in malafede degli umori incivili italioti. Il dito alzato non è una soluzione, serve solo per eccitare le ridicole tifoserie valligiane.

    2
    .
    Non ho mai detto che Bossi è un razzista; dico che è un pirla inconcludente e un bauscia parolaio, ossia un tipico «italiota». Quanto alle tradizioni della sua regione, scusi, è anche la mia: io sono nato e cresciuto a Milano, da genitori «nordici», e ci ho lavorato sempre. La «tradizione» di Milano sta nella sua storica apertura, nell’essere stata fin dalla romanità un centro di strade e commerci con Francia, Svizzera ed Austria, e di scambi di idee; ha avuto la prima classe possidente in Italia che ha trasformato le sue tenute agricole in industrie (il baco da seta e le filande, e le risiere); già dall’ottocento ha avuto la grande industria avanzata, in collegamento permanente con le novità dei politecnici tedeschi ed elvetici.

    Mi sa dire che cosa c’entra tutto questo con «la Padania», il «rito celtico», l’ampolla sacra del Po, ed altre coglionate da quattro soldi sui prati? Queste sono «tradizioni» da film di serie B, tipo Conan il Barbaro, e del tutto inventate. Per di più, Milano è gravemente peggiorata, in iniziativa e in idee e cultura, in coincidenza con il trionfo del «regionalismo» e con l’andata al potere della Lega; nei comuni di provincia ci sono buoni sindaci leghisti ma, appunto, provinciali: danno il meglio di sè nella dimensione paesana. Milano non era provinciale. Ora lo è.

    La Regione prolifera come il cancro sulla società, è quasi la sola attività economica rimasta, tutte le attività private dipendono dalla Regione più o meno direttamente... Milano è diventata, in questo, come una città del Sud, dove appunto gli uffici pubblici sono i massimi datori di lavoro.

    Infine: se un individuo siciliano o un calabrese sostengono di essere migliori dei lombardi o dei piemontesi, non me la prendo; ciò indica solo che sono provinciali, di vedute ristrette e non conoscono il mondo. Ora lei vuole che i lombardi diventino parimenti provinciali e ristretti... non vedo il progresso. Come milanese, mi vergogno di poter essere rappresentato, da Bossi e dai suoi yes-men di strapaese.

    3. Ancora una volta: denunciare «Roma ladrona» è facile, il difficile porre rimedio agli sprechi. Bossi non sa nemmeno da che parte cominciare (per questo offre ai suoi fan qualche soddisfazione, tipo il dito alzato o il gesto dell’ombrello: gli costa poco, è il suo genere). Detronizzare le caste parassitarie, super-difese dai giudici come dai sindacati e dai partiti di sinistra, esige carattere (i famosi coglioni), volontà e organizzazione. E’ una lotta dura, che richiede azioni e non qualche gestaccio - ma la platea lumbard si eccita per i gestacci, sapendo che sono commedia... i fucili, i proiettili e tutto il resto. Nessuna capacità di usarli, del resto. Solo chiacchiere da osteria, fra ubriachi.

    E veniamo un attimo al «federalismo»: si è sparsa la illusione, tra i leghisti, che esso consista e si riduca nel fatto che le regioni del Nord potranno tenersi la gran parte delle tasse che pagano e che vanno nel buco senza fondo del Sud, alle «Regioni» che sono sotto il dominio di mafia, camorra, n’drangheta e Sacra Corona.

    Invece, tanto per cominciare, il vero federalismo richiede una profonda riforma - da fare contro gli interessi costituiti e forti dei parassiti - delle Regioni stesse. Le Regioni attuali, non so se se n’è accorto, sono in pratica aziende sanitarie, perchè alla Sanità dedicano il 90% dei loro introiti. Furono i democristo-comunisti dell’epoca a volerle così: costretti dalla Massoneria internazionale (rappresentata in Italia dal Partito repubblicano di Ugo La Malfa) a dare allo Stato un assetto regionale - la Massoneria sta distruggendo gli Stati nazionali che aveva creato, insieme al nazionalismo, per distruggere gli imperi europei - i furbi democristi hanno ingolfato le Regioni di compiti sanitari, con l’idea seguente: gli ospedali e le siringhe le terranno occupate al cento per cento, non avranno tempo di esercitare più ampie autonomie.

    Le classi regionali al potere le autonomie se le sono prese, come tutte le burocrazie, «allargandosi» in compiti indebiti, «condizionando» la società a poco a poco, rendendola dipendente. Coi risultati che vediamo. Le Regioni sono un disastro e un buco nero della spesa pubblica e della corruzione, si vede da come gestiscono la sanità. Un vero federalismo dovrebbe dunque rifondarle radicalmente, farle divenire piccoli Stati (non s’è mai visto uno Stato costituto essenzialmente da un solo ministero la Sanità): e senza alcuna rete di salvataggio «pubblica» per le malversazioni e gli sprechi.

    In California, stante la recessione, il governatore - il vero Conan - ha ridotto le paghe dei 200 mila dipendenti pubblici a 4 euro l’ora: le pare una cosa che si possa fare in Italia, senza una lotta durissima? Ma no, visto che non si riesce nemmeno ad abolire una provincia sola, anzi ne nascono sempre nuove. E lei crede che il Nord potrà cessare i suoi contributi fiscali al Sud ufficiale e malavitoso? Non so cosa si fumi sulle rive celtiche del Po...

    Il vero federalismo dovrebbe porsi come primo compito l’otturazione di almeno alcuni dei mille buchi di questo colabrodo che è l’ordinamento statale-regional-provinciale e comunale italiota. L’abolizione delle provincie. L’accorpamento in tre macro-regioni, magari. La Sanità restituita alla nazione, come dice il suo nome falso (servizio sanitario «nazionale», e invece così diverso in Calabria e in Lombardia). E non già la privatizzazione e flessibilizzazione dei pubblici impiegati, anzi il contrario: la privatizzazione dei dirigenti pubblici, ministeriali e regionali, li ha resi dipendenti più di prima dai politici (se non glielo leccano, si sognano il rinnovo del contratto triennale...).

    La vera soluzione è la garanzia del posto di lavoro pubblico, ma compensata dalla mobilità (là dove servono, non dove piace a loro) e dalla possibile riduzione degli stipendi per necessità di bilancio, specie per quelli altissimi. In California si fa; chissà perchè, invece, da noi il modello proposto è non so quale Celtia preistorica o da fiction, mai la California.
    Sono solo alcune idee, buttate lì alla rinfusa. Non mi risulta che Bossi e i pensatori della Lega abbiano nemmeno accennato a queste necessarie riforme «federaliste». Nemmeno ad una. Solo l’idea: ci teniamo i soldi, «padroni a casa nostra» e via cazzeggiando.

    Guardi, non è che non lo sappiano. Solo che sono ben conscienti che la lotta per il federalismo sarebbe durissima, contro quelle forze che, contrariamente ai baùscia leghisti, i «fucili» e i «proiettili» li hanno eccome (camorra, n’drangteta, per non parlare di Carabinieri e Polizia); che hanno capi di poche parole e parchi di gesti inutili, e tutti gli appoggi politici che contano, e i grumi di interesse da non sfidare. Sfidarli richiede coraggio civile.

    Volete capire, voi leghisti, che i sudisti sussidiati non solo la secessione l’hanno già fatta, ma che sono anche i più forti e i più criminalmente decisi a mantenere i loro poteri e i loro (nostri) soldi? Ci vuol altro che il dito alzato. Ma i Bossi e soci lo sanno benissimo.

    Guardi la famosa e giusta proposta di prendere le impronte digitali ai bambini Rom: Caritas e Massoneria unite hanno gridato al razzismo, e si sono rimangiati tutto. Anzi, le impronte le devono dare tutti i cittadini onesti (meno i rom). Lo sanno benissimo, di non avere le palle, e che gli urlacci e i gestacci non sono un sostituto delle palle. Sanno che faranno un pasticcio, aggiungendo una concrezione in più ai mostri giuridico-politici che sono le Regioni, il che sboccherà in un aumento generale della spesa pubblica e della tassazione.

    Infatti Tremonti sta cercando di metter da parte un tesoretto, dalle dissanguate finanze dello Stato più corrotto e inefficiente d’Europa, per accontentare Bossi: perchè, «il federalismo» dovrebbe ridurre la spesa? Quanto ci costerà alla fine?

    La «cultura» della inciviltà e della rozzezza, o il culto della maleducazione, mi creda, non portano a nulla di buono. Solo ad altra inciviltà, altro disordine, altro spreco. Ne abbiamo già abbastanza, grazie.


    http://www.effedieffe.com/content/view/4019/169/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Klaatu Visualizza Messaggio
    ...Volete capire, voi leghisti, che i sudisti sussidiati non solo la secessione l’hanno già fatta, ma che sono anche i più forti e i più criminalmente decisi a mantenere i loro poteri e i loro (nostri) soldi? Ci vuol altro che il dito alzato. Ma i Bossi e soci lo sanno benissimo.
    beh.. però ci proteggono con l'esercito... oops...


    Che palle vivere nel 2018 con la testa 10 anni indietro...

    Se vedòm!
    Se vedòm!

  3. #3
    bah.. bastian contrario
    Data Registrazione
    27 Apr 2008
    Località
    profondo nord
    Messaggi
    311
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    IMHO, l'autore della lettera è evidentemente un visionario.
    Ha troppa fiducia in Abbozzi.
    Ad Abbozzi potrei anche fargli passare che punta il dito verso alcune cose che non vanno, ma oramai, chi gli da + credito. Il fatto di aver avuto così tanti voti nelle ultime elezioni, è stato sopratutto grazie all'aver impersonificato il compito di partitino spazzino: a chi voleva dare un cambiamento al sistema ma gli faceva schifo votare il mafiosone di arcore, votava Abbozzi.

    Sono d'accordo con il buon Jotsecondo: il compito della lecca d'Abbozzi è quello di controllare e affievolire l'ondata di volontà di separazione dei popoli alpini.

    Detto ciò trovo tristemente vero la maggior pare delle affermazioni del Blondet: il fatto che sia evidente che le regioni del sud si siano effettivamente consolidate a spremere lo stato ed hanno ormai raggiunto un solidità che sarà difficile cambiare, basti guardare solamente a ciò che il nuovo governo ha fatto fino ad ora... monnezza al nord, ponte sullo stretto, soldi per il buco di Roma.

    Non sono d'accordo però sul proseguio, sul fatto che il "nord", non sarebbe in grado di gestire l'ingolfamento che ha avuto in eredità, adducendo alla mostruosità di gestione della sola sanità.
    Qui sta la volontà di Blondet di deridere l'Abbozzi ma non disgregare questa pseudonazione che chiamano Iddaglia.

    A parere mio, qualunque infinitesimo pezzettino della Val Padana avrebbe la capacità di fare meglio, molto meglio di questo ... stato di cose.

    Sono convintissimo che un evento come la disgregazione dell'idagglia porterebbe inizialmente dei problemi... ma sono convinto che passati questi... si andrebbe sicuramente in meglio, molto meglio.

    Par tera, par mar
    W San Marco.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Mar 2008
    Messaggi
    398
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Klaatu Visualizza Messaggio
    Interessante articolo di Blondet:
    2. Non ho mai detto che Bossi è un razzista; dico che è un pirla inconcludente e un bauscia parolaio, ossia un tipico «italiota». Quanto alle tradizioni della sua regione, scusi, è anche la mia: io sono nato e cresciuto a Milano, da genitori «nordici», e ci ho lavorato sempre. La «tradizione» di Milano sta nella sua storica apertura, nell’essere stata fin dalla romanità un centro di strade e commerci con Francia, Svizzera ed Austria, e di scambi di idee; ha avuto la prima classe possidente in Italia che ha trasformato le sue tenute agricole in industrie (il baco da seta e le filande, e le risiere); già dall’ottocento ha avuto la grande industria avanzata, in collegamento permanente con le novità dei politecnici tedeschi ed elvetici.

    Mi sa dire che cosa c’entra tutto questo con «la Padania», il «rito celtico», l’ampolla sacra del Po, ed altre coglionate da quattro soldi sui prati? Queste sono «tradizioni» da film di serie B, tipo Conan il Barbaro, e del tutto inventate. Per di più, Milano è gravemente peggiorata, in iniziativa e in idee e cultura, in coincidenza con il trionfo del «regionalismo» e con l’andata al potere della Lega; nei comuni di provincia ci sono buoni sindaci leghisti ma, appunto, provinciali: danno il meglio di sè nella dimensione paesana. Milano non era provinciale. Ora lo è.

    La Regione prolifera come il cancro sulla società, è quasi la sola attività economica rimasta, tutte le attività private dipendono dalla Regione più o meno direttamente... Milano è diventata, in questo, come una città del Sud, dove appunto gli uffici pubblici sono i massimi datori di lavoro.


    Infine: se un individuo siciliano o un calabrese sostengono di essere migliori dei lombardi o dei piemontesi, non me la prendo; ciò indica solo che sono provinciali, di vedute ristrette e non conoscono il mondo. Ora lei vuole che i lombardi diventino parimenti provinciali e ristretti... non vedo il progresso. Come milanese, mi vergogno di poter essere rappresentato, da Bossi e dai suoi yes-men di strapaese.
    http://www.effedieffe.com/content/view/4019/169/
    Parole sante.
    Speriamo che i nuovi movimenti indipendentisti riescano nel difficile compito di approfondire in modo serio e realista riguardo le origini dei rispettivi popoli che compongono i territori del Nord. Conoscere il proprio passato per affrontare il futuro senza cadere nella trappola di false mitizzazioni pseudo-storiche o nel simbolismo mediatico.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mio modesto parere

    o secessione con le entita' secesse accentrate
    o riaccentrare lo stato attuale

    le soluzioni con vari livelli di potere politico non fanno che accrescere costi e furti
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  6. #6
    catcher in the rye
    Data Registrazione
    09 May 2002
    Località
    Pianeta terra
    Messaggi
    78,289
    Mentioned
    2555 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    Scusate l'intrusione.... è ovivo che non la penso come voi, ma a che serve cantarsela e suonarsela tra voi stessi ?

    sono andata un po' in giro a leggere le cose che vengono scritte in questa sezione, e mi chiedo: ma veramente credete a tutte queste cose ?

    davvero credete che il federalismo si possa fare e che risolva qualcosa ?
    Veramente credete che "i meridionali possono dimostrarsi orgogliosi di esserlo e i lombardi no" ? nessuno vi ha mai raccontato che al nord, quando negli anni 60 la gente emigrava dal sud per venire a lavorare alla fiat, sulle porte delle case sfitte c'erano cartelli con scritto "non si affitta ai meridionali" ?
    veramente credete poi che un governo con dentro Berlusconi, mafia, P2 e quant'altro, potrà mai fare qualcosa di simile a un federalismo che blocchi tutti i soldi con cui questi ungono i loro meccanismi mafiosi al sud ?
    veramente pensate che le notizie sui giornali che dipingono tutti gli immigrati come sporchi, sfaticati, delinquenti ecc. corrispondano alla realtà delle cose ?

    cioè, scusate ma io non ci posso credere che veramente voi non siete abbastanza svegli da guardare oltre la TV e oltre gli articoli di giornali, da guardarvi intorno, da vedere la realtà intorno a voi, da vedere negli occhi delle persone (di tutti i colori) e capire in quale enorme bolla mediatica stanno rinchiudendo la massa degli italiani....
    non voglio suscitare una poleemica gratuita, ma a che serve parlare sempre solo tra persone che la pensano già allo stesso modo ?

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    782
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Klaatu Visualizza Messaggio

    Guardi, non è che non lo sappiano. Solo che sono ben conscienti che la lotta per il federalismo sarebbe durissima, contro quelle forze che, contrariamente ai baùscia leghisti, i «fucili» e i «proiettili» li hanno eccome (camorra, n’drangteta, per non parlare di Carabinieri e Polizia); che hanno capi di poche parole e parchi di gesti inutili, e tutti gli appoggi politici che contano, e i grumi di interesse da non sfidare. Sfidarli richiede coraggio civile.

    Volete capire, voi leghisti, che i sudisti sussidiati non solo la secessione l’hanno già fatta, ma che sono anche i più forti e i più criminalmente decisi a mantenere i loro poteri e i loro (nostri) soldi?
    Guardi la famosa e giusta proposta di prendere le impronte digitali ai bambini Rom: Caritas e Massoneria unite hanno gridato al razzismo,
    Premesso che ci vuole una bella apertura mentale per chiedere un parere ad uno che scrive libri come questo:
    Oltre. Dal Seti agli UFO. Viaggio fra i fenomeni non classificati alla ricerca del pensiero alieno.


    Comunque dalle risposte si capisce benissimo che lo studioso del "Pensiero Alieno" è mosso da un odio personale nei confronti di Bossi, l'unico che è riuscito a intercettare e unire il comune sentire di tanti cittadini onesti del Centro Nord. Lui che si fa il portavoce di tanti pseudo autonomisti da quattro soldi e di tanti trombati della Lega; in pratica è un altro Max Ferrari molto pieno di se ma al dunque senza appeal nei confronti del popolo.
    Un giornalaio.
    Si ricordi caro Blondet che il nord e il centro hanno già dimostrato con le squadre partigiane che quando è in ballo la libertà ci sono tante persone disposte a prendere il fucile, e a sparare.

  8. #8
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ceiba Visualizza Messaggio
    Scusate l'intrusione.... è ovivo che non la penso come voi, ma a che serve cantarsela e suonarsela tra voi stessi ?

    sono andata un po' in giro a leggere le cose che vengono scritte in questa sezione, e mi chiedo: ma veramente credete a tutte queste cose ?

    davvero credete che il federalismo si possa fare e che risolva qualcosa ?
    Veramente credete che "i meridionali possono dimostrarsi orgogliosi di esserlo e i lombardi no" ? nessuno vi ha mai raccontato che al nord, quando negli anni 60 la gente emigrava dal sud per venire a lavorare alla fiat, sulle porte delle case sfitte c'erano cartelli con scritto "non si affitta ai meridionali" ?
    veramente credete poi che un governo con dentro Berlusconi, mafia, P2 e quant'altro, potrà mai fare qualcosa di simile a un federalismo che blocchi tutti i soldi con cui questi ungono i loro meccanismi mafiosi al sud ?
    veramente pensate che le notizie sui giornali che dipingono tutti gli immigrati come sporchi, sfaticati, delinquenti ecc. corrispondano alla realtà delle cose ?

    cioè, scusate ma io non ci posso credere che veramente voi non siete abbastanza svegli da guardare oltre la TV e oltre gli articoli di giornali, da guardarvi intorno, da vedere la realtà intorno a voi, da vedere negli occhi delle persone (di tutti i colori) e capire in quale enorme bolla mediatica stanno rinchiudendo la massa degli italiani....
    non voglio suscitare una poleemica gratuita, ma a che serve parlare sempre solo tra persone che la pensano già allo stesso modo ?
    Ben svegliata.
    Quindi?

  9. #9
    catcher in the rye
    Data Registrazione
    09 May 2002
    Località
    Pianeta terra
    Messaggi
    78,289
    Mentioned
    2555 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito

    quindi se avete argomenti rispondete, altrimenti dimostrate che non li avete.
    «The world is less explainable than we would like to admit» Jeff Jarvis
    «Io non capisco come si possa passare davanti a un albero e non essere felici di vederlo» - Fëdor Dostoevskij

  10. #10
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sei tu che sei venuta a fare la professoressa. Quello che dobbiamo fare noi lo sappiamo già da anni

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-01-11, 08:12
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-08-10, 13:34
  3. Il federalismo ci rovinerà
    Di Daltanius nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 05-08-08, 18:31
  4. Federalismo del Sud, federalismo del Nord
    Di marelibero nel forum Padania!
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 06-03-08, 09:58
  5. federalismo
    Di m.calu (POL) nel forum Marche
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-11-06, 18:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226