User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 42
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Dec 2007
    Messaggi
    2,041
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question Preferite Un Governo Monarchico O Repubblicano

    Preferite Un Governo Monarchico O Repubblicano?o Nessuno Dei Due?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ran Tasipi
    Ospite

    Predefinito

    È con vero entusiasmo che accetto il motto: «Il governo migliore è quello che governa meno»; mi piacerebbe vederlo messo in pratica, il più rapidamente e sistematicamente possibile. In effetti, si riduce a questo, alla fine (e anche in ciò io credo fermamente): «Il miglior governo è quello che non governa affatto»; ed è questo il governo che avranno gli uomini quando saranno pronti.

    Henry D. Thoreau, Sul dovere della Disobbedienza Civile.

  3. #3
    Anarchico
    Data Registrazione
    15 Feb 2010
    Messaggi
    1,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nessun governo,che domande.

  4. #4
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il diritto divino è assolutista perciò meglio la repubblica

  5. #5
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono Anarchico e l'unico governo che acceto è quello mio in casa mia e quello degli altri in casa loro.

    Ma mi prendo una licenza poetica e provo a spiegare un concetto.

    Esistono due forme di proprietà, quelle che apartengono ad una persona soltanto e quelle che apartengono a più di una persona (due, tre, dieci, cento, mille persone).

    Quando una Proprietà Sovrana apartiene a un solo uomo si parla di Monarchia.
    Quando appartiene a più di una persona si parla di diarchia, pentarchia, esarchia, decarchia, oligarchia, ma anche Repubblica, se i proprietari sono anche quelli che ci abitano dentro. Se vado in affitto presso la proprietà di un essere umano, somiglio a una sorta di suddito. Se vado in affito in un oligarchia, pure (se nn sono un comproprietario), sono un suddito, se non sono un appartenente all'oligarcia omproprietara. E sono un suddito pure della Repubblica se non sono comproprietario della Repubblica.

    Trovo che non ci sia differenza tra esere in affito nella proprietà di uno o più esseri umani. Sono sempre in affito. Nel caso della Repubblica (che può essere equiparata a una cooperativa) potrei essere in affito o comproprietario, (ma anche nel caso di un oligarchia)

    Andando a esclusione, se Monarca no sono, se Oligarca non sono, nederiva che di questi potrei essere solo affituario-suddito. Nel caso della Repubblica, le cose son due: o sono affituario o sono un comproprietario. Da cittadino italiano sono comproprietaro/suddito dello Stato Italiano. Mentre un suddito inglese è affituario/suddito del Monarca.

    Si capisce che peferisco, (visto che sempre di merda statale si tratta), se proprio devo scegliere, essere comproprietario di una Repubblica, che suddito di un monarca o sei esarchi.

    Se posso scegliere una Monarchia di cui io sia il Monarca, allora meglio la Monarchia naturalmente.

    Giusto per far capire che esiste una differenza tra concetto di proprietà e concetto di sovranità. Un individio libero, non è ne suddito di terzi, ne sovrano di terzi. E' sovrano di se stesso e della propria terra (anche in comproprietà con altri, la terra, non se stessi). E così dovrebbero essere tutti.

    Spero di essere stato chiaro e di non aver destato incomprensioni nei Libertarians. Riassumero in due righe un conceto coe questo in un forum non è sempre facile.

  6. #6
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Più o meno l'ho capito. Dovendo scegliere tra le due forme anch'io preferisco la Repubblica.

  7. #7
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LIBERAMENTE Visualizza Messaggio
    Più o meno l'ho capito. Dovendo scegliere tra le due forme anch'io preferisco la Repubblica.
    Certo, ma sempre presuponendo e metendo come condizione che non sia un Monarca. Altrimenti sarei Monarchico. Meglio comproprietario/suddito (Repubblicano) che nonproprietario/suddito (Monarchico).

    P.S.
    Premetto sempre che la mia è un preferenza politica nel caso si debba scegliere in modo forzato tra due tipi di sistemi politici. Sono sempre un Anarchico a favore della sovranità individuale uguale per tutti.

  8. #8
    Anarcocospirazionista
    Data Registrazione
    21 Nov 2007
    Località
    Tana del Bianconiglio
    Messaggi
    240
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La monarchia, però, fa meno danni.

  9. #9
    Liberale Cattivo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    34,587
    Mentioned
    247 Post(s)
    Tagged
    36 Thread(s)

    Predefinito

    Repubblica.

  10. #10
    God, Gold, Gun
    Data Registrazione
    17 Mar 2007
    Località
    Wined and dined, oh it seemed just like a dream!
    Messaggi
    7,817
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    monarchia, per le ragioni illustrate da Hoppe e Piombini - fra gli altri - brevemente illustrate in questo articolo, tratto da http://www.libreriadelponte.com/

    MONARCHIA, DEMOCRAZIA E ORDINE NATURALE
    Hans-Hermann Hoppe, in un suo saggio , giunge alla conclusione, decisamente revisionistica, che l’avvento della democrazia ha rappresentato, rispetto alla monarchia, un arretramento nel processo di civilizzazione umana.



    Dopo l’uscita di scena dei sistemi totalitari che hanno insanguinato il XX secolo, in Occidente nessuno mette più seriamente in dubbio la superiorità del modello democratico. Un politologo statunitense particolarmente entusiasta, Francis Fukuyama, ha addirittura ravvisato nell’affermazione globale della democrazia liberale la fine hegeliana della storia, perché oggi non sarebbe più proponibile alcun sistema politico alternativo; all’umanità quindi non rimarrebbe altro da fare che perfezionare questo modello vittorioso, ed estenderlo in quelle periferie del pianeta dove ancora manca (magari anche attraverso la guerra, come teorizzano gli attuali ideologi neoconservatori). Pur essendo stata criticata da più parti per i suoi aspetti deterministici, la tesi di Fukuyama riflette tuttavia un’opinione largamente diffusa tra le élite culturali e il grande pubblico occidentale: quella secondo cui gli attuali regimi democratici rappresentano il grado più elevato raggiunto dalla politica nel suo sviluppo storico, e che ogni altro possibile sistema costituisca qualcosa di sorpassato o di deteriore.

    Può sembrare sorprendente, allora, che oggi questa idea venga contestata da uno dei massimi esponenti del libertarianism, la corrente più coerente e radicale del liberalismo contemporaneo. Nel libro Democracy – The God That Failed. The Economic and Politics of Monarchy, Democracy, and Natural Order (pubblicato nel 2001 dalla Transaction Publishing, e in corso di traduzione in Italia per la Liberilibri di Macerata a cura di Alberto Mingardi) Hans-Hermann Hoppe, approfondendo un tema affrontato per la prima volta in un saggio già edito in Italia nel 1999 dalla rivista Federalismo & Libertà (“Monarchia, democrazia e l’idea di ordine naturale”) giunge alla conclusione, decisamente revisionistica, che l’avvento della democrazia ha rappresentato, rispetto alla monarchia, un arretramento nel processo di civilizzazione umana.

    Successore del grande economista Murray N. Rothbard all’Università del Nevada e Senior Fellow al Ludwig von Mises Institute di Auburn, Hans-Hermann Hoppe svolge in questo lavoro un’accurata analisi economica e sociologica degli effetti della trasformazione delle monarchie in democrazie durante gli ultimi secoli. Il periodo storico che si apre con la Rivoluzione Francese e che si chiude con la Prima Guerra Mondiale - evento epocale che sancisce la definitiva delegittimazione dei vecchi regimi monarchici – viene descritto da Hoppe come il momento cruciale del passaggio dalla proprietà privata alla proprietà pubblica dell’apparato monopolistico di coercizione: al governo personale del Re, che legifera a proprio nome e incamera nel proprio patrimonio i proventi ottenuti con la tassazione, si sostituisce infatti un governo impersonale di rappresentanti, i quali agiscono come custodi in nome e per conto di un soggetto astratto: il popolo.

    Quali sono le conseguenze del passaggio dal governo privato del monarca al governo pubblico della democrazia? In linea generale, spiega Hoppe, entrambi i governanti cercheranno di massimizzare il proprio potere e le proprie entrate, sfruttando i cittadini per mezzo della tassazione, delle regolamentazioni, dell’inflazione, e degli altri mezzi coercitivi inerenti all’attività di governo. È probabile tuttavia che l’azione di un governante privato sia ispirata a maggior moderazione rispetto a quella di un governante pubblico, in quanto l’orizzonte temporale del primo risulta più lungo di quello del secondo. Un sovrano, in quanto proprietario del reame, ha interesse a mantenerlo prospero, perché così facendo aumenta le proprie entrate e può trasmetterlo in buone condizioni alla propria discendenza. Egli si rende conto che, nel lungo periodo, una politica di moderazione fiscale che favorisca una relativa libertà negli affari può arricchire e aumentare il numero dei propri contribuenti, incrementando così la ricchezza della propria famiglia.

    Il custode democratico, invece, possiede il valore corrente dell’attività di governo, ma non il valore capitale. Durante gli anni del proprio mandato può assicurarsi notevoli vantaggi approfittando della propria posizione, ma non è formalmente proprietario del settore pubblico e dell’apparato governativo. Il suo orizzonte temporale, dunque, è notevolmente più corto di quello di un monarca, perché difficilmente possano interessarlo “investimenti” che diano frutti in un tempo successivo alla scadenza della carica. Al governante democratico conviene quindi sfruttare il bene pubblico affidato alla propria tutela nella maniera più veloce e irresponsabile possibile, prima che altri gestori della cosa pubblica prendano il suo posto. Egli assomiglia ad un inquilino con lo sfratto a breve termine, poco interessato alla manutenzione della casa, piuttosto che ad un padrone che ha a cuore il buon nome e il decoro dell’abitazione.

    Va sottolineato che per Hoppe la democrazia rappresentativa non ha nulla a che vedere con l’autogoverno, che è possibile solo in piccole comunità volontaristiche e quasi-condominiali. La democrazia, semplicemente, si limita a sostituire il proprietario privato del governo con una proprietà pubblica gestita da fiduciari, senza annullare, ma occultando, la permanente distinzione tra governanti e governati. Diffondendo l’idea infondata che in democrazia “lo Stato siamo noi”, l’ideologia democratica ha fornito al potere uno strumento di legittimazione formidabile, dato che qualsiasi cosa i governanti decidano si ritiene automaticamente voluto anche dal popolo stesso. Sotto il regime monarchico, invece, l’espansione statale era limitata dalla resistenza dei sudditi, i quali generalmente si opponevano alle pretese eccessive del sovrano. In democrazia questa dinamica di bilanciamento tra lo Stato e la società civile salta, perché l’obiettivo principale di tutti i partecipanti diventa quello di accedere alle stanze dei bottoni e utilizzare le leve del potere a danno delle minoranze escluse. In questo modo si è aperta la strada ad una avanzata inarrestabile dello statalismo.

    A conferma di questa tesi, argomentata per via logico-deduttiva, Hoppe presenta numerosi dati statistici, i quali dimostrano che le tasse, le spese statali, il debito pubblico, la burocrazia, le leggi e le regolamentazioni, l’inflazione, i tassi d’interesse, e financo le guerre, i tassi di criminalità e i tassi di denatalità sono aumentati in maniera esponenziale nel periodo democratico. Durante tutta la secolare epoca monarchica, e fino alla seconda metà del XIX secolo, il potere pubblico non gestì mai più del 5-8 percento del reddito nazionale, mentre con l’inizio dell’era democratico-repubblicana le spese pubbliche sul PIL sono ovunque aumentate inarrestabilmente, fino a raggiungere e superare il 50 percento del PIL dopo la metà degli anni ’70 del XX secolo. Gli impiegati pubblici sono passati da circa il 3 percento della forza-lavoro complessiva ad una media superiore al 15 percento. Anche l’inflazione è un fenomeno che si è manifestato in maniera cronica durante l’era democratica, una volta che i governi hanno sganciato le monete dalla base aurea: per tutto il XIX secolo, invece, la tendenza dei prezzi era stata verso la stabilità o il ribasso. Lo stesso è accaduto per il debito pubblico, dato che i re solitamente contraevano debiti durante i periodi di guerra, ma li riducevano durante i periodi di pace; al contrario, durante l’epoca democratica in tutti i paesi il debito pubblico è letteralmente esploso, in pace come in guerra.

    Pur sostenendo la superiorità della proprietà privata del governo rispetto alla proprietà pubblica, Hoppe non nega che anche i re sfruttassero duramente i propri sudditi. Il vero obiettivo, infatti, dovrebbe essere quello di abolire il monopolio dell’apparato coercitivo, invece che rimanere intrappolati nell’alternativa di privatizzarlo o collettivizzarlo. In questo senso la difesa della monarchia di Hoppe è una difesa limitata, dato che nel migliore dei casi essa rappresenta un second best rispetto ad un ordine naturale senza monopoli, con molteplici giurisdizioni in competizione tra loro: sull’esempio di quanto l’Europa ha conosciuto durante il Medioevo, e del quale oggi rimangono poche vestigia gloriose come il Principato di Monaco, San Marino, Andorra, il Liechtenstein.

    Assume infatti la massima importanza, ai fini della salvaguardia di un ordine liberale, la possibilità dei cittadini di scegliere tra diversi governi alternativi, come avviene nei sistemi autenticamente federali, o tra diverse agenzie private di protezione, come nel modello anarco-capitalista. In base a tali considerazioni, Hoppe finisce col rivalutare quelle istituzioni politiche premoderne che più si avvicinano alla sua idea di “ordine naturale” pluralistico e competivivo: i comuni e i principati medievali, le leghe anseatiche, le Province Unite Olandesi, la Confederazione Elvetica. E a condannare senza appello lo Stato moderno socialdemocratico, uscito dal modello centralizzante della Rivoluzione francese.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Dedicato all'illuminato governo repubblicano
    Di Dark Knight nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-10-12, 00:10
  2. Il reazionarismo è monarchico o repubblicano?
    Di Cattivo nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-09-08, 09:36
  3. 20 - UNUCI inutile o governo repubblicano sciagurato?
    Di Fante d'Italia nel forum Monarchia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-10-07, 12:37
  4. 30 - Il governo nelle mani di un monarchico
    Di sarchiapone (POL) nel forum Monarchia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 19-10-07, 17:13
  5. Quale Governo Preferite?
    Di Celtic nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-03-06, 09:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226