User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Wto, no alla liberalizzazione del mercato agricolo

    L’accordo non c’è. Dopo nove giorni di intese trattative si chiudono con un nulla di fatto gli incontri del Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio: Cina, India e Stati Uniti non sono riusciti a trovare un tavolo di trattativa per liberalizzare l’accesso ai mercati agricoli dei paesi in via di sviluppo. Sullo sfondo, restano le inquietudini per la crisi finanziaria, energetica e alimentare. Nemmeno Pascal Lamy, direttore generale del Wto, non è riuscito ad appianare le divergenze: è la terza estate consecutiva che fallisce il “Doha round”, il meeting dei 153 Paesi che aderiscono all’Organizzazione mondiale del commercio. Secondo gli osservatori bisognerà aspettare l’insediamento del prossimo inquilino della Casa Bianca per riprendere il dialogo.

    Delusa la delegazione italiana. “Prendo atto del fallimento di una trattativa in cui si è provato in tutti i modi a penalizzare il sistema agricolo italiano e più in generale europeo” dice il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Luca Zaia, sottolineando che “nel corso delle trattative abbiamo portato a casa importanti risultati, in particolare per ciò che concerne l’elenco dei prodotti tropicali”. E aggiunge: “L’esclusione dei prodotti di Indicazione geografica protetta avrebbe però provocato conseguenze drammatiche per tutto il comparto”. Per Coldiretti è stata persa un’importante occasione per assicurare maggiore trasparenza nel commercio dei prodotti agricoli e alimentari a livello internazionale. Se Confagri sottolinea che la salvaguardia delle nostre denominazioni d’origine e del nostro patrimonio agroalimentare “non può essere oggetto di scambio”, la Conferderazione italiana agricoltori sostiene che il fallimento dei negoziati di Ginevra “ci deve a spingere a chiudere, prima o poi, le trattative sul Wto garantendo la piena tutela dei nostri prodotti'’.

    http://blog.panorama.it/economia/200.../#comment-2607

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Mestre e Feltre
    Messaggi
    272
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non si riesce più ad andare avanti ...

  3. #3
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Abbiamo globalizzato anche il protezionismo? L’impressione era un po’ quella, leggendo ieri le dichiarazioni del ministro indiano che, col collega cinese, ha rovesciato il tavolo a Ginevra. «Quando sento gli Usa accusarci di bloccare ogni accordo», dice Kamal Nath, «so che stanno pensando ai vantaggi commerciali che possono ricavarne aumentando le loro esportazioni sui nostri mercati. Io invece non faccio altro che proteggere centinaia di milioni di contadini poveri».

    Dazi sul grano. Le trattative si sono impantanate sulle clausole di salvaguardia per le importazioni agricole. Gli americani hanno accusato i cinesi e, in particolare, gli indiani, di voler ricalibrare tale meccanismo per mantenere artificiosamente alte le proprie tariffe. Insomma, siamo sempre ai dazi sul grano - la cui abolizione nel 1848 in Inghilterra fu uno dei pochi punti mai segnati a favore del libero scambio. Difficile, però, credere che il Doha Round si sia arenato solo su questo scoglio. Dopotutto, è abbastanza curioso che Paesi che esportano a basso prezzo in Occidente, abbiano poi paura dell’afflusso di merci americane. Sarebbe il rovesciamento della prospettiva colbertista: con le nazioni che beneficiano di manodopera low cost, che temono Paesi tecnologicamente più avanzati.

    Uomo delle caverne. Non solo. A cavallo fra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, il protezionismo era sostanzialmente difeso come costruzione di una serie di barriere utili a garantire un più ordinato sviluppo dell’“industria nascente”. Si pensava che fosse necessario tutelare settori industriali agli albori, per evitare che la concorrenza internazionale facesse giustizia delle ambizioni di una nazione, di costruirsi competenze in un certo ambito. Un conto sono le intenzioni, altro le conseguenze. L’isolamento artificiale dalla concorrenza rende impossibile per un’impresa o un comparto industriale crescere nel modo più corretto, confrontandosi puntualmente con chi ha già sviluppato modelli virtuosi. Il protezionismo è la teoria economica dell’uomo delle caverne: costringe a reinventare sempre la ruota. Ma, se non altro, i colbertisti d’altri tempi avevano un po’ di onestà intellettuale. Difendevano una certa politica, perché andava a beneficio di un certo gruppo, per loro elettoralmente interessante.

    I Paesi in via di sviluppo possono ripercorrere quella strada, ma per cortesia non ci dicano che vogliono aiutare i loro poveri: perché sono proprio i più poveri, quelli che beneficerebbero per primi di un abbassamento del costo delle derrate.

    Al di là di questo episodio, possiamo dire che la fine di Doha è cominciata tanto tempo fa: al meeting ministeriale di Cancun, nel 2003. A Hong Kong, nel 2005, non c’è stato risveglio dal coma. Gli Usa e l’Europa ora incolpano India e Cina. Eppure, se le pretese dell’Occidente a vantaggio delle proprie clientele di agricoltori fossero state più leggere, nel 2003 e nel 2005, non saremmo a questo punto. E non avremmo legittimato, col nostro, il protezionismo degli altri.

    Per alcuni osservatori, la macchina negoziale costruita nel 1948 per il Gatt semplicemente non è adatta a un’organizzazione che ha 153 Stati membri. Siamo di fronte, allora, a un fallimento della politica.

    Ha scritto bene Paul Krugman: le negoziazioni sul commercio non sono guidate dalle valutazioni degli economisti, quanto piuttosto da una casta di “mercantilisti illuminati”. Gli accordi multilaterali rappresentano un tentativo di “gestire la globalizzazione”: di “governarla”, come si auspica dal campo aprioristicamente avverso ai negoziati. È in quella sede che si incontrano interessi divergenti. Si bilanciano, si scontrano, riescono o falliscono nel trovare un accordo. Questa è politica, non mercato.

    Per quanto la globalizzazione del Doha Round non sia quella dei sogni dei liberisti (che consisterebbe, grosso modo, nello sradicamento delle barriere d’ingresso ai mercati: strategia che uno Stato potrebbe, per ipotesi, anche adottare unilateralmente), è un processo che ha dato risultati. Poteva produrne altri, aiutando il libero scambio a fabbricare occasioni di crescita. Con questi chiari di luna, ce n’era quanto mai bisogno. Invece a una crisi mondiale si pensa di rispondere con nuovi egoismi nazionali. Nel lungo periodo saremo tutti morti, e nel breve non ce la passeremo granché bene.

    Da Il Riformista, 31 luglio 2008

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6943

 

 

Discussioni Simili

  1. Mozione sulla liberalizzazione del mercato del gas
    Di dacrio nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-09-08, 08:17
  2. Liberalizzazione del mercato valutario e concorrenza
    Di Batti nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 27-08-08, 01:50
  3. Wto, no alla liberalizzazione del mercato agricolo
    Di Abbott (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-07-08, 13:01
  4. un imprenditore agricolo per il nucleare ed il Mercato
    Di Ronnie nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 04-01-08, 19:05
  5. CdM: Si alla liberalizzazione del mercato elettrico
    Di denty nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 15-06-07, 17:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226