User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,774
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari

    Il commento / Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari
    di Gilberto Oneto

    Che la nazionale italiana di calcio non sia proprio ai suoi massimi livelli di popolarità non serviva Renzo Bossi a ricordarlo. Ci sono tre tipi di disaffezionati.
    I primi sono quelli strutturali, che negli stadi ci vedrebbero piantagioni biologiche, con gran vantaggio per la salute e la bilancia commerciale. Quelli - davvero tanti - che non ne possono più di partite in tv ogni sera, di insulsi processi del lunedì che si protraggono fino a domenica. Per questi la nazionale è il paradigma negativo dell’intero ambaradan tele-sportivo, e vogliono che i mondiali finiscano subito per evitarsi chiassi notturni e indigestioni mediatiche: il modo più rapido per scansare la sofferenza è che l’Italia perda fin dall’inizio e amen.
    C’è poi il crescente esercito degli «anti» ideologici, quelli che restano pateticamente abbracciati al dagherrotipo di De Coubertin e che vedono nel calcio odierno una vergognosa e immorale sbrodolata di fighetti milionari, di interessi loschi, di soldi buttati, di trucchi e droghe: insomma una schifezza da cui stare alla larga.
    C’è infine l’orda più recente e rigogliosa di quelli che magari amano il calcio, che potrebbero anche sopportarne le nefandezze, ma che sono nemici della nazionale proprio perché nazionale, e simbolo di una struttura politica che ritengono ostile, estranea e oppressiva. Come i catalani che non tifano Spagna. Come scozzesi, gallesi e ulsteriani cui la lungimirante Gran Bretagna ha fornito una nazionale propria per evitare insulti e ortaggi a quella londinese. Qui invece alla nazionale si dà il forte significato di segno patriottico ed è questo il vero motivo di tanto non-amore: se i patrioti italiani avessero fin dall’inizio evitato di attribuire tanta valenza tricolore al pallone non staremmo qui a discuterne. Ma - ahimè - non ci sono grandi alternative per un sentimento nazionale un po’ anemico: in giro per il mondo all’immagine dell’Italia si associano pizza, mafia e mandolino, non proprio segni araldici fra i più commendevoli, o - quando va bene - le poppe di qualche procace star del cinema, la Ferrari e il calcio appunto.
    Oggi, per ragioni di bottega, sono tutti patriottici e federalisti, ma per decenni il solo posto dove si vedeva il tricolore erano gli stadi. A chi lo sventolava fuori toccavano l’etichetta di fascista e legnate proprio da parte di quelli che oggi - anche da posti mooolto altolocati - si avviluppano nei tre fatali colori, come Gea della Garisenda.
    Non è edificante né patriottico, ma in questo paese c’è più gente disposta a farsi ammazzare per la formazione della nazionale, per un rigore negato, che non per i sacri confini o per i propri governanti, un punto quest’ultimo su cui è difficile dar loro torto.
    Il tricolore, nato come segno di uno Stato subalterno e di un partito politico, è stato preso come simbolo di una identità rabberciata e in un secolo e mezzo si è visto agghindare con scudi sabaudi, fasci, aquile repubblicane e stelloni, e ha conservato qualche purezza araldica solo negli stadi, fino quasi a diventare la bandiera di una squadra di calcio, prestigiosa fin che si vuole, ma pur sempre una falange di undici giovanotti in mutande. Al calcio si sono affidate le sorti d’Italia, dall’azzurro sabaudo delle maglie, ai saluti romani di Vittorio Pozzo, ai presidenti-tifosi, alle sparate di Gigi Riva che ha sostenuto che il Paese (maiuscolo) sia stato salvato nel 2006 (da che?) dalla vittoria mondiale. Come Bartali nel ’48. Mai che riesca a salvarsi fuori dalle pagine della Gazzetta dello Sport!
    Affidare le sorti dell’identità nazionale a un pallone è terzomondista e pericoloso: ricordiamo bene la Marcia Reale o Giovinezza suonate per errore (o per sfottò) in occasione di partite importanti. Se si dà a una squadra di calcio il compito di rappresentare una istituzione, non ci si può lamentare che la gente trasferisca su di essa opinioni e sentimenti che nutre per l’istituzione. Tempo fa il sindaco di Alassio aveva fondato un’associazione «Teniamo per gli altri» raccogliendo molte migliaia di iscritti. Bossi jr non fa che interpretare una opinione sempre più diffusa. Beato il paese che non ha bisogno di eroi del pallone.

    Il commento / Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari - Interni - ilGiornale.it del 22-04-2010
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Località
    CA
    Messaggi
    646
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    C’è poi il crescente esercito degli «anti» ideologici, quelli che restano pateticamente abbracciati al dagherrotipo di De Coubertin e che vedono nel calcio odierno una vergognosa e immorale sbrodolata di fighetti milionari, di interessi loschi, di soldi buttati, di trucchi e droghe: insomma una schifezza da cui stare alla larga.
    ma chi la può tifare una simile accozzaglia di tamarri brillantinati





    ostridicolo:

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,714
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari

    Citazione Originariamente Scritto da Geiserich Visualizza Messaggio
    ma chi la può tifare una simile accozzaglia di tamarri brillantinati

    quoto

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari

    paiono la réclame della compagnia delle indie, abolita dopo un po' per omo-pornografia.

  5. #5
    Tyr
    Tyr è offline
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    MARCA DI VERONA E AQUILEIA
    Messaggi
    2,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Il commento / Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari
    di Gilberto Oneto

    Che la nazionale italiana di calcio non sia proprio ai suoi massimi livelli di popolarità non serviva Renzo Bossi a ricordarlo. Ci sono tre tipi di disaffezionati.
    I primi sono quelli strutturali, che negli stadi ci vedrebbero piantagioni biologiche, con gran vantaggio per la salute e la bilancia commerciale. Quelli - davvero tanti - che non ne possono più di partite in tv ogni sera, di insulsi processi del lunedì che si protraggono fino a domenica. Per questi la nazionale è il paradigma negativo dell’intero ambaradan tele-sportivo, e vogliono che i mondiali finiscano subito per evitarsi chiassi notturni e indigestioni mediatiche: il modo più rapido per scansare la sofferenza è che l’Italia perda fin dall’inizio e amen.
    C’è poi il crescente esercito degli «anti» ideologici, quelli che restano pateticamente abbracciati al dagherrotipo di De Coubertin e che vedono nel calcio odierno una vergognosa e immorale sbrodolata di fighetti milionari, di interessi loschi, di soldi buttati, di trucchi e droghe: insomma una schifezza da cui stare alla larga.
    C’è infine l’orda più recente e rigogliosa di quelli che magari amano il calcio, che potrebbero anche sopportarne le nefandezze, ma che sono nemici della nazionale proprio perché nazionale, e simbolo di una struttura politica che ritengono ostile, estranea e oppressiva. Come i catalani che non tifano Spagna. Come scozzesi, gallesi e ulsteriani cui la lungimirante Gran Bretagna ha fornito una nazionale propria per evitare insulti e ortaggi a quella londinese. Qui invece alla nazionale si dà il forte significato di segno patriottico ed è questo il vero motivo di tanto non-amore: se i patrioti italiani avessero fin dall’inizio evitato di attribuire tanta valenza tricolore al pallone non staremmo qui a discuterne. Ma - ahimè - non ci sono grandi alternative per un sentimento nazionale un po’ anemico: in giro per il mondo all’immagine dell’Italia si associano pizza, mafia e mandolino, non proprio segni araldici fra i più commendevoli, o - quando va bene - le poppe di qualche procace star del cinema, la Ferrari e il calcio appunto.
    Oggi, per ragioni di bottega, sono tutti patriottici e federalisti, ma per decenni il solo posto dove si vedeva il tricolore erano gli stadi. A chi lo sventolava fuori toccavano l’etichetta di fascista e legnate proprio da parte di quelli che oggi - anche da posti mooolto altolocati - si avviluppano nei tre fatali colori, come Gea della Garisenda.
    Non è edificante né patriottico, ma in questo paese c’è più gente disposta a farsi ammazzare per la formazione della nazionale, per un rigore negato, che non per i sacri confini o per i propri governanti, un punto quest’ultimo su cui è difficile dar loro torto.
    Il tricolore, nato come segno di uno Stato subalterno e di un partito politico, è stato preso come simbolo di una identità rabberciata e in un secolo e mezzo si è visto agghindare con scudi sabaudi, fasci, aquile repubblicane e stelloni, e ha conservato qualche purezza araldica solo negli stadi, fino quasi a diventare la bandiera di una squadra di calcio, prestigiosa fin che si vuole, ma pur sempre una falange di undici giovanotti in mutande. Al calcio si sono affidate le sorti d’Italia, dall’azzurro sabaudo delle maglie, ai saluti romani di Vittorio Pozzo, ai presidenti-tifosi, alle sparate di Gigi Riva che ha sostenuto che il Paese (maiuscolo) sia stato salvato nel 2006 (da che?) dalla vittoria mondiale. Come Bartali nel ’48. Mai che riesca a salvarsi fuori dalle pagine della Gazzetta dello Sport!
    Affidare le sorti dell’identità nazionale a un pallone è terzomondista e pericoloso: ricordiamo bene la Marcia Reale o Giovinezza suonate per errore (o per sfottò) in occasione di partite importanti. Se si dà a una squadra di calcio il compito di rappresentare una istituzione, non ci si può lamentare che la gente trasferisca su di essa opinioni e sentimenti che nutre per l’istituzione. Tempo fa il sindaco di Alassio aveva fondato un’associazione «Teniamo per gli altri» raccogliendo molte migliaia di iscritti. Bossi jr non fa che interpretare una opinione sempre più diffusa. Beato il paese che non ha bisogno di eroi del pallone.

    Il commento / Beato il Paese che non ha bisogno di eroi pallonari - Interni - ilGiornale.it del 22-04-2010
    Quoto al 100%, non ne posso più nemmeno della Gruber che tenta di mettere in difficoltà l'ospite leghista chiedendogli se lui ai mondiali tiferà Italia (e ricevendo una astuta "seguirò con interesse l'italia" - magari sperando le perda tutte -). Ponese la domanda ai suoi compaesani di Bolzano: "ti senti italiano"? "Ja, Ja".
    Europeo, Veneto - Friulano, Longobardo. Non italiano

 

 

Discussioni Simili

  1. Il paese ha bisogno di un governo.
    Di yure22 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 11-03-13, 16:00
  2. Il popolo italico ha bisogno di eroi?
    Di Atlantideo nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-01-12, 14:58
  3. Per chi ha bisogno di eroi.
    Di THE MATRIX nel forum Hdemia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-12-09, 20:45
  4. Il mondo ha bisogno di eroi
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03-09-09, 22:28
  5. Ciò di cui il Paese ha un'improcrastinabile bisogno
    Di er uagh nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-02-08, 14:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226