User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Piccoli Tremonti crescono: il ministro Luca Zaia

    Pane al pane
    di Luca Zaia
    Riportiamo la lettera con cui il ministro delle Politiche agricole, Luca Zaia, risponde sul quotidiano Il Foglio alle critiche di Carlo Stagnaro in merito al “prezzo di Stato” per il pane.

    Ah, il mercato! Le meraviglie del mercato! Ineluttabile e infallibile. Scopri, poi, ma guarda caso nello stesso giorno in cui si dà del passatista al Ministro dell’Agricoltura, che Putin sta pensando di nazionalizzare l’Agenzia che esporta grano russo nel mondo. Non certo quote di cui infischiarsi, perché stiamo parlando di 13 milioni di tonnellate di grano all’anno. Per schernire il Ministro, ci si rifà al bellissimo capitolo sulla rivolta del pane, descritto così bene da Manzoni. Ci si dimentica però di ricordare che non stiamo vivendo nel ’600, sia pure tardo, ma in un’epoca assai diversa, anche se la questione, ora come allora, era ed è la capacità produttiva dei contadini. Proviamo a dire, con qualche approssimazione, di che cosa stiamo parlando. Parliamo innanzitutto, di pane e poi di prezzi. Il pane per questa civiltà è qualcosa di più che un cibo. Ha un valore simbolico di cui tutti, anche la politica, devono tener conto. Non mi soffermo sulle conseguenze culturali, sociali e politiche di quest’affermazione, non avendo l’abitudine di prendere per bischeri i miei interlocutori.

    Poi, i prezzi. All’origine, un chilo di pane comune costa 0,2 centesimi di euro, che diventano 0,38 all’ingrosso. Ma esplodono a ben 3,25 euro al consumo. Solo colpa del mercato? Da giugno 2007 a giugno 2008 il pane comune è aumentato del 13 per cento e sta aumentando a un ritmo di 80 centesimi al mese, che diverranno presto, se non si pongono rimedi, un euro d’incremento ogni trenta giorni. Solo il mercato? La politica nulla c’entra? Il governo nulla deve fare? Ad esempio, la speculazione internazionale che è responsabile, in parte cospicua, di tale straordinario incremento che arricchisce solo alcuni, pochi, redditi, è terreno cui il governo deve rimanere estraneo? La prima responsabilità di chi governa è la capacità di previsione.

    Ebbene, oggi facciamo i conti con la disastrosa incapacità previsionale di chi – lobbisti, illusionisti e visionari – per interi lustri ha voluto snervare la capacità produttiva delle aziende agricole (al grido di “libero mercato”, s’intende) e oggi ci inchioda in un mondo che ha penuria di cibo. Nulla fecero contro costoro decine di governi. All’Europa mancano due milioni di tonnellate di latte, mezzo milione di tonnellate di carne, milioni di tonnellate di cereali. Tra cui, appunto, il grano. Invece di agire, abbiamo sovvenzionato l’agricoltura per “non” produrre: sovvenzioni, queste sì scellerate e frustranti. Siamo soggiogati dalla miopia ideologica che non fa vedere ai tanti intellettuali éngagès che il mercato globalizzato non esiste. Per esistere, infatti, dovrebbe essere “equo e solidale”. Dove sta l’equità quando si produce in tante parti del mondo con il ddt, che rende le ciliegie meno costose e rosse rosse, ma, ops!, fanno venire anche il cancro al fegato. Dove sta la solidarietà, quando a lavorare sono decine di milioni di schiavi e di schiave, anche bambini, che producono senza regole e senza diritti, abbattendo, ovviamente, i costi di produzione di chi poi esporta sottocosto in Europa? Dove sta il mercato – e mi fermo qui per carità dovuta al lettore – quando da anni l’Europa e l’Italia sono oggetto costante di dumping impunito, tollerato e sostenuto?

    Il Ministro dell’agricoltura dice: lasciateci produrre. Aiutiamo le aziende agricole a uscire dal regime che le voleva trasformare in fantasmi e che ha usato per cogliere l’obiettivo la politica delle quote. E sconfiggiamo il “cupio dissolvi” di chi crede che sia impossibile tornare a una dimensione economica dell’agricoltura. Suggerisco un’ipotesi di lavoro per il pane: mettiamoci al lavoro con le parti in causa – produttori, dettaglianti e consumatori – e proviamo a vedere se quel che è possibile a Matera, dove assieme si è stabilita una forbice minima e massima del prezzo tra 1,4 e 2,2, è realizzabile pure a livello nazionale e solo per la tipologia “pane comune”. Nessuno, tanto meno il Ministro delle “politiche” agricole vuole mettere in discussione la necessità del mercato. Ma che sia un mercato libero in cui tutte le parti rispettino le regole. Altrimenti, non si chiama mercato, ma Far West.


    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6956


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Classic Liberal
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    The Waste Land
    Messaggi
    1,721
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio

    Evidente stato confusionale...

  3. #3
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La destra italiane è corporativa ed anti-liberale. Lo sostengo da sempre, ma voi continuate a parlare dei comunisti...

  4. #4
    Classic Liberal
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    The Waste Land
    Messaggi
    1,721
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tambourine Visualizza Messaggio
    La destra italiane è corporativa ed anti-liberale. Lo sostengo da sempre, ma voi continuate a parlare dei comunisti...
    Voi chi?

  5. #5
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Winnie Visualizza Messaggio
    Voi chi?
    Molti liberali/libertari di questo forum..

  6. #6
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Su questo forum Tremonti è stato più insultato di Bertinotti

  7. #7
    Critico
    Data Registrazione
    14 Jun 2006
    Messaggi
    1,424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio
    Su questo forum Tremonti è stato più insultato di Bertinotti
    Parlavo in generale, non del forum del liberalismo.

  8. #8
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    questo è pazzo, pensa di aumentare la produttività e le scorte diminuendo i prezzi

  9. #9
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Risponde Carlo Stagnaro

    Non mi pare che il ministro Zaia risponda specificamente ad alcuno dei punti da me sollevati. Egli denuncia l'aumento del prezzo del pane dal produttore al consumatore, e quindi, in qualche maniera, se la prende con la catena di intermediazione. La risposta più ovvia è quella di accorciare la filiera, come accade per esempio in alcuni progetti di Coldiretti.


    I consumatori possono scegliere se acquistare i prodotti agricoli, spendendo meno, presso il produttore, oppure comodamente sotto casa. Non c'è alcun ruolo che la politica possa giocare. Sulla Pac, il ministro dice cose giuste, ma poi il frutto non cade lontano dal ramo: come questo e altri suoi interventi dimostrano, non ha in mente di liberare l'agricoltura europea dalla Pac, ma solo di rivederne i meccanismi. Sorvolo sulla tirata antispeculatori, così come sull'affermazione - davvero stupefacente - che per esistere il mercato globalizzato dovrebbe essere "equo e solidale", qualunque cosa ciò significhi.

    Dopo di che, Zaia ignora del tutto i rilievi miei e soprattutto l'insegnamento di Manzoni, e passa dal prezzo di Stato per il pane a una forbice di prezzi, sempre definita dallo Stato, sull'esempio di quanto accade a Matera (!). Se non è zuppa è, appunto, pan bagnato. (cs)

  10. #10
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,537
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    beh,direi che sto Zaia conferma semplicemente la natura iperstatalista della Lega....

 

 

Discussioni Simili

  1. Piccoli Re crescono...
    Di O'Rei nel forum Fondoscala
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 26-06-08, 18:31
  2. piccoli razzisti crescono................
    Di sinistra_polliana nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 108
    Ultimo Messaggio: 23-03-08, 20:52
  3. Attentato a Luca Zaia
    Di Genyo nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-01-06, 17:01
  4. Luca Zaia all'ospedale
    Di pensiero nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 20-01-06, 16:29
  5. un coraggioso Luca Zaia!
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-11-04, 21:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226