User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Perchè l'America

  1. #1
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Perchè l'America



    Perchè l'America



    Ma cosa è questa fissazione di far riferimento sempre agli americani?
    Hai TESTE migliori DENTRO casa TUA...
    Il retaggio di QUELLE, dovresti voler conservare, in primis...

    Eric



    Se fossi un progressista, per cui l’internazionalismo è un valore da ostentare, rispondere a questa domanda sarebbe oltremodo semplice. Poichè, invece, mi ritengo un conservatore la questione postami dall’amico Eric non è di quelle a cui è facile rispondere. Già, perchè infatti un conservatore nato in quel di Napoli dovrebbe mettersi a parlare di Pat Buchanan e del paleoconservatorismo invece, che so, di un Capece Minutolo e dell’assedio di Gaeta?

    La verità è che il sottoscritto non ha avuto il piacere di crescere nell’ambito di una cultura locale, in un’epoca per giunta in cui il sentimento nazionalista era considerato pubblicamente un disvalore; e solo in età adulta ha sentito la mancanza di tradizioni e ideali patriottici di cui sentirsi fiero.
    Fortunato chi da giovane ha avuto davanti a sé un maestro e una comunità in cui crescere e formarsi una coerente visione del mondo... Io non ho avuto nè l’una nè l’altra cosa. Cosicchè invidio chiunque oggi può dire: questi i miei avi, questa la mia casa. Io sono un errante... E se mi batto con foga contro le sinistre e il politicamente corretto è perchè riconosco in fondo di essere anch'io, nel mio piccolo, un frutto di questo mondo decadente.

    Perchè l'America? Perchè la casa dei diritti e la tomba delle tradizioni? Un conservatore dovrebbe in effetti essere dissuaso dal guardare ad un simile esempio. In verità io ho conosciuto persone assai per bene, di classe altoborghese e cultura raffinata con un pregiudizio recondito verso gli americani. Potevano leggere Avvenire o Il Manifesto, tutti costoro si rivelavano ai miei occhi oltremodo distanti dalle politiche di destra. Viceversa il popolo della maggioranza silenziosa, piccoloborghese e qualunquista, amava quell’America lontana ma che gli entrava tutti i giorni in casa grazie ai romanzetti e al cinema d’evasione. In quanto per l’uomo comune del dopoguerra l’America ha rappresentato il sogno della prosperità da contrapporre allo spartano proletarismo di marca comunista e fascista.

    L’America è divenuta a poco a poco per il borghese poco o nulla ideologizzato una patria virtuale, la cui presenza era tangibile in ogni aspetto del quotidiano, dagli elettrodomestici ai capi d’abbigliamento, offrendo in continuazione nuovi e affascinanti miti attraverso la sua colossale industria dello spettacolo. Capitava dunque che un messaggio per nulla conservatore potesse attecchire in buona misura soprattutto presso quegli strati tradizionalisti che il dopoguerra aveva spogliato di tradizioni autoctone e lealtà nazionali. Sentendosi privato del passato e prigioniero del presente il popolo non comunista che leggeva Candido e Il Borghese dovette necessariamente volgere lo sguardo all’America protettrice della libertà minacciata dalle armate comuniste.

    Il sottoscritto è nato in una di queste famiglie borghesi che lasciavano la politica fuori dalla propria casa, ed è diventato un conservatore d'adozione. Come tutti gli sradicati cresciuti durante la Guerra Fredda, con l’America ho avuto a che fare dalla nascita. Prima attraverso i media e poi grazie alle nostre istituzioni politiche prive di sovranità che ci hanno spinto a partecipare alle vicende americane instillandoci l’illusione che potessimo in questo modo contribuire anche noi a muovere i futuri destini del pianeta.
    Mi rendo conto che tutto ciò non soddisfa pienamente la domanda iniziale, e che le spiegazioni fornite riguardano più la psicologia e la sociologia che la filosofia politica. Ma la semplice verità è che più generazioni di italiani divenuti “conservatori” hanno avuto, come lo scrittore Mario Soldati, l’America in sposa. Un innamoramento non si può spiegare con logiche razionali, ma quanto c'è di razionale nella politica, come nell'esistenza umana?


    Florian

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'America è modernità.melting'pot,internazionalismo, non c'entra con la destra.

  3. #3
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Forfy Visualizza Messaggio
    L'America è modernità.melting'pot,internazionalismo, non c'entra con la destra.
    Infatti. Ma in mancanza di una Vera Destra anche una sinistra può paradossalmente diventare per il senso comune una "destra".

  4. #4
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Infatti. Ma in mancanza di una Vera Destra anche una sinistra può paradossalmente diventare per il senso comune una "destra".
    Bravo.L'ho già detto si tratta di un problema di significato,si tratta di fraintendimenti.

  5. #5
    Fascista Evoliano
    Data Registrazione
    06 Aug 2008
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io, da Evoliano quale sono, anche se non estremista come era il grande Julius Evola, non posso che sostenere la Tradizione, e cioè non posso che dire la tradizione vera è la sola Tradizione che ci vuole come figli di Roma, dei celti degli etruschi e dei popoli a loro ancora antecedenti.. ma posso capire cosa voleva dire Florian con il suo articolo (ben scritto per altro..) voleva dire che lui non ha avuto la possibilità di avere una Tradizione alle spalle, e quindi lui (e tutte le persone come lui) hanno addottato come proprie le tradizioni americane, perchè sentivano il bisogno di avere qualcosa alle spalle.. ho sbagliato a capire? non ha detto "seguiamo gli usa.." ha detto x me sono stati la tradizione.. e, sinceramente, non ho nulla da obbiettare, anzi.. è lodevole che delle persone cerchino di trovare le proprie radici..

  6. #6
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da vicesig Visualizza Messaggio
    Io, da Evoliano quale sono, anche se non estremista come era il grande Julius Evola, non posso che sostenere la Tradizione, e cioè non posso che dire la tradizione vera è la sola Tradizione che ci vuole come figli di Roma, dei celti degli etruschi e dei popoli a loro ancora antecedenti.. ma posso capire cosa voleva dire Florian con il suo articolo (ben scritto per altro..) voleva dire che lui non ha avuto la possibilità di avere una Tradizione alle spalle, e quindi lui (e tutte le persone come lui) hanno addottato come proprie le tradizioni americane, perchè sentivano il bisogno di avere qualcosa alle spalle.. ho sbagliato a capire? non ha detto "seguiamo gli usa.." ha detto x me sono stati la tradizione.. e, sinceramente, non ho nulla da obbiettare, anzi.. è lodevole che delle persone cerchino di trovare le proprie radici..
    Amico, hai capito perfettamente!
    Quando hai il "deserto" dietro di te, se non hai abbastanza carattere per vivere il nichilismo con la schiena dritta (roba da superuomini!), non ti rimane che aggrapparti a qualche cosa che ti dia almeno la sensazione di non affogare nella decadenza progressista.
    Per anni io ho convissuto con questa illusione, che mi domina ancora, procurandomi miraggi e amnesie. Se è vero che nessuno può sfuggire al proprio karma, mi sa che me le porterò dietro fino alla morte.

    PS: Ti ringrazio molto per quello che ha scritto!

  7. #7
    Fascista Evoliano
    Data Registrazione
    06 Aug 2008
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ho solo una frase di Evola su questo, ma ben 2..

    Evola: "Nell'idea va riconosciuta la nostra vera patria. non l'essere di una stessa terra o di una stessa lingua, ma l'essere della stessa idea è quel che oggi conta."

    Evola:"Un artigiano che assolve perfettamente alla sua funzione è indubbiamente superiore ad un re che scarti e non sia all'altezza della sua dignità."

    che voglio dire con queste 2 massime..
    1_ la patria non è solo Tradizione, è ciò che noi consideriamo come nostro.. per esempio, patria per me è Evola, patria per me è la meritocrazia, ma lo è anche l'Italia, l'Italiano, ecc. ecc. quindi, non è un elemento negativo cercare sostegno da delle tradizioni che sembrano straniere ma non lo sono, se non lo sono per te.. anzi, chiunque dica di non aver bisogno di tradizioni è un illuso o un ipocrita, perchè le tradizioni non sono altro che ciò che siamo.. e senza non siamo nulla. Soprattutto ora, davanti alla non ideologia del consumismo, che altro non è che l'ennesimo regime totalitarista..

    2_ la seconda è meritocrazia pura.. se tu, con la sola possibilità di aggrapparti agli USA, l'hai fatto e l'hai fatto meglio che potevi, allora tu, che hai come patria gli USA sei cento volte meglio della gente che si sente italiana ma se ne ricorda solo durante i mondiali..

    forse ho sconfinato un pò nella metafisica.. ma Evola è sempre stato un pò complicato..

    ringraziarmi? ma se mi sto annoiando da morire..

  8. #8
    Nostalgico
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    17,556
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io comunque non ho mai pensato all'America come "patria". MAI.
    Non ci sono mai andato e non ho alcuna intenzione di andarci.

    La verità è che, ci piaccia o no, le generazioni nate dopo la seconda guerra mondiale si sono trovate prive della loro specifica nazionalità e inserite nella logica imperiale: o gli USA o l'URSS. Tutte le forze politiche italiane dipendevano da quelle straniere: il PCI dal PCUS, la DC e i partiti laici dal Democrat Party. Giocoforza alle "destre" non rimaneva che guardare ai settori più tradizionalisti del Republican Party. E oggi che il comunismo non esiste più, la massima parte di ciò che si agita in Italia è soggetta a quanto si formula e si decide in America.

  9. #9
    Fascista Evoliano
    Data Registrazione
    06 Aug 2008
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La patria evoliana è una patria in senso più ampio.. si può scrivere benissimo tradizione, origini, antenati, x evola era sempre lo stesso il significato.. io sono nato nell'85, alla fine della guerra fredda..ed io sento di appartenere più che mai al popolo italico, alle sue origini e tutto quello che significa.. e come me moltissime persone, soprattutto tra i più giovani. ho un cugino che ha 16 anni. sta militando nel pdl, va agli incontri, è andato pure a distribuire volantini durante le elezioni.. quando gli ho chiesto come mai gli è venuto in mente di andare a fare volantinaggio col pdl mi ha risposto "perchè berlusconi gli fa il culo a chi vuole mettere i piedi in testa agli italiani". siamo succubi degli USA, ma gli USA non avranno mai la nostra Tradizione, nè la nostra storia.. e quindi saranno sempre inferiori a noi, perchè la loro repubblica non è altro che la derivazione della repubblica inglese, che ha attinto a Roma e ai popoli greci ancora prima. noi, sugli americani, abbiamo un potere inimmaginabile, perchè noi siamo il loro passato, ed è il passato che ci definisce.

 

 

Discussioni Simili

  1. Perché amo l'America
    Di Monsieur nel forum Americanismo
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 08-11-08, 01:33
  2. Perchè l'America
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-08-08, 23:24
  3. Perchè l'America
    Di Florian nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-08-08, 23:46
  4. Perchè l'america perdera
    Di Affus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 21-03-03, 12:21
  5. Perchè l'America perderà
    Di Roderigo nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-03-03, 00:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225