User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bianco il foglio, nero il messaggio

    NUOVE MINACCE A ORAZIO LICANDRO. INTERVISTA ALL'ESPONENTE DEI COMUNISTI ITALIANI


    Fuga da Mani Impunite


    di Pino Finocchiaro
    Bianco il foglio. Nero il messaggio. Intimidatorio. “Non ci scassare più la minchia”. Orazio Licandro, esponente nazionale e leader catanese dei Comunisti italiani, leggendo l’ennesima minaccia non ha avuto dubbi. Il mittente non era una delle tante cosche di Cosa Nostra che saccheggiano le risorse, i commerci, gli appalti e il futuro della città ai piedi dell’Etna. A mandargli l’ennesimo avviso è stata a borghesia mafiosa di Catania, quella che ha reso possibile lo sviluppo e l’attecchimento sociale di Cosa Nostra. Quella borghesia mafiosa denunciata da Pippo Fava sui Siciliani e che sonnacchiosa ne accettò l’assassinio, uccidendolo due volte, con l’isolamento e le calunnie. Quell’altro scassaminchia di Pippo Fava che faceva nomi e cognomi di giudici, investigatori, imprenditori collusi, conniventi, silenti.
    ‘Sti scassaminchia che non lasciano in pace i Cavalieri di ieri oggi che danno pane e lavoro in cambio d’una bella razione d’anima e coscienza.
    “Non ci scassare più la minchia”, dice la borghesia mafiosa che ha avvelenato i pozzi della speranza, della democrazia, della società civile, portando alla migrazione centoventimila catanesi in poco più di dieci anni. E’ come se un quartiee di diecimila abitanti ogni anno chiudesse i battenti. Si trasferisse un po’ in collina, alle pendici del vulcano, un po’ nel resto d’Italia, un po’ nel resto del mondo. Negli States dove il merito ti viene riconosciuto senza intermediari politici e/o mafiosi. In Europa, si tratti di Parigi, Berlino o Barcellona, dove gli affitti costano meno e per trovare un impiego non devi passare dalla segreteria del governatore don Fefé Lombardo o del leader di Forza Italia, Pino Firrarello che prima viene condannato per aver influito sull’appalto di un ospedale e poi lo vedi a tagliare il nastro dello stesso ospedale circondato dalle autorità istituzionali della provincia etnea.
    Quella borghesia mafiosa che per anni ha tollerato la presenza di Orazio Licandro in consiglio comunale e in parlamento ma poi ha finito per non gradirne più l’opposizione puntuale, la richiesta continua di ispezioni sul buco nero dei bilanci comunali.
    Perché Catania è una strana città. La magistratura locale ha accertato che al Comune di Catania non ruba nessuno, tranne qualche scavafosse e qualche funzionario minore, peccato però che manchino all’appello, secondo gli esperti dell’allora ministro Padoa Schioppa, all’incirca 890 milioni di euro. Secondo le stime di Licandro il buco ammonterebbe a un miliardo e duecento milioni di euro.
    “L’ispezione che ho chiesto ed ottenuto quando ero in commissione Antimafia – ricorda Orazio Licandro – ha accertato nella sua relazione che l’aministrazione comunale ha violato sistematicamente norme e principi di contabilità pubblica”.
    Orazio Licandro ha perso in pochi mesi il seggio in parlamento e quello a Palazzo degli Elefanti, sede del Comune di Catania. Ma non il vizio di denunciare brogli elettorali e buchi contabili.
    Orazio Licandro, come tanti catanesi onesti, non si rassegna a vedere la Catania della movida notturna ridotta con le strade del centro al buio con cani randagi, bulli di quartiere, scippatori e rapinatori a farla da padroni persino nel salotto buono di Catania. Quella via Etnea dove l’illuminazione pubblica è ridotta al lumicino perché il Comune non è in grado di pagare le bollette all’Enel. Altri quartieri, restano totalmente al buio.
    I Catanesi non si indignano più per scippi, borseggi e rapine all’uscita da cinema e teatro ma perché sono costretti a fare lunghe file sino all’alba alla sezione “Notturna” della questura di Catania, che non ha abbastanza agenti e ispettori per rinforzare l’ufficio denunce.
    Orazio Licandro. La comunità di Mani Impunite gli ha tolto la parola in consiglio. Le Istituzioni gli hanno tolto la scorta.
    Dopo migliaia di imprenditori, medici, scienziati, giornalisti che hanno fatto le valigie negli ultimi anni, anche il professor Orazio Licandro che insegna diritto all’università di Catanzaro, ha preso in esame la possibilità di trasferirsi a Roma. Perché non vuole più avere nulla a che fare con un sistema di governo basato sull’illegalità che si è trasformato in un modello sociale condiviso, secondo i risultati elettorali, dall’80 per cento della popolazione.
    Brogli a parte. Ovviamente. Ma i numeri bulgari con cui il Pdl ha riconquistato Comune e Provincia, fanno pensare che i brogli da soli, sia pure con l’occupazione militari dei seggi elettorali, sia pure con un terzo dei presidenti di seggi che si dimette a poche ore dalle votazioni, sia pure con i fac simile trovati all’interno delle cabine elettorali, non spiegono il trionfo.
    Spiegano di più gli “errori” dell’opposizione nel votare il bilancio, l’esponente dell’opposizione che sceglie come padrino di battesimo e cresima l’allora governatore della Sicilia, Totò “dei cannoli” Cuffaro, le consulenze spartite a piene mani a mancati oppositori, distratti esponenti della società civile ivi inclusi famigli e familiari di chi dovrebbe denunciare incessantemente i buchi neri di Mani Impunite ma che invece si sveglia con gli occhi foderati di prosciutto.
    La borghesia catanese, anche quella sinceramente antimafiosa e democratica, opta per una politica corretta e ben educata. Non si parla col boccone tra le mandibole.
    “Ce n’è abbastanza per dire basta”. Sbotta Orazio Licandro.
    Mentre il neocomunista medita tra valigie e borsoni la fuga da Mani Impunite nel Pd catanese c’è ancora chi parla di dialogo con la maggioranza. E la dignità? Minchia, neppure la dignità.
    17/08/2008
    http://www.articolo21.info/notizia.php?id=7252

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sicilia nazione!
    Data Registrazione
    23 Jan 2008
    Località
    Catania - Sicilia
    Messaggi
    1,058
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Neva Visualizza Messaggio
    NUOVE MINACCE A ORAZIO LICANDRO. INTERVISTA ALL'ESPONENTE DEI COMUNISTI ITALIANI


    Fuga da Mani Impunite


    di Pino Finocchiaro
    Bianco il foglio. Nero il messaggio. Intimidatorio. “Non ci scassare più la minchia”. Orazio Licandro, esponente nazionale e leader catanese dei Comunisti italiani, leggendo l’ennesima minaccia non ha avuto dubbi. Il mittente non era una delle tante cosche di Cosa Nostra che saccheggiano le risorse, i commerci, gli appalti e il futuro della città ai piedi dell’Etna. A mandargli l’ennesimo avviso è stata a borghesia mafiosa di Catania, quella che ha reso possibile lo sviluppo e l’attecchimento sociale di Cosa Nostra. Quella borghesia mafiosa denunciata da Pippo Fava sui Siciliani e che sonnacchiosa ne accettò l’assassinio, uccidendolo due volte, con l’isolamento e le calunnie. Quell’altro scassaminchia di Pippo Fava che faceva nomi e cognomi di giudici, investigatori, imprenditori collusi, conniventi, silenti.
    ‘Sti scassaminchia che non lasciano in pace i Cavalieri di ieri oggi che danno pane e lavoro in cambio d’una bella razione d’anima e coscienza.
    “Non ci scassare più la minchia”, dice la borghesia mafiosa che ha avvelenato i pozzi della speranza, della democrazia, della società civile, portando alla migrazione centoventimila catanesi in poco più di dieci anni. E’ come se un quartiee di diecimila abitanti ogni anno chiudesse i battenti. Si trasferisse un po’ in collina, alle pendici del vulcano, un po’ nel resto d’Italia, un po’ nel resto del mondo. Negli States dove il merito ti viene riconosciuto senza intermediari politici e/o mafiosi. In Europa, si tratti di Parigi, Berlino o Barcellona, dove gli affitti costano meno e per trovare un impiego non devi passare dalla segreteria del governatore don Fefé Lombardo o del leader di Forza Italia, Pino Firrarello che prima viene condannato per aver influito sull’appalto di un ospedale e poi lo vedi a tagliare il nastro dello stesso ospedale circondato dalle autorità istituzionali della provincia etnea.
    Quella borghesia mafiosa che per anni ha tollerato la presenza di Orazio Licandro in consiglio comunale e in parlamento ma poi ha finito per non gradirne più l’opposizione puntuale, la richiesta continua di ispezioni sul buco nero dei bilanci comunali.
    Perché Catania è una strana città. La magistratura locale ha accertato che al Comune di Catania non ruba nessuno, tranne qualche scavafosse e qualche funzionario minore, peccato però che manchino all’appello, secondo gli esperti dell’allora ministro Padoa Schioppa, all’incirca 890 milioni di euro. Secondo le stime di Licandro il buco ammonterebbe a un miliardo e duecento milioni di euro.
    “L’ispezione che ho chiesto ed ottenuto quando ero in commissione Antimafia – ricorda Orazio Licandro – ha accertato nella sua relazione che l’aministrazione comunale ha violato sistematicamente norme e principi di contabilità pubblica”.
    Orazio Licandro ha perso in pochi mesi il seggio in parlamento e quello a Palazzo degli Elefanti, sede del Comune di Catania. Ma non il vizio di denunciare brogli elettorali e buchi contabili.
    Orazio Licandro, come tanti catanesi onesti, non si rassegna a vedere la Catania della movida notturna ridotta con le strade del centro al buio con cani randagi, bulli di quartiere, scippatori e rapinatori a farla da padroni persino nel salotto buono di Catania. Quella via Etnea dove l’illuminazione pubblica è ridotta al lumicino perché il Comune non è in grado di pagare le bollette all’Enel. Altri quartieri, restano totalmente al buio.
    I Catanesi non si indignano più per scippi, borseggi e rapine all’uscita da cinema e teatro ma perché sono costretti a fare lunghe file sino all’alba alla sezione “Notturna” della questura di Catania, che non ha abbastanza agenti e ispettori per rinforzare l’ufficio denunce.
    Orazio Licandro. La comunità di Mani Impunite gli ha tolto la parola in consiglio. Le Istituzioni gli hanno tolto la scorta.
    Dopo migliaia di imprenditori, medici, scienziati, giornalisti che hanno fatto le valigie negli ultimi anni, anche il professor Orazio Licandro che insegna diritto all’università di Catanzaro, ha preso in esame la possibilità di trasferirsi a Roma. Perché non vuole più avere nulla a che fare con un sistema di governo basato sull’illegalità che si è trasformato in un modello sociale condiviso, secondo i risultati elettorali, dall’80 per cento della popolazione.
    Brogli a parte. Ovviamente. Ma i numeri bulgari con cui il Pdl ha riconquistato Comune e Provincia, fanno pensare che i brogli da soli, sia pure con l’occupazione militari dei seggi elettorali, sia pure con un terzo dei presidenti di seggi che si dimette a poche ore dalle votazioni, sia pure con i fac simile trovati all’interno delle cabine elettorali, non spiegono il trionfo.
    Spiegano di più gli “errori” dell’opposizione nel votare il bilancio, l’esponente dell’opposizione che sceglie come padrino di battesimo e cresima l’allora governatore della Sicilia, Totò “dei cannoli” Cuffaro, le consulenze spartite a piene mani a mancati oppositori, distratti esponenti della società civile ivi inclusi famigli e familiari di chi dovrebbe denunciare incessantemente i buchi neri di Mani Impunite ma che invece si sveglia con gli occhi foderati di prosciutto.
    La borghesia catanese, anche quella sinceramente antimafiosa e democratica, opta per una politica corretta e ben educata. Non si parla col boccone tra le mandibole.
    “Ce n’è abbastanza per dire basta”. Sbotta Orazio Licandro.
    Mentre il neocomunista medita tra valigie e borsoni la fuga da Mani Impunite nel Pd catanese c’è ancora chi parla di dialogo con la maggioranza. E la dignità? Minchia, neppure la dignità.
    17/08/2008
    http://www.articolo21.info/notizia.php?id=7252
    Povera la mia cittá! Ho in progetto di farci un salto tra qualche mese per far conoscere a mia figlia da dove viene suo padre, ma con le cose che leggo mi passa un pó la voglia!
    Dobbiamo comunque ringraziare i "fratelli d'italia" se siamo ridotti cosí, dovrei ripetere cose dette giá tante volte, giá dallo loro invasione nel 1860 si appoggiarono alla mafia per prendere la Sicilia e nelle loro sporche mani la lasciarono ad essere governata, poi vennero gli americani ancora nel 1943 a fare la stessa cosa, e la mafia viene ore lasciata completamente libera di agire con l'appoggio dei partiti italiani, fino a che un presidente del consiglio definisce un eroe un mafioso morto in carcere.
    Anche noi in Sicilia abbiamo avuto la nostra primavera (come a Praga) nel XX secolo e si chiamó: " lotta per l'indipendenza"!
    Mi da molto coraggio e speranza sapere che questo spirito di indipendenza e libertá é rinato ed é vivo e vegeto.
    SICILIA INDIPENDENTE!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. bianco & nero
    Di Fulvia nel forum Fotografia
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 31-10-17, 18:35
  2. Nero & Bianco
    Di Zeratul nel forum Cronaca
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 01-04-12, 19:43
  3. Futurshow in bianco e nero
    Di Carrie nel forum Emilia-Romagna
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-11-10, 10:18
  4. Bianco e Nero
    Di bear1898 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 10-01-08, 22:49
  5. OK, mettiamolo nero... su bianco.
    Di jenny red nel forum Destra Radicale
    Risposte: 79
    Ultimo Messaggio: 28-10-03, 13:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226