User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un nuovo Occasional Paper sulla responsabilità sociale d’impresa

    In questi giorni si è riaccesa in Italia la discussione sulla responsabilità sociale di banche ed imprese. L’Istituto Bruno Leoni pubblica per la prima volta in italiano lo storico saggio di Milton Friedman, “La responsabilità sociale delle imprese consiste nell’aumentare i profitti” (PDF), pubblicato sul New York Times Magazine nel 1970. In questo importante contributo, Friedman (che di lì a sei anni avrebbe visto i suoi meriti di studioso riconosciuti col Premio Nobel) sottolinea come la prima responsabilità di un’impresa sia verso i suoi azionisti e proprietari: ogni pretesa “responsabilità sociale” che si configuri come una “tassazione occulta” degli stessi, indebolisce nel lungo periodo la legittimità dell’impresa e la sua capacità di operare al meglio.

    Scrive Friedman: “se i comportamenti che adotta in ossequio alla sua ‘responsabilità sociale’ riducono il reddito degli azionisti dell’impresa, il manager sta spendendo i loro quattrini. Se le sue azioni fanno aumentare il prezzo al consumo, il dirigente sta spendendo i soldi dei consumatori. Se le sue decisioni comportano una riduzione del salario dei dipendenti dell’azienda, egli sta spendendo i soldi dei lavoratori”. Il manager, ricorda Friedman, è nient’altro che un “agente” i cui “principali” sono gli azionisti.

    “Il dibattito sulla responsabilità sociale d’impresa è affascinante, anche perché riconosce implicitamente il fallimento delle istituzioni pubbliche nel perseguire finalità socialmente condivise, e cerca di porre tali fini in capo alle imprese”, dice Alberto Mingardi, direttore generale dell’IBL. “Ma se questo dibattito ammette implicitamente come le imprese siano più efficaci nel creare ricchezza e benessere di qualsiasi altra istituzione, il fatto che esse adottino responsabilità sociali in conflitto con l’obiettivo di creare valore per gli azionisti rischia di snaturarle, indebolendone l’efficienza e danneggiando anche dipendenti e consumatori”.

    “La responsabilità sociale delle imprese consiste nell’aumentare i profitti”, nuovo Occasional Paper dell’IBL, è liberamente disponibile qui (PDF).

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=7001

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come al solito i paper di IBL sono interessanti. Avevo letto qualcosa di simile in capitalismo e libertà. L'impresa nasce per fare profitti, ma solo se rispetta le regole del gioco (imposte cmq da un autorità statale o sovrastatale) allora vi è libera concorrenza e si possono verificare processi virtuosi a mano invisibile. Purtroppo spesso non avviene perche le aziende cercano in tutti i modi di sottrarsi dalla libera concorrenza e di frodare piu o meno lecitamente le altre imprese o i clienti.

    Oppure a volte pubblicizzano il loro ruolo di responsabilità sociale d'impresa non tanto per far del bene(o per spendere illecitamente i soldi degli azionisti), ma soprattutto per farsi pubblicità e contrastare in qualche modo la nomea non proprio positiva che li avvolge. Il primo esempio che mi viene è Mc donald's.
    Con la fondazione e le case famiglie costruite negli anni e puntualmente pubblicizzate davanti ad ogni cassa, non solo hanno fatto del bene per questi bambini malati, ma hanno in qualche modo mostrato il lato umano di mc donald's! Se fossero mossi da spiriti filantropici sinceri, l'avrebbero fatto personalmente e senza pubblicizzarlo. In realtà tutto ciò ha uno scopo preciso: farsi pubblicità per incrementare i profitti.
    Quindi il concetto di responsabilità sociale d'impresa è labile, a volte è un biglietto da visita che le stesse aziende adottano per farsi pubblicità e nel lungo periodo incrementare i profitti.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-08, 12:00
  2. David Henderson: responsabilità sociale d’impresa. Bella, ma dannosa
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-02-08, 11:59
  3. Giustizia sociale: un nuovo paper di Anthony De Jasay
    Di il bombarolo nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-11-07, 18:18
  4. Giustizia sociale: un nuovo paper di Anthony De Jasay
    Di il bombarolo nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-11-07, 12:34
  5. Giustizia sociale: un nuovo paper di Anthony De Jasay
    Di il bombarolo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-11-07, 12:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226