User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    maat.it/livello2/catone-1.htm
    Data Registrazione
    13 May 2008
    Località
    Tusculum
    Messaggi
    993
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La terra padana è avvelenata e i padani muoiono, chi se ne occupa?

    Tratto da beppegrillo.it

    20 Agosto 2008

    Le margherite padovane



    Il cromo esavalente è cancerogeno e mutageno, è un prodotto di scarto industriale. Nel nord Italia è presente nei fiumi, dalla Dora, al Po, al Brenta e nei prati. Chi lo scarica risparmia sui costi di smaltimento. Chi deve controllare, pagato dalle tasse dei cittadini, non fa nulla. Chi lo respira, lo beve attraverso l’acqua o lo mangia con i prodotti della terra si ammala e muore di tumore. I delinquenti che inquinano e i parassiti che non controllano non sono mai condannati. Il meccanismo di causa e effetto non è immediato come un colpo di pistola. Ma non c’è alcuna differenza. Gli inquinatori sono degli omicidi e le pubbliche amministrazioni informate sui fatti sono testimoni che tacciono o colludono. Quando c’è un processo di solito i loro reati vanno in prescrizione o patteggiano. E, per loro, la vita può continuare a sorridere grazie alle leggi italiane. Il 95% dei reati in Italia non è di fatto punibile, cadeau dello psiconano.
    A Bassano del Grappa è in corso un processo per omicidio colposo plurimo per la morte per tumore di 14 operai della PM Galvanica di Tezze sul Brenta a causa del cromo. La prossima udienza si terrà il 21 novembre 2008. A Tezze e dintorni sono stati scaricati nell’ambiente negli ultimi vent’anni rifiuti tossici, tra cui il cromo esavalente. E’ un territorio ricco di acque e di falde inquinate, come riportato anche dai giornali locali. La quantità massima di cromo esavalente permessa è di 5 microgrammi per litro. Nelle falde che vanno da Tezze a Cittadella e a San Giorgio sono stati rilevati 170 microgrammi. Nella zona vi sono importanti aziende di acque minerali.




    Si sa tutto dell’inquinamento, ma i giorni scorrono tranquilli. Di tanto in tanto c’è qualche sorpresa. Nei prati e nei giardini dell’Alta Padovana si possono trovare delle margherite giganti. Petali enormi da togliere uno ad uno. Al posto di “M’ama, non m’ama”, si mormora, toccandosi, “Muoio, non muoio”. Le infiorescenze gialle della Leucanthemum cromum padovanas sono alte, folte e spesse. Dopo le margherite, toccherà alle persone. I padovani mutanti si riconosceranno per una leggera fosforescenza verde e per un aumento esagerato del pisello. Il cromo esavalente al posto del Viagra. E’ bello morire così.



    -----------------------------------------------------



    La Padania muore avvelenata, perchè è solo un comico (con tutti i suoi limiti) a denunciarlo, ad occuparsene?

    Dove sono i politici, specialmente quelli che hanno messo i pellerossa sui manifesti elettorali? Perchè fan finta di niente, visto che ci stanno facendo fare la fine degli indiani d'America nelle riserve, avvelenati e disperati?


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    abbozzi cià tante cose a penzà.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 May 2008
    Messaggi
    141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio
    abbozzi cià tante cose a penzà.
    già, prima il federalismo fiscale, poi il federalismo, e poi le margherite.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Cina ci sono già vasti territori in cui le api sono scomparse a causa dei veleni. Gli agricoltori cinesi ad ogni fioritura devono asportare il polline (il seme germinale maschile) dei fiori e metterlo in barattoli di vetro. Poi con delle piume si costruiscono un pennello e, armati di barattolo col polline, pennello e scala, a migliaia salgono sugli alberi per effettuare l'impollinazione dei fiori "a mano". E' stato calcolato che una mela ottenuta con questo procedimento in italia costerebbe circa 50 €. Morte le api, lo stesso meccanismo di impollinazione dovrà essere usato nei confronti di tutti gli alberi da frutto più fragole, lamponi, mirtilli, ecc. in più la maggior parte delle foraggere scomparirà ed il prezzo della carne andrà alle stelle. L'italia sparge sul terreno 7.500 tonnellate di antiparassitari l'anno: il 30 % di tutti quelli consumati in tutti gli altri stati UE. Sono anni che gli apicoltori denunciano un grave deterioramente dell'ambiente, perché le api sono dei veri e propri termometri biologici dell'inquinamento ambientale. La febbre è giò alta, ma NIENTE vien fatto dal governo, dalle regioni e dai comuni per cercare di rimediare. Ci stiamo comportando come specie priva di utilità, dannosa per l'uomo e per la natura. La risposta non mancherà di arrivare e come sempre la natura non scherza: sarà improvvisa e terribile se non smettiamo di comportarci da teste di cazzo. Tutti.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Apr 2002
    Località
    TAUR-IM-DUINATH
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro Paulus
    il problema che sollevi è estremamente reale e te lo dice uno che da numerosi anni si interessa di queste problematiche così importanti. Già quando ero io alla università si valutava l'importanza dell'ape come indicatore biologico e già allora i dati per la Padanìa erano sconfortanti. Per anni abbiamo portato a politici di tutti i colori dati relativi alle cause di mortalità in crescita fra gli abitanti ma i "potenti e prepotenti" del nord hanno sempre messo in primo piano il profitto (schei). Ora la situazione è questa.
    G

  6. #6
    maat.it/livello2/catone-1.htm
    Data Registrazione
    13 May 2008
    Località
    Tusculum
    Messaggi
    993
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tratto da beppegrillo.it

    22 Agosto 2008

    La nicotina e la morte delle api



    Se vedete un’ape che muore, preoccupatevi. Albert Einstein disse: “Se l’ape scomparisse, all’uomo resterebbero quattro anni di vita”.
    Le api producono miele, pere, mele, pomodori, trifoglio, erba medica, latte, carne. Trasportano il polline e trasformano il mondo in cibo. Le api, un bioindicatore dell’ambiente, sono una specie a rischio. Oggi loro, domani noi. Il Guardian nell’articolo “Honeybee deaths reaching crisis point” riporta che un terzo dei 240.000 alveari britannici è scomparso durante l’inverno e la primavera. Il ministro inglese Rooker ha dichiarato che, se non cambierà nulla, entro dieci anni non ci sarà più un’ape nell’isola. Le api contribuiscono all’economia britannica per 165 milioni di sterline all’anno per la produzione di frutta e verdura. Oltre al miele naturalmente. La Honey Association prevede che il miele locale sarà finito in Gran Bretagna entro Natale. Riapparirà sulle tavole soltanto nell’estate del 2009.
    La crisi è mondiale. Il maggior produttore di miele è l’Argentina che ha ridotto del 27% le sue 75.000 tonnellate annue. Negli Stati Uniti (-25% degli alveari nel 2008) e nel resto del mondo le api ci stanno lasciando. In Italia è una strage. Nel 2007 sono morte il 50% delle api, persi 200.000 alveari e 250 milioni di euro nel settore agricolo. Ma non è una priorità. Gli inutili soldati nelle strade, il bavaglio alla Giustizia con la separazione delle carriere, le impronte ai bambini Rom, il lodo Alfano per la messa in sicurezza della banda dei quattro, gli inceneritori della Impregilo. Queste sono priorità!
    Perché le api muoiono? Per l’ambiente, il clima, la varoa (un acaro), i pascoli trasformati in coltivazioni di soia per i biocarburanti, per i pesticidi, l’inquinamento dei corsi d’acqua. Gli alveari si spopolano per il fenomeno del CCD (Colony Collapse Disorder) perché la razza umana sta avvelenando il mondo.
    Qualcosa in Italia si può fare e subito. Vietare l’uso dei pesticidi nicotinoidi. In Francia lo hanno già fatto. Sulle api hanno l’effetto della nicotina. Gli fanno perdere il senso dell’orientamento, non riescono a ritornare nell’alveare e muoiono.
    Chi usa o produce un pesticida nicotiniode mette a rischio, oltre alle api, anche la nostra sopravvivenza. Datemi una mano, inserite nei commenti di questo post informazioni sui produttori, sugli utilizzatori, sulle conseguenze sull’ambiente.
    Chi avvelena un’ape, avvelena anche te.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Nov 2007
    Messaggi
    362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pienamente d'accordo sul problema dei neonicotinoidi in apicoltura. Sulle cosiddette pratoline mutanti io ricordo che le collezzionavamo da ragazzini... oltre 30 anni fa

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La frase esatta di Albert Einstein sulle api dovrebbe essere questa: "Quando l'ultima ape sarà scomparsa dalla terra, la specie umana non avrà che quattro anni di vita; niente api, niente impollinazione, niente piante, niente animali, niente uomini ...",

 

 

Discussioni Simili

  1. Terra padana
    Di Erlembaldo nel forum Padania!
    Risposte: 228
    Ultimo Messaggio: 01-03-18, 01:19
  2. Odio , disperazione in terra padana...
    Di Watson nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 22-05-13, 16:11
  3. Come muoiono gli imprenditori in terra di mafia
    Di ConteMax nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-01-10, 12:36
  4. Quella terra avvelenata dai bombardamenti israeliani su Gaza
    Di _Riccardo_ nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-12-09, 15:31
  5. Nazione Padana O Libera Confederazione dei Popoli Alpino-Padani?
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-07-02, 13:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226