LAMPEDUSA (AGRIGENTO)

Il record di migranti nel cpa di Lampedusa, oltre 2.000, e i continui sbarchi sull'isola (solo oggi sono più di 300 i clandestini arrivati), per il sindaco Bernardino De Rubeis, dimostrano che la scelta della linea dura contro l'immigrazione irregolare è quella giusta. Dopo il filo spinato attorno al centro di accoglienza e le ronde di vigilantes, il sindaco oggi ha diffidato le forze dell'ordine a "trasferire altri immigrati nel centro, ormai al collasso", minacciando "denunce per attentato alla pubblica sicurezza" verso chi non rispetterà la sua decisione. Al primo cittadino replica Laura Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati dell'Onu.

"Circa la destinazione delle persone soccorse, - spiega - specialmente quando si tratta di richiedenti asilo - è necessario che vengano fatte sbarcare in un porto sicuro dove possano aver un'adeguata assistenza e accesso a una procedura d'asilo". Ma ad essere presa d'assalto non è solo la maggiore delle Pelagie: dopo il maxisbarco di ieri, con 249 persone arrivate sulle coste siracusane, oggi un barcone con 49 migranti, tra cui otto donne, è stato soccorso a 30 miglia a sud di Capo Passero, l'estremo lembo meridionale della Sicilia.

Record di arrivi anche a Malta dove solo oggi sono sbarcati 110 extracomunitari. Per alcune ore si è anche temuta l'ennesima tragedia del mare: il comandante di un peschereccio spagnolo, che ha soccorso 77 persone, ha riferito che una di loro aveva raccontato di essere rimasta vittima di un naufragio insieme a 27 compagni. Ma il racconto, secondo quanto accertato dalle autorità maltesi, sarebbe stato un espediente usato dall'uomo per farsi accogliere dall'equipaggio iberico. In una lettera al ministro degli Interni, Roberto Maroni, il sindaco di Lampedusa spiega che il cpa, con una capienza massima di 762 posti (1.200 con gli spazi all'aperto), "deve essere solo un avamposto da utilizzarsi in conformità e nel rispetto non solo delle norme giuridiche, ma anche di quelle civiltà e della dignità dell'uomo". "La gente è ammassata tra immondizia e urine, i bagni e le docce sono impraticabili" sostiene De Rubeis, che assieme al suo vice, la senatrice Angela Maraventano, e al leghista Angelo Alessandri, ha ispezionato la struttura.

Più morbidi i toni del responsabile di 'Lampedusa accoglienza', la società cooperativa che gestisce il Cpa, Cono Galipò. "E' certamente una situazione difficile - dice -, ma siamo attrezzati per affrontare anche questa emergenza". Intanto, a Siracusa la squadra mobile ha arrestato 17 eritrei, sbarcati ieri a Portopalo di Capo Passero, per avere alterato le impronte digitali in modo da impedire la loro identificazione. Si tratta delle prime applicazioni su scala nazionale del recente decreto legge emanato dal governo in materia di sicurezza pubblica. Fermati anche due egiziani con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: secondo gli investigatori sarebbero gli scafisti ai comandi del peschereccio. I migranti hanno riferito di avere pagato per la traversata dalla Libia tra i 1.500 e i 2 mila dollari.

http://www.ansa.it/opencms/export/si...757665941.html