User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Bieco reazionario colonialista
    Data Registrazione
    13 Feb 2007
    Località
    Eurosiberia - Il futuro appartiene a noi.
    Messaggi
    4,614
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Una Destra differente. Un’Europa differente.

    Una Destra differente. Un’Europa differente.

    di Elio de Bonis - I Lupi Azzurri



    Per affrontare le nuove sfide che la crisi della globalizzazione, del mercato-tutto fare, dell’egualitarismo e dell’universalismo ci sta per proporre è sicuramente inadatta la sinistra, figlia del ‘68 e sostenitrice del livellamento verso il basso, della sovversione di ogni gerarchia, di ogni autorità, di ogni tradizione comunitaria ma lo è anche la vecchia “destra” che rincorre i progressisti sul loro stesso terreno e cerca semplicemente di produrre provvedimenti tampone per limitare i danni, immersa com’è nella contemplazione della decadente visione economicista-mercatista (come nel caso della destra “liberal”) o del “glorioso passato” (che sia riferito all’Ancien règime, al fascismo o all’orgoglio per il passato ghettizzato di certa “estrema destra”).

    Serve una Destra che, altresì, rifiuti ogni visione messianica anticapitalista e intrisa di senso di colpa nei confronti del terzo mondo, che sfocia spesso nella riproposizione di strumenti sorpassati e inefficaci come lo statalismo centralista, l’idea di ricostruire il vecchio stato sociale a dominio pubblico e di poter abolire il precariato o di risolvere il problema dell’immigrazione chiudendo le frontiere e rispolverando vecchie anticaglie in stato di decomposizione come lo Stato-nazione.
    La Destra che vogliamo è una destra che, conscia di non poter rivoluzionare la società trincerandosi nella torre d’avorio “ideologica”, vuole badare al concreto e al possibile occupandosi della diffusione di valori come l’autorità, la gerarchia, il trionfo della qualità sulla quantità e l’antiegualitarismo. Non è necessario imbarcarsi in voli pindarici contro il liberalismo e per la restaurazione degli antichi regimi perchè è lo stesso liberalismo che può donarci armi sufficienti per riformare l’Italia e l’Europa in modo tale da attrezzarle per superare la crisi, non solo economica ma di valori, che il vecchio continente sta attraversando. E’ necessario passare dalla contemplazione all’azione concreta e possibile nel contesto politico e geopolitico attuale.
    Il nuovo scontro è quello biologico, culturale ed economico tra Europa e il nord del mondo da una parte e le potenze asiatiche in ascesa e il riversamento delle masse allogene dai paesi del sud dall’altra. Non più quindi uno scontro ideologico, stavolta non è in gioco il modo di intendere la vita politica di una nazione ma la nostra stessa esistenza di europei.
    Le forze di Destra non possono temporeggiare ancora a lungo senza approfittare degli spazi che la morente egemonia culturale della sinistra lascerà scoperti perchè solo una rivoluzione culturale interna al conservatorismo di destra può donarci una via politica ed economica alternativa al progressismo in grado di costruire un “europeismo differente” che dia al continente europeo una forma politica prima che economica e una direzione geopolitica continentale unitaria per respingere l’ascesa delle nuove potenze dell’est e per avere maggior peso nei rapporti di forza con gli Stati Uniti d’America.
    Che utilità potrà mai avere una destra che sa solo piangere per la sconfitta e che non riesce a rigenerarsi, a trovare nuove forme adatte al mondo moderno per incidere sull’immaginario collettivo? Non abbiamo bisogno di vecchi armamentari ideologici e di vuote esteriorità ma di un nuovo modo di pensare la politica della destra italiana, oggi dominata dal nuovo verbo neocons e americanocentrico.
    Mentre altri si rassegnano alla fine dell’Europa e si affidano oggi ai russi, domani ai cinesi, dopodomani alle nazioni islamiche noi vogliamo credere nella rinascità europea e fare tutto il possibile per portare alla luce una visione alternativa per il futuro che sia in grado di creare i presupposti per una futura rinascita europea.
    Perchè non abbiamo alcun bisogno di nuovi padroni, abbiamo solo bisogno di tornare ad essere padroni del nostro destino.

    http://ilupiazzurri.wordpress.com/20...pa-differente/


    carlomartello

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ...Vivi e lascia vivere...
    Data Registrazione
    18 Feb 2008
    Messaggi
    3,189
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Serve una Destra che, altresì, rifiuti ogni visione messianica anticapitalista e intrisa di senso di colpa nei confronti del terzo mondo, che sfocia spesso nella riproposizione di strumenti sorpassati e inefficaci come lo statalismo centralista, l’idea di ricostruire il vecchio stato sociale a dominio pubblico
    La proprietà privata deve essere garantita perchè appartiene alla sfera dei diritti umani, ma deve avere funzione sociale e non essere causa di speculazione o sfruttamento nei confronti della parte dipendente di un'azienda.
    Lo Statalismo che tanto viene acclamato negli ambienti della sinistra estrema è un altro nemico da sconfiggere proprio per lo stesso motivo per cui andrebbe concessa l'iniziativa privata.
    L'ideale consisterebbe proprio in quello Stato Sociale che coniughi proprietà privata e proprietà pubblica e che aiuti sul serio la popolazione ormai sempre più in difficoltà economiche, ma non parliamo di aiuti equivalenti ad "elemosine" come un sistema Social Democratico vorrebbe che fossero.
    e di poter abolire il precariato o di risolvere il problema dell’immigrazione chiudendo le frontiere e rispolverando vecchie anticaglie in stato di decomposizione come lo Stato-nazione.
    Sul precariato sono perfettamente d'accordo. Non è una risorsa, ma una piaga. E' assurdo che una persona debba LAVORARE (non si tratta di un vizio, ma di un dovere e diritto) in costante ansia per ogni giorno che passa perchè è cosciente del fatto che il suo contratto stia per scadere.
    L'immigrazione invece non va bloccata sia per garantire un commercio e un dialogo sereno con i Paesi esteri, sia per dimostrare che l'Italia deve saper risolvere i problemi non eliminandoli, bensì affrontandoli.
    Il senso di civiltà (che accoglierebbe ovviamente con limiti e regole gli immigrati) deve essere vivo in noi, e possiamo benissimo farlo convivere con la nostra identità culturale. Perchè nazionalismo non è soppressione delle tradizioni o credende altrui, ma convivenza rispettosa tra culture differenti.

  3. #3
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per quanto riguarda l'impostazione ideologica della Destra che avete in mente mi trovate sostanzialmente d'accordo,sulla necessità di creare una Destra Nuova ma Vecchia,una Destra ideologicamente corazzata che si sappia porre al di fuori di ogni ideologia materialistica e decadente.Poi invece non ho capito bene le proposte economiche.Comunque sostanzialmente concordo con quanto detto da Hope, perchè bisogna rifiutare ogni tipo di Statalismo becero ma anche il liberismo che annulla valori propri della Destra come quello di Comunità e Popolo.Bisogna che il motore dello Stato sia la società civile e non viceversa, ma lo Stato non deve scomparire ma deve essere il garante dei cittadini e deve agire in settori nevralgici.A mio avviso la Destra in economia si deve basare sulla sussidiarietà,sull'economia sociale di mercato che a mio parere rappresentano l'unica alternativa possibile allo Statalismo odiosamente assistenzialista e al liberismo.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    196 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito

    Sono sostanzialmente d'accordo con quello che avete scritto. Bisognerebbe entrare più nel dettaglio per riuscire a costruire il modello di Destra, e di Stato europeo che abbiamo in mente, ma la sostanza è questa.
    Il guaio che non vedo formazioni politiche realmente di destra che abbiano in minimo di influenza politica. Spesso i nostri afflati ideali, ed anche il nostro impegno, non bastano. Senza risorse economiche oggi è impossibile fare politica.

 

 

Discussioni Simili

  1. Penne(PE)inizio di una politica aziendale differente
    Di Abruzzen nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-12-12, 15:35
  2. Il mio dio è differente
    Di mayanti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 20-12-08, 18:56
  3. Un approccio differente sulle vignette blasfeme
    Di Basiji nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 17-08-06, 17:55
  4. Un approccio differente sulle vignette blasfeme
    Di Basiji nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-08-06, 22:47
  5. Un sabato differente (Ettore tu non c'eri!)
    Di Gianmario nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-10-04, 20:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225