User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    11 Nov 2011
    Messaggi
    4,160
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani"

    Ah si? E con l'Alitalia come la mettiamo?
    Vediamo cosa ne pensa Francesco Giavazzi (notissimo bolscevico), sul corriere.it di oggi 27.8.08

    Alitalia, le insidie di un percorso


    di Francesco Giavazzi


    Ci sono quattro buoni motiviper cui il piano per Alitalia predisposto da Banca Intesa desta dubbi e perplessità, inducendo, pare, anche qualche membro del governo a suggerire che venga riconsiderata l’offerta di Air France sdegnosamente rifiutata quattro mesi fa. 1) Il piano rischia di costare ai contribuenti oltre un miliardo di euro, un terzo dei tagli alla scuola previsti dalla Finanziaria; 2) Gli imprenditori che dovrebbero acquisire il controllo della Nuova Alitalia corrono rischi seri: sono stati a lungo minimizzati, ma venuti al dunque non è più possibile nasconderli. Vogliamo davvero rischiare di trasferire su alcune nostre imprese, oltre che sui contribuenti, il costo del disastro di Alitalia? 3) Il piano verrebbe immediatamente impugnato dalla Ue e da quel contenzioso temo usciremmo perdenti; 4) Il piano richiede che vengano sospese le regole anti-trust, creando un precedente pericoloso per la politica della concorrenza.

    La Nuova Alitalia che è nata ieri sarà un’azienda senza debiti e con molti dipendenti in meno. Gli imprenditori privati che ne sono i nuovi azionisti apportando un miliardo di euro di capitale fresco apparentemente non corrono rischi: non ereditano debiti né dipendenti in eccesso, e soprattutto hanno la quasi certezza — questa infatti è la condizione necessaria, che essi hanno giustamente preteso—di rivendere fra un anno o poco più l’azienda a Lufthansa o a un’altra compagnia internazionale, recuperando così il miliardo speso oggi, magari con qualche profitto. Quest’operazione così ben congeniata nasconde però un’insidia a mio parere non valutata in modo adeguato dai nuovi azionisti. La Nuova Alitalia acquisterà aerei, slot e altri contratti dalla vecchia azienda della Magliana che domani il Consiglio dei ministri porrà in liquidazione. I prezzi ai quali la Nuova Alitalia acquisterà queste attività determineranno se la Vecchia Alitalia sarà in condizione di far fronte ai debiti che le rimarranno. Ad esempio, due anni fa gli aerei valevano 2,2 miliardi di euro: se i nuovi azionisti accettassero di acquistarli a quel prezzo, la Vecchia Alitalia potrebbe agevolmente pagare i propri debiti e poi chiudere.

    Ma dubito che i nuovi azionisti siano disposti a pagare tanto: gli aerei sono vecchi e più sale il prezzo del petrolio meno valgono. Le valutazioni internazionali suggeriscono oggi ragionevolmente un miliardo. Se così fosse la Vecchia Alitalia non avrebbe fondi sufficienti per pagare i propri debiti. I nuovi azionisti hanno richiesto una norma che li protegga dal rischio di revocatorie da parte dei creditori della Vecchia Alitalia, prova del fatto che non sono disposti a pagare molto. Che cosa accadrebbe se la Vecchia Alitalia non fosse in grado di far fronte ai propri debiti verso fornitori, banche e investitori che detengono obbligazioni della società? Una possibilità è non pagare. Due mesi fa, quando fu convertito in legge il decreto (DL 23.4.2008, n. 80) che evitò il fallimento concedendo ad Alitalia un prestito ponte di 300 milioni, il governo disse in Parlamento: «Con la presente norma si tende a salvaguardare per i prossimi dodici mesi la continuità aziendale di Alitalia... escludendo in tale lasso temporale, ogni ricorso ad ipotesi di liquidazione o di applicazione di procedure concorsuali ».

    Quindi i creditori di Alitalia hanno diritto ad essere rimborsati in quanto sono protetti da una legge che escludeva esplicitamente la liquidazione o anche solo lo scorporo della società— che invece avviene oggi prima della decorrenza di dodici mesi dall’approvazione del decreto. Che lo Stato debba pagare i debiti della Vecchia Alitalia è quindi certo. Nel momento stesso in cui paga, il governo viola le norme europee sugli aiuti di Stato. Consentire la sopravvivenza di un’azienda decotta trasferendone i debiti allo Stato è un classico caso di aiuto. Una condanna di Bruxelles obbligherebbe la Nuova Alitalia a rimborsare l’aiuto impropriamente ricevuto, cioè ad accollarsi quei debiti (questo è esattamente ciò che avvenne vent’anni fa quando Alfa Romeo fu ceduta alla Fiat senza debiti —di cui si fece carico l’Iri, cioè lo Stato. Dopo la condanna di Bruxelles quei debiti tornarono in capo alla Fiat). Sono consci i nuovi azionisti del rischio in cui incorrono e dal quale evidentemente lo Stato non li può manlevare? Ma non basta. Il decreto legge n. 80 prevede: «La somma erogata ad Alitalia è rimborsata il trentesimo giorno successivo a quello della cessione o della perdita del controllo effettivo da parte del Ministero dell’economia e delle finanze». Questo comma fu inserito nel decreto proprio per evitare che il prestito ponte fosse considerato un aiuto.

    Il governo ha poi trasformato il prestito in capitale, ma con una formula ambigua che ne consente la restituzione all’azionista qualora Bruxelles lo richieda. Quindi se la Vecchia Alitalia non avrà fondi sufficienti, sarebbe la Nuova Alitalia a dover rimborsare allo Stato i 300 milioni del prestito (che in cassa non ci sono più perché sono serviti a coprire le perdite dei primi mesi dell’anno). Altrimenti la controversia con Bruxelles si aggraverebbe ulteriormente. Vi è poi il problema Air One. I nuovi azionisti non vogliono la fusione fra Nuova Alitalia e Air One perché questa porterebbe nella Nuova Alitalia debiti e dipendenti di Air One. Essi vogliono semplicemente acquistare da Air One gli aerei, tutti gli slot (grazie a una sospensione delle regole anti-trust) e i contratti stipulati per la consegna di nuovi velivoli. Air One rimarrà quindi una scatola vuota, ma con molti dipendenti e 450 milioni circa di debiti: basterà la vendita di slot e aerei a far fronte ai debiti e al costo degli esuberi? Quanti debiti di Air One finiranno essi pure a carico dello Stato? Anche qui c’è un problema europeo: nel 2004, quando lo Stato rifinanziò Alitalia, Bruxelles acconsentì a patto che i nuovi fondi non fossero usati per allargare la quota di mercato: esattamente quello che oggi Alitalia fa acquisendo le attività di Air One. L’offerta di Air France non apriva problemi con Bruxelles e non costava nulla, tranne le indennità per un numero di esuberi comunque inferiore: anzi portava qualche spicciolo nelle casse dello Stato perché i francesi avrebbero pagato, seppur poco, le azioni di Alitalia.

    27 agosto 2008


    http://www.corriere.it/editoriali/08...4f02aabc.shtml

    C'è ancora qualche fesso che crede al titolo di questo thread?
    Fatevi vivi, che tiriamo fuori un altro paio di esempi.

    informauro

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    1 comunista rimasto : Silvio
    Data Registrazione
    20 May 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    4,175
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    , Robin Hood...ma...

  3. #3
    i' marchese del grullo
    Data Registrazione
    21 Jan 2006
    Località
    Cortona
    Messaggi
    5,364
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    o informauro ...... i' nanetto l'ha detto a su bischeri che un l'avrebbe messo le su manacce ne le loro tasche ...... e mica dentro le buste paga .....
    l'hanno frainteso .......

  4. #4
    XT
    XT è offline
    decerebrato consapevole
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Roma (vicino a)
    Messaggi
    2,708
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sarebbe stato onesto finire lo slogan: "non metteremo le mani nelle tasche degli italiani. Ma i soldi li sfileremo con ausilii leggermente piu' discreti".

    Piu' passano le ore e piu' penso che il rincoglionimento e' tale, in Italia, da far passare anche questa operazione come "mano divina sui problemi del Paese".
    "Preoccuparsi e' inutile. Infatti se esiste una soluzione al problema non ha senso preoccuparsi. E se la soluzione non esiste allora perche' preoccuparsi?" - Ignoto.

  5. #5
    i' marchese del grullo
    Data Registrazione
    21 Jan 2006
    Località
    Cortona
    Messaggi
    5,364
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da XT Visualizza Messaggio
    Sarebbe stato onesto finire lo slogan: "non metteremo le mani nelle tasche degli italiani. Ma i soldi li sfileremo con ausilii leggermente piu' discreti".

    Piu' passano le ore e piu' penso che il rincoglionimento e' tale, in Italia, da far passare anche questa operazione come "mano divina sui problemi del Paese".
    mano unta semmai ...... quelli che li piace pigliàllo 'n quel posto li dice FIstfucking ........

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Jun 2009
    Messaggi
    9,864
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da XT Visualizza Messaggio

    Piu' passano le ore e piu' penso che il rincoglionimento e' tale, in Italia, da far passare anche questa operazione come "mano divina sui problemi del Paese".
    E sai quale è il problema ?
    L'informazione.
    Nessuno che faccia un servizio con un minimo di volontà di spiegare i dettagli , le condizioni , insomma quello che c'è dietro.
    Nulla , solo i nomi degli azionisti , il nome della nuova società , e basta.

  7. #7
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,283
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ancora con sta' storia delle mani nelle tasche, e sì che dovrebbe essere chiaro oramai a tutti che scherzava...

  8. #8
    Clandestino
    Data Registrazione
    18 Dec 2004
    Messaggi
    4,626
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A dire la verità ha ragione. Mi ca mete le mani in tasca. Qui in 3 mesi si parla di grossi pali nel culo, altro che mani in tasca. Son gia' andati a puttane 1,5mld, con sta storia dell abad company ne partono altri 1,5

    Cristiano

  9. #9
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,283
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilgiardiniere Visualizza Messaggio
    E sai quale è il problema ?
    L'informazione.
    Nessuno che faccia un servizio con un minimo di volontà di spiegare i dettagli , le condizioni , insomma quello che c'è dietro.
    Nulla , solo i nomi degli azionisti , il nome della nuova società , e basta.
    Mandiamo una e-mail a Mazza e gli chiediamo di fare un approfondimento?

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2010
    Messaggi
    25,618
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    11 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    La solita vergogna del ciarlatano nano; chiacchiera chiacchiera, ma poi a prenderla nel culo sono sempre i contribuenti ed i fruitori di servizi pubblici.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 23-06-10, 10:01
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 08-06-10, 00:51
  3. la bugia: non metteremo mai le mani nelle tasche degli italiani.
    Di stefanopelloni nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 26-06-08, 08:53
  4. Non metteremo mai le mani nelle tasche degli italiani
    Di Alex il Rosso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-06-08, 20:47
  5. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 18-06-08, 17:53

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225