User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    23 Jan 2006
    Messaggi
    465
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il sole padano? No, del Regno delle Due Sicilie!

    Il sole "padano" non è altro che una sòla di chi si è inventato una "regione" per "sobrio" spirito egoistico-capitalista.


    http://www.vivamafarka.com/forum/ind...?topic=37302.0

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Qualcuno accompagni alla porta.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    24 Jul 2008
    Messaggi
    153
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ares

    Questi leghisti impediscono la libertà di pensiero... come ai tempi di Mussolini!!

    Buuuuuuuuuuuuuuuuuuuuh

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    Bassa Brianza
    Messaggi
    712
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non è la prima volta che vengono aperte discussioni di questo tipo.
    mi limito a due brevi notazioni.

    prima di parlare a sproposito sarebbe utile avere almeno conoscenza della genesi di quel simbolo (ormai comunemente chiamato "sole delle alpi") come simbolo identitario padanista.
    penso che il primo lancio in questo senso sia stato fatto con il libro "bandiere di libertà" di G. Oneto del 1992...
    Quindi buona cosa è la lettura di quel libro come di un altro dello stesso autore ("l'invenzione della Padania" del 1997)

    seconda annotazione.
    parafrasando ciò che disse il prof. Miglio, con il consenso della gente si può anche scegliere un simbolo e caricarlo di nuovi significati.
    le bandiere, come tutte le opere degli uomini, valgono per ciò che si credono essere...

    credo che una persona non maliziosa questo lo possa capire facilmente

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ares753 Visualizza Messaggio
    Il sole "padano" non è altro che una sòla di chi si è inventato una "regione" per "sobrio" spirito egoistico-capitalista.


    http://www.vivamafarka.com/forum/ind...?topic=37302.0
    a parte che il "sole delle alpi" un simbolo diffuso in tutte le valli padane, soprattutto negli oggeti del'artigianato tradizionale...
    poi tutte le bandiere sono un'invenzione, compresa quella italiana, copia di quella francese o quella basca che è stata inventata pochi decenni fa...
    ti invito poi a leggerti questo articolo..
    prima di intervenire è sempre bene sapere di cosa si parla..


    L’AUTONOMISMO CISALPINO

    di Lorenzo Busi


    Il 19 dicembre 1943, esponenti della Resistenza delle Province di Aosta e Torino elaborano la “Carta di Chivasso”, in cui si manifestano le tesi autonomiste che saranno alla base dell’Union valdôtaine e di analoghi gruppi; fra loro c’è Emile Chanoux, torturato a morte nel 1945 dai tedeschi, che arriva a teorizzare una “Repubblica delle Alpi”. Precedenti autonomisti celebri in ambito cisalpino si hanno da subito dopo l’unificazione italiana; ricordiamo il Movimento per il Libero Stato di Milano di Dario Papa, la cui avanzata elettorale negli anni ’90 del 1800, incoraggia i Savoia ad inviare in città nel 1898 lo stragista Bava Beccaris. O le tendenze federaliste dei Turati, dei Grieco e dei Gramsci, sfociate al congresso comunista di Colonia del 1931, nella proposta di una macroregionale “Repubblica del Nord” come parte di un’Italia federale. Negli anni ’20 fra l’Appennino ligure e la Valtellina si espande il Partito dei Contadini, abituato a tenere i propri congressi in lingua locale; nel ’24 elegge 4 deputati, uno nel 1946.

    Dal confino presso l’isola di Ventotene nel 1943, viene predisposto il Manifesto federalista di Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni, ispirato ad un’idea di Europa federale basata su Regioni e Macroregioni. O ancora il foglio clandestino “Il Cisalpino” di Gianfranco Miglio, che nel 1945 propugna la nascita di un Cantone padano nell’Italia liberata; nel frattempo desta preoccupazione nelle questure orientali la diffusione dell’organizzazione “San Marco per Forza”. A guerra finita i valdostani incoraggiano, più o meno direttamente, lo sviluppo di autonomismi di successo: quello trentino dell’Asar e del Patt, bolzanino della Svp, udinese del Maf, triestino del Melone, sloveno della Skupnost, bergamasco del Mab, ossolano dell’Uopa e della Lega lepontina, valsesiano del Mav, occitano del Mao, così come il fenomeno delle Leghe regionaliste degli anni ’70-’80. Dalla Valle d’Aosta vengono Alessandro Passerin d’Entreves, maestro di Miglio, Severino Caveri, promotore di una manifestazione dell’Asar che nel ’47 vedrà la mobilitazione di 30.000 persone e l’arrivo dell’esercito, e Bruno Salvadori, ispiratore della Lega autonomista lombarda del 1982. Negli anni ’50 esplode il fenomeno Marp, il Movimento autonomista regionale piemontese, che arriva ad conquistare 70.000 voti; fuori dal Piemonte il Movimento si presenta con egual sigla, ma con l’aggettivo finale di “padano”. Nel 1971 si candida in diversi collegi il Movimento Libera Padania. Nel 1973 autonomisti di sinistra fondano l’Alp, che concentra le proprie attività nei paesi di montagna del torinese, e propone un’alleanza con gli immigrati dal Sud. Nel 1975, quando trova completa attuazione il dettato costituzionale sulle Regioni, Guido Fanti, ex-sindaco di Bologna e primo Presidente della Giunta regionale Pci-Psi dell’Emilia-Romagna, propone l’accorpamento delle neo-nate Regioni cisalpine in un’entità che egli chiama Padania. Le violenze compiute negli anni ’60 a danno dei militanti tirolesi, vengono portate a valle dai settori meno tolleranti della destra italiana (ma non solo), e trovano il loro culmine con l’uccisione a revolverate, nell’ottobre del 1989, del dirigente dell’Union piemontèisa Mario Costero.

    Nello stesso anno nasce il cartello elettorale autonomista “Alleanza nord”, che porta all’Europarlamento due deputati. Nel 1991 il raggruppamento si ricompone in modo stabile col nome di Lega nord, con l’adesione di Lega lombarda, Liga veneta, Piemont autonomista, Lega emiliano-romagnola ed altre forze. La Lega – su indicazione di Miglio – propone una riforma costituzionale che ristrutturi lo Stato in tre cantoni: Padania, Etruria, Sud. È dunque abbracciando l’opzione macro-regionalista, e abbandonando definitivamente gli ormai sterili e inadeguati micro-nazionalismi regionali, che l’autonomismo diventa un fenomeno di massa. L’idea di una razionale tripartizione della Repubblica, mutuata dal Federalismo risorgimentale e dal Trattato di Plombières del 1858, conquista vasti strati dell’opinione pubblica centro-meridionale. I primi anni ’90 vedono il crollo del Pentapartito e l’ascesa della Lega, che nel 1993 arriva a conquistare il Comune di Milano (quasi il 40% dei voti al primo turno). A determinare questo, ed altri successi, è la capacità dei leaders leghisti di appassionare alle tematiche localiste persone di provenienze culturale e politica molto differenti, perseguendo una linea “centrista” nello scenario interno, critica verso l’unilateralismo statunitense in quello internazionale. A sostegno dell’esistenza della Padania si pone convintamente l’ex Dc Piero Bassetti, padre nobile e primo Presidente della Regione Lombardia, nel corso di un convegno dell’ottobre del ’98 a Erba.

    A partire dall’occitanismo del marxista François Fontan (che considerava i distretti meridionali della Francia come parte di un unico blocco socio-culturale detto Occitania), e dai catalanisti anti-franchisti di Jordi Poujol (che vedono le regioni orientali della Spagna, pur differenti, comporre l’unica Catalogna), si consolida l’idea di padanismo, a cui la Lega si dedicherà per una decina di anni, in modo tuttavia non sempre efficace, e qualche volta poco confacente. Formazioni padaniste di peso minore sono il Partito dei cattolici padani e il Movimento comunista federalista padano. In sintonia col pensiero macro-regionalista, e compensandosi con questo, tornano alla ribalta identità locali trascendenti i confini regionali, come nel caso dell’Arpitania, dell’Insubria, della Ladinia, della Romagna o della “mazziniana” Lunezia. Si sviluppa così una proficua e armonica dialettica fra i princìpi di Macroregione (Padania), e di Entità sub/sovra-regionale (es. Insubria), che bypassano i confini regionali “ufficiali”, spesso sentiti per un verso come non coincidenti con realtà omogenee, per l’altro limitanti le relazioni inter-cisalpine.

    Il concetto di Padania come Macroregione colorata da decine di differenti identità, ma coesa da una medesima “anima”, stimola un interesse trasversale alle ideologie e ai partiti, tanto che la legge 127/97 “Bassanini”, approvata dalla coalizione dell’Ulivo, arriva a prevedere la possibilità per le Regioni di aggregarsi in entità superiori. Nel 1998 il linguista Sergio Salvi, già Direttore del Centro Mostre di Firenze e critico letterario, uomo di sinistra radicale mai stato vicino alla Lega, dà alle stampe “La lingua padana e i suoi dialetti”, in cui, paragonando con i dovuti distinguo la realtà cisalpina a quella dei Paesi baschi (Macroregione divisa in Navarra, Vascongadas e Euskadi “francese”), arriva a sostenere l’esistenza di un’unica “Nazione padana”. Nel 2002 il Nobel Dario Fo lancia il cartone animato “Joan Padan a la descoverta de le Americhe”, ispirandosi alla koinè padano-medioevale di Bovesìn de la Riva e Ruzzante, da Fo stesso definita in un recente spettacolo “Lingua padana”. Al contrario fallisce negli ultimi anni ‘90, la riproposizione in chiave anti-padanista – fortemente incoraggiata dal centro-destra – di partiti neo-regionalisti ed etno-frazionisti (soprattutto in Veneto e Piemonte), da parte di persone spesso confluite, a fine avventura, nelle non propriamente autonomiste fila di Alleanza nazionale.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Nov 2007
    Messaggi
    362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.laliberacompagnia.org/_fi.../pdf/qp_01.pdf

    Quaderno Padano n.1.
    Da pag.3 a pag.6.

  7. #7
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un pò lo invidio... Io non riuscirei a fare tutto quello che fa lui con un neurone solo

    Se vedòm!
    Se vedòm!

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 26-11-18, 01:11
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-06-13, 18:01
  3. Il Regno più bello [REGNO DELLE DUE SICILIE]
    Di Napoli Capitale nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-12-09, 14:07
  4. Il Regno delle 2 sicilie
    Di albertsturm nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 120
    Ultimo Messaggio: 13-02-08, 18:59
  5. Regno delle DUE sicilie....
    Di Aganto nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-12-06, 18:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226