User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: La fine del liberismo?

  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La fine del liberismo?

    A quanto pare il liberismo selvaggio sta finalmente tirando le cuoia. A gran voce si chiede che la mano pubblica porti soccorso al settore finanziario, lo scavezzacollo che gridava indipendenza e che si sta letteralmente schiantando contro un muro di debitori insolventi. È la fine dei lunghi anni ’90, quelli della globalizzazione ruggente e del liberismo sfrenato.

    Come spesso è il caso, questa immagine sembra un po’ troppo semplice e unilaterale. Fannie Mae per esempio, la famosa agenzia di prestiti immobiliari ormai tenuta in piedi dal Tesoro statunitense, non è una ditta liberista, bensì un’agenzia federale, più precisamente la Federal National Mortgage Association. Guarda caso, fondata nel 1938 da Franklin Delano Roosevelt come parte del suo New Deal, il primo grande programma di interventismo keynesiano teso a parzialmente statalizzare l’economia statunitense sul modello delle economie pianificate comuniste e fasciste, come Roosevelt stesso non nascondeva.

    Forse sarebbe davvero il caso di gridare che il re è nudo. Tutta la crisi attuale non ha nulla a che fare con il liberismo che, ricordiamolo, significa in italiano laissez-faire e non esiste più da circa 130 anni. In un mercato libero chi fa errori paga di tasca propria, se caso fallendo. Il credito non viene prodotto dal nulla dalle banche centrali a prezzi (i tassi d’interesse) fissati politicamente. Lo Stato non fa da agenzia per prestiti ipotecari per la metà della massa immobiliare, come appunto negli USA.

    Il liberismo non è morto perché non c’è proprio. La spesa pubblica in rapporto al reddito nazionale è cresciuta in quasi tutti i paesi dal secondo dopoguerra e per anni la massa monetaria è stata aumentata nel mondo occidentale a ritmi tanto alti da generare gli effetti macroscopici lentamente sotto gli occhi di tutti. L’inflazione (una forma di fiscalità) non a caso sta raggiungendo i massimi storici degli ultimi otto anni: nei 30 paesi dell’OECD siamo al 4.4% su base annua in giugno. Se per giunta si calcolasse l’inflazione americana con le vecchie formule poi cambiate dall’amministrazione Clinton, come fa il sito www.shadowstats.com dell’economista John Williams, noteremmo già oggi tassi negli USA superiori all’8%!

    In sostanza, un’enorme e crescente bolla di liquidità creditizia si è mossa anno dopo anno da un mercato all’altro. Dopo i titoli tecnologici, nel 2001 l’onda di liquidità ha scelto il mercato immobiliare, e abbandonato questo migra ora verso energia e alimentari. Se anche gli indici borsistici o i prezzi immobiliari avessero fatto parte dell’indice dei prezzi, avremmo forse osservato gli attuali tassi d’inflazione già anni fa. La fantasia di una sconsiderata ingegneria finanziaria ha sicuramente aiutato, ma la questione centrale rimane da dove provenga tutto questo denaro. Se la massa monetaria mondiale fosse stata relativamente fissa, i soldi per giocare sarebbero finiti prima e con loro la degenerazione del sistema finanziario. Qui sta a mio avviso la chiave di volta della crisi attuale, che è di natura monetaria come il ’29: troppo credito creato dal nulla dalle banche centrali (anziché dai risparmi privati).

    Chi vende il “più Stato” alla luce della situazione attuale scherza molto pericolosamente col fuoco. In tutta la storia dell’umanità l’instabilità economica è aumentata al passo con la discrezionalità del potere politico, fino al tracollo. È successo ai Babilonesi, nell’antica Roma del tardo Impero, nella Cina del 1500, nell’Unione Sovietica. Purtroppo, anche stavolta la mano pubblica farà di tutto per salvarci dai problemi che lei stessa ha causato nel passato, quando artificialmente stimolò l’attività economica. Un’ottima occasione per lei per aumentare ulteriormente la discrezionalità politica con la scusa di salvarci dagli eccessi del liberismo selvaggio, che non c’è.

    Paolo Pamini è ricercatore associato del Liberales Institut di Zurigo.

    Da Il Corriere del Ticino, 29 agosto 2008

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=7048

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    22,070
    Mentioned
    61 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    bell'articolo,specie dove dice "il liberismo non è morto perché non c'è proprio".....

  3. #3
    Libertarian Party
    Data Registrazione
    16 Apr 2008
    Località
    Molte persone vogliono che il governo protegga il consumatore. Un problema molto più urgente è proteggere il consumatore dal governo
    Messaggi
    4,364
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si, ma l'agonia del sistema drogato ci danneggia. Occorre l'eutanasia.

  4. #4
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    bell'articolo,specie dove dice "il liberismo non è morto perché non c'è proprio".....
    credo che tu abbia visualizzato il punto fondamentale

 

 

Discussioni Simili

  1. va in onda la fine del liberismo
    Di Prinz Eugene nel forum Padania!
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 14-10-08, 01:17
  2. che fine faranno le destre alla fine dell'epopea berlusconi?
    Di sinistra_polliana nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 04-06-08, 18:52
  3. Cos'è il liberismo?
    Di Eyes Only (POL) nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 13-02-08, 20:33
  4. Liberismo
    Di ITALIANO (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 77
    Ultimo Messaggio: 20-04-06, 19:02
  5. W il liberismo!
    Di agaragar nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-09-02, 20:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226