User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 90
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Contro la scuola pubblica

    di Leonardo Butini

    La scuola sta per ricominciare, e come oramai accade puntualmente ogni anno, qualunque sia il colore del governo di turno, impazza il “toto-riforme”: grembiule si o grembiule no? Torna il voto in condotta? Esami si o esami no? E con quali commissioni, interne o esterne? Esami di riparazione si o no? E via così, di delirio in delirio, in un interminabile susseguirsi di provvedimenti che hanno come unico risultato quello di gettare il mondo scolastico, già malconcio di suo, nel più completo caos. Nessuno però che si azzardi neppure lontanamente a proporre l’unica vera, sensata riforma: privatizzare l’intero sistema.

    Già, la scuola è da sempre un vero e proprio tabù: in nessun altro campo lo schieramento a difesa del ruolo e dell’intervento dello Stato è tanto vasto e compatto: dai professori, ai genitori agli alunni, un blocco monolitico si schiera a favore della scuola pubblica, ed i partiti, che da tempo hanno cessato di essere fucine di idee per trasformarsi in grigi votifici sempre e soltanto in cerca di consenso a buon mercato, si sono adeguati alla vulgata corrente senza troppo penare.

    Eppure la scuola non è un classico esempio di bene pubblico, ammesso e non concesso che la nota definizione di Samuelson abbia un senso: trattasi infatti di un bene che non gode né della non escludibilità, né della non rivalità nel consumo, dal momento che, come scrive Alberto Mingardi in “Lettera ad un amico no global”, "l'educazione scolastica è un bene radicalmente diverso. Potremmo perfino dire che l'esclusione è parte della sua natura, dal momento che la scuola si articola per istituti, ordini e classi reciprocamente esclusivi. Inoltre impedire a qualcuno di beneficiare dei servizi offerti dalla tale istituzione o dal tal precettore è facilissimo. Chi non si iscrive alla facoltà di scienze politiche quasi certamente non ne seguirà le lezioni..."

    Nonostante questo, i difensori della scuola pubblica non demordono, insistendo costantemente su due motivazioni a loro dire fondamentali ed imprescindibili: da una parte si sostiene che solo la scuola pubblica consenta alle famiglie meno abbienti di fornire un’educazione ai propri figli, dall’altra si ritiene invece che solo la scuola pubblica possa fornire ai ragazzi un’educazione “neutrale”, imparziale, “scientifica”, scevra da qualsiasi visione di parte.

    Inutile dire che entrambe le argomentazioni fanno acqua da tutte le parti. Cominciamo con l’analizzare la prima.

    Che la scuola pubblica aiuti i più deboli è davvero difficile da sostenere: le tasse pagate ogni anno da ciascuno di noi infatti, finiscono in unico indistinto calderone, da cui non è dato sapere chi prelevi cosa e a quale scopo. Scrive ancora Mingardi: "è possibile che siano addirittura i "poveri" a finanziare l'istruzione dei figli dei ricchi. E' la conclusione di un famoso saggio di Armen Alchian. La ragione di una situazione così odiosa è intuitiva: i figli delle persone con reddito basso hanno meno probabilità di frequentare un'università; data la situazione della loro famiglia, è probabile che siano spinti ad entrare in fretta nel mondo del lavoro, indispensabile veicolo di emancipazione sociale. Il risultato è che con le loro tasse sul reddito finanzieranno gli studi dei loro coetanei più fortunati"...alla faccia della solidarietà!!!

    Altra questione è poi quella morale, spesso sottovalutata ma certo non meno importante: anche se finisse davvero con l’aiutare i più deboli, la tassazione continuerebbe comunque, in punta di vocabolario e di diritti naturali, a costituire un furto in piena regola. Ed un furto resta sempre e comunque un crimine, qualunque sia l’uso che poi si fa del bottino. E’ giusta e desiderabile una società fondata sul furto?

    Venendo invece alla presunta neutralità della scuola pubblica, ci vengono in soccorso le parole di Luca Serena: "la retorica laica si alimenta di un principio tanto ridicolo quanto pericoloso: quello della neutralità dello Stato. In realtà, per definizione, ogni organizzazione umana è caratterizzata da culture, scelte e volontà ben precise...nei fatti, d'altra parte, se pensiamo anche solo alla storia italiana noi ritroviamo innumerevoli appelli all'autonomia delle istituzioni pubbliche e al tempo stesso, però, dobbiamo rilevare come gli ordinamenti che si sono succeduti siano stati - di volta in volta - variamente utilizzati da questo o quel gruppo di potere culturalmente ben definito: massonico-risorgimentale, clerico-fascista, democristian-socialista, tecnocratico-comunista.

    Insomma, le argomentazioni degli statalisti in grembiulino non reggono, se solo ci si sofferma ad analizzarle con un briciolo di attenzione. Eppure, quando va bene, i “liberali” di casa nostra si limitano a parlare di buoni-scuola, che del mercato altro non sono che una sbiadita e poco efficace imitazione. Di privatizzazione, nemmeno a parlarne…forse perché quando si parla di privati ed istruzione la mente corre subito agli istituti privati attualmente esistenti nel nostro paese, che schiacciati dalla concorrenza sleale dello Stato ed inseriti in un contesto che definire scarsamente competitivo è poco, sono in effetti costretti a praticare prezzi che appaiono troppo elevati in relazione alla qualità dei servizi resi.

    Ma quello che occorre per rilanciare davvero il sistema scolastico è una riforma rivoluzionaria che riconsegni l’educazione dei figli alla libera scelta delle famiglie, sottraendola alle grinfie di quello Stato che se ne serve all’unico scopo di creare docili soldatini. "Meglio che una massa di marmocchi cresca senza istruzione scolastica anzichè diventi istruita per essere poi mandata a farsi ammazzare o mutilare in guerra una volta adulta",avrebbe sentenziato Ludwig Von Mises.

    http://www.movimentolibertario.it/ho...id=61&fn_cid=4

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Messaggi
    2,405
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    è un grande classico delle discussioni tra socialisti e liberali, per un liberale il figlio di un nullatenete è destinato a pagare per le colpe del padre, per un socialista deve avere le medesime possibilità del figlio di un milionario. Io sono più socialista che liberale.

  3. #3
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Crowbar Visualizza Messaggio
    è un grande classico delle discussioni tra socialisti e liberali, per un liberale il figlio di un nullatenete è destinato a pagare per le colpe del padre, per un socialista deve avere le medesime possibilità del figlio di un milionario. Io sono più socialista che liberale.

    io punterei più all'autoformazione..... tanto i titoli di studio dovrebbero essere carta straccio..

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Messaggi
    2,405
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da domenicolet. Visualizza Messaggio
    io punterei più all'autoformazione..... tanto i titoli di studio dovrebbero essere carta straccio..
    Io opterei per lo scambio in culla, darei il figlio del ricco in affidamento al povero e viceversa...

  5. #5
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Crowbar Visualizza Messaggio
    è un grande classico delle discussioni tra socialisti e liberali, per un liberale il figlio di un nullatenete è destinato a pagare per le colpe del padre, per un socialista deve avere le medesime possibilità del figlio di un milionario. Io sono più socialista che liberale.
    Veramente è il contrario.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Messaggi
    2,405
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio
    Veramente è il contrario.
    perchè?
    Ipotesi: assenza di servizi pubblici di ogni tipo. % filantropi = 0 (stima realistica )

    famiglia nullatenente---> bambino muore prima di arrivare a scuola
    famiglia povera--->scuola/istruzione di serie B----> possibilità di serie B
    famiglia ricca--->scuola/istruzione di serie A----> possibilità di serie A

  7. #7
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Crowbar Visualizza Messaggio
    perchè?
    Ipotesi: assenza di servizi pubblici di ogni tipo. % filantropi = 0 (stima realistica )

    famiglia nullatenente---> bambino muore prima di arrivare a scuola
    famiglia povera--->scuola/istruzione di serie B----> possibilità di serie B
    famiglia ricca--->scuola/istruzione di serie A----> possibilità di serie A
    Esistono le borse di studio. In questo sistema è lo stato che ci rende tutti poveri privandoci delle ricchezze e imponendo la scuola pubblica.
    Poi assenza di filantropi? E' una forma di marketing e tanto più è incentivata dal mercato.

  8. #8
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Crowbar Visualizza Messaggio
    perchè?
    Ipotesi: assenza di servizi pubblici di ogni tipo. % filantropi = 0 (stima realistica )

    famiglia nullatenente---> bambino muore prima di arrivare a scuola
    famiglia povera--->scuola/istruzione di serie B----> possibilità di serie B
    famiglia ricca--->scuola/istruzione di serie A----> possibilità di serie A

    non puoi portare il filantropismo a zero, è impossibile anzi i un sistema libertario le istituzioni volonarie avrebbero molto molto potere, perchè garantire dei servizi fa bene a tutti.. sarebbero pochi quelli che non pagando tasse non darebbero una belle cifretta alle associzioni.

  9. #9
    Radicalpignolo
    Data Registrazione
    16 Apr 2004
    Località
    www.radicalweb.it
    Messaggi
    18,344
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Crowbar Visualizza Messaggio
    è un grande classico delle discussioni tra socialisti e liberali, per un liberale il figlio di un nullatenete è destinato a pagare per le colpe del padre, per un socialista deve avere le medesime possibilità del figlio di un milionario. Io sono più socialista che liberale.
    Proprio perchè sei un socialista qua sei un pesce fuor d'acqua, che ci stai a fare? Il pezzo dell'amico Leonardo l'ho già commentato in altre sedi e lo trovo stupendo, come d'altro canto la stragrande maggioranza dei suoi scritti.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Jan 2006
    Località
    Mestre e Feltre
    Messaggi
    272
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E il sistema più difficile da privatizzare insieme a quello della sanità.
    MA per un vero stato liberale dovrebbero essere in mano ai privati, non allo stato che non si sa nè come nè dove spenda i nostri soldi.

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 183
    Ultimo Messaggio: 22-06-13, 17:45
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-11-08, 20:10
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-07-07, 03:08
  4. La scuola pubblica e' un crimine contro la Nazione
    Di Il Condor nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 02-06-07, 00:17
  5. Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 19-10-06, 23:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226