User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 44
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Integerrima ministra del nord da il buon esempio...

    Nella città calabrese l'anno precedente il record di ammessi con il 93 per cento

    Da Brescia a Reggio Calabria
    Così la Gelmini diventò avvocato


    L'esame di abilitazione all'albo nel 2001.
    Il ministro dell'Istruzione: «Dovevo lavorare subito»



    Novantatré per cento di ammessi agli orali! Come resistere alla tentazione? E così, tra i furbetti che nel 2001 scesero dal profondo Nord a fare gli esami da avvocato a Reggio Calabria si infilò anche Mariastella Gelmini. Ignara delle polemiche che, nelle vesti di ministro, avrebbe sollevato con i (giusti) sermoni sulla necessità di ripristinare il merito e la denuncia delle condizioni in cui versano le scuole meridionali. Scuole disastrose in tutte le classifiche «scientifiche» internazionali a dispetto della generosità con cui a fine anno vengono quasi tutti promossi.
    La notizia, stupefacente proprio per lo strascico di polemiche sulla preparazione, la permissività, la necessità di corsi di aggiornamento, il bagaglio culturale dei professori del Mezzogiorno, polemiche che hanno visto battagliare, sull'uno o sull'altro fronte, gran parte delle intelligenze italiane, è stata data nella sua rubrica su laStampa.it da Flavia Amabile. La reazione degli internauti che l'hanno intercettata è facile da immaginare. Una per tutti, quella di Peppino Calabrese: «Un po' di dignità ministro: si dimetta!!» Direte: possibile che sia tutto vero? La risposta è nello stesso blog della giornalista. Dove la Gelmini ammette. E spiega le sue ragioni.
    Un passo indietro. È il 2001. Mariastella, astro nascente di Forza Italia, presidente del consiglio comunale di Desenzano ma non ancora lanciata come assessore al Territorio della provincia di Brescia, consigliere regionale lombarda, coordinatrice azzurra per la Lombardia, è una giovane e ambiziosa laureata in giurisprudenza che deve affrontare uno dei passaggi più delicati: l'esame di Stato.
    Per diventare avvocati, infatti, non basta la laurea. Occorre iscriversi all'albo dei praticanti procuratori, passare due anni nello studio di un avvocato, «battere» i tribunali per accumulare esperienza, raccogliere via via su un libretto i timbri dei cancellieri che accertino l'effettiva frequenza alle udienze e infine superare appunto l'esame indetto anno per anno nelle sedi regionali delle corti d'Appello con una prova scritta (tre temi: diritto penale, civile e pratica di atti giudiziari) e una (successiva) prova orale. Un ostacolo vero. Sul quale si infrangono le speranze, mediamente, della metà dei concorrenti. La media nazionale, però, vale e non vale. Tradizionalmente ostico in larga parte delle sedi settentrionali, con picchi del 94% di respinti, l'esame è infatti facile o addirittura facilissimo in alcune sedi meridionali.
    Un esempio? Catanzaro. Dove negli anni Novanta l'«esamificio» diventa via via una industria. I circa 250 posti nei cinque alberghi cittadini vengono bloccati con mesi d'anticipo, nascono bed&breakfast per accogliere i pellegrini giudiziari, riaprono in pieno inverno i villaggi sulla costa che a volte propongono un pacchetto «all-included»: camera, colazione, cena e minibus andata ritorno per la sede dell'esame.
    Ma proprio alla vigilia del turno della Gelmini scoppia lo scandalo dell'esame taroccato nella sede d'Appello catanzarese. Inchiesta della magistratura: come hanno fatto 2.295 su 2.301 partecipanti, a fare esattamente lo stesso identico compito perfino, in tantissimi casi, con lo stesso errore («recisamente» al posto di «precisamente», con la «p» iniziale cancellata) come se si fosse corretto al volo chi stava dettando la soluzione? Polemiche roventi. Commissari in trincea: «I candidati — giura il presidente della «corte» forense Francesco Granata — avevano perso qualsiasi autocontrollo, erano come impazziti». «Come vuole che sia andata? — spiega anonimamente una dei concorrenti imbroglioni —. Entra un commissario e fa: "Scrivete". E comincia a dettare il tema. Bello e fatto. Piano piano. Per dar modo a tutti di non perdere il filo».
    Le polemiche si trascinano per mesi e mesi al punto che il governo Berlusconi non vede alternative: occorre riformare il sistema con cui si fanno questi esami. Un paio di anni e nel 2003 verrà varata, per le sessioni successive, una nuova regola: gli esami saranno giudicati estraendo a sorte le commissioni così che i compiti pugliesi possano essere corretti in Liguria o quelli sardi in Friuli e così via. Riforma sacrosanta. Che già al primo anno rovescerà tradizioni consolidate: gli aspiranti avvocati lombardi ad esempio, valutati da commissari d'esame napoletani, vedranno la loro quota di idonei raddoppiare dal 30 al 69%.
    Per contro, i messinesi esaminati a Brescia saranno falciati del 34% o i reggini ad Ancona del 37%. Quanto a Catanzaro, dopo certi record arrivati al 94% di promossi, ecco il crollo: un quinto degli ammessi precedenti.
    In quei mesi di tormenti a cavallo tra il 2000 e il 2001 la Gelmini si trova dunque a scegliere, spiegherà a Flavia Amabile: «La mia famiglia non poteva permettersi di mantenermi troppo a lungo agli studi, mio padre era un agricoltore. Dovevo iniziare a lavorare e quindi dovevo superare l'esame per ottenere l'abilitazione alla professione». Quindi? «La sensazione era che esistesse un tetto del 30% che comprendeva i figli di avvocati e altri pochi fortunati che riuscivano ogni anno a superare l'esame. Per gli altri, nulla. C'era una logica di casta, per fortuna poi modificata perché il sistema è stato completamente rivisto». E così, «insieme con altri 30-40 amici molto demotivati da questa situazione, abbiamo deciso di andare a fare l'esame a Reggio Calabria».
    I risultati della sessione del 2000, del resto, erano incoraggianti. Nonostante lo scoppio dello scandalo, nel capoluogo calabrese c'era stato il primato italiano di ammessi agli orali: 93,4%. Il triplo che nella Brescia della Gelmini (31,7) o a Milano (28,1), il quadruplo che ad Ancona. Idonei finali: 87% degli iscritti iniziali. Contro il 28% di Brescia, il 23,1% di Milano, il 17% di Firenze. Totale: 806 idonei. Cinque volte e mezzo quelli di Brescia: 144. Quanti Marche, Umbria, Basilicata, Trentino, Abruzzo, Sardegna e Friuli Venezia Giulia messi insieme.


    Insomma, la tentazione era forte. Spiega il ministro dell'Istruzione: «Molti ragazzi andavano lì e abbiamo deciso di farlo anche noi». Del resto, aggiunge, lei ha «una lunga consuetudine con il Sud. Una parte della mia famiglia ha parenti in Cilento». Certo, è a quasi cinquecento chilometri da Reggio. Ma sempre Mezzogiorno è. E l'esame? Com'è stato l'esame? «Assolutamente regolare». Non severissimo, diciamo, neppure in quella sessione. Quasi 57% di ammessi agli orali. Il doppio che a Roma o a Milano. Quasi il triplo che a Brescia. Dietro soltanto la solita Catanzaro, Caltanissetta, Salerno. Così facevan tutti, dice Mariastella Gelmini. Da oggi, dopo la scoperta che anche lei si è infilata tra i furbetti che cercavano l'esame facile, le sarà però un po' più difficile invocare il ripristino del merito, della severità, dell'importanza educativa di una scuola che sappia farsi rispettare. Tutte battaglie giuste. Giustissime. Ma anche chi condivide le scelte sul grembiule, sul sette in condotta, sull'imposizione dell'educazione civica e perfino sulla necessità di mettere mano con coraggio alla scuola a partire da quella meridionale, non può che chiedersi: non sarebbero battaglie meno difficili se perfino chi le ingaggia non avesse cercato la scorciatoia facile?
    Gian Antonio Stella
    04 settembre 2008

    http://www.corriere.it/cronache/08_s...4f02aabc.shtml

    dopo la ministra velina ci mancava questa...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,776
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    bravo come sempre stella.

    il guaio è che se a qualcuno vengono dei
    dubbi a proposito di "una, sacra, indivisibile",
    il nostro si mette a cantare fratelli d'itaglia...

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,823
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    La vicenda Gelmini fa capire due cose:
    1. Che il diverso valore dell'istruzione scolastica e universitaria fra Padania e italia propriamente detta è una realtà documentata;
    2. Che i padani che si oppongono all'indipendenza della loro terra - come la Gelmini - hanno un fottutissimo bisogno di tenersi questo stato mafioso, uno e indivissibbile.

  4. #4
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma scusate, ma non vi viene neanche un piccolo dubbio ?

    Io ritengo che lo scandalo vero erano i risultati degli esami nelle città del nord, non quelli del sud.
    Se fate una indagine sui pochi promossi al nord vi accorgerete che passavano i figli di avvocati, di professori universitari, di magistrati, di politici etc. etc.
    E sapete perchè la maggiranza dei poveri candidati non passava nelle città del nord ?
    Per un fatto semplice che la dice lunga sulla spietatezza delle regole del mercato.
    Gli avvocati lì al nord sono una casta agguerrita che non permette la lesione delle loro quote di mercato e che considera la posizione acquisita come un privilegio ereditario da passare da padre in figlio.
    Ecco la ragione di tanta spietatezza !
    Cattiveria!

    Le sedi del sud-italia sono state l'unica speranza per tanti poveri e disperati laureati del nord bravi, studiosi che si sono trovati di fronte ad un muro corporativo di omertà e di cattiveria e sono stati mortificati ignobilmente.

    Molti di loro che superarono l'esame in calabria sono ora diventati degli affermatissimi e bravissimi avvocati nelle loro città di origine.

    In quegli anni dalla calabria sono passate le più belle menti sfornate dalle università del nord ed hanno ottenuto la meritata giustizia grazie a noi calabresi.

    RINGRAZIATECI !!!!!
    RINGRAZIATECI !!!

  5. #5
    frontelombardia.org
    Data Registrazione
    23 Mar 2005
    Località
    Dèl - Brèsa | Hèmpèr Pròncc, Mìa Pòra | Europa - il Crepuscolo degli Dei
    Messaggi
    1,619
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Falsi esami: sequestrati 13 diplomi di laurea
    Provvedimento riguarda anche avvocato che esercita a Milano

    (ANSA) - CATANZARO, 3 SET - La Procura di Catanzaro ha sequestrato 13 lauree nell'ambito dell'indagine sui presunti esami venduti all'Universita' Magna Grecia. Tra i diplomi sequestrati c'e' anche quello di un avvocato che svolge la sua attivita' a Milano. Nell'inchiesta sono attualmente indagate 17 persone tra cui laureati e studenti prossimi alla laurea. Le accuse ipotizzate sono quelle di corruzione e falso materiale e ideologico in atti pubblici per induzione.

    http://www.ansa.it/site/notizie/regi...103249600.html

  6. #6
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    Ma scusate, ma non vi viene neanche un piccolo dubbio ?

    Io ritengo che lo scandalo vero erano i risultati degli esami nelle città del nord, non quelli del sud.
    Se fate una indagine sui pochi promossi al nord vi accorgerete che passavano i figli di avvocati, di professori universitari, di magistrati, di politici etc. etc.
    E sapete perchè la maggiranza dei poveri candidati non passava nelle città del nord ?
    Per un fatto semplice che la dice lunga sulla spietatezza delle regole del mercato.
    Gli avvocati lì al nord sono una casta agguerrita che non permette la lesione delle loro quote di mercato e che considera la posizione acquisita come un privilegio ereditario da passare da padre in figlio.
    Ecco la ragione di tanta spietatezza !
    Cattiveria!

    Le sedi del sud-italia sono state l'unica speranza per tanti poveri e disperati laureati del nord bravi, studiosi che si sono trovati di fronte ad un muro corporativo di omertà e di cattiveria e sono stati mortificati ignobilmente.

    Molti di loro che superarono l'esame in calabria sono ora diventati degli affermatissimi e bravissimi avvocati nelle loro città di origine.

    In quegli anni dalla calabria sono passate le più belle menti sfornate dalle università del nord ed hanno ottenuto la meritata giustizia grazie a noi calabresi.

    RINGRAZIATECI !!!!!
    RINGRAZIATECI !!!
    Ninin, ma sei intimamente convinto di quello che dici?
    Di gente in gamba che ha passato l'esame d'avvocatura senza essere "figlio di" ne conosco diversa. Non nego le raccomandazioni, ma quelle della Gelmini mi paiono scusanti.

  7. #7
    Dime Can Ma No 'Talián!
    Data Registrazione
    20 Jun 2009
    Località
    Nederland - Paexi Basi
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    Ma scusate, ma non vi viene neanche un piccolo dubbio ?

    Io ritengo che lo scandalo vero erano i risultati degli esami nelle città del nord, non quelli del sud.
    Se fate una indagine sui pochi promossi al nord vi accorgerete che passavano i figli di avvocati, di professori universitari, di magistrati, di politici etc. etc.
    Ma tu l'hai fatta l'indagine o parli per sentito dire?

    E sapete perchè la maggiranza dei poveri candidati non passava nelle città del nord ?
    Per un fatto semplice che la dice lunga sulla spietatezza delle regole del mercato.
    Gli avvocati lì al nord sono una casta agguerrita che non permette la lesione delle loro quote di mercato e che considera la posizione acquisita come un privilegio ereditario da passare da padre in figlio.
    Ecco la ragione di tanta spietatezza !
    Cattiveria!
    E invece al sud sono tutti buoni e nessuno ha rendite di posizione vero?

    Le sedi del sud-italia sono state l'unica speranza per tanti poveri e disperati laureati del nord bravi, studiosi che si sono trovati di fronte ad un muro corporativo di omertà e di cattiveria e sono stati mortificati ignobilmente.

    Molti di loro che superarono l'esame in calabria sono ora diventati degli affermatissimi e bravissimi avvocati nelle loro città di origine.
    Ancora: hai dei dati o parli per sentito dire?


    In quegli anni dalla calabria sono passate le più belle menti sfornate dalle università del nord ed hanno ottenuto la meritata giustizia grazie a noi calabresi.

    RINGRAZIATECI !!!!!
    RINGRAZIATECI !!!

    ...non ci sono più i troll di una volta.

  8. #8
    Tyr
    Tyr è offline
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    MARCA DI VERONA E AQUILEIA
    Messaggi
    2,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    Ma scusate, ma non vi viene neanche un piccolo dubbio ?

    Io ritengo che lo scandalo vero erano i risultati degli esami nelle città del nord, non quelli del sud.
    Se fate una indagine sui pochi promossi al nord vi accorgerete che passavano i figli di avvocati, di professori universitari, di magistrati, di politici etc. etc.
    E sapete perchè la maggiranza dei poveri candidati non passava nelle città del nord ?
    Per un fatto semplice che la dice lunga sulla spietatezza delle regole del mercato.
    Gli avvocati lì al nord sono una casta agguerrita che non permette la lesione delle loro quote di mercato e che considera la posizione acquisita come un privilegio ereditario da passare da padre in figlio.
    Ecco la ragione di tanta spietatezza !
    Cattiveria!

    Le sedi del sud-italia sono state l'unica speranza per tanti poveri e disperati laureati del nord bravi, studiosi che si sono trovati di fronte ad un muro corporativo di omertà e di cattiveria e sono stati mortificati ignobilmente.

    Molti di loro che superarono l'esame in calabria sono ora diventati degli affermatissimi e bravissimi avvocati nelle loro città di origine.

    In quegli anni dalla calabria sono passate le più belle menti sfornate dalle università del nord ed hanno ottenuto la meritata giustizia grazie a noi calabresi.

    RINGRAZIATECI !!!!!
    RINGRAZIATECI !!!
    Non è vero che passavano solo figli di avvocati e notai.
    Comunque non bocciavano tanto neanche al nord.
    I Biologi, i Medici e i Farmacisti passavano nel 90% dei casi.
    Hanno dato una stretta all'esame di stato per avvocato dopo gli scandali al sud.
    Attualmente mi pare che il 30% dei laureati magistrali in legge non passi l'esame di abilitazione.
    Al secondo tentativo lo passano praticamente tutti.
    Almeno queste sono le notizie da un parente laureato in "scienze giuridiche".

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Nov 2007
    Messaggi
    362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ennesima dimostrazione che ci troviamo in una repubblica delle banane. In qualsiasi paese serio la Gelmini si sarebbe dimessa, tanto più dopo le dichiarazioni (che condivido) rese e poi oggetto di pubbliche scuse sul livello della scuola al sud.

  10. #10
    Civitella del Tronto
    Data Registrazione
    16 Apr 2008
    Messaggi
    2,715
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ecco uno dei motivi per cui l'agognata secessione o il federalismo non arrivano mai.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il buon esempio.
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 30-07-11, 15:54
  2. Il buon esempio
    Di vanni fucci nel forum Fondoscala
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-07-10, 13:49
  3. buon esempio
    Di jotsecondo nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 16-05-10, 19:07
  4. Buon esempio
    Di robdealb91 nel forum Marche
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-07-08, 23:38
  5. Buon esempio
    Di robdealb91 nel forum Umbria
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-07-08, 17:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226