User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Feb 2007
    Messaggi
    392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Nuove strade non risolvono il problema del traffico

    Domà Nunch
    Associazione econazionalista Insubre
    www.eldraghbloeu.com
    www.domanunch.org



    Comunicato del 5 Settembre 2008

    UBOLDO - Domà Nunch: "Nuove strade non risolvono il problema del traffico"

    Domà Nunch raccoglie e sostiene il messaggio degli abitanti di Uboldo, che ancora una volta hanno visto calpestate dallo Stato le richieste di salvaguardia delle loro ultime aree agricole, su cui è in progetto lo svincolo autostradale di Saronno Sud. Come ben sa chi segue le nostre attività, si tratta di un'opera simbolo dello sfruttamento intensivo del territorio, nata dal fatto che la speculazione immobiliare avvenuta nell'ultimo decennio a Saronno ha congestionato l'attuale svincolo. Ora chi paga sono gli abitanti di un paese che ha, invece, coraggiosamente tutelato il territorio. Fino a dove può spingersi questo progresso distruttivo? Quanto può valere l'identità ambientale e comunitaria di un paese contro la smania economicista degli speculatori? Ecco la situazione aggiornata tramite gli amici del Comitato uboldese "No allo Svincolo".

    Nel trascorso mese di agosto il Ministro delle Infrastrutture Matteoli ha fatto approvare al governo il progetto di ampliamento dell'A9 includendovi di forza anche lo svincolo Saronno Sud. Con questa approvazione il Ministro ha deliberatamente calpestato la posizione del Comune di Uboldo di contrarietà allo svincolo. Ciò è avvenuto nonostante Uboldo fosse il comune del cui voto si sarebbe dovuto maggiormente tenere conto sul piano morale e politico, poiché quello che subirà maggiormente le conseguenze di tale opera inutile e dannosa.

    Le spiegazioni del Ministro Matteoli per tale gesto si commentano da sé: <<Si trattava di un'opera di interesse nazionale>> ha detto. E ancora sul progetto <<ha il consenso di tutti i comuni meno quello di Uboldo….che ha 1500 (millecinquecento) abitanti>>, ha sentenziato a proposito dei diecimila (!) cittadini uboldesi. Un vero senso delle proporzioni, una vera conoscenza del territorio coinvolto nell’opera!

    Anche l’assessore regionale alle Infrastrutture Cattaneo (oggetto già di contestazioni durante la sua ultima apparizione pubblica in paese) ha esultato.
    Ci ha poi spiegato che la decisione andava presa in fretta perché Uboldo non era in grado di decidere, quasi a lasciar credere che qualche diritto di decidere in proprio Uboldo l'aveva. L’assessore Cattaneo sembra dimenticare che il Comune aveva già deciso con un voto contrario. Ma evidentemente per l’assessore il voto contrario del Comune diretto interessato non conta niente.


    Il Comitato valuterà tutti gli aspetti della decisione assunta a Roma, ma ricorda ancora che lo svincolo Saronno Sud è un’opera inutile e dannosa, che sul lungo periodo costituirà un potente attrattore di ulteriori cementificazioni in un territorio scarso e prezioso. Quella dello svincolo Saronno Sud è una scelta che appare già vecchia prima ancora di essere realizzata.E’ un’opera decisa in qualche salottino del potere locale qualche anno fa, ma pensata con un approccio vecchio di 50 anni: come se l’Alto Milanese non fosse un'area complessa e intricata, ma un Texas libero da case, comunità umane e animali.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Longobardo
    Data Registrazione
    12 Aug 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    514
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'idiozia di nuove autostrade è un retaggio italiota, tutti gli altri stati europei progrediti hanno diminuito drasticamente il traffico commerciale su gomma potenziando il trasporto ferroviario e su acqua vietando o tassando fortemente i famigerati TIR, ma da noi le cose sensate sono considerate stupide o dannose dalle lobby industriali, tanto i ricconi vivono in ville lontano dall'inquinamento e dalla deturpazione del paesoggio che subiscono le popolazioni locali.

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,680
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da El Milanes Visualizza Messaggio
    L'idiozia di nuove autostrade è un retaggio italiota, tutti gli altri stati europei progrediti hanno diminuito drasticamente il traffico commerciale su gomma potenziando il trasporto ferroviario e su acqua vietando o tassando fortemente i famigerati TIR, ma da noi le cose sensate sono considerate stupide o dannose dalle lobby industriali, tanto i ricconi vivono in ville lontano dall'inquinamento e dalla deturpazione del paesoggio che subiscono le popolazioni locali.

    concordo

    da sottolineare che in itaglia appena fai una nuova strada gli enti locali cambiano i piani regolatori piazzandoci attorno centri commerciali, zone artigianali/industriali, semafori o rotonde così da rendere inutile lo scopo iniziale della strada (eliminare il traffico)
    durante il precendente governo berlusconi, attorno ai terreni su cui doveva (o dovrà) passare la nuova bre-be-mi, era già iniziato il mercato delle vacche per l'acquisizione da parte di cementificatori/speculatori che d'accordo con soliti intrallazzoni legati alla politica sono già pronti a infarcire di centri commerciali le uscite della futura autostrada

  4. #4
    Non si fitta ai terroni.
    Data Registrazione
    11 Dec 2007
    Località
    Non sono razzista. Il razzismo è un crimine, e il crimine è roba da negri.
    Messaggi
    576
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il territorio del varesotto in prossimità della prov di Milano non ha alcun pregio nè naturalistico nè storico. Ritengo che uno svincolo dell'autostrada sia più utile che strade di campagna preda di puttane negre e papponi rumeni.

  5. #5
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,680
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da NoNickName Visualizza Messaggio
    Il territorio del varesotto in prossimità della prov di Milano non ha alcun pregio nè naturalistico nè storico. Ritengo che uno svincolo dell'autostrada sia più utile che strade di campagna preda di puttane negre e papponi rumeni.
    lo svincolo non funzionerà mai perchè a ridosso costruiranno subito i centri commerciali, motel e altro cemento

    lo svicolo di Saronno è l'antitesi di come di fa un'autostrda: esci e a 200 metri ti trovi un mega semaforo su una statale contornato da attività commerciali, una vera perla di stupidaggini tipicamente itagliota
    Saronno non può riversare i suoi errori sui comuni limitrofi

  6. #6
    itaglia stato canaglia
    Data Registrazione
    26 Aug 2006
    Località
    Busnago (Brianza Est)
    Messaggi
    1,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nuovi treni e metro risolvono il problema

  7. #7
    Non si fitta ai terroni.
    Data Registrazione
    11 Dec 2007
    Località
    Non sono razzista. Il razzismo è un crimine, e il crimine è roba da negri.
    Messaggi
    576
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    lo svincolo non funzionerà mai perchè a ridosso costruiranno subito i centri commerciali, motel e altro cemento

    lo svicolo di Saronno è l'antitesi di come di fa un'autostrda: esci e a 200 metri ti trovi un mega semaforo su una statale contornato da attività commerciali, una vera perla di stupidaggini tipicamente itagliota
    Saronno non può riversare i suoi errori sui comuni limitrofi

    Gli svincoli di tutte le autostrade subito dopo l'uscita hanno il casello. Che differenza fa rispetto ad un semaforo?

  8. #8
    l'è na val che se brusa
    Data Registrazione
    09 Apr 2004
    Località
    Sanctum Johannem ad lupum totum
    Messaggi
    6,974
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi pare impossibile che in un paese così lungo e stretto sia impossibile almeno almeno incentivare il traffico via mare.
    comunque fino a quando stanno così le cose la famosa pedemontana veneta mi sembra indispensabile -sia chiaro: parlare di cementificazione mi fa piangere il cuore-, vado spesso in provincia di treviso e giuro che solo in alcune metropoli ho visto traffico come attorno a... castelfranco veneto!

  9. #9
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,680
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da NoNickName Visualizza Messaggio
    Gli svincoli di tutte le autostrade subito dopo l'uscita hanno il casello. Che differenza fa rispetto ad un semaforo?
    a parte che nei paesi urbanisticamente seri e civili, i caselli autostradali no esistono (infatti la mia critica è rivolta anche a loro), ma un semaforo e relativi centri commerciali a 200 mt dall'autostrada è qualcosa di deleterio, demoniaco e perverso ... forse tu non conosci la situazione, ma la corsia di emergenza nei pressi di Saronno è sovente occupata dalla coda in uscita, cosa che non ho mai visto sugli altri svincoli

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Feb 2007
    Messaggi
    392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da NoNickName Visualizza Messaggio
    Il territorio del varesotto in prossimità della prov di Milano non ha alcun pregio nè naturalistico nè storico. Ritengo che uno svincolo dell'autostrada sia più utile che strade di campagna preda di puttane negre e papponi rumeni.


    PEDEMONTANA, UN ALTRO GRANDE INGANNO.
    di Matteo Colaone

    LA DISINTEGRAZIONE DELLA REALTA'. In questi anni Domà Nunch ha denunciato come l'annullamento dei caratteri di cultura e civiltà del nostro popolo sia biunivocamente correlato al peggioramento del paesaggio, alla diminuizione della qualità e quantità degli spazi agricoli e naturali, alla economicizzazione di ogni valore, a partire dal senso della politica fino alla sacralità della terra. Una dinamica, questa, che dagli anni '60 ha accompagnato il ciclo di almeno due generazioni, e che forse ci abbandonerà con l'estinguersi dell'era del petrolio, ciò che inevitabilmente avverrrà fra meno di qualche decennio, lasciando alla nostra progenie il problema di "come continuare" in un mondo dove in un solo secolo si sono sfruttate le principali risorse energetiche e materiali disponibili. Forse non è neanche troppo lontano il tempo in cui i nostri nipoti guarderanno con orrore alle generazioni a noi coeve, con una incapacità di comprensione degli errori commessi simile a quella che noi ora cogliamo nelle genti che 70 anni fa fecero una Guerra Mondiale o che 400 anni prima sterminarono i nativi americani.
    In particolare, per andare al bersaglio del problema, abbiamo già in più occasioni evidenziato il decennale errore (quasi) irreversibile del superamento di ogni limite di sostenibilità nel consumo del suolo a conseguenza di fenomeni speculativi (compravendita a fini di profitto e non di reale necessità) che si sta compiendo in Insubria, erodendo così una delle principali risorse di cui disponiamo: lo spazio. Ma al dolore per la scomparsa fisica dei nostri luoghi si aggiunge un'altra verità paradossale per un paese sedicente moderno: buona parte delle aree agricole e boschive residue perse o in programma di essere cancellate dallo sviluppo oltre i limiti, sono spesso luoghi culturalmente inesplorati, praticamente sconosciuti alla maggior parte della popolazione. Prendiamo per esempio il caso dell'autostrada Pedemontana: il suo tracciato insisterà su molti luoghi "liberi" (*) i quali non solo sono già ufficiosamente declassificati come aree di espansione dell'urbanizzato, ma raramente sono stati curati e valorizzati: insomma, la gente li avrebbe più amati e sarebbe davvero pronta a scendere in piazza per proteggerli, se avesse avuto la possibilità di conoscerne l'esistenza e il valore.
    Anche dal punto di vista scientifico la faccenda ha serie lacune. Ogni giorno scompaiono luoghi che non sono mai stati oggetto di studi - per esempio - circa la composizione faunistica e vegetale, la geologia, le dinamiche dei corsi d'acqua minori... Senza parlare del fatto che ovunque, fuori e dentro i nostri centri abitati, mancano monitoraggi e indagini di carattere archeologico e antropologico relative alle testimonianze dell'uomo nella Storia in quel dato posto: e pensare che nella nostra Insubria basta dare un calcio a un sasso che si trova qualcosa di interessante (ma pochi lo sanno). Ma forse è meglio per l'edilizia, "volano dell'economia", che i cantieri ingoino ogni scomodo ricordo del passato.
    In sintesi, si può dire che la cementificazione estesa della cosiddetta "città continua" padana, oltre a portare la nostra qualità della vita e senso estetico ai paradigmi delle periferie nordafricane, sta cancellando un patrimonio di potenziali conoscenze "ecogeografiche", diremmo noi, che sono un qualcosa di ancora più macroscopico e oggettivo della sensazione di malessere e sradicamento che la nostra "avanguardia" ha già da tempo percepito; e poco serve il lavoro di volontariato lasciato all'iniziativa di pochissimi appassionati e associazioni (come la nostra), che dedicano il proprio tempo ad esplorare gli angoli dimenticati della nostra Terra, cercando di studiarne le dinamiche naturalistiche e storiche, ovvero cercando una parte stessa del nostro essere uomini.

    PROGETTI "PIONIERI". Scendiamo nella politica. Cosa fanno le benemerite istituzioni (quelle che la scuola italiana da "libro Cuore" ci ha insegnato a rispettare e onorare) per salvare il nostro ecosistema (ambientale e culturale)? A parte qualche promozione di facciata, poco o niente. Anzi negli ultimi decenni hanno periodicamente prodotto (o meglio servilmente gestito) dei "progetti volàno" la cui unica impronta è stata quella di sfruttare territorio "inesplorato" per rilanciare i flussi economici, con la pretesa di far piovere benessere e creare occupazione. Piani presentati come d'emergenza, propostii con un ottimo marketing, che in realtà nascondono ambizioni di un ristretto gruppo di grandi industrie e corporazioni. In pratica, con la scusa di fare qualcosa di "eccezionale", si "sbloccano", con leggi e iter speciali, interi blocchi di territorio che altrimenti sarebbero stati sfruttati solo nel giro di decenni, anche tenendo conto del trend attuale.
    E' il caso di Malpensa 2000, con il suo "Piano d'Area" che si è fatto beffe non solo di una "Riserva della Biosfera" targata UNESCO come il Parco del Ticino, ma anche della gente "delocalizzata" che ha dovuto abbandonare le proprie abitazioni, ora sostituite da centri logistici, hotel e svincoli autostradali; e che dire della TAV, che nonostante sia stata occasione di duro scontro fra il popolo e lo stato in Val di Susa, a Novara e a Pero ci è arrivata tranquillamente? Qualcuno da noi si è mai chiesto se può essere un collegamento Lione - Kiev ciò che interessa a chi sta in coda alla mattina per andare al lavoro o meglio vorrebbe un sistema di trasporti locali, meno impattanti e meno costosi? O forse questi progetti servono a qualche privato che incassa milioni di euro muovendo merci in tutto il mondo e stando seduto nel comitato direttivo di una multinazionale? Vi siete mai accorti del casino che è stato fatto alla viabilità locale fra Rho e Magenta? Quanti luoghi sono scomparsi in quella zona?
    Si potrebbe dire lo stesso dell'autostrada Pedemontana, che a tutto serve tranne che a semplificare la vita di chi si muove localmente.
    L'Amministrazione Regionale persegue una campagna stampa, ben recepita dai quotidiani, fatta di immagini tranquilizzanti e soluzioni a portata di mano (l'autostrada "che corre nel verde"), che ormai inizia a fare acqua; se le cose fossero spiegate come stanno, il popolo (quello stufo di stare in coda) chiederebbe un sistema di trasporti pubblici che renda poco attraente l'uso della macchina, un trasporto di merci tramite treno anche localmente, vorrebbe una localizzazione delle industrie pianificata e adeguata, filiere corte, qualità della vita nei paesi e reinsediamento degli abitanti nei centri storici, che ritornino così socialmente vivi ed economicamente indipendenti grazie anche a forme di commercio diffuso.

    La Pedemontana è quindi il penultimo "progetto pioniere" in ordine di tempo (l'ultimo è l'Expo 2015) che apparentemente si giustifica sulla base di un problema diffuso (il traffico), per divenire invece un catalizzatore di nuovo sviluppo edilizio, di aggravato impatto viabilistico, poichè allo stesso tempo favorisce il trasporto su gomma e impone la costruzione di industrie, abitazioni, centri commerciali e logistici proprio al suo fianco. Il tempo di un'autostrada che corre in mezzo al niente non è arrivato e non arriverà mai.

    PREVEDIBILI CONSEGUENZE. Domà Nunch è quindi molto più preoccupato per l'indotto che la Pedemontana produrrà piuttosto che per la strada stessa. Vediamo come mai, sfatando alcune convinzioni diffuse:
    1- la Pedemontana non risolverà il problema del traffico, anzi ne attirerà di nuovo, poichè da sempre le strade sono costruite per portare gente, non per allontanarla da un luogo. L'autostrada produrrà la saturazione completa dello spazio a nord di Milano, nel senso che se fino a ieri a una strada vecchia se ne poteva affiancare un'altra, ora siamo arrivati a coprire le ultime aree libere (e c'è ancora chi crede che il territorio sia una risorsa infinita!)
    2- Porterà di per sè un ulteriore grave impatto sul territorio, senza produrre nessun beneficio in termini di qualità della vita per i suoi abitanti, per quanto concerne gli aspetti viabilistici ed urbanistici, privandoli di diversi accessi che ripartivano in ambito locale i flussi di traffico (es. la superstrada Milano - Meda, che verrà coperta dalla Pedemontana), senza peraltro provvedere ad un potenziamento contestuale del trasporto pubblico.
    3- La Pedemontana porterà nuove costruzioni al suo fianco. Non sarà un'autostrada che corre nel verde. In più, in base a una legge regionale approvata nel maggio di quest'anno, le imprese concessionarie che realizzeranno l'autostrada saranno autorizzate – per recuperare più velocemente gli investimenti – a edificare nelle vicinanze ulteriori costruzioni con aggravio del carico ambientale dovuto ai nuovi residenti e a nuove strutture!
    4- non esiste nessun tipo di legge o indicazione politica affinchè il territorio circostante la Pedemontana sia mantenuto agricolo, boschivo o comunque "verde". Anzi, il progetto parallelo di compensazioni ambientali prosegue molto più lentamente di quello dell'autostrada stessa (chissà come mai), e anche se sarà definito sulla carta, non esiste nessuna certezza che i singoli Comuni lo applicheranno, nè esistono sicurezze che nel giro di qualche anno, cambiata l'amministrazione "illuminata", si possa fare una variante per costruire - che so - un centro commerciale, là dove i predecessori hanno impiantato alberi per compensare la presenza dell'autostrada.
    5- visto che la Pedemontana serve ufficialmente a promuovere lo sviluppo della regione, e che una volta esso avvenuto i nuovi insediamenti richiederanno nuovi servizi, è ancora proponibile questo circolo vizioso che vuole far crescere il numero di abitanti dell'Insubria? Per chi si stanno costruendo case? Oppure il business dell'edilizia è l'unica realtà economica che fa stare in piedi, tramite gli oneri di urbanizzazione, le casse di un'area della penisola che sarebbe di per sè autosufficiente se trattenesse solo una minima parte della tassazione prodotta invece di inviarla allo Stato centrale, che la utilizza peraltro in modo oggettivamente inefficiente? I politici del Nord spacciano la Pedemontana come un grande successo, dove finalmente Roma concede ai settentrionali i finanziamenti per una grande opera. E' evidente che qui non si è capito che quei soldi erano già nostri, e che adesso che li rendono disponibili dobbiamo anche ringraziare. Bravi pirla del Nord, questa volta fregati due volte.
    6- Molti fra i politici, gli amministratori, i progettisti, sanno che la Pedemontana così pensata è un progetto che nasce vecchio, inutile. Solo che non possono dirlo in pubblico: è da fare e basta, poiché è troppo tempo che se ne parla. Il trasporto su gomma é una delle forme meno razionali che siano state inventate e la Pedemontana lo manterrà con ulteriore impiego di territorio agricolo. Gli amministratori comunali sono anch'essi ben consapevoli dei danni che l'autostrada porterà al proprio territorio, ma la vogliono perchè sperano in finanziamenti a pioggia per le opere accessorie (svincoli, rotonde) e per poter sbloccare i terreni e incassare maggiori oneri di urbanizzazione (e farsi rieleggere comunque!)
    7- La Pedemontana attraversa tre Parchi Regionali: Groane, Lambro, Adda Nord, sfiora il Parco della Pineta e taglia tanti altri Parchi Locali d'Interesse Sovraccomunale. Questo la dice tutta su chi ancora crede che una volta fatto un Parco non si possa toccare neanche una robinia.
    8- La Pedemontana si farà, proprio perchè a furia di dire e leggere "non ci sono i soldi" e "tanto non si farà mai", le notizie sono circolate in modo equivoco e non è stata interpellata la popolazione delle comunità su cui l'autostrada insisterà, facendo calare così la soglia di attenzione. Ottima strategia.
    9- La Pedemontana non si farà, perchè all'ultimo minuto coloro che saranno toccati di persona dal progetto (espropri di terreni, vicinanza dell'autostrada alla propria abitazione, proteste ambientaliste, amministrazioni non soddisfatte della contropartita) riusciranno in maniera caotica a rimandare la realizzazione del progetto al momento in cui il costo della benzina sarà così elevato da abbattere il traffico sulle strade.

    UN MODELLO CHE FALLIRA' (E PAGHIAMO ANCORA NOI). Esiste la possibilità di dare occupazione anche evitando i "progetti pionieri" con la messa in cantiere di opere che effettivamente abbattano gli impatti e siano socialmente e ambientalmente sostenibili. Alcuni esempi sono dei piani di recupero (vero, questa volta) di centinaia di migliaia di metri quadri di industria dismessa, di terreni inquinati, di ambienti naturali e agricoli degradati. Un esempio su tutti, l'intera Valle Olona, sul cui fronte la nostra associazione ha da qualche tempo aperto un Osservatorio. Gli architetti e i pianificatori avrebbero il loro bel da fare per qualche decennio se solo fossero iniziati dei piani di deurbanizzazione, anche solo puntuale: la demolizione degli ecomostri della periferia di Milano, e tutto attorno il ripristino di corridoi ecologici, perché la vita della nostra comunità di popolo dipende anche dalla vita di tanti esseri di cui ignoriamo la funzione e la bellezza. Ma ancora, la messa in efficienza energetica di tutta l'edilizia della Regione Lombardia, che è ben lontana dai 70 KWh/ mq anno e che farebbe risparmiare emissioni ben più di 100 Pedemontane. E che dire della difesa e l'incremento di una agricoltura locale e sana, basata sull'installazione di aziende agricole che abbiamo come paradigma la prosecuzione della nostra tradizione affiancandola a mezzi moderni ed efficienti? Progetti come questi, e non è secondario, vincolerebbero già per se stessi ampie porzioni di territorio, che non sarebbero più allettanti per la speculazione edilizia in quanto già redditizi. Di nuovo, la creazione di un sistema di trasporti efficiente: abbiamo smantellato le linee tramviarie che collegavano mezza Regione, ma anche interrato i canali e i Navigli: l'altra grande risorsa dell'Insubria è proprio l'acqua.
    Da ultimo, una riflessione: come è possibile anticipare - senza avere altre mire - soldi per un'autostrada che dovrebbe essere pronta nel 2015 la quale costa 4.115 milioni di euro e che dovrebbe dare un ritorno economico solo con i pedaggi? Nel 2005 si scriveva che con livelli di domanda energetica del 2003 (senza Cina e India in vertiginosa espansione...) la durata del petrolio sarebbe stata di circa 40-45 anni. Nel 2008, col petrolio che sfiora i 150 dollari al barile, è ormai chiaro che fra 5 o 10 anni non sarà più possibile estrarre questa risorsa a prezzi sostenibili. Allora chi avrà i soldi per pagarsi macchina, benzina e pedaggi? Ecco la fine della parabola Pedemontana.

    Ogni abitante porta con sé un certo impatto ambientale che va ad aggiungersi a quello presente già molto superiore a quanto la nostra regione può sopportare ( www.parchivimercatese.it ).

    Unico vero elemento di novità, rispetto al passato, può essere l'approccio del nuovo Presidente Fabio Terragni, quando si fa carico di proporre un coinvolgimento vasto della popolazione dei territori, fatto indubbiamente inconsueto nel panorama italiano, dopo anni di insensibilità. Tuttavia speriamo vivamente che questo approccio non si riveli nel corso del tempo un "contentino" per le Associazioni ambientaliste e per la popolazione interessata.

    (*) Citiamo solo alcuni dei luoghi del patrimonio storico-ambientale insubre che la Pedemontana sconvolgerà o cancellerà per sempre:
    - boschi Baraggioli (Fagnano Olona)
    - campagne residuali di Solbiate Olona
    - coste della Valle Olona fra Solbiate e Gorla Minore
    - Cascina Deserto (Gorla Minore)
    - Boschi del Rugareto e delle Cerrine (Gorla Minore, Mozzate, Cislago)
    - zona agricola della Cascina Montina e di Cascina Restelli (Mozzate - Limido C.)
    - Bosco della Moronera e della Lura (Turate - Rovellasca)
    - Bosco del Battù (Copreno - Lentate s/S)
    - Valle dei Mulini (Meda)
    - zona agricola della Baruccanetta e delle Roggie (Cesano Maderno)
    - zona agricola della Cascina Gaeta e Binzago (Cesano Maderno - Desio)
    - cascina Valera e località Prati (Desio)
    - il Meredo (Seveso - Desio)
    - Bosco delle Querce (Seveso - già area del disastro ICMESA 1976)
    - zona agricola delle Torrette (Macherio)
    - Santa Margherita e Cascina Bini (Lissone),
    - il Boscone (Sovico)
    - zona agricola di Albiate
    - colline di Bernate (Arcore) [http://www.parchivimercatese.it/PedemBernate.htm]
    - campagne di Vimercate, Sulbiate, Mezzago, Cornate d'Adda
    Intersezioni dell'autostrada con le valli dei fiumi / torrenti: Olona, Fontanile di Tradate, Gradaluso, Bozzente, Lura, Seveso, Lambro, Molgora, Adda

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Trasporti]: Strade, autostrade e traffico
    Di Cenerentola82 nel forum Friuli-Venezia Giulia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-08-09, 15:41
  2. Nuove strade non risolvono il problema del traffico
    Di Domà Nunch nel forum ZooPOL
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-10-08, 21:41
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-10-03, 19:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226